Vivi + pratica dal cuore: identifica la vera intenzione

Stabilire obiettivi non è la stessa cosa che fare obiettivi. Confondere i due può portare a sofferenze inutili.

Una volta al mese, un'ora prima della lezione di meditazione della domenica sera in cui insegno, offro un colloquio di gruppo agli studenti che frequentano regolarmente. Queste interviste danno loro l'opportunità di porre domande sulla loro pratica meditativa o sull'applicazione del dharma alla vita quotidiana. In una recente sessione, uno yogi che medita diligentemente ogni mattina ha ammesso: "Devo essere confuso riguardo all'insegnamento del Buddha sulla retta intenzione. Sono molto bravo a stabilire le intenzioni e poi a ricordarmele. Ma le cose non sembrano mai esserlo. risultano secondo quelle intenzioni, e cado nella delusione. Cosa c'è di sbagliato nella mia pratica? "

All'inizio potevo solo sorridere in risposta. Che bella domanda! Quando le ho chiesto di spiegare queste intenzioni, ha proceduto descrivendo una serie di obiettivi per il suo futuro: diventare meno teso al lavoro, trascorrere più tempo con la sua famiglia, stabilizzare le sue finanze e altro ancora. Soffriva di una sorta di confusione che sembra affliggere molte persone brillanti e laboriose: mescolare due diverse funzioni della vita che sono facilmente scambiabili l'una per l'altra. Tutti i suoi obiettivi erano lodevoli, ma nessuno rientrava negli insegnamenti del Buddha sulla retta intenzione.

Obiettivi contro intenzioni

La definizione di obiettivi è un'abilità preziosa; implica immaginare un risultato futuro nel mondo o nel tuo comportamento, quindi pianificare, applicare la disciplina e lavorare sodo per raggiungerlo. Organizzi il tuo tempo e le tue energie in base ai tuoi obiettivi; aiutano a fornire una direzione per la tua vita. Impegnarsi e visualizzare questi obiettivi può aiutarvi nei vostri sforzi, ma nessuna di queste attività è ciò che io chiamo stabilire l'intenzione. Entrambi implicano la vita in un futuro immaginario e non si preoccupano di ciò che ti sta accadendo nel momento presente. Con gli obiettivi, il futuro è sempre al centro dell'attenzione: raggiungerai l'obiettivo? Sarai felice quando lo farai? Qual è il prossimo?

Stabilire l'intenzione, almeno secondo gli insegnamenti buddisti, è molto diverso dalla definizione degli obiettivi. Non è orientato verso un risultato futuro. Invece, è un percorso o una pratica che si concentra su come "stai" nel momento presente. La vostra attenzione è sull'onnipresente "adesso" nel flusso in continua evoluzione della vita. Stabilisci le tue intenzioni in base alla comprensione di ciò che conta di più per te e ti impegni ad allineare le tue azioni mondane con i tuoi valori interiori.

Man mano che acquisisci intuizione attraverso la meditazione, la riflessione saggia e la vita morale, la tua capacità di agire in base alle tue intenzioni sboccia. Si chiama pratica perché è un processo in continuo rinnovamento. Non ti limiti a impostare le tue intenzioni e poi a dimenticarle; li vivi ogni giorno.

Sebbene lo studente pensasse di concentrarsi sulla sua esperienza interiore del momento presente, in realtà si stava concentrando su un risultato futuro; anche se non aveva obiettivi sani che puntata in una direzione sana, che non stava essendo i suoi valori. Così, quando i suoi sforzi non andavano bene, si perdeva nella delusione e nella confusione. Quando ciò accadeva, non aveva "basi di intenzione" per aiutarla a ritrovare il suo equilibrio mentale, nessun modo per stabilirsi in un contesto più ampio e più significativo della sua attività orientata agli obiettivi.

Gli obiettivi ti aiutano a fare il tuo posto nel mondo e ad essere una persona efficace. Ma essere radicati nell'intenzione è ciò che fornisce integrità e unità nella tua vita. Attraverso l'abile coltivazione dell'intenzione, impari a fare obiettivi saggi e poi a lavorare duramente per raggiungerli senza rimanere intrappolato nell'attaccamento al risultato. Come ho suggerito allo yogi, solo ricordando le tue intenzioni puoi riconnetterti con te stesso durante quelle tempeste emotive che ti fanno perdere il contatto con te stesso. Questo ricordare è una benedizione, perché fornisce un senso di significato nella tua vita che è indipendente dal fatto che tu raggiunga determinati obiettivi o meno.

Ironia della sorte, essendo in contatto e agendo in base alle tue vere intenzioni, diventi più efficace nel raggiungere i tuoi obiettivi rispetto a quando agisci per desideri e insicurezze. Una volta che lo yogi lo comprese, iniziò a lavorare con obiettivi e intenzioni come funzioni separate. In seguito riferì che tornare continuamente alle sue intenzioni nel corso della sua giornata la stava effettivamente aiutando con i suoi obiettivi.

Vedi anche Il segreto per amare il tuo lavoro: il giusto sostentamento

Gettare le basi per la giusta intenzione

Come sarebbe se non misurassi il successo della tua vita solo in base a ciò che ottieni e non ottieni, ma attribuissi uguale o maggiore priorità a quanto sei allineato con i tuoi valori più profondi? Gli obiettivi sono radicati in maya (illusione), il mondo illusorio in cui ciò che vuoi sembra fisso e immutabile ma in verità cambia per sempre. È in questo mondo che fiorisce mara , la voce interiore della tentazione e dello scoraggiamento. Gli obiettivi non ti soddisfano mai in modo continuativo; o generano un altro obiettivo oppure crollano. Forniscono eccitazione - gli alti e bassi della vita - ma l'intenzione è ciò che ti offre rispetto di te stesso e tranquillità.

Coltivare la retta intenzione non significa abbandonare gli obiettivi. Continui a usarli, ma esistono in un contesto di significato più ampio che offre la possibilità di pace al di là delle fluttuazioni causate dal dolore e dal piacere, dal guadagno e dalla perdita.

La Quarta Nobile Verità del Buddha insegna la retta intenzione come secondo gradino dell'ottuplice sentiero:

Non causare danni e tratta te stesso e gli altri con gentilezza amorevole e compassione mentre cerchi la vera felicità, quella che deriva dall'essere liberi dall'attaccamento e dall'attaccamento. Una simile affermazione può sembrare ingenua o idealistica: un modo di vivere per monache e monaci, ma non adatto a quelli di noi che devono farsi strada in questo mondo difficile e competitivo.

Ma pensare questo significa commettere lo stesso errore della donna nel mio colloquio di gruppo.

Scegliendo di vivere con la giusta intenzione, non rinunci al tuo desiderio di realizzazione o di una vita migliore, né ti impegni ad essere moralmente perfetto. Ma ti impegni a vivere ogni momento con l'intenzione di non causare danni con le tue azioni e parole, e non violare gli altri attraverso il tuo sostentamento o la tua sessualità. Ti stai connettendo al tuo senso di gentilezza e dignità innata. Stando su questo terreno di intenzione, sei quindi in grado di partecipare come preferisci alle gare della vita, finché non le supererai.

Naturalmente, a volte le cose ti vanno bene e altre volte no, ma non vivi e muori per queste infinite fluttuazioni. La tua felicità deriva dalla forza della tua esperienza interna dell'intenzione. Diventi uno di quei fortunati esseri umani che sanno chi sono e sono indipendenti dall'ossessione della nostra cultura per la vittoria. Senti ancora tristezza, perdita, lussuria e paura, ma hai un mezzo per relazionarti direttamente con tutte queste emozioni difficili. Pertanto, non sei una vittima, né la tua felicità e la tua tranquillità dipendono da come stanno le cose in questo momento.

Abuso di buone intenzioni

Quando offro insegnamenti sulla retta intenzione, gli studenti spesso chiedono due cose: "Non è come iscriversi ai Dieci Comandamenti in un'altra forma?" e "E il vecchio detto" La strada per l'inferno è lastricata di buone intenzioni "?" Primo, i Dieci Comandamenti sono eccellenti linee guida morali per tutti noi, ma la retta intenzione non è una legge morale; è un atteggiamento o uno stato mentale, che sviluppi gradualmente. In quanto tale, più a lungo lavori con la retta intenzione, più sottile e interessante diventa come pratica.

Nella psicologia buddista, l'intenzione si manifesta come "volontà", che è il fattore mentale che determina maggiormente la tua coscienza in ogni momento. Letteralmente, è la tua intenzione che influenza il modo in cui interpreti ciò che ti viene in mente.

Prendi, ad esempio, qualcuno che è scortese e prepotente durante una riunione al lavoro. È spiacevole, o almeno la tua esperienza di lui è spiacevole. Cosa noti? Vedi la sua insicurezza e quanto sia disperatamente affamato di controllo e attenzione? O noti solo i tuoi bisogni e la tua antipatia e prendi il suo comportamento sul personale, anche se in realtà ha poco a che fare con te? Se sei radicato nella tua intenzione, la tua risposta sarà notare il suo disagio e la tua stessa sofferenza e provare compassione verso entrambi. Questo non significa che non provi irritazione o che gli permetti di spingerti in giro, ma eviti di perderti nel giudizio o nella reazione personale.Riesci a sentire lo spazio emotivo extra che un simile orientamento alla vita fornisce? Vedi la più ampia gamma di opzioni per interpretare le difficoltà della tua vita?

Per quanto riguarda quelle buone intenzioni che portano all'inferno nel vecchio adagio, implicano quasi sempre avere un'agenda per qualcun altro. Sono obiettivi mascherati da intenzioni e abbandoni le tue intenzioni interiori per perseguirli. Inoltre, questi obiettivi spesso sono solo la tua visione di come dovrebbero essere le cose e rimani intrappolato nella tua mente reattiva.

Motivi di miscelazione

Un problema intorno alla coltivazione dell'intenzione che inciampa molti yogi è motivazioni miste. Durante i colloqui individuali con me, le persone a volte confessano la loro angoscia nello scoprire durante la meditazione quanto fossero contrastanti le loro motivazioni in situazioni passate che coinvolgevano un amico o un familiare. Si sentono come se non fossero una brava persona e non sono affidabili. A volte la mia risposta è parafrasare il vecchio ritornello blues "Se non fosse per sfortuna, non avrei nessuna fortuna". È lo stesso con i motivi; nella maggior parte delle situazioni, se non seguissi le tue motivazioni contrastanti, non avresti alcuna motivazione. Saresti semplicemente bloccato.

Il Buddha sapeva tutto sui motivi misti. Nel Majjhima Nikaya sutta "The Dog-Duty Ascetic", descrive come "le intenzioni oscure conducono a risultati oscuri" e "le intenzioni luminose portano a risultati luminosi". Poi dice: "Le intenzioni luminose e oscure portano a risultati luminosi e oscuri". La vita è così, ecco perché pratichiamo. Non sei un essere completamente illuminato; quindi, aspettarsi di essere perfetti è una forma di illusione.

Dimentica di giudicare te stesso e lavora solo con il momento che sorge. La retta intenzione è un'aspirazione continua. Vedere le tue motivazioni contrastanti è un passo verso la liberazione dall'ignoranza e dall'essere accecati dal desiderio o dall'avversione. Quindi benvenuta una tale realizzazione, anche se è dolorosa. Meno giudizio hai nei tuoi confronti riguardo alle tue motivazioni contrastanti, più chiaramente puoi vedere come causano sofferenza. Questa intuizione è ciò che libera i motivi oscuri e lascia spazio a quelli luminosi.

La semina di semi karmici

Per alcune persone, l'aspetto più difficile della retta intenzione ha a che fare con il ruolo che svolge nella formazione del karma. Il Buddha ha classificato il karma come uno degli "imponderabili", nel senso che non potremo mai comprenderlo completamente; tentare di farlo non è fruttuoso. Eppure siamo sfidati a lavorare con la verità che ogni azione ha sia una causa che una conseguenza.

Il fattore principale che determina il karma è l'intenzione; quindi, praticare la retta intenzione è fondamentale per ottenere la pace e la felicità. Negli insegnamenti buddisti, il karma si riferisce al "seme dell'azione". Ciò significa che qualsiasi parola o azione è salutare o non salutare e pianta automaticamente un seme di avvenimento futuro che sboccerà da solo quando le condizioni sono corrette, proprio come una pianta cresce quando c'è il giusto equilibrio di luce solare, acqua e nutrienti.

Se un'azione è salutare o non salutare è determinato dall'intenzione che l'ha originata. Riflettendoci, questo è buon senso. L'esempio spesso fornito è quello di un coltello nelle mani di un chirurgo rispetto a quelle di un aggressore. Ognuno potrebbe usare un coltello per tagliarti, ma uno ha l'intenzione di aiutarti a guarire, mentre l'altro ha l'intenzione di farti del male. Eppure potresti morire per le azioni di entrambi. L'intenzione è il fattore decisivo che differenzia i due. Da questo punto di vista, sei ben servito coltivando la retta intenzione.

Quando insegno la retta intenzione, mi piace chiamarla l'intenzione del cuore . La vita è così confusa ed emotivamente confusa che la mente razionale non è in grado di fornire un'intenzione assolutamente chiara. Ciò su cui dobbiamo fare affidamento è la nostra conoscenza intuitiva, o "saggezza sentita". Ai tempi del Buddha, questo veniva chiamato bodhicitta , "il cuore della mente risvegliato".

Si dice che un seme karmico possa fiorire in una delle tre volte: immediatamente, più tardi in questa vita, o in una vita futura . Al contrario, ciò che ti sta accadendo in ogni momento è il risultato di semi piantati in una vita passata, all'inizio di questa vita o nel momento precedente. Qualunque siano i tuoi sentimenti riguardo alle vite passate, gli ultimi due sono fenomeni di causa ed effetto che riconosci come veri. Ma ecco un pensiero su cui riflettere che è raramente menzionato: qualunque cosa si manifesti nella tua vita in questo momento è influenzata da come la ricevi, e come la ricevi è in gran parte determinata dalla tua intenzione in questo momento.

Immagina di avere un'interazione difficile più tardi oggi. Se non sei consapevole della tua intenzione, potresti rispondere alla situazione con un'azione fisica dannosa, forse perché sei rimasto intrappolato nella tua paura, panico, avidità o cattiva volontà. Ma con la consapevolezza della tua intenzione, ti asterrai dal rispondere fisicamente. Invece, potresti solo dire qualcosa di poco abile, causando molti meno danni. Oppure, se hai l'abitudine di parlare duramente, con la retta intenzione potresti avere solo un pensiero negativo ma trovare la capacità di astenersi dal pronunciare parole di cui in seguito ti pentirai. Quando sei radicato nelle tue intenzioni, non sei mai impotente nel modo in cui reagisci a qualsiasi evento della tua vita. Anche se è vero che spesso non puoi controllare cosa ti succede,con la consapevolezza dell'intenzione puoi mitigare gli effetti di ciò che accade in termini sia del momento stesso che del tipo di seme karmico che pianti per il futuro.

Vedi anche Trova il tuo scopo: Shraddha + Dharma

Sviluppo di risoluzione

Gli insegnamenti buddisti suggeriscono che ci sono alcune caratteristiche chiamate paramis , o perfezioni, che devi sviluppare prima di poter raggiungere la liberazione. Una di queste qualità, la giusta determinazione, ha a che fare con lo sviluppo della volontà di vivere secondo le tue intenzioni. Mettendo in pratica la giusta determinazione, impari a impostare la tua mente per mantenere i tuoi valori e le tue priorità, ea resistere alla tentazione di sacrificare i tuoi valori per guadagno materiale o egoico. Ottieni la capacità di mantenere costantemente le tue intenzioni, indipendentemente da ciò che si presenta.

La retta intenzione è come il muscolo: lo sviluppi nel tempo esercitandolo. Quando lo perdi, ricominci da capo. Non c'è bisogno di giudicare te stesso o di smettere quando non riesci a vivere secondo le tue intenzioni. Stai sviluppando l'abitudine della retta intenzione in modo che diventi un modo di vivere inconscio, una risposta automatica a tutte le situazioni. La retta intenzione è organica; prospera quando viene coltivato e appassisce quando viene trascurato.

Non molto tempo fa, lo yogi mi ha aggiornato sui suoi sforzi per praticare la retta intenzione. Ha detto che per diversi anni aveva spinto e tirato indietro la sua relazione, irritandosi con il suo partner per non aver passato più tempo con la famiglia e chiedendo che cambiasse. Un giorno, durante la meditazione, si rese conto che questo era solo un altro esempio di come si è fatta prendere dal volere di più. In verità, non c'era nulla di intrinsecamente sbagliato nel suo comportamento. Era solo che lei voleva passare più tempo insieme di lui. Ha immediatamente smesso di fare richieste ed è stata molto più felice.

Subito dopo questa prima realizzazione, si è trovata in una situazione lavorativa in cui tutte le sue insicurezze erano accese. Era in una riunione durante la quale veniva proposta un'azione che riteneva ingiusta e sentì la rabbia crescere in lei. Ma prima di parlare, ha lasciato la stanza per riflettere.

Quando è tornata, era radicata nelle sue intenzioni di non essere reattiva, di cercare una chiara comprensione e di non essere attaccata al risultato. Ciò le ha permesso di partecipare all'incontro in modo calmo ed efficace, dicendo la sua verità. Sorprendentemente, il gruppo è giunto alla conclusione che, sebbene non fosse quello che pensava dovesse accadere, era almeno qualcosa con cui poteva convivere. "A volte mi ricordo di lavorare con le mie intenzioni", mi ha detto, "ma altre volte, mi sembra di sviluppare un'amnesia e dimenticare completamente l'intera idea per settimane di seguito. È come se non fossi mai stata esposta all'insegnamento . Voglio dire, non c'è niente nella mia mente se non i miei obiettivi. Non considero nemmeno la mia intenzione ". Le ho assicurato che è così per quasi tutti.Ci vuole molto tempo per rendere la retta intenzione una parte normale della tua vita.

A volte, i vantaggi di agire in base alle tue intenzioni possono sembrare così chiari e ovvi che giuri: "Vivrò in questo modo d'ora in poi". Poi ti perdi o ti senti sopraffatto e concludi che è più di quello che puoi fare. Tali reazioni emotive, sebbene comprensibili, mancano il punto. Se fai della retta intenzione un obiettivo, ti stai aggrappando al materialismo spirituale. La retta intenzione consiste semplicemente nel tornare a casa da te stesso. È una pratica di allinearsi con la parte più profonda di te stesso mentre ti arrendi alla realtà che spesso ti perdi nella tua mente desiderosa.

Ci sono solo due cose di cui sei responsabile in questa pratica: ogni giorno chiediti se sei fedele alle tue intenzioni più profonde. Se non lo sei, inizia a farlo immediatamente, nel miglior modo possibile. All'inizio il risultato della tua indagine e del tuo impegno può sembrare modesto. Ma stai certo, ogni volta che ricomincerai ricollegandoti alla tua intenzione, farai un ulteriore passo verso la ricerca della tua autenticità e libertà. In quel momento, stai ricordando te stesso e fondando la tua vita nell'intenzione del tuo cuore. Stai vivendo la nobile vita degli insegnamenti del Buddha.

Vedi anche  il test di integrità delle 5 domande di Sally Kempton

Raccomandato

Top pantaloni da yoga
Meditazione in movimento a mani lente
D + A: Perché gli apripista fanno così bene?