Anatomia di base per insegnanti di yoga: flessione vs. estensione

Non sei un fanatico dell'anatomia? Scopri perché vale la pena dedicare il tuo tempo come insegnante di yoga a studiare l'anatomia, in particolare le azioni di flessione ed estensione.

È giusto che un insegnante di yoga chieda: "Perché dovrei imparare l'anatomia? Voglio insegnare yoga, non anatomia. Ed è difficile imparare tutti i nomi latini di muscoli e ossa. Sembra un sacco di lavoro senza molte applicazioni pratiche. "

Sebbene questo punto di vista possa essere comprensibile, ci sono molte ragioni che indicano il valore degli insegnanti di yoga che studiano l'anatomia. Quando capisci come si muove un'articolazione in una posa, le tue istruzioni saranno molto più chiare. Sarai in grado di dire correttamente ai tuoi studenti quali parti del loro corpo dovrebbero contrarsi attivamente e quali dovrebbero essere rilassanti. Inoltre, se hai bisogno di parlare con un fornitore di cure mediche, che sia il tuo o quello di uno studente, sarai in grado di comprendere le strutture in discussione. Infine, studiare l'anatomia ti aiuterà a far luce sui tuoi luoghi misteriosi, quelle parti del tuo corpo che sono deboli o ferite o tese, che informeranno il tuo insegnamento con maggiore comprensione e compassione.

Cominciamo osservando due tipi di movimento: flessione ed estensione. Inizieremo definendo i termini di base del movimento nel linguaggio tradizionale dell'anatomia. Da lì possiamo costruire su quella conoscenza mentre scaviamo un po 'più a fondo nel funzionamento del corpo nelle posizioni yoga.

Il piano sagittale

In anatomia e chinesiologia tradizionale (lo studio di come si muove il corpo), descriviamo tutti i movimenti in termini di tre piani cardinali, osservando il corpo in posizione anatomica (completamente eretto con le braccia ai lati e le palme rivolte in avanti). In questa colonna, daremo uno sguardo al piano sagittale, che prende il nome dalla sutura sagittale, la cucitura sulla sommità del cranio che va dalla parte anteriore a quella posteriore. Stando in piedi, potresti immaginare questo piano come una lastra di vetro verticale che entra nella parte anteriore centrale del tuo corpo ed esce dalla parte posteriore. Cioè, va dal naso alla parte posteriore del cranio, dallo sterno alla colonna vertebrale, dall'osso pubico al coccige. Tutti i movimenti che si verificano in o paralleli a questo piano sono indicati come flessione o estensione.

Flessione vs. estensione

Come regola generale (ci sono sempre delle eccezioni!), Quando due ossa si avvicinano l'una all'altra sul piano sagittale, l'articolazione tra di loro si flette; quando le ossa si allontanano, l'articolazione si estende. Possiamo guardare un paio di esempi classici nelle tue gambe quando sei in piedi. Se pieghi entrambe le ginocchia, si stanno flettendo, poiché i femori (femori) e le ossa della parte inferiore della gamba si muovono parallelamente al piano sagittale e si stanno avvicinando. Allo stesso modo, se stai sulla gamba sinistra e porti il ​​ginocchio destro verso il petto, sia l'anca destra che il ginocchio destro si flettono. Sempre in piedi, se sollevi la gamba destra davanti a te, come per calciare una palla, il ginocchio destro è esteso e l'anca destra si flette. Quando ti trovi in ​​posizione eretta, i fianchi e le ginocchia sono in estensione.

Sebbene la flessione e l'estensione di anche, ginocchia, gomiti e dita siano abbastanza semplici, le altre articolazioni devono essere considerate con maggiore attenzione. Quando si abbassa il mento verso il petto in Sarvangasana (posizione sulle spalle), ad esempio, il collo si flette. Puoi vedere che il collo e la testa si muovono sul piano sagittale, ma l'idea che le ossa si muovano insieme è persa. Se ti accasci, con la testa che si muove verso le ginocchia, tutta la colonna vertebrale è flessa. Quando spingi verso l'alto in un piegamento all'indietro, la colonna vertebrale è in estensione. In Setu Bandha Sarvangasana (Bridge Pose), il collo è flesso mentre le spine toraciche e lombari si estendono.

Anche la terminologia relativa a flessione ed estensione per la spalla è impegnativa. Secondo la convenzione anatomica, la tua spalla si flette quando porti il ​​braccio in avanti e in alto sopra la testa. In Adho Mukha Svanasana (cane rivolto verso il basso), Vrksasana (posa dell'albero) e Adho Mukha Vrksasana (verticale), hai bisogno di una flessione completa della spalla di 180 gradi e, se ti manca, queste pose sono molto più impegnative. La tua spalla si estende, d'altra parte, mentre porti il ​​braccio in avanti e in basso dall'alto, e anche mentre continui sulla schiena finché le braccia non raggiungono dietro di te, in pose come Setu Bandha Sarvangasana, Ustrasana (Camel Pose) e Sarvangasana.

Allena la tua comprensione della flessione e dell'estensione semplicemente osservando le persone nelle loro varie posizioni e attività. Siediti in un luogo pubblico per alcuni minuti e osserva come le persone si siedono e stanno in piedi o osservano una lezione di yoga. Identifica le articolazioni che si trovano o si muovono sul piano sagittale e determina se si stanno flettendo o estendendo.

Insegnanti, esplorate il nuovo TeachersPlus. Proteggiti con un'assicurazione di responsabilità civile e costruisci la tua attività con una dozzina di vantaggi preziosi, incluso un profilo insegnante gratuito nel nostro elenco nazionale. Inoltre, trova le risposte a tutte le tue domande sull'insegnamento.

IL NOSTRO ESPERTO

Julie Gudmestad è un'insegnante Iyengar Yoga certificata e fisioterapista abilitata che gestisce uno studio di yoga combinato e una pratica di terapia fisica a Portland, Oregon. Le piace integrare la sua conoscenza medica occidentale con i poteri curativi dello yoga per contribuire a rendere la saggezza dello yoga accessibile a tutti.

Raccomandato

Buzzed: Yoga and Alcohol
Di quale olio essenziale ha bisogno il tuo chakra? Rispondi al nostro quiz!
12 pose per mantenere la calma quest'estate