Chanting as the Sun Rises: An Intro to Kundalini Mantra

Sei pronto a scoprire lo scopo della tua vita e ad attivare il tuo pieno potenziale? Il Kundalini Yoga è un'antica pratica che ti aiuta a canalizzare una potente energia e trasformare la tua vita. E ora c'è un modo facile e accessibile per imparare a incorporare queste pratiche nella tua pratica e nella tua vita. Il corso online di 6 settimane di Yoga Journal, Kundalini 101: Crea la vita che desideri, ti offre mantra, mudra, meditazioni e kriya che vorrai praticare ogni giorno. Iscriviti ora!

In questo estratto dal suo nuovo libro  Original Light: The Morning Practice of Kundalini Yoga , Snatnam Kaur ti invita a fare del mantra una parte del tuo rituale mattutino, lasciando che l'energia positiva dia il tono alla tua giornata. Inizia qui, usando la sua registrazione audio come guida.

La dolcezza dell'Acquario Sādhanā - la pratica quotidiana del Kundalini Yoga - sta nell'esperienza del canto. Come musicista, ammetto di essere di parte. Mia madre mi dice che da bambino avrei dormito durante l'intera Sādhanā (pratica spirituale), ma quando il canto è iniziato spesso mi sono presentato e mi univo a loro. Ora, da adulto, amo moltissimo ogni aspetto di questa pratica, ma Ho viaggiato più profondamente nel canto.

Fare una doccia fredda e fare yoga ti prepara per un'esperienza di canto felice. Penso che non ci sia quasi modo che la tua energia Kundalini non aumenti! Se sei arrivato fin qui e reciti queste parole, l'energia del tuo sistema dei Chakra e tutti i tuoi dieci corpi saranno presenti e coinvolti. Per questa fase, divertiti, divertiti, divertiti! La musica e l'energia dei canti ti porteranno fuori dalla tua mente quotidiana: questa è la fusione dell'Amante e dell'Amato. È il tuo tempo con Dio. L'energia di ogni canto, l'ordine e il tempo creano una formula sonora curativa. Si percorre un viaggio di risveglio e scoperta di sé dall'inizio alla fine dei canti.

Vedi anche Lascia andare lo stress: una meditazione Kundalini con Sitali Pranayama

La musica è davvero un dono incredibile. Potresti sperimentare, come faccio spesso io, la qualità ipnotica che la musica di supporto porta alla meditazione. Quando inizia il canto, la musica mi aiuta a perdere i miei pensieri ea fondermi in un luogo di meditazione amorevole con l'Uno. Ecco perché ho incluso la Luce del Naam con il CD Long Ek Ong Kar nel mio nuovo libro, Original Light: The Morning Practice of Kundalini Yoga , per supportare la tua pratica. Ti incoraggio a usarlo finché funziona per te. Ti do anche il benvenuto a trovare altri artisti in questa comunità che hanno registrato meravigliosi CD Sādhanā o anche per creare musica tutta tua!

4 suggerimenti per sostenere la tua pratica di canto

Preparati comodamente.

Preparati a sederti per tutta la durata dei canti, assicurandoti di idratare e svuotare la vescica se necessario. Copriti con qualcosa di caldo e assicurati di sederti su qualcosa di comodo che sostenga i fianchi. Siediti in Easy Pose, una posizione seduta a gambe incrociate che incoraggia una colonna vertebrale dritta e consente di sperimentare la calma e la calma meditativa. Allunga delicatamente la parte posteriore del collo e piega leggermente il mento con Neck Lock per stabilire una linea retta dalla base della colonna vertebrale alla sommità della testa. Porta la punta di Giove, o dito indice, alla punta del pollice in Giān Mudra; questo apre le porte all'energia di Giove, che rappresenta l'espansione e il viaggio oltre il conosciuto verso l'ignoto. Una volta che hai imparato i mantra, chiudere gli occhi ti aiuterà a rivolgere le tue energie verso l'interno.Focalizza gli occhi sul punto del terzo occhio per calmare ulteriormente la mente. È particolarmente importante coprire la colonna vertebrale e la testa per questa pratica; incoraggia l'energia Kundalini a salire e crea stabilità all'interno. Questa è la posizione che ci è stata data per il primo canto della mattina chiamato "Long Ek Ong Kār".

Canta con il respiro.

Il canto yogico è una forma particolarmente consapevole di respirazione, o Pranayama. Dopo aver cantato ci sentiamo sollevati perché eleviamo letteralmente la nostra energia. Sperimentare questo, tuttavia, significa che molti fattori devono allinearsi: la Grazia del Divino, la Grazia del Gurū, la Misericordia dell'Amato e - la maggior parte sotto il nostro controllo - il grado in cui ci applichiamo al respiro e al nostro canto. Per sperimentare appieno l'energia edificante del Mantra, dobbiamo impegnare completamente il nostro respiro e allinearci con i suoni sacri. Quando compongo melodie per qualsiasi tipo di canto, cerco di rimanere acutamente consapevole del respiro. Tra una recitazione e l'altra riempiamo i nostri polmoni e questo ci immerge completamente nel nostro essere. È attraverso il respiro che viviamo! Quindi, per goderti davvero l'esperienza del canto, ti incoraggio a fare respiri pieni e profondi mentre canti.Allora puoi veramente sentire la tua voce e innamorartene. Quando la tua stessa voce incarna parole di ispirazione, parole del Divino, diventa l'agente che ti rivela e ti trasforma nel bellissimo essere che sei.

Vedi anche  Chanting 101: 6 cose da sapere se non "prendi" il kirtan

Non preoccuparti dei pensieri che sorgono.

Non preoccuparti dei pensieri che emergono mentre canti; è naturale. Il canto pulisce e cancella il nostro subconscio e il Mantra crea un vortice che tira fuori l'energia del subconscio che non è più utile. Tira fuori il dolore; tira fuori la disperazione; tira fuori la rabbia. Sarai consapevole di alcuni di questi processi nella tua mente cosciente, ma la maggior parte non li percepirai realmente: l'unica indicazione sarà un torrente di pensieri, tutti intesi a un certo livello per impedire che avvenga il lavoro profondo di liberare il subconscio. Perché? Perché ci sentiamo a nostro agio nei modelli energetici abituali; senza di loro, dobbiamo fare il lavoro per cambiare.

Prenditi del tempo per riflettere sugli effetti e sul significato del canto.

Il linguaggio di questo canto deriva dal Gurmukhī (un linguaggio sacro sviluppato in India nel XVI secolo), quindi le parole hanno lo scopo di impartire guarigione e consapevolezza. Ogni parola contribuisce a questa esperienza, che ne conosciamo o meno il significato. Questi canti sono poesie - canti sacri espressivi. Offrono ricche connotazioni, descrizioni vivide e metafore vivaci per la vita. Quindi, per comprendere più a fondo la forma d'arte e sperimentarne l'impatto, diamo un'occhiata al significato di ogni parola - una pratica che mi ha insegnato mia madre, Prabhu Nam Kaur. Le sono molto grato per avermi guidato in questo processo e per avermi aiutato con il significato di molte di queste parole. Ti incoraggio a contemplare ogni parola in uno spazio rilassato e conoscerne i significati a poco a poco; anche un po 'di comprensione sosterrà la tua meditazione.

Vedi anche  13 principali mantra yoga da memorizzare

La Ādī Shaktī: Long Ek Ont Kār

ek ong kār, sat nām sirī, wāhegurū.

Il Creatore e tutta la Creazione sono uno, questa è la nostra vera identità,

l'estasi della saggezza è grande oltre le parole.

Ascolta adesso

La ripartizione per suono

  • ek: l'unica vibrazione dentro tutti noi
  • ong: vibrazione manifestata del Divino; la corrente sonora da cui nasce tutta la Creazione
  • kār: fare, fare; ciò che fa, fa o crea
  • sat: la vibrazione della verità
  • nām: identità; il Nome di Dio che vibra attraverso tutti gli esseri ed è ciò che ci crea; la vibrazione creativa che è dentro; Io sono io sono
  • sirī: fantastico; Dio è grande
  • wāhegurū: estatica è l'esperienza del Gurū, Colui che ci porta dall'oscurità alla luce

Il Kundalini Yoga ha una serie di mantra con otto suoni. Questi creano un ritmo che stimola e nutre ogni Chakra. Questo primo Mantra vibra su tutta la colonna vertebrale, dalla base alla sommità della testa. Praticarlo ci aiuta a iniziare, sperimentare e celebrare la risonanza divina dell'energia Kundalini dentro di noi. Mi sono connesso per la prima volta a questo Mantra da adolescente al campo di yoga nelle montagne panoramiche dell'Arizona. Ogni mattina prima dell'alba, il capo del campo si alzava, saliva in cima al tetto della nostra cabina e cantava questo Mantra a squarciagola per due ore e mezza. Presto il sole avrebbe brillato d'oro e d'argento attraverso la sua barba grigia, ogni nota punteggiata dal movimento del suo ombelico in colpi appassionati. Era così puramente connesso con Dio attraverso questa pratica, e tutti lo sentivano.Non ha mai cercato di ispirare o chiedere direttamente a nessuno di noi di unirsi a lui, ma lo abbiamo fatto felicemente, come api attratte dal profumo di un fiore sacro. Abbiamo cantato insieme a lui, cadendo in uno spazio interiore d'amore che non avrei mai dimenticato. Mentre il sole sorgeva più in alto nel cielo, ricordo di essermi sentito abbondante, pieno e totalmente contento nel mio cuore, avendo tutto ciò che la mia anima ha mai voluto in quei ricchi momenti di unione con il Divino.

Come cantare il mantra

Il Long Ek Ong Kār Mantra viene eseguito con un ciclo di due respiri e mezzo. Fai un lungo respiro profondo e canti "ek ong kār", inspira di nuovo e recita "sat nām, sirī", quindi fai un mezzo respiro e recita "wāhegurū". Non usiamo l'accompagnamento musicale qui, anche se ciò che accade all'interno del corpo è una celebrazione orchestrale totale poiché questo Mantra vibra attraverso la spina dorsale, stimola il sistema dei Chakra e risveglia la Kundalini.

Per l'intera recitazione, applica il Root Lock (o Mūlbandh), tirando il retto, i genitali e il centro dell'ombelico verso l'alto e verso la colonna vertebrale. Puoi anche attivare Neck Lock (Jalandhar Bandh), con il mento leggermente piegato verso l'interno, creando una linea retta dalla base della colonna vertebrale a

la parte superiore della testa. Ora mentre canti "ek", solleva il centro dell'ombelico. Mentre canti "ong", consenti al suono di risuonare nel tuo cranio e alla base del naso. Con "kār", il suono risuona dall'ombelico e dal centro del cuore, generando una sensazione di apertura. Inspira profondamente, quindi su "seduto" tira di nuovo l'ombelico ed espandi "nām", utilizzando la maggior parte del respiro. Alla fine del respiro, canta "sirī" e tira dentro l'Uddiyana Bandh, o Diaphragm Lock. Con "sirī," metti in pausa mentre tiri dentro il diaframma. Inspira brevemente e tira dentro l'ombelico per emettere il suono breve e potente di "wāh", che si addolcisce fino al completamento con "he-gurū". Ogni volta che tiri l'ombelico su "ek", "sat" e "wāh", rendi anche quello un momento per rafforzare il tuo Mūlbandh, tirando dentro il retto, i genitali e l'ombelico. Dopo aver cantato "gurū,"Tirare consapevolmente il Mūlbandh proprio alla fine per concentrare l'energia e prepararsi a ricominciare il ciclo del Mantra.

Vedi anche Meditazione di Gabrielle Bernstein per rendere produttiva la rabbia

Canta l'Acquario Sādhanā Mantra con la Luce del Naam con il CD Long Ek Ong Kar, incluso con Original Light (ci sono 6 canti aggiuntivi dopo Long Ek Ong Kār) quando ti alzi la mattina, prepari la colazione, cammini, corri , vai al lavoro in auto o svolgi una delle tue attività regolari durante la mattinata. Puoi persino creare le tue melodie e cantare senza musica. Incorporando questi canti all'inizio della giornata, infondi a te stesso e al tuo ambiente un'energia positiva.

Adattato da Original Light: The Morning Practice of Kundalini Yoga di Snatam Kaur. Copyright © 2016 di Snatam Kaur Khalsa. Sarà pubblicato nell'aprile 2016 da Sounds True.

Circa l'autore

Snatam Kaur è un'insegnante e musicista nella tradizione del Kundalini Yoga, nota per i suoi numerosi album di kirtan più venduti. Con sede a Wilton, nel New Hampshire, conduce seminari e incontri negli Stati Uniti. Per ulteriori informazioni, visitare snatamkaur.com.

Raccomandato

Sigillo di saluto
I migliori tappetini da cucina anti-fatica
I migliori infusori per tè in acciaio inossidabile