4 principi dello Yin Yoga

1. Trova un vantaggio appropriato

Quando entri in una posa, muoviti lentamente e delicatamente nella forma suggerita, senza un'immagine di quanto lontano dovresti andare. Come dice Sarah Powers, "Non esiste un ideale estetico; non c'è alcun risultato finale che stiamo cercando". Fermati e ascolta il corpo. Attendi il feedback prima di approfondire la postura. Molte persone, soprattutto ballerine e atleti, hanno perso gran parte della loro sensibilità ai segnali del corpo e sono abituate a ignorare quei messaggi. Cerca una quantità adeguata di intensità, un equilibrio tra sensazione e spazio. "È una buona opportunità per creare un rinnovato tipo di innocenza, un ascolto dell'intelligenza del corpo che ti dà un feedback su quando è stato attivato per sentirsi fuori dalla sua zona di comfort", dice Powers. Rilassati nel corpo;scopri ed esplora ogni strato sottile lungo la strada per il tuo profondo luogo di riposo.

Vedi anche Perché provare lo Yin Yoga?

2. Sii calmo

Decidi di non agitarti. Non cercare di aggiustare o cambiare la posa, di intensificarla o di sfuggire alle sensazioni. Cerca consapevolmente di rilasciare (o anche solo di immaginare di rilasciare) nella forma. Ciò ti aiuta a rilassare i muscoli intorno ai tessuti connettivi che stai cercando di influenzare maggiormente. Inoltre, il movimento può causare uno stress pericoloso sul tessuto connettivo, causando lesioni: per sicurezza, tieniti staticamente al limite del tuo raggio di movimento e coinvolgi i muscoli intorno alle aree sensibili o usa oggetti di scena quando necessario.

3. Tenere premuto per un po '

Powers raccomanda tempi di attesa da 1 a 3 minuti per i principianti e fino a 5 minuti o più per i professionisti avanzati. Usa un timer per rilassarti senza guardare l'orologio. Le prese sostanziali allenano la mente a rispondere abilmente alle circostanze difficili. Ti insegnano che non hai bisogno di conforto per sentirti a tuo agio. Invece di contrarre sentimenti e sensazioni, invita lo spazio e respira costantemente.

4. Rilasciare con cura

Nella pratica Yin metti il ​​tuo corpo in lunghe prese con le articolazioni in posizioni vulnerabili - posizioni che potrebbero essere pericolose se ti muovi dentro o fuori da esse rapidamente o in modo aggressivo. Quando esci dalle pose (ad esempio, Libellula), usa le mani per sostenere le gambe e per contrarre leggermente i muscoli che si oppongono alle aperture su cui hai lavorato. Può essere utile fare un contrapposto molto breve e praticato attivamente: dopo aver fatto Saddle (la versione Yin di Supta Virasana), ad esempio, siediti con le gambe dritte e coinvolgi i quadricipiti.

Stai sfidando tessuti molto profondi che il corpo di solito protegge dall'allungamento, perché se vengono allungati improvvisamente, sono facilmente danneggiati. Potresti provare disagio, tremore e instabilità quando esci. Non preoccuparti; queste sensazioni cambieranno.

Raccomandato

Conosci il tuo tipo di stress e come bilanciarlo
Trova lo yoga giusto per te
Astrologia: cosa dice il tuo segno sulla tua dieta + immagine corporea