Il segreto per amare il tuo lavoro: il giusto sostentamento

Trova un approccio più spirituale al tuo lavoro e scoprirai un nuovo significato nella tua vita.

La maggior parte di noi trascorre più della metà delle ore di veglia al lavoro e il nostro lavoro influenza profondamente ogni altro aspetto della nostra vita: il tempo che trascorriamo con la famiglia e gli amici, la sicurezza materiale e le comodità di cui godiamo, l'istruzione che possiamo fornire ai nostri i bambini, i luoghi in cui viaggiamo, le persone che conosciamo. In effetti, molti di noi prendono così seriamente la nostra carriera che ci identifichiamo in base a ciò che facciamo al lavoro.

Anche se consideriamo il nostro lavoro così importante, numerosi studi hanno dimostrato che milioni di americani sperimentano un certo grado di insoddisfazione sul lavoro. Infatti, a giudicare dalla popolarità di libri come Toxic Success, Zen and the Art of Making a Living e The Soul of Business, la nostra cultura sembra essere preoccupata della qualità e del significato del lavoro di questi tempi. Mentre le aziende continuano a ridimensionarsi mentre aumentano le richieste dei loro dipendenti, sempre più persone affrontano una miscela stressante di pressioni sulle scadenze e insicurezza del lavoro che mina il loro godimento del lavoro e li lascia chiedersi se debbano cercare un modo più soddisfacente per trascorrere le loro giornate .

Non importa quali siano le tue circostanze, potresti scoprire che il tuo lavoro non è del tutto all'altezza delle tue aspettative, tanto meno dei tuoi sogni. Forse non riesci a coinvolgere i tuoi talenti creativi o i tuoi impulsi altruistici, oppure trovi i tuoi colleghi aggressivi e ostili. O forse semplicemente non ti piace il tuo lavoro e non sei sicuro del perché. Anche se sei un imprenditore, determini il tuo lavoro e stabilisci le tue ore, forse vorresti avere più potere per fare la differenza nel mondo.

Se pratichi yoga o meditazione, potresti anche desiderare di applicare i principi che impari sul materassino e sul cuscino per guadagnarti da vivere. Questo desiderio può portarti a porre domande difficili: come puoi guadagnare abbastanza soldi e impegnarti in un lavoro che ti piace senza sacrificare la tua tranquillità, la salute oi valori spirituali? Come puoi contribuire con i tuoi talenti e doni unici al progresso del pianeta senza danneggiare l'ambiente o danneggiare gli altri? Si può essere nel mondo ma non di esso, evitando di partecipare al ciclo infinito di velocità e avidità che sempre più contraddistingue la nostra cultura?

Se hai riflettuto su queste domande, stai esplorando ciò che è diventato noto come "giusto sostentamento". Sebbene il termine derivi dalla tradizione buddista, il giusto sostentamento si è evoluto per riferirsi in modo più ampio a qualsiasi lavoro significativo e appagante che dia un contributo positivo al mondo ed esprima un intento compassionevole o sacro. Per alcune persone, il giusto sostentamento assume la forma di una carriera dedicata al cambiamento sociale, a pratiche commerciali etiche e alla sostenibilità ambientale. Per altri, emerge come un lavoro creativo e innovativo che esprime direttamente le loro aspirazioni, passioni e talenti più profondi. Per molti di noi, potrebbe semplicemente comportare il fare quello che possiamo, nei lavori che abbiamo attualmente, per aumentare la riserva collettiva del mondo di pace, amore, felicità e benessere materiale.

Qualunque sia la forma che assume la nostra pratica del giusto sostentamento, la maggior parte di noi concorda sul fatto che si tratta di un processo o di una traiettoria piuttosto che di una destinazione, definita tanto dal nostro atteggiamento e intenzione quanto dalle attività effettive in cui ci impegniamo.

Vedi anche  Be Your Own Life Coach: 7 tecniche per vivere i tuoi sogni

Si può salvare questo lavoro?

Jennifer era una direttrice delle vendite di 32 anni e presto vicepresidente di un'azienda farmaceutica quando ha affrontato molte delle questioni che sono alla base del giusto sostentamento. Jennifer aveva rimandato la ricerca di un compagno di vita e l'avere figli finché non avesse ottenuto il successo materiale che le era stato insegnato che meritava. Ora che era proprietaria della sua casa in periferia e guadagnava un reddito a sei cifre, ha cercato il mio aiuto in consulenza perché si è trovata a fare alcune domande difficili e inquietanti. (Il suo nome e alcuni dettagli sono stati modificati per rispettare la sua privacy.)

Jennifer ha decisamente apprezzato il suo lavoro: il contatto con i clienti, i rapporti con il suo capo e i colleghi, i viaggi frequenti. Ma mentre persegue la sua passione per lo yoga e inizia a esplorare uno stile di vita sano e spirituale, ha trovato motivo di chiedersi se la sua compagnia stesse facendo più male che bene. Il suo coinvolgimento con la guarigione alternativa l'aveva portata a chiedersi se i benefici dei farmaci per i quali era stata pagata con entusiasmo approvassero davvero i rischi. E le ripetute rivelazioni di notizie di illeciti aziendali nell'industria farmaceutica l'hanno spinta a sfidare l'etica delle politiche della sua stessa azienda, compreso il marketing aggressivo che ha tentato di vendere farmaci a persone che potrebbero non averne nemmeno bisogno.

Jennifer era in imbarazzo. Dopo quasi un decennio trascorso a costruire la sua carriera, aveva iniziato a dubitare dei principi e delle pratiche fondamentali del settore in cui lavorava. E mentre faceva il punto della sua vita, si rese conto che essere una responsabile delle vendite le dava scarse opportunità di esprimere i suoi lati più creativi e spirituali. "Cosa dovrei fare ora?" continuava a chiedere. "Devo lasciare il mio lavoro e perseguire una linea di lavoro completamente diversa? O dovrei restare dove sono, fare il lavoro interiore necessario per portare un atteggiamento diverso al lavoro che già faccio ed esprimere la mia creatività altrove?"

Se trovi familiare il dilemma di Jennifer, non sei solo. Naturalmente, le risposte che troverai dipendono dalle circostanze della tua vita e dall'approccio al giusto sostentamento che risuona di più con te. Negli ultimi anni, tre punti di vista principali su ciò che costituisce un lavoro sacro e significativo hanno guadagnato popolarità diffusa. Primo, gli insegnanti di buddismo ci ingiungono di non fare del male e, se possibile, di fare del bene agli altri. In secondo luogo, gli autori di best-seller di libri sulla crescita personale, che possono far risalire il loro lignaggio intellettuale alla tradizione cristiana di "trovare la tua chiamata", ci incoraggiano a "fare ciò che amiamo" e confidano che l'universo ci sosterrà nei nostri sforzi. E terzo, ci sono molte tradizioni religiose che insegnano che possiamo trasformare qualsiasi attività in lavoro sacro grazie al potere della nostra presenza, devozione e intenzione.

A quanto pare, Jennifer ha risolto il suo dilemma attingendo a ciascuno di questi approcci diversi ma compatibili. Dopo aver ammesso che non poteva continuare a lavorare per una compagnia farmaceutica ma non era disposta a rinunciare alle sue comodità materiali, è passata a una nuova carriera come agente di mutuo in un sobborgo di lusso. Sebbene questa nuova carriera non fosse in accordo con alcuni dei più alti principi spirituali di Jennifer, alleviò la sua coscienza turbata e le consentì di dare un contributo significativo alla vita delle persone, liberando tempo per lei per perseguire il suo crescente interesse per lo yoga.

Come Jennifer, ognuno di noi deve trovare il proprio giusto sostentamento seguendo il proprio cuore mentre affronta la realtà delle proprie situazioni uniche. In questa ricerca, esaminare i tre principali approcci al giusto sostentamento può aiutarci a chiarire un percorso personale verso una vita lavorativa che rifletta meglio i nostri valori più profondi e il nostro senso di scopo.

Come insegnato dal Buddha e dai suoi seguaci, il concetto di base del giusto sostentamento è semplice: non fare del male. "Se non maltrattate o sfruttate le persone o l'ambiente e non aumentate l'avidità, l'odio e l'illusione, state praticando il giusto sostentamento", spiega Anna Douglas, insegnante fondatrice dello Spirit Rock Insight Meditation Center di Woodacre, California .

Claude Whitmyer, praticante di lunga data della mindfulness, consulente organizzativo ed editore del libro Mindfulness and Meaningful Work(Parallax, 1994), aggiunge che il giusto sostentamento deve coinvolgere anche gli altri sette aspetti del nobile ottuplice sentiero: retta parola, retta azione, retto sforzo, retta consapevolezza, retta concentrazione, rette visioni e retta intenzione. In altre parole, il lavoro che può veramente supportare il nostro sviluppo spirituale deve permetterci di seguire le linee guida etiche di base, come dire la verità e astenerci dall'uccidere e dal rubare. Inoltre, tale lavoro dovrebbe essere svolto consapevolmente, derivare dalla compassione e dalla pace coltivate attraverso la contemplazione e riconoscere l'insegnamento buddista fondamentale dell'interconnessione di tutti gli esseri. Questo è un compito piuttosto impegnativo per la maggior parte di noi, che potrebbe avere difficoltà solo per pagare le bollette.

Ma queste linee guida fondamentali hanno molto da offrire ai buddisti occidentali, ai praticanti di yoga e ad altri in cerca di un atteggiamento più socialmente consapevole e basato sulla spiritualità nei confronti del lavoro e della carriera. In particolare, l'insegnamento dell'interconnessione essenziale di tutti gli esseri, che implica che ogni azione che intraprendiamo ha conseguenze incalcolabili, è stato interpretato nel senso che il giusto sostentamento deve essere profondamente in sintonia con le risorse a cui attingiamo e l'impatto che abbiamo sulle altre persone. e l'ambiente. Se gli esseri umani vogliono sopravvivere su questo pianeta oltre le prossime generazioni, indica l'insegnamento, dobbiamo vivere in modo sostenibile, cioè in modo tale da reintegrare ciò che usiamo e restituire quanto prendiamo. Come dice la tradizione dei nativi americani, dobbiamo essere consapevoli degli effetti delle nostre azioni sulle prossime sette generazioni.

Vedi anche  Yoga Sutra 1.1: The Power of Now

Cosa farebbe il Buddha?

Ma il giusto sostentamento informato da una sensibilità così raffinata risulta spesso più facile da immaginare che da attuare, come hanno scoperto Patrick Clark e Linsi Deyo. Buddisti di lunga data, la coppia pensava di aver trovato una soluzione perfetta per il giusto sostentamento quando hanno fondato Carolina Morning Designs, un'azienda che produce e vende cuscini per la meditazione. Ma l'idealismo spirituale della coppia e la loro avversione per la competitività del mercato hanno inizialmente impedito loro di impegnarsi nelle pratiche commerciali necessarie per produrre e promuovere con successo il loro zafu. "All'inizio eravamo ingenui e idealisti", ammette Clark. "La nostra sopravvivenza dipendeva dall'acquisizione di nuovi clienti, ma non volevamo competere con altre società che cercavano di fare del bene".

Allo stesso tempo, hanno dovuto affrontare scelte difficili che hanno messo in discussione il loro impegno per la sostenibilità ambientale. "Il cotone è una delle colture più dannose in termini di impoverimento dell'ambiente e utilizzo del maggior numero di erbicidi e pesticidi", afferma Clark. "Ma la maggior parte delle persone, anche i meditatori, non sono disposte a pagare il costo aggiuntivo per uno zafu biologico. Abbiamo dovuto cambiare il nostro atteggiamento e imparare a convivere con le realtà economiche. È una compassione idiota credere di poter evitare completamente di fare danni. E anche i buddisti devono soddisfare i loro bisogni primari ".

Come hanno rapidamente imparato Clark e Deyo, praticare il giusto sostentamento nel più puro senso buddhista può essere difficile, forse impossibile, data la straordinaria complessità della nostra economia politica. All'epoca in cui il Buddha stava sviluppando i suoi insegnamenti, molti dei suoi discepoli erano monaci e monache che dipendevano dall'elemosina. E poiché molti seguaci laici allevavano il proprio cibo e si confezionavano i propri vestiti, potevano per lo più evitare di fare del male, perché erano in grado di osservare direttamente le conseguenze delle loro azioni. Oggi, tuttavia, ogni atto ha innumerevoli ramificazioni nascoste. "Il problema", dice Whitmyer, "è che ogni occupazione ci impone di fare a volte cose che compromettono i nostri valori spirituali, ad esempio, utilizzando risorse naturali non rinnovabili o non dicendo tutta la verità. Possiamo solo fare del nostro meglio date le circostanze a portata di mano . "

L'insegnante buddista e attivista sociale Joanna Macy, coautrice di World As Lover, World As Self(Parallax, 1991), concorda. "Il giusto sostentamento è molto più complesso ora di quanto non fosse ai tempi del Buddha, perché ci troviamo in rapporti economici ed ecologici che sono semplicemente insostenibili a lungo termine", spiega. "Nella misura in cui partecipiamo a queste relazioni, inevitabilmente causiamo danni in qualche modo attraverso il nostro lavoro". Ciò non significa che dobbiamo rinunciare ai nostri sforzi, ma spesso significa che potremmo dover adattare il nostro idealismo e le nostre aspettative. "In un mondo così imperfetto", dice Macy, "il massimo che possiamo avvicinarci al giusto sostentamento potrebbe essere quello di mantenere la giusta intenzione e fare del nostro meglio. In questo senso, il giusto sostentamento potrebbe semplicemente significare tenere gli occhi e le orecchie aperti alle fonti usi e gli effetti di ciò che fai, rispondendo il più possibile a ciò che impari. "In altre parole, forse il meglio che possiamo gestire è un sostentamento "abbastanza buono".

Vedi anche  Trova il tuo scopo: Shraddha + Dharma

Trovare la tua chiamata

Anche se parole d'ordine come interdipendenza e sostenibilitàfare appello al nostro senso di responsabilità sociale ed etica, non sono la motivazione principale per tutti coloro che desiderano il giusto sostentamento. Molti di noi sono più interessati a trovare un lavoro che illumini i nostri cuori, accenda le nostre passioni e faccia scorrere i nostri succhi giorno dopo giorno. Stufo di un faticoso lavoro da 9 a 5 (o da 8 a 7), siamo alla ricerca di una carriera che dia espressione ai nostri interessi, talenti e sogni più profondi: il "lavoro dell'anima" creativo che dia senso alla nostra vita e scopo. Mentre ci inchiniamo rispettosamente all'ingiunzione buddista di non causare danni, potremmo essere più in sintonia con mantra come "Segui la tua beatitudine" di Joseph Campbell, "Scegli un percorso che abbia cuore per te" di Carlos Castaneda e "Fai ciò che ami" di Marsha Sinetar, i soldi seguiranno. "

"Ognuno è un essere unico su questa terra con doni unici da condividere", dice Michael Toms, coautore con sua moglie, Justine Wills Toms, di True Work (Bell Tower, 1998). "Nella misura in cui contribuiamo con i nostri doni, l'universo ci sostiene. Trovare il nostro vero lavoro implica seguire la nostra voce interiore, ascoltare la chiamata spirituale e vivere le nostre passioni".

Toms ne sa qualcosa: è il presidente fondatore della New Dimensions Broadcasting Network, una fondazione senza scopo di lucro che produce un programma radiofonico settimanale sulla trasformazione personale e sociale. "È importante dare la priorità alle nostre passioni", dice. "Se non riusciamo a farlo nel nostro lavoro, possiamo iniziare fuori dal luogo di lavoro, e gradualmente crescerà. A volte una passione porta ad attività produttive di reddito, a volte no. Spesso può essere necessario sovvenzionare la tua passione, poiché noi ha fatto per anni con New Dimensions ".

"Un lavoro significativo implica portare i propri talenti e doni unici al compito di servire il mondo", concorda la consulente di carriera Sue Frederick, che insegna al Naropa Institute di Boulder, in Colorado. "Il modo più rapido per mettere le persone in contatto con questo tipo di lavoro è incoraggiarle a condividere i loro sogni, i sogni segreti nei loro cuori. Le persone si accendono quando parlano del lavoro che è o sarebbe significativo per loro".

Sotto l'approccio ottimista al giusto sostentamento che i Toms e Frederick sposano c'è la fiducia che le nostre passioni, interessi e spinte più profonde ci guidano naturalmente a dare un contributo unico che fa cantare i nostri cuori e porta benefici anche agli altri. O, in altre parole, l'allineamento profondo con i nostri impulsi creativi individuali ci porta ad allinearci con i bisogni del tutto.

Ma l'approccio "segui la tua beatitudine" solleva alcune questioni spinose. Non è uno sviluppatore immobiliare che distrugge habitat sensibili all'ambiente per costruire nuovi campi da golf e costosi complessi condominiali seguendo le sue passioni? Osama bin Laden non ascolta il richiamo della sua voce interiore quando organizza e lancia attacchi terroristici? Come possiamo sapere, in altre parole, se la nostra chiamata più profonda gioverà veramente agli altri? Non abbiamo bisogno di altre linee guida, come gli yama (restrizioni) e i niyama (osservanze prescritte) dello yoga, i precetti etici del buddismo o le ingiunzioni dei Dieci Comandamenti?

"L'approccio" fai ciò che ami e il denaro seguirà "può essere basato sull'ignoranza", dice Macy. "Il lavoro che amiamo e il denaro che guadagniamo possono avere fonti e conseguenze piuttosto nefaste. Puoi essere una persona cosciente e risvegliata al servizio di un sistema inconscio. A meno che tu non sia in sintonia con le conseguenze di ciò che fai, non lo sei praticare il giusto sostentamento, non importa quanto ami il lavoro ".

Whitmyer concorda sul fatto che il modello "segui la tua felicità" di giusto sostentamento richiede un'attenta calibrazione. "Fai quello che ami e il denaro sarà da seguire se si sta facendo la cosa giusta", dice. "Ma è necessario esplorare" amore "e" giusto "in grande profondità per comprendere appieno questo detto. L'esplorazione inizia al centro del tuo essere, con uno sforzo consapevole per migliorare la tua salute mentale, emotiva e fisica. coltivare un livello di consapevolezza che ti permetta di notare le tue emozioni e diventare meno reattivo, e hai bisogno di uscire con persone che sono altrettanto coscienti e consapevoli.

"La sfida nell'approccio" fai ciò che ami "è accedere a un livello più profondo dell'essere, oltre l'ego", continua. "Quando cadiamo al centro del nostro essere e lasciamo riposare l'ego, ciò che vogliamo veramente è identico a ciò che vogliamo. Ma a meno che non lo facciamo, l'ego è al comando".

Vedi anche  4 Step-Practice di Elena Brower per definire il tuo sogno 

Vuoi quello che hai

Il terzo affluente principale nelle idee contemporanee sul giusto sostentamento è quello che scorre contro la nostra cultura principale del materialismo e dell'individualismo. Nel clima sociale ossessionato dalla crescita del nostro paese, tendiamo a promuovere una visione forse unica degli Stati Uniti: che ognuno di noi non solo ha la capacità e l'opportunità, ma anche l'obbligo di fare e diventare qualunque cosa ci poniamo. Dimentichiamo che potremmo avere un controllo limitato sulle nostre traiettorie di carriera a causa dei vincoli di denaro, risorse, energia, salute, supporto familiare e stato sociale. Invece, ci viene insegnato a credere che dovremmo essere i padroni del nostro destino e siamo incoraggiati a sentirci in colpa, irrequieti, inadeguati e insoddisfatti se non riusciamo a essere all'altezza delle nostre aspettative più ambiziose.

Al contrario, la cultura indiana che ha dato origine agli insegnamenti di saggezza del buddismo e dello yoga ha generalmente abbracciato l'idea che ogni persona è destinata a svolgere un ruolo particolare, o dharma, nella vita. Da questo punto di vista, il nostro lavoro non è massimizzare il nostro potenziale o cercare un lavoro che sia personalmente appagante, ma creare il giusto sostentamento dal lavoro che ci è già stato dato, dedicandoci ad esso, consapevolmente e con tutto il cuore, per il bene di Dio e il bene superiore.

Come ha insegnato il Buddha, il segreto della felicità è desiderare ciò che già abbiamo invece di desiderare ciò che non abbiamo. In linea con questo insegnamento, qualsiasi approccio veramente dharmico al giusto sostentamento ci aiuterà a trovare pace e realizzazione in qualunque situazione lavorativa ci troviamo di fronte. In effetti, la letteratura buddista è piena di storie di persone che hanno usato il potere delle loro intenzioni per rendere sacro il loro lavoro come macellai, spazzini, prostitute, taverne e altre occupazioni apparentemente indesiderabili, e persino sgradevoli.

Forse l'espressione più esaltata di questo approccio tradizionale al giusto sostentamento ci viene dalla Bhagavad Gita, una delle scritture fondamentali dell'induismo e una Bibbia per la pratica sia del karma yoga (servizio disinteressato) che del bhakti yoga (yoga devozionale). Nella Gita, il Signore Krishna, un avatar del dio Vishnu, espone l'idea che solo l'azione compiuta come adorazione del Divino, senza alcun attaccamento ai risultati, porta adempimento duraturo.

Rispondendo ad Arjuna, un guerriero che si tormenta sull'opportunità di adempiere al suo dovere anche se questo significa che finirà per uccidere i suoi stessi parenti, Krishna insegna che "coloro che svolgono il loro dovere senza preoccuparsi dei risultati sono i veri yogi, non quelli che astenersi dall'azione. La retta azione richiede che si rinunci alla propria volontà egoistica e si agisca senza attaccamento a oggetti o azioni ".

Naturalmente, la maggior parte di noi di questi tempi ha molta più mobilità sociale e scelta rispetto agli uomini e alle donne dell'antica India, e quindi abbiamo più libertà di considerare le nostre preoccupazioni etiche e le passioni personali mentre cerchiamo il giusto sostentamento. Ma tutti noi possiamo trarre vantaggio da un approccio al lavoro che incorpori i consigli di Krishna.

Il sentiero dell'azione disinteressata consigliato da Krishna può trasformare qualsiasi attività in pratica spirituale; serve come modello per un approccio veramente yogico al giusto sostentamento. Quando vediamo il nostro lavoro come un'opportunità per smettere di aggrapparci a un senso personale di ciò di cui abbiamo bisogno, desideriamo o meritiamo - abbandonando le nostre idee limitate su ciò che deve essere fatto al mistero del Divino mentre si dispiega - stiamo coltivando il atteggiamento che i mistici cristiani descrivono come "Non la mia volontà ma la tua sia fatta, o Signore".

Per coloro che sono impegnati a trovare una realizzazione duratura tra le molte esigenze del lavoro e della carriera, forse solo una resa così sincera alla fine sarà sufficiente.

In ultima analisi, ciò che rende "giusto" il nostro sostentamento potrebbe non essere la natura del lavoro o le conseguenze delle nostre azioni - sebbene questi fattori abbiano certamente una certa importanza - ma le qualità del cuore e della mente che vi portiamo. Quando siamo gioiosamente immersi nelle nostre fatiche - tutt'uno con il flusso del momento, cercando di essere utili ma non attaccati al risultato - la separazione tra interno ed esterno, sé e altro, lavoro e gioco si dissolve, e anche il più difficile , un lavoro sgradevole diventa un lavoro sacro.

Vedi anche  Crea una vita che ami

A PROPOSITO DI STEPHAN BODIAN

L'ex redattore capo di YJ Stephan Bodian è un insegnante Zen, psicoterapeuta autorizzato e consulente spirituale. È autore di diversi libri, tra cui Meditation for Dummies e Buddhism for Dummies (con Jon Landaw). Visita www.stephanbodian.org per ulteriori informazioni.

Raccomandato

Sfida delle 7 leggi spirituali dello yoga di Deepak Chopra: giorno 1
Muore il co-fondatore del Chopra Center
6 apri anca profondi da provare al posto della posa del piccione