4 modi per migliorare il tuo Drishti (sguardo) e approfondire la tua pratica

Il bilanciamento delle pose può essere difficile; una verità che incontro spesso quando sono circa a metà della mia pratica Ashtanga. Il loto mezzo vincolato in piedi si presenta come una postura traballante e instabile che richiede tutta la determinazione che posso raccogliere, specialmente quando tento di piegarmi in avanti. Il mio insegnante mi ricorda che il rimedio alla mia oscillazione è drishti (sguardo o punto focale visivo).

Vedi anche  Vedere più chiaramente praticando il drishti

Tra mantenere la posa fisica e ottenere il respiro giusto, sostenere uno sguardo univoco non è mai così pressante. Ma c'è una ragione per cui la drishti è venerata come un principio yogico fondamentale. Dopo esserti concentrato sulla postura fisica e sul respiro, è un tocco finale che blocca la posa, migliorando il tuo equilibrio e molto altro ancora.

"Quando guardi un punto focale, aiuta a calmare il respiro, il sistema nervoso e la frequenza cardiaca", afferma Miranda Mitchell, insegnante di Mysore e fondatrice del Daily Drishti Health and Wellness a Tarpon Springs, in Florida. "Molte persone trascurano del tutto questi vantaggi".

Questo è precisamente il motivo per cui il potere della drishti può estendersi a tutta la tua pratica. Sia che tu ti stia sistemando in un cane rivolto verso il basso o che stia fluendo attraverso un vinyasa, è vitale combattere la tua attenzione dall'inizio alla fine.

"Quando hai uno sguardo concentrato su un punto fermo, crei una forte sensazione di essere completamente presente nel momento", aggiunge Mitchell. "Ecco dove è tutta la nostra attenzione, che ci allontana dalla rumorosa mente interiore".

Drishti è ciò che ci aiuta a bloccare le distrazioni esterne e ad approfondire la nostra pratica dirigendo la nostra attenzione verso l' interno . Ecco 4 modi per farlo funzionare ancora meglio per te:

4 modi per migliorare il tuo Drishti

1. Mantieni lo sguardo morbido.

Drishti è intrecciato in una serie di stili di yoga. La tradizione Ashtanga, ad esempio, abbraccia nove punti specifici di messa a fuoco con ciascuna postura collegata a uno sguardo corrispondente, come le dita durante la posa ad angolo laterale esteso o il soffitto durante la posa del cane rivolto verso l'alto. Ma indipendentemente dallo stile di yoga che pratichi, è importante adottare un approccio gentile alla drishti, poiché troppa intensità rende più difficile calmare la mente, afferma Lara Land, insegnante di Ashtanga Yoga e proprietaria di Land Yoga ad Harlem, NYC. Lo paragona a un senso di resa in cui permetti che accada naturalmente invece che con forza.

"Non è un tipo di fissazione faticoso e intenso, ma piuttosto uno sguardo morbido in cui i tuoi occhi si appoggiano delicatamente su un punto", dice, suggerendoti di mantenere lo sguardo mentre ti concentri contemporaneamente sulla sensazione del tuo corpo nella postura stessa, così come il tuo respiro. Quando tutto è preso insieme, il risultato è uno sguardo morbido.

Puoi iniziare cercando di guardare delicatamente verso il basso l'angolo del naso fino a un punto sul pavimento o sul muro di fronte a te. Rilassa gli occhi in modo che anche l'area circostante entri nella tua consapevolezza.

"Essere in grado di attirare i nostri sensi è la chiave per frenare la nostra mente da scimmia, e lo pratichiamo sul tappetino da yoga tenendo gli occhi fissi su un punto con uno sguardo dolce", dice Land. "È essenziale quanto il respiro e la postura per permetterci di entrare in una meditazione in movimento, che è ciò che realmente è l'asana."

2. Resisti all'impulso di chiudere gli occhi.

Quando trovo difficile una posa, mi ritrovo spesso a chiudere gli occhi - qualcosa che Land identifica come una forma di evasione.

"È quel bisogno di voltare le spalle a un'esperienza stimolante, come quando il tuo insegnante ti fa rimanere in Warrior Pose solo un po 'oltre la tua zona di comfort", dice. "Ma invece di scappare dal momento, cosa succede se mantieni lo sguardo e ti siedi semplicemente con il disagio?"

Drishti, in altre parole, ci allena a navigare in situazioni difficili con la luce della nostra consapevolezza.

3. Sposta lentamente la tua attenzione.

Drishti diventa sempre più complicato quando ti viene chiesto di spostare drasticamente lo sguardo da un lato o in alto, il che mette alla prova il tuo senso di equilibrio. Un'espressione più completa della posizione estesa mano-alluce, ad esempio, porta lo sguardo oltre la spalla opposta. Per rimanere con i piedi per terra, Land suggerisce di fare piccoli passi.

"Una volta che ti senti stabile nella posa mentre guardi avanti, sposta lo sguardo di un solo piede di lato", dice. "Ancora una volta, l'idea è di andare al limite della tua zona di comfort, perché la crescita avviene quando siamo un po 'a disagio".

Drishti si evolve anche mentre andiamo più in profondità nell'asana. Land indica Marichyasana I come un ottimo esempio. Quando impari per la prima volta questa impegnativa posizione seduta, ti viene detto di guardare semplicemente in basso sulla punta del naso. A poco a poco, con la pratica, alla fine estenderai la colonna vertebrale finché il petto non si appoggia sulla gamba.

"Se riesci a farlo senza sforzarti, puoi spostare lo sguardo sull'alluce", dice Land.

4. Tagliati un po 'di spazio.

Non esiste padronanza della drishti. Come le pose fisiche e il pranayama, è una pratica che diventa più forte con ogni ripetizione.

"È come un muscolo che stai costruendo dove stai osservando ma non giudicando", dice Land. "Sii gentile con te stesso. A volte desideriamo così tanto essere un buon yogi che saltiamo la parte di onorare ciò che il corpo sta facendo in modo naturale e solo imparare da esso." 

Raccomandato

Essere uno yogi ti rende un attivista politico (che ti piaccia o no)
3 modi per modificare la posizione dell'addome ruotato
Sequenza Yoga per il cambiamento: 5 passaggi per Parivrtta Paschimottanasana