Come entrare nel tuo potere femminile con la saggezza delle Dakini

Quando avevo undici anni, l'ultimo giorno di scuola corsi a casa e mi strappai il vestito, facendo letteralmente schioccare i bottoni, sentendomi allo stesso tempo colpevole e liberato. Ho indossato un vecchio paio di pantaloncini di jeans strappati, una maglietta bianca e scarpe da ginnastica blu Keds e sono corso con mia sorella nei boschi dietro la nostra vecchia casa coloniale del New Hampshire. Andammo a giocare nel ruscello che gorgogliava giù per la ripida collina sopra le rocce muschiose, attraverso i sempreverdi e gli alberi decidui, l'acqua colorata di un ricco rosso-marrone dai tannini delle foglie degli aceri. Giocavamo e prendevamo con le mani dei pesci ventosa lunghi un piede, e poi li mettevamo a posto perché non volevamo ucciderli.

A volte nuotavamo nudi di notte con gli amici nella nostra casa estiva nel lago alimentato in primavera a 15 miglia di distanza, circondato da pini, betulle, abeti rossi e aceri. Mi piaceva la sensazione dell'acqua che mi accarezzava la pelle come velluto, con la luna che si rifletteva nello specchio del lago. Mia sorella e la mia amica Joanie e io salivamo sui nostri pony senza sella e li spingevamo a entrare nel lago finché non si muovevano su e giù con l'acqua che scorreva sulle nostre cosce e giù per la schiena dei cavalli; stavano nuotando con noi mentre ridevamo, aggrappati alle loro schiene.

Quando soffiavano violenti temporali estivi, invece di restare nella vecchia casa di legno correvo e ballavo fuori sotto la pioggia e il tuono, spaventando mia madre. Mi piaceva mangiare con le dita, rosicchiando ossa di costolette di maiale e ingurgitando grandi bicchieri di latte, in fretta per tornare fuori. Mi piaceva rosicchiare le ossa. Mia madre scuoteva la testa, dicendo disperata: "Oh, tesoro, per favore, mangia con la forchetta! Cieli vivi, sto allevando un barbaro! "

Vedi anche  Questa esercitazione domestica in 7 pose sfrutta il potere del tatto

Barbaro, ho pensato, suona alla grande! Ho immaginato donne con i capelli lunghi che scorrevano dietro di loro, mentre correvano con i loro cavalli su vaste pianure. Ho visto albe striate in mattine frizzanti senza scuola, ossa da rosicchiare. Questa natura selvaggia era così tanto una parte di me; Non avrei mai potuto immaginare di vivere una vita che non lo permettesse.

Ma allora ero una moglie e una madre che cresceva due giovani figlie, e quel giovane barbaro selvaggio sembrava lontanissimo. Paul e io eravamo sposati da tre anni quando abbiamo deciso di trasferirci da Vashon Island a Boulder, in Colorado, e unirci alla comunità di Trungpa Rinpoche. È stato meraviglioso essere in una comunità grande e attiva con tanti giovani genitori. Tuttavia, la tensione dei primi anni, la nostra inesperienza e la nostra crescita individuale ci hanno portato a decidere di separarci e collaborare come co-genitori.

Nel 1978 ero madre single da diversi anni quando incontrai un regista italiano, Costanzo Allione, che stava dirigendo un film sui poeti Beat della Naropa University. Mi ha intervistato perché ero l'istruttore di meditazione di Allen Ginsberg, e Allen, che avevo conosciuto quando ero suora nel 1972, mi ha presentato a Costanzo. Nella primavera del 1979 ci siamo sposati a Boulder mentre lui stava finendo il suo film, che si chiamava Fried Shoes Cooked Diamonds , e subito dopo ci siamo trasferiti in Italia. Sono rimasta incinta quell'estate mentre vivevamo in una roulotte in un campeggio italiano sull'oceano vicino a Roma, e quell'autunno ci siamo trasferiti in una villa estiva piena di spifferi sui Colli Albani vicino alla città di Velletri.

Quando ero incinta di sei mesi, la mia pancia misurava le dimensioni di una donna incinta di nove mesi, così hanno fatto un'ecografia e hanno scoperto che ero incinta di due gemelli. A questo punto sapevo che mio marito era un tossicodipendente e infedele. Non sapevo parlare la lingua madre e mi sentivo completamente isolato. Nel marzo del 1980 ho dato alla luce due gemelli, Chiara e Costanzo; erano un po 'in anticipo, ma ciascuno pesava più di cinque libbre. Mi sono piegato ad allattare due bambini, prendermi cura delle mie altre due figlie e affrontare la dipendenza di mio marito, sbalzi d'umore irregolari e abusi fisici, che sono iniziati durante la gravidanza quando ha iniziato a colpirmi.

I miei sentimenti di sopraffazione e ansia aumentavano ogni giorno, e cominciai a chiedermi come la mia vita di madre e di donna occidentale fosse realmente collegata alla mia spiritualità buddista. Come erano andate le cose in questo modo? Come avevo perso quella ragazza selvaggia e indipendente e lasciato la mia vita da suora, finendo in Italia con un marito violento? Sembrava che scegliendo di spogliarmi, avessi perso la mia strada e me stesso.

Poi due mesi dopo, il 1 giugno 1980, mi svegliai da una notte di sonno interrotto e inciampai nella stanza dove dormivano Chiara e suo fratello Costanzo. Prima l'ho allattato perché piangeva, poi mi sono rivolto a lei. Sembrava molto tranquilla. Quando l'ho presa in braccio, ho capito subito: si sentiva rigida e leggera. Ho ricordato la sensazione simile della mia infanzia, raccogliendo il mio piccolo gattino color marmellata che era stato investito da un'auto e strisciato sotto un cespuglio per morire. Intorno alla bocca e al naso di Chiara c'erano lividi viola dove il sangue si era raccolto; aveva gli occhi chiusi, ma i suoi bei capelli color ambra erano gli stessi e aveva ancora un odore dolce. Il suo corpo minuscolo era lì, ma non c'era più. Chiara era morta a causa della sindrome della morte improvvisa del neonato.

Vedi anche  Alleviare l'ansia con una semplice pratica di 30 secondi

Lo spirito Dakini

Dopo la morte di Chiara è arrivata quella che posso solo chiamare una discesa. Ero pieno di confusione, perdita e dolore. Spinto da emozioni crude e intense, sentivo più che mai di aver disperatamente bisogno di una guida femminile. Avevo bisogno di rivolgermi da qualche parte: alle storie delle donne, alle donne insegnanti, a tutto ciò che mi avrebbe guidato come madre, vivendo questa vita di maternità - per collegarmi alla mia esperienza di donna e di seria praticante buddista sul sentiero. Avevo bisogno delle storie delle dakini, delle fiere messaggere di saggezza nel buddismo tibetano. Ma davvero non sapevo a chi rivolgermi. Ho esaminato tutti i tipi di risorse, ma non sono riuscito a trovare le mie risposte.

Ad un certo punto della mia ricerca, la realizzazione mi è venuta: devo trovarli da solo. Devo trovare le loro storie. Avevo bisogno di ricercare le storie di vita delle donne buddiste del passato e vedere se potevo scoprire qualche filo, qualche chiave che aiutasse a sbloccare le risposte sulle dakini e guidarmi attraverso questo passaggio. Se potessi trovare le dakini, troverei i miei modelli spirituali - potrei vedere come hanno fatto. Potevo vedere come facevano i collegamenti tra madre, moglie e donna. . . come hanno integrato la spiritualità con le sfide della vita quotidiana.

Circa un anno dopo, ero in California a fare un ritiro con la mia insegnante, Namkhai Norbu Rinpoche, che insegnava una pratica chiamata Chöd che prevedeva l'invocazione della presenza di una delle grandi maestre del buddismo tibetano, Machig Labdrön. E in questa pratica c'è un'invocazione, in cui la visualizzi come una giovane dakini bianca danzante di 16 anni. Quindi stavo facendo questa pratica con lui, e per qualche motivo quella notte ha continuato a ripeterla. Dobbiamo averlo fatto per diverse ore. Poi, durante la sezione della pratica in cui abbiamo invocato Machig Labdrön, improvvisamente ho avuto la visione di un'altra forma femminile che emergeva dall'oscurità.

Vedi anche  10 migliori ritiri di yoga per sole donne in tutto il mondo

Quello che ho visto dietro di lei era un cimitero da cui stava emergendo. Era vecchia, con seni lunghi e pendenti che aveva nutrito molti bambini; pelle dorata; e capelli grigi che scorrevano. Mi stava fissando intensamente, come un invito e una sfida. Allo stesso tempo, c'era un'incredibile compassione nei suoi occhi. Sono rimasto scioccato perché questa donna non era quello che avrei dovuto vedere. Eppure lei era lì, avvicinandosi molto vicino a me, i suoi lunghi capelli sciolti, e mi guardava così intensamente. Alla fine, alla fine di questa pratica, sono andato dal mio insegnante e ho detto: "Machig Labdrön appare mai in altre forme?"

Mi ha guardato e ha detto: "Sì". Non ha detto altro.

Quella notte andai a letto e feci un sogno in cui cercavo di tornare a Swayambhu Hill in Nepal, dove avevo vissuto come suora, e provavo un incredibile senso di urgenza. Dovevo tornare lì e non era chiaro il motivo; allo stesso tempo, c'erano tutti i tipi di ostacoli. Era in corso una guerra e ho lottato attraverso molte barriere per raggiungere finalmente la collina, ma il sogno non si è realizzato. Mi sono svegliato ancora non sapendo perché stavo cercando di tornare.

La notte successiva ho fatto lo stesso sogno. Era leggermente diverso e la serie di ostacoli era cambiata, ma l'urgenza di tornare a Swayambhu era altrettanto forte. Poi la terza notte ho fatto di nuovo lo stesso sogno. È davvero insolito fare lo stesso sogno ancora e ancora e ancora, e finalmente ho capito che i sogni stavano cercando di dirmi che dovevo tornare a Swayambhu; mi stavano mandando un messaggio. Ho parlato con il mio insegnante dei sogni e ho chiesto: "Sembra che forse dovrei davvero andarci?"

Ci pensò su per un po '; ancora una volta, ha semplicemente risposto: "Sì".

Ho deciso di tornare in Nepal, a Swayambhu, per trovare le storie di donne insegnanti. Ci sono voluti diversi mesi di pianificazione e organizzazione, una parte fondamentale è stata cercare le biografie delle grandi insegnanti buddiste femminili. Userei il viaggio per tornare alla fonte e trovare quelle storie di yogini e modelli di ruolo di cui avevo così disperatamente bisogno. Sono andato da solo, lasciando i miei figli alle cure di mio marito e dei suoi genitori. È stata una decisione emotiva e difficile, poiché non ero mai stata lontana dai miei figli, ma c'era una profonda chiamata dentro di me che dovevo onorare e fidarmi.

Vedi anche 7 cose che ho imparato sulle donne facendo yoga

Tornato in Nepal, mi ritrovai a salire la stessa scala, un gradino dopo l'altro, sulla collina di Swayambhu, che avevo scalato per la prima volta nel 1967. Adesso era il 1982 ed ero madre di tre figli. Quando sono emerso in cima, un mio caro amico era lì ad accogliermi, Gyalwa, un monaco che conoscevo dalla mia prima visita. Era come se mi stesse aspettando. Gli ho detto che stavo cercando le storie delle donne e lui ha detto: “Oh, le storie di vita delle dakini. Va bene, torna tra qualche giorno. "

E così ho fatto. Quando sono tornato, sono andato nella sua stanza nel seminterrato del monastero, e aveva un enorme libro tibetano davanti a lui, che era la storia della vita di Machig Labdrön, che aveva fondato lo studio Chöd ed era emerso come una selvaggia dakini dai capelli grigi nella mia visione in California. Ciò che ne è derivato è stata la ricerca e alla fine la nascita del mio libro Women of Wisdom , che racconta la mia storia e fornisce la traduzione di sei biografie di insegnanti tibetani che erano l'incarnazione di grandi dakini. Il libro era il mio legame con le dakini e mi ha anche mostrato, dalla straordinaria risposta ricevuta dal libro, che c'era un vero bisogno, un desiderio, delle storie di grandi insegnanti donne. Era una bellissima affermazione della necessità del sacro femminile.

Uscendo dall'oscurità

Durante il processo di scrittura di Women of Wisdom, ho dovuto fare ricerche sulla storia del femminile nel buddismo. Quello che ho scoperto è stato che per i primi mille anni nel buddismo c'erano poche rappresentazioni del sacro femminile, anche se c'erano donne nel sangha buddista (comunità) come suore e devoti laici capofamiglia, e la moglie del Buddha e la matrigna che lo allevò. aveva uno status piuttosto elevato. Ma non c'erano buddha femminili né principi femminili, e certamente nessuna dakini. Fu solo quando i tradizionali insegnamenti buddhisti Mahayana si unirono agli insegnamenti tantrici e si svilupparono in Vajrayana o Buddismo tantrico nell'ottavo secolo, che iniziammo a vedere il femminile emergere con un ruolo più ampio.

Vedi anche  Tantra Rising

Prima di continuare, voglio distinguere qui tra neo-tantra e buddismo tantrico più tradizionale. La maggior parte delle persone in questi giorni che vedono la parola Tantra pensa al neo-Tantra, che si è sviluppato in Occidente come una forma di sessualità sacra derivata, ma deviando in modo significativo dal tradizionale buddista o indù Tantra. Il Neo-Tantra offre una visione della sessualità che contrasta con l'atteggiamento repressivo nei confronti della sessualità come non spirituale e profana.

Il Tantra Buddista, noto anche come Vajrayana (Veicolo Indistruttibile), è molto più complesso del neo-Tantra ed è incorporato nella meditazione, nello yoga della divinità e nei mandala: è uno yoga con un'enfasi sulla necessità di un maestro spirituale e di trasmissione. Userò le parole Tantra e Vajrayana in modo intercambiabile in tutto questo libro. Il tantra utilizza l'atto creativo della visualizzazione, del suono e dei gesti delle mani (mudra) per coinvolgere tutto il nostro essere nel processo di meditazione. È una pratica di completo impegno e incarnazione di tutto il nostro essere. E all'interno del tantra buddista, spesso la sessualità è usata come meta-phor per l'unione di saggezza e mezzi abili. Sebbene esistano metodi di pratica sessuale, il Tantra buddista è un percorso spirituale ricco e complesso con una lunga storia,mentre il neo-tantra è un'estrazione dalle pratiche sessuali tantriche tradizionali con alcune aggiunte che non hanno nulla a che fare con esso. Quindi qui quando dico Tantra o Vajrayana, non mi riferisco al neo-Tantra ma al tradizionale Tantra buddista.

Il buddismo tantrico sorse in India durante l'Impero Pala, i cui re governarono l'India principalmente tra l'ottavo e l'undicesimo secolo. Ricorda che il buddismo esisteva già da più di mille anni in questo periodo, quindi Vajrayana è stato uno sviluppo tardo nella storia del buddismo. L'unione del buddismo e del tantra era considerata per molti versi il gioiello della corona del periodo Pala.

Sebbene le origini del tantra buddista siano ancora dibattute dagli studiosi, sembra che sia derivato da antichissime radici pre-ariane rappresentate nello shaktismo e nel saivismo combinate con il buddismo mahayana. Anche se c'è ancora un dibattito accademico sulle origini del Vajrayana, i tibetani dicono che è stato praticato e insegnato dal Buddha. Se guardiamo al periodo Pala, troviamo una situazione in cui i monaci buddisti vanno avanti da più di mille anni e sono diventati molto intellettualmente astuti, sviluppando varie scuole di filosofia sofisticata, università buddiste e un'intera cultura connessa al Buddismo che è molto forte e vivo. Ma a questo punto i monaci si sono anche occupati di politica e hanno iniziato a possedere terre e animali ea ricevere gioielli e altre ricchezze in dono da ricchi mecenati.Sono anche diventati piuttosto isolati dalla comunità laica, vivendo una sorta di esistenza elitaria, intellettuale e piuttosto esclusiva.

La rivoluzione tantrica - ed è stata una rivoluzione nel senso che è stata una svolta importante - ha avuto luogo in quel contesto. Quando gli insegnamenti tantrici si unirono al buddismo, vediamo l'ingresso della comunità laica, persone che lavoravano nel mondo di tutti i giorni, facevano lavori ordinari e crescevano figli. Potrebbero provenire da qualsiasi estrazione sociale: gioiellieri, agricoltori, negozianti, reali, calzolai, fabbri, raccoglitori di legno, solo per citarne alcuni. Hanno lavorato in vari tipi di occupazioni, comprese le casalinghe. Non erano monaci che si erano isolati dalla vita mondana e la loro pratica spirituale rifletteva le loro esperienze. Ci sono molti primi racconti, chiamati Storie Siddha, di persone che vivevano e lavoravano in situazioni ordinarie e che trasformando le loro esperienze di vita in una pratica spirituale raggiunsero l'illuminazione.

Vedi anche  Pratica di respirazione tantrica per unire Shiva e Shakti e raggiungere l'Unità

Ci sono anche alcune storie di praticanti e insegnanti illuminate del Buddismo primitivo. Vediamo uno sbocciare di donne guru, e anche la presenza di donne Buddha e, naturalmente, le dakini. In molte storie, queste donne insegnavano ai monaci intellettuali in modo molto diretto e succoso unendo spiritualità e sessualità; insegnavano basandosi sull'uso, piuttosto che sulla rinuncia, dei sensi. I loro insegnamenti hanno portato i monaci eruditi fuori dal monastero nella vita reale con tutta la sua crudezza, motivo per cui molte delle storie tantriche iniziano con un monaco in un'università monastica che riceve la visita di una donna che lo caccia alla ricerca di qualcosa al di là le mura monastiche.

Il buddismo tantrico ha un genere di letteratura chiamato "lode delle donne", in cui le virtù delle donne sono esaltate. Dal Candamaharosana Tantra : “Quando si parla delle virtù delle donne, esse superano quelle di tutti gli esseri viventi. Ovunque si trovi tenerezza o protezione, è nella mente delle donne. Forniscono sostentamento ad amici e sconosciuti allo stesso modo. Una donna così è gloriosa come la stessa Vajrayogini. "

Non ci sono precedenti per questo nella letteratura buddista, ma nei testi tantrici buddisti gli scritti sollecitano il rispetto per le donne e sono presenti storie sui risultati negativi del mancato riconoscimento delle qualità spirituali delle donne. E infatti, nel tantra buddista, la quattordicesima radice della caduta è il fallimento nel riconoscere tutte le donne come l'incarnazione della saggezza.

Nel periodo tantrico, ci fu un movimento che aboliva le barriere alla partecipazione delle donne e al progresso sul sentiero spirituale, offrendo un'alternativa vitale alle università monastiche e alle tradizioni ascetiche. In questo movimento, si trovano donne di tutte le caste, da regine e principesse a emarginate, artigiani, produttori di vino, pastori di suini, cortigiane e casalinghe.

Per noi oggi, questo è importante poiché stiamo cercando modelli femminili di spiritualità che integrino e rafforzino le donne, perché la maggior parte di noi non perseguirà una vita monastica, eppure molte di noi hanno profondi desideri spirituali. In precedenza escluse dall'insegnamento agli uomini o dal possesso di posizioni di leadership, le donne - per le quali si chiedeva persino se potevano raggiungere l'illuminazione - ora stavano facendo la pioniera, insegnando e assumendo ruoli di leadership, dando forma e ispirando un movimento rivoluzionario. Non c'erano barriere istituzionali che impedissero alle donne di eccellere in questa tradizione. Non c'erano leggi religiose o caste sacerdotali che definissero la loro partecipazione.

Vedi anche  Tap the Power of Tantra: A Sequence for Self-Trust

Simboli Dakini

Un'altra parte importante della pratica tantrica è l'uso di simboli che circondano e sono tenuti dalle divinità. Il primo e probabilmente più comunemente associato simbolo della dakini è quello che viene chiamato il trigug in tibetano, il kartariin sanscrito e in inglese, "il coltello a uncino". Questo è un coltello a forma di mezzaluna con un gancio all'estremità della lama e un manico decorato con simboli diversi. È modellato dal coltello da macellaio indiano e talvolta chiamato "chopper". Il gancio all'estremità della lama è chiamato "gancio della compassione". È il gancio che tira gli esseri senzienti fuori dall'oceano della sofferenza. La lama taglia l'attaccamento a se stesso e la divisione dualistica nella grande beatitudine. Il filo tagliente del coltello è rappresentativo della qualità tagliente della saggezza, la saggezza che taglia l'autoinganno. Per me è un potente simbolo del saggio femminile, perché trovo che spesso le donne tendono a resistere troppo a lungo ea non tagliare ciò che deve essere tagliato. Potremmo aggrapparci a relazioni malsane,invece di porre fine a ciò che deve essere concluso. Il coltello a uncino è tenuto nella mano destra sollevata della dakini; deve afferrare questo potere ed essere pronta a colpire. La lama ha la forma della falce di luna e l'ora del mese associata alla dakini è dieci giorni dopo la luna piena, quando la luna calante appare come una mezzaluna all'alba; questo è il venticinquesimo giorno del ciclo lunare ed è chiamato Dakini Day nel calendario tibetano. Quando esco presto in quei giorni ed è ancora buio, guardo in alto e vedo la luna crescente; mi ricorda sempre il coltello della dakini.quando la luna calante appare come una mezzaluna all'alba; questo è il venticinquesimo giorno del ciclo lunare ed è chiamato Dakini Day nel calendario tibetano. Quando esco presto in quei giorni ed è ancora buio, guardo in alto e vedo la luna crescente; mi ricorda sempre il coltello della dakini.quando la luna calante appare come una mezzaluna all'alba; questo è il venticinquesimo giorno del ciclo lunare ed è chiamato Dakini Day nel calendario tibetano. Quando esco presto in quei giorni ed è ancora buio, alzo lo sguardo e vedo la luna crescente; mi ricorda sempre il coltello della dakini.

L'altra cosa delle dakini è che ballano. Quindi questa è un'espressione quando tutti i movimenti del corpo diventano l'espressione della mente illuminata. Tutte le attività esprimono il risveglio. La danza è anche un'espressione di estasi interiore. La dakini ha la gamba destra sollevata e la gamba sinistra estesa. La gamba destra sollevata simboleggia la verità assoluta. La gamba sinistra estesa poggia a terra, a simboleggiare la verità relativa, la verità sull'essere nel mondo, la verità convenzionale. È anche nuda, quindi cosa significa? Simboleggia la nuda consapevolezza: la verità disadorna, libera dall'inganno. E lei è in piedi su un cadavere, che simboleggia che ha superato l'attaccamento a se stesso; il cadavere rappresenta l'ego. Ha vinto il proprio ego.

La dakini indossa anche gioielli in osso, raccolti dalle ossa dell'ossario e intagliati in ornamenti: indossa cavigliere, una cintura come un grembiule intorno alla vita, collane, bracciali e braccialetti. Ognuno di questi ha vari significati, ma il significato essenziale di tutti gli ornamenti in ossa è quello di ricordarci la rinuncia e l'impermanenza. Sta andando oltre le convenzioni; la paura della morte è diventata un ornamento da indossare. Pensiamo ai gioielli come oro o argento o qualcosa di carino, ma lei ha preso ciò che è considerato ripugnante e lo ha trasformato in un ornamento. Questa è la trasformazione dei modelli ostruiti in saggezza, prendendo ciò che temiamo ed esprimendolo come un ornamento.

Vedi anche  Decodificare il sutra 2.16: prevenire la manifestazione del dolore futuro

Le dakini tendono a spingerci attraverso i blocchi. Appaiono durante momenti difficili e cruciali in cui potremmo essere ostacolati nella nostra vita; forse non sappiamo cosa fare dopo e siamo in transizione. Forse è sorto un ostacolo e non riusciamo a capire come aggirare o superare, allora le dakini ci guideranno. Se in qualche modo siamo bloccati, le dakini appariranno e apriranno la strada, spingendoci attraverso; a volte l'energia deve essere potente, ed è allora che appare la manifestazione irata di una dakini. Un altro aspetto importante dell'energia femminile della dakini è il modo in cui tagliano le nozioni di puro e impuro, pulito e impuro, cosa dovresti fare e cosa non dovresti fare; rompono il guscio di quelle strutture convenzionali in un abbraccio di tutta la vita in cui ogni esperienza è vista come sacra.

Praticando il buddismo tibetano più profondamente, mi sono reso conto che le dakini sono le energie femminili non addomesticate - spirituali ed erotiche, estatiche e sagge, giocose e profonde, feroci e pacifiche - che sono al di là della comprensione della mente concettuale. C'è un posto in cui tutto il nostro essere femminile, in tutte le sue forme, può essere presente.

Circa l'autore

Lama Tsultrim Allione è il fondatore e insegnante residente di Tara Mandala, un centro di ritiri situato fuori Pagosa Springs, in Colorado. È l'autrice di best seller di Women of Wisdom e Feeding Your Demons. Riconosciuta in Tibet come la reincarnazione di una rinomata yogini tibetana dell'XI secolo, è oggi una delle poche donne lama al mondo. Scopri di più su taramandala.org.

Tratto da Wisdom Rising: Journey into the Mandala of the Empowered Feminine di Lama Tsultrim Allione. Enliven Books, maggio 2018. Ristampato con autorizzazione.

Raccomandato

Piegamento in avanti dalla testa al ginocchio
13 ritiri di yoga che puoi effettivamente permetterti nel 2018
8 passaggi per padroneggiare e perfezionare la posa dell'albero