Rifugio curativo

A volte il primo sentore che qualcosa non va arriva quando sei solo. A volte arriva quando il numero del tuo medico appare sul tuo cellulare pochi giorni dopo una mammografia.

La prima cosa che senti è la paura, quell'improvviso lampo di terrore che ti travolge, troppo velocemente perché tu possa nominarlo. Poi ti rendi conto che quello che temi ha un nome molto familiare: cancro al seno. Conosci le donne che l'hanno avuta, molte sono sopravvissute, altre no. E sai che se il nodulo non ancora identificato nel tuo seno si rivela canceroso, potresti dover affrontare mesi di trattamenti debilitanti. È probabile che perderai l'appetito, la tua energia, i tuoi capelli e forse anche il tuo senso del tuo corpo come un luogo sicuro e completo in cui risiedere il tuo spirito.

In un momento del genere, iniziare una pratica yoga potrebbe sembrare improbabile.

Ma è esattamente quello che ha fatto Debra Campagna, ex dirigente dell'ospedale di Hartford, nel Connecticut. Il giorno di San Valentino del 2000, i suoi medici le dissero che il nodulo che aveva trovato nel seno sinistro una settimana prima era davvero un cancro. In effetti, era un tumore grande e in rapida crescita, quindi avrebbe avuto bisogno degli strumenti più potenti nell'arsenale medico occidentale: chemioterapia, radioterapia e chirurgia.

Campagna, che all'epoca aveva 50 anni, era abituata ad allenarsi nella sua palestra cinque volte a settimana. Sapeva che non sarebbe stata in grado di continuare così. "Ho visto un volantino per un insegnante di Kundalini che offre sessioni private di yoga", dice. "Mi sono iscritto." Non aveva esperienza di yoga, ma sperava di trovare la pratica abbastanza delicata da continuare durante il trattamento. In effetti, ha potuto lavorare con l'insegnante una volta alla settimana per l'anno successivo.

Prima di iniziare la chemioterapia, Campagna ha subito due interventi chirurgici: il primo per rimuovere il nodulo e i diversi linfonodi in cui si era diffuso il tumore maligno, e il secondo per rimuovere le cellule tumorali vaganti che il primo intervento aveva mancato. Quindi, a partire da aprile, ha subito otto cicli di chemioterapia. Ha avuto anche 30 trattamenti con radiazioni. Lungo la strada ha dovuto fare i conti con scansioni TC e PET, biopsie e innumerevoli altri test, consultazioni e farmaci.

"E 'stato molto spaventoso", dice Campagna. "Ti chiedi, ovviamente: sopravviverò a tutto questo?"

Ora, otto anni dopo, Campagna è libera dal cancro. E mentre dà riconoscenza a ciò che chiama il suo "fantastico" team di medici per il ruolo svolto nel suo recupero, crede profondamente che lo yoga sia stato un elemento essenziale per la sua guarigione.

"Sono convinta che lo yoga abbia fatto la differenza nel mio trattamento", dice. "La respirazione era la cosa che tornava sempre per me, tenendo a bada la paura e il panico. Sono stato in una macchina di scansione PET per un'ora. Stai semplicemente sdraiato e pensi pensieri terribili. Ho trovato il mio respiro. Questo è stato il più prezioso cosa."

Un numero crescente di donne colte nella paura, nel dolore e nell'incertezza di una diagnosi di cancro al seno si rivolgono allo yoga per facilitare la loro strada da percorrere. Alcuni ne sentono parlare attraverso il passaparola; altri sono incoraggiati dai loro medici a cercare la pratica. Queste donne, e i ricercatori che stanno studiando come lo yoga possa essere utile, stanno scoprendo che l'antica disciplina può lenire, confortare e aiutarle a sentirsi di nuovo complete.

"Gli studi suggeriscono che fare yoga durante il trattamento del cancro al seno aiuta a superarlo con meno effetti collaterali", afferma il dott. Timothy McCall, redattore medico di Yoga Journal e autore di Yoga as Medicine. "Spesso i medici devono interrompere la chemio o abbassare le dosi a livelli che potrebbero non essere altrettanto efficaci perché le persone non tollerano gli effetti collaterali. Ma lo yoga sembra diminuire tutti i tipi di effetti collaterali".

Essere in grado di rianimare delicatamente la loro energia è particolarmente importante per i malati di cancro, perché la fatica è l'effetto collaterale più comune sia del cancro che del suo trattamento. "Lo yoga può fare un'enorme differenza nel livello di affaticamento di una persona", afferma McCall. L'anno scorso, i ricercatori della Duke University hanno pubblicato uno studio che mostra che un programma di yoga di otto settimane incentrato su posture delicate, meditazione e respirazione ha ridotto significativamente l'affaticamento e il dolore nelle donne gravemente malate di cancro al seno metastatico. Altre ricerche hanno dimostrato che lo yoga può alleviare la nausea, la depressione e l'ansia che spesso accompagnano il trattamento.

Appello speciale per i malati di cancro al seno

Lo yoga avvantaggia anche le persone con altri tipi di cancro. Ma i malati di cancro al seno sembrano particolarmente attratti da questo. La ragione di ciò potrebbe essere che, come gruppo, sostengono i servizi di ricerca e supporto più di quanto facciano le persone con altri tumori, spingendo i ricercatori a trovare finanziamenti per gli studi. Una volta che questi studi dimostrano i benefici dello yoga, è più probabile che i medici lo raccomandino. Inoltre, le pazienti affette da cancro al seno vengono spesso diagnosticate prima nel corso della malattia - quando sono più forti e generalmente più sane - rispetto alle persone con, ad esempio, cancro alle ovaie o ai polmoni. Ciò significa che spesso è più facile per le donne con cancro al seno in stadio I fare una pratica forte di quanto potrebbe essere per le persone con altri tipi di cancro.

Ma lo yoga che i malati di cancro al seno sono in grado di fare potrebbe non essere quello che vedresti in una tipica lezione di asana. Ciò che è più appropriato è un approccio gentile che combina pose modificate con meditazione e Pranayama (tecniche di respirazione). A volte le donne hanno la fortuna di trovare una classe creata appositamente per le persone con cancro. Oppure potrebbero venire a conoscenza di un corso tenuto da qualcuno specializzato in terapia yoga. Qualunque sia l'ambiente, la cosa più importante per i pazienti è sentirsi a proprio agio e andare al proprio ritmo.

"Dico sempre agli studenti di verificare la propria esperienza", dice Jnani Chapman, infermiera, massaggiatore e insegnante di yoga presso l'Osher Center for Integrative Medicine dell'Università della California, San Francisco. Chapman (che ha progettato la sequenza degli asana qui descritta) insegna yoga ai malati di cancro da più di 20 anni. Dice: "Dovrebbe sentirsi bene. Dovresti sentirti energico e rilassato dopo, non esausto". L'insegnante principale di Chapman, Swami Satchidananda, il fondatore di Integral Yoga, ha sottolineato che ci sono molti percorsi verso il luogo della pace e dell'interezza interiore. "Per alcuni, potrebbe essere hatha, il perfezionamento del corpo fisico", dice. "Per alcuni potrebbe essere meditazione." Chapman mira a introdurre i pazienti a varie esperienze mente-corpo che possono facilitare la guarigione.

Le sue lezioni si tengono in una stanza del centro medico con moquette (più comoda di una con pavimenti nudi) e i partecipanti usano materassini imbottiti più spessi del solito per una maggiore facilità. In una tipica lezione di 90 minuti, Chapman inizierà con 10 minuti di check-in, in cui i partecipanti fanno sapere agli altri come stanno. Quindi la classe passa a quella che lei chiama "pratica del testimone", una sorta di meditazione corporea, in cui ogni persona entra dentro, osservando le sensazioni nel corpo. Seguono circa 35 minuti di asana, con molte pose fatte sulle sedie in modo che tutti, non importa quanto malati, siano in grado di partecipare. Il resto della lezione è dedicato al rilassamento profondo, alle pratiche di respirazione e ad una breve meditazione.

Supporto per il Sé Divino

I gruppi, dice Chapman, diventano una comunità intenzionale di anime che la pensano allo stesso modo, sostenendosi a vicenda. "Le persone che si occupano di cancro sono state 'specimenizzate', dice." Quando hai perso parti del corpo e la medicina occidentale ti tratta come una cosa, non una persona, devi reclamare il tuo senso di sé ".

Robin Hall, un'insegnante di yoga di San Francisco che ora ha 56 anni e sta modellando le pose su queste pagine, è venuta a una sessione di terapia di massaggio condotta da Chapman dopo che la radioterapia per il cancro al seno le aveva bruciato la pelle da una parte del busto. "Mi sentivo un mostro", dice. Le lezioni di Chapman sono diventate un luogo in cui poteva piangere, sentirsi al sicuro e condividere le sue esperienze con altre persone. "La cosa più grande che ho imparato è che ciò che siamo dentro non cambia", dice. "Sia che perdiamo un seno, o due, o che non possiamo alzare le braccia sopra la testa, quell'essenza divina non cambia".

Usare lo yoga per accedere a un senso di benessere non deve accadere in una classe con gli altri. Per Leila Sadat, 48 anni, di St. Louis, lo yoga è diventato un'ancora di salvezza mentre è rimasta sola nel suo letto per settimane. Le è stato diagnosticato un cancro al seno nel 2006 quando era incinta di 19 settimane, Sadat ha appreso di avere un tumore positivo agli estrogeni in stadio III che si nutriva degli ormoni della gravidanza e cresceva rapidamente. Aveva praticato yoga per più di un decennio e aveva seguito alcuni corsi di formazione per insegnanti con Rod Stryker, fondatore di ParaYoga. Ma dopo aver ricevuto la sua diagnosi, ha sperimentato lo yoga in un modo completamente nuovo.

"Sapevo che lo yoga era più di un semplice asana fisico", dice, "ma fino a quando il mio corpo non poteva più muoversi come una volta, non l'ho mai apprezzato appieno". Fortunatamente, Sadat era abbastanza avanti nella sua gravidanza che era sicuro per lei sottoporsi a chemioterapia. Ma a luglio ha iniziato ad avere contrazioni gravi (forse innescate da farmaci chemioterapici) ed è stata messa a riposo parziale a letto fino alla nascita del bambino.

"Non potevo fare una breve passeggiata o altro", dice Sadat. "Non potevo fare molto di più che sdraiarmi sul fianco sinistro. Il movimento del mio respiro mi ha impedito di impazzire."

Una bambina sana, Emily, è nata con taglio cesareo quel settembre. Sadat ha allattato sua figlia per una settimana prima di riprendere la chemioterapia. Nel dicembre del 2006 ha subito una mastectomia. Dopo l'intervento, ha iniziato a usare asana per aiutare il suo recupero fisico, anche se all'inizio non poteva muoversi molto.

Durante la sua malattia e le sue conseguenze, Sadat ha tratto forza da un'immagine che le è venuta durante una lezione di yoga riparatrice, subito dopo la sua diagnosi. "Ero immersa nello Yoga Nidra [sonno yogico]", dice. "Ho avuto una bellissima visione di essere in un giardino e cadere in una piscina, essere purificato e uscirne guarito. Mi sentivo molto rassicurato che stavo per stare bene".

Avere un modo per connettersi a un forte senso di pace interiore può persino aiutare le persone a guarire, dice McCall. "Ci sono alcune prove che lo yoga rafforza il tuo sistema immunitario, forse abbassando il cortisolo", dice. L'ormone cortisolo viene rilasciato quando sperimentiamo stress e quando è elevato a lungo termine, può interferire con la funzione immunitaria, spiega McCall. "Se ritieni che il tuo lavoro sia curare il cancro e monitorarlo 24 ore al giorno, i tuoi ormoni dello stress saranno sempre elevati, il che potrebbe minare la tua sopravvivenza". I trattamenti contro il cancro spesso indeboliscono il sistema immunitario, quindi è particolarmente importante per le persone con cancro mantenere la loro immunità il più forte possibile; questo può aiutarli a combattere il cancro stesso e tenere a bada altre malattie ".

Accettazione crescente

Da quando Jnani Chapman ha iniziato a insegnare yoga ai malati di cancro, ha visto la pratica guadagnare gradualmente credibilità nel mondo medico: "Ci sono molti piccoli ospedali che organizzano lezioni di yoga per i malati di cancro. Ora c'è più accettazione".

Nella città di Boise, Idaho, ad esempio, il St. Luke's Regional Medical Center offre yoga ai suoi malati di cancro da 10 anni. Il seme è stato piantato quando Debra Mulnick, un'infermiera e insegnante di yoga, ha iniziato a dare lezioni ai dipendenti nel 1998. "Un'infermiera che è venuta a quel programma era un'infermiera di oncologia e sopravvissuta al cancro", dice Mulnick. "Era la prima volta che si sentiva veramente a suo agio nel suo corpo. Ha deciso che le sarebbe piaciuto vederlo diventare disponibile per i pazienti".

Così lei e Mulnick hanno sviluppato un programma. "È stato istituito e accettato perché ero un'infermiera", dice Mulnick. "La gente mi conosceva." Ha anche portato lo yoga ai medici dell'ospedale che non lo conoscevano. "Un comitato di oncologi stava cercando di decidere se farlo", dice. "Così ho tenuto un corso di restauro. Penso che questo abbia concluso l'affare."

Sue Robinson, 61 anni, manager di una società di telecomunicazioni a Boise, ha iniziato a frequentare il corso al St. Luke's poco dopo che le è stato diagnosticato un cancro al seno all'inizio del 2007. "Non ho mai fatto nulla che sembrasse così semplice ma l'ho fatto molti vantaggi ", dice. "Vorrei mettermi in contatto con tutto ciò che è qui e ora. I benefici sono durati per giorni".

Carenza di insegnanti

Tuttavia, lo yoga è ben lungi dall'essere una parte standard delle terapie offerte alle donne a cui è stata recentemente diagnosticata. Uno dei motivi, dice Julia Rowland, direttrice dell'Office of Cancer Survivorship presso il National Cancer Institute, è che non ci sono abbastanza insegnanti di yoga formati per lavorare con i malati di cancro.

Chapman sta facendo il possibile per cambiare la situazione. Ogni anno conduce il programma di formazione per insegnanti di una settimana Adapting Yoga for People with Cancer presso il Satchidananda Ashram in Virginia. E l'Urban Zen Initiative della designer Donna Karan sta formando terapisti dello yoga integrativo per usare yoga, meditazione, tocco curativo e aromaterapia con i malati di cancro al Beth Israel Medical Center di New York City.

Rowland suggerisce che, poiché sempre più pazienti sperimentano lo yoga, devono assicurarsi che i loro medici sappiano quanto l'hanno trovato utile. "Un modo in cui ho visto i programmi accettati è quando i pazienti vengono dai loro medici e dicono:" 'Lo yoga è la cosa migliore che ho fatto per me stessa e mi ha aiutato in questi modi' ", dice.

Debra Campagna è d'accordo. Sa in prima persona che lo yoga può essere trasformativo nell'aiutare le donne a superare il cancro al seno. La lezione di Kundalini a cui si è rivolta come sostituto della palestra è stato il primo passo di un viaggio che le ha cambiato la vita. "Mi sono interessata così tanto a qualcosa di più delle sole posture", dice. "Ho imparato a guardare ogni cosa nella mia vita in modo diverso".

Quando ha iniziato lo yoga, Campagna era molto motivata. A poco a poco, man mano che lo yoga l'ha aiutata a superare i rigori del suo trattamento, è diventato più facile per lei lasciarsi andare e ricevere. "Ero più rilassata e meno spaventata", dice. "Più accettazione."

Dopo essere tornata al lavoro, ha iniziato a condividere ciò che aveva imparato dalle sue lezioni di yoga con il personale dell'ospedale. Quindi ha deciso di iscriversi alla formazione per insegnanti presso il Kripalu Center for Yoga and Health a Stockbridge, Massachusetts, nel 2003.

"Ricordo un giorno in piedi a Kripalu nella nebbia con una tazza di tè caldo, guardando verso il lago e pensando tra me e me, 'posso cambiare tutta la mia vita'", dice Campagna. "Da quel momento ho iniziato a pensare non solo di aggiungere l'essere un insegnante di yoga a una vita lavorativa già piena, ma di rendere più profonda quella trasformazione, di avere la forma dello yoga che ero a tutti i livelli".

Oggi lavora ancora per gli ospedali, facendo raccolta fondi e marketing, ma solo 15 ore a settimana. Trascorre il resto del suo tempo lavorando come terapista yoga, con persone che stanno affrontando vari tipi di sfide mediche. Insegna una classe per donne malate di cancro, un'altra per persone che soffrono di dolore cronico.

Quello che Campagna e i suoi studenti continuano a scoprire insieme, dice, è che mentre la malattia spesso arriva in un pacchetto spaventoso, può ancora portare a belle scoperte.

6 Pose per assistervi durante il trattamento

Questa sequenza è progettata per aiutare a facilitare il drenaggio linfatico per chiunque sia in trattamento per il cancro al seno. È una pratica yoga che puoi utilizzare se sei attualmente sottoposto a chemioterapia o radioterapia, hai un linfedema, hai subito una dissezione dei linfonodi ascellari o hai subito una mastectomia parziale o totale.

Prima di iniziare a praticare questa sequenza, consultare il proprio team di professionisti sanitari per discutere la propria situazione particolare. Assicurati di ottenere la loro approvazione per introdurre queste pose nel tuo piano di guarigione.

Al fine di ottenere i benefici di questa sequenza e non causare danni postoperatori, allontanarsi dai bordi di qualsiasi allungamento e impegnarsi invece in un'attenta e consapevole attenzione a ogni passo lungo il percorso. Assicurati di riposare al primo segno di stanchezza o indolenzimento per far recuperare i muscoli.

Prova a iniziare ogni sessione stabilendo un'intenzione, che sia per la pace nel mondo, sollievo dalla sofferenza o qualche obiettivo personale. Assisti a ciò che accade quando coordini i tuoi movimenti con il tuo respiro. Il tuo respiro può essere rilassato anche mentre è pieno e profondo. Lascia che ogni espirazione si estenda in modo uniforme e costante mentre contrai i muscoli addominali verso l'interno verso la colonna vertebrale. Pompare i muscoli addominali in questo modo aiuterà a spingere il fluido linfatico contro la gravità fino al petto mentre ti muovi. Se le spalle, il collo o la schiena si sentono tesi quando finisci, questo è un segno di indietreggiare e muoverti più delicatamente nella sessione successiva. Termina la pratica con una nota di gratitudine, riconoscendo qualcuno nella tua vita o te stesso, per la tua pazienza e perseveranza.

1. The Hip Walk

Inizia sedendo eretto sul pavimento con le gambe distese davanti a te. Mentre inspiri, allunga consapevolmente la colonna vertebrale verso l'alto attraverso la sommità della testa in modo che il bacino si inclini leggermente in avanti e la schiena sia dritta. Alternare lo spostamento o il sollevamento prima di un'anca e poi dell'altra in avanti finché non ti sei spostato sul bordo anteriore del tappetino. Quindi "cammina" all'indietro con i fianchi nello stesso modo. Continua a camminare avanti e indietro per alcuni minuti o finché ti senti a tuo agio. Usa respiri profondi e contrazioni addominali durante l'espirazione.

Benefici Aumenta l'energia; attiva i muscoli pelvici e addominali e massaggia gli organi; aiuta il drenaggio linfatico.

Varianti Puoi anche camminare sull'anca su una sedia o sul letto. Per una sfida in più, allunga le braccia davanti a te, parallele al pavimento, e lascia che danzino o nuotino o hula nell'aria mentre cammini.

2. Il cormorano

Inizia a sederti su una sedia con entrambe le braccia distese davanti a te, parallele al pavimento o con un angolo leggermente più alto. Piega i gomiti a 90 gradi. Durante tutto il movimento, tieni gli avambracci perpendicolari al pavimento e paralleli tra loro, con ciascuna mano direttamente sopra il rispettivo gomito. Tenere le braccia e i gomiti all'altezza delle spalle o leggermente più in alto durante il movimento consente alla gravità di facilitare il drenaggio linfatico lungo le braccia e nel torace. Espira mentre porti i gomiti l'uno verso l'altro di fronte a te. Assicurati di mantenere gli avambracci paralleli l'uno all'altro - non lasciare che le mani si avvicinino l'una all'altra di quanto i gomiti siano in grado di avvicinarsi. Quindi, inspira e riempi i polmoni fino alla capacità di aprire il torace verso l'alto mentre apri le braccia il più lontano possibile su ciascun lato. Tieni ciascuna mano direttamente sopra ogni gomito.Continua a muoverti attraverso questa pratica finché ti senti a tuo agio. Inizia in piccolo, con poche ripetizioni; puoi costruire fino a 8 o 10 ripetizioni nel corso di poche settimane. Riposa se necessario.

Benefici Attiva e rinforza i muscoli della pancia e del torace; incoraggia la guarigione dopo la dissezione dei linfonodi.

Varianti Puoi anche fare il cormorano stando a letto o in piedi.

3. La sciocca teiera

Siediti su una sedia senza braccioli e metti la mano sinistra sul fianco sinistro per supporto quando inizi a muoverti. Immagina che il tuo busto sia una teiera che stai riempiendo mentre inspiri. Allunga la colonna vertebrale verso l'alto dal coccige alla sommità della testa. Solleva il braccio destro accanto all'orecchio destro, puntando la mano verso il soffitto (o piega il gomito destro e avvolgi la parte posteriore della testa con la mano). Durante un'espirazione, piegati di lato a sinistra su un piano piatto. Immagina di versare il tè attraverso la mano destra o il gomito. Tieni il petto aperto e le spalle impilate (senza torsioni o girate) mentre ti inclini lateralmente, con entrambi i lati del busto lunghi. Ritornare alla posizione verticale durante l'inalazione. Ripeti lo stesso movimento sull'altro lato.

Benefici Attiva i muscoli intercostali interni ed esterni (i muscoli tra le costole) per aiutare a sostenere una respirazione più profonda e più libera; stimola il flusso verso l'alto del fluido linfatico attraverso il tronco del corpo e il flusso verso il basso della linfa attraverso le braccia.

Variante Allaccia la tua mano sul sedile della sedia accanto a te invece che sul fianco.

4. Il gatto fa le fusa

Siediti eretto e comodo sul bordo anteriore della sedia con i piedi sul pavimento o supportati da un cuscino. Metti i palmi delle mani sulle ginocchia. Espira mentre riponi il coccige e puntalo in avanti per arrotondare il bacino e la parte bassa della schiena. Continua a girare lungo l'intera colonna vertebrale e piega il mento verso il petto mentre estendi le braccia in avanti sulle cosce. Quindi, inspira mentre punti il ​​coccige verso il pavimento, portando le mani verso l'alto lungo le cosce. Allunga la colonna vertebrale fino a formare un arco delicato. Solleva il torace verso l'alto. Espira ogni volta che ti pieghi e ti giri; inspira ogni volta che ti estendi e ti allunghi. Ricorda di fare le fusa mentre ti rilassi nei movimenti di questa sequenza, godendo di qualsiasi raggio di movimento

hai lungo l'asse avanti e indietro della colonna vertebrale.

Osserva come ti senti mentre esplori la tua gamma di movimento vertebra per vertebra.

Benefici Aumenta la flessibilità spinale; incoraggia la forza addominale.

Varianti Provalo a quattro zampe su un tappetino imbottito. I pugni oi polsi saranno direttamente sotto le articolazioni della spalla e le ginocchia saranno direttamente sotto le articolazioni dell'anca.

5. The Winding Twist

Rimani seduto sulla sedia, allunga la colonna vertebrale e raggiungi la sommità della testa verso il cielo. Appoggia i piedi sul pavimento, con ogni ginocchio direttamente sopra ogni caviglia. Metti la mano sinistra dietro di te, con il palmo rivolto verso il basso sul sedile della sedia ed estendi il braccio destro davanti a te, parallelamente al pavimento. Segui quella mano con lo sguardo mentre espiri e ti giri a sinistra, con il palmo rivolto a sinistra, dalla base della colonna vertebrale. Invita il braccio destro a rimanere parallelo al pavimento. Cronometra la tua espirazione quando raggiungi l'intera gamma della tua torsione. Quindi inspira mentre il tuo braccio destro ritorna, con il palmo rivolto nella direzione del movimento. Mentre continui a inspirare, lascia che il braccio ruoti verso il lato destro del

corpo. Continua a coordinare il respiro con il movimento e riposati al primo segno di stanchezza o affaticamento muscolare. Cambia lato e continua finché è comodo.

Benefici Stimola i muscoli lungo la colonna vertebrale; massaggia gli organi interni.

Varianti Appoggia le mani sulle spalle o intreccia le dita dietro il collo o dietro la testa mentre ti avvolgi da un lato all'altro. Esegui questa rotazione seduto a letto o sul pavimento, ma non sdraiato. (Una torsione reclinata è controindicata perché il peso della parte inferiore del corpo in una torsione reclinata può aumentare lo stress sulla colonna vertebrale. Il corpo sta già lavorando abbastanza duramente per la guarigione, quindi è meglio non aggiungere tale stress extra.)

6. L'io di stabilirsi

Sdraiati sulla schiena su un tappetino imbottito e appoggia i polpacci su una sedia ad un'altezza che consenta alle ginocchia di essere a un angolo di 90 gradi. Appoggia le braccia lontano dal busto, ai lati, i gomiti leggermente sollevati su cuscini morbidi e metti le mani sull'addome. Puoi lasciare che gli occhi si chiudano o usare un cuscino per gli occhi se ti senti a tuo agio. Espira e porta i muscoli addominali verso la colonna vertebrale mentre respiri e immagina l'energia generata dalla tua pratica che scorre attraverso i palmi delle mani per nutrire il tuo centro. Rifletti sul miracolo di essere vivi e invita la tua immaginazione cosciente a dirigere l'energia di guarigione attraverso il respiro verso ogni cellula, ogni muscolo, ogni tessuto, ogni organo e ogni sistema del corpo in modo che tu possa visualizzare le cose fisiche, mentali, emotive e guarigione energetica. Riposa qui al centro del tuo essere,ripristinando e rinnovando la vita dentro di te.

Benefici La gravità aiuta i fluidi linfatici a drenare passivamente verso la parte anteriore del torace, dove entrano nel flusso sanguigno per essere puliti dagli organi di eliminazione del corpo. Questa posizione aiuta la circolazione e il drenaggio del liquido linfatico. Inoltre calma e riequilibra il sistema nervoso e calma la mente.

Visualizzazione curativa

Senza dubbio incontrerai punti difficili durante il trattamento e il recupero, che sia durante la chemioterapia o le radiazioni, prima dell'intervento chirurgico o semplicemente in attesa dei risultati del test. Una meditazione con immagini guidate aiuta a focalizzare la consapevolezza sulla guarigione. Segui la pratica di seguito richiamando alla mente le immagini, i suoni e le sensazioni che ti nutrono con una profonda sensazione di pace e tranquillità. Mentre menti con gli occhi chiusi, chiedi a un amico di leggere ad alta voce il seguente testo. Questa è una meditazione guidata da provare mentre incoraggi attivamente la guarigione all'interno del tuo sistema.

Mettiti comodo Sdraiati a faccia in su su una superficie di supporto come il tuo letto o sul tappetino da yoga. Sostieni la testa, il collo, la parte inferiore delle braccia e le ginocchia con tutti i cuscini o cuscini necessari per il comfort. Puoi posizionare la parte inferiore delle gambe su una sedia con le ginocchia piegate e la parte bassa della schiena in posizione neutra. Assicurati di essere a tuo agio e che la colonna vertebrale sia dritta.

Vai dentro Dirigi la tua mente in un posto bellissimo, reale o immaginario, dove hai un senso di sicurezza e comfort. Lascia che la tua immaginazione crei un rifugio terapeutico. Consenti alle immagini della scena di formarsi con gli occhi della tua mente. Riconosci questo posto come il tuo speciale santuario di guarigione.

Osserva il tuo santuario Guardati intorno: la scena potrebbe includere ampie vedute, cime delle montagne, l'oceano o forse solo una serie di colori e luci. Ascolta i suoni presenti: il cinguettio degli uccelli, le onde che si infrangono, una leggera brezza tra gli alberi. Consenti alle immagini e ai suoni di lenire la tua anima e curare il tuo corpo. Richiama immagini curative anche dai sensi tattili e olfattivi: ricorda trame e fragranze che leniscono la tua anima e ti portano pace. Lascia che le immagini entrino nella tua consapevolezza, affermando che vengono da te per la guarigione.

Riposo Dopo aver usato le percezioni sensoriali per invocare il tuo santuario di guarigione, permettiti di riposare lì. Guarda il respiro passivamente mentre immagini di ricevere tutto ciò di cui hai bisogno per guarire. Riposa profondamente al centro del tuo essere. Quando sei pronto per tornare dal tuo santuario di guarigione, usa il respiro e la consapevolezza del corpo per tornare dolcemente e lentamente al momento presente. Ricorda che puoi tornare al tuo santuario di guarigione in qualsiasi momento.

Torna Torna spesso per lasciare che la tua immaginazione beva da questa fonte di guarigione profonda. Invocalo frequentemente prendendoti del tempo per riposare nel tuo santuario di guarigione e usa la tua immaginazione creativa per immaginare i risultati di guarigione che desideri.

Note di linfa

Quando si ha un cancro al seno, vari trattamenti possono compromettere il buon funzionamento del sistema linfatico: i vasi, i dotti e i nodi che muovono il fluido linfatico attraverso il corpo. I linfonodi sani sono fondamentali per il corretto funzionamento del sistema immunitario, poiché contengono globuli bianchi che combattono le infezioni e filtrano le particelle estranee e le cellule tumorali. Le radiazioni possono danneggiare linfonodi e vasi altrimenti sani e i linfonodi possono essere sottoposti a biopsia o rimossi per vedere se contengono cellule cancerose o tumori. La rimozione dei linfonodi comporta il rischio di infezione o linfedema (un accumulo di liquido linfatico nel tessuto interstiziale che causa gonfiore). Fortunatamente, il sistema linfatico può trovare percorsi alternativi per i nodi rimanenti.

La linfa defluisce nel flusso sanguigno dietro le clavicole; la parte anteriore superiore del torace sul lato sinistro riceve il fluido linfatico dal tronco, dalle gambe, dal braccio sinistro e dal lato sinistro della testa e del torace, mentre la parte anteriore superiore del torace sul lato destro drena la linfa dal lato destro della testa e del torace e il braccio destro. I tuoi muscoli agiscono costantemente come pompe che muovono il fluido linfatico lungo i vasi. Quando coinvolgi i muscoli con le braccia sollevate all'altezza del torace o più in alto, utilizzi sia il drenaggio passivo che quello attivo per supportare la guarigione; con le braccia alzate, stai usando la gravità per aiutarti a trasportare passivamente la linfa dalle braccia al petto, mentre il movimento muscolare spinge attivamente la linfa nel tuo sistema.

Sequenza di Jnani Chapman, insegnante di yoga e infermiera registrata specializzata nell'aiutare le persone con cancro e malattie croniche presso l'Osher Center for Integrative Medicine dell'UCSF.

Raccomandato

Essere uno yogi ti rende un attivista politico (che ti piaccia o no)
3 modi per modificare la posizione dell'addome ruotato
Sequenza Yoga per il cambiamento: 5 passaggi per Parivrtta Paschimottanasana