Le 5 fasi del distacco: imparare a lasciarsi andare

Non dimenticherò mai la prima volta che ho preso seriamente in considerazione il rapporto tra distacco e libertà. Avevo vent'anni, stavo con un amico nel Vermont, cercando di recuperare un po 'di equilibrio nel mezzo di una rottura difficile. Una sera, annoiato dalla mia tristezza, il mio amico si sintonizzò sulla stazione radio alternativa locale, che trasmetteva per caso Ram Dass. Stava raccontando un famoso aneddoto sul modo in cui si cattura una scimmia in India. Metti una manciata di noci in un barattolo con una piccola apertura, ha spiegato. La scimmia mette la mano nel barattolo, afferra le noci e poi scopre che non riesce a tirare fuori il pugno dall'apertura. Se la scimmia lasciasse andare le noci, potrebbe scappare. Ma non lo farà.

L'attaccamento porta alla sofferenza, ha concluso Ram Dass. È così semplice: il distacco porta alla libertà.

Sapevo che stava parlando direttamente con me. Tra la mia abitudine di fumare due pacchetti al giorno e la mia relazione dolorosa, ero decisamente attaccata e decisamente sofferente. Ma lasciare andare il mio pugno di noci sembrava impensabile. Non potevo immaginare come sarebbe la vita senza il dramma di una storia d'amore, senza sigarette e caffè, per non parlare di altre dipendenze più sottili, come la preoccupazione, il risentimento e il giudizio. Tuttavia, la storia della scimmia e del barattolo rimase con me, una carica di profondità in attesa di esplodere.

Un anno dopo, ero diventato uno yogi alle prime armi. Non andavo più in giro con amiche che ascoltavano i miei ultimi guai. Invece, il mio tempo è stato passato con persone la cui risposta a qualsiasi espressione di malcontento era: "Lascia perdere". Perseguendo la semplicità, avevo allegramente buttato via la mia carriera, il mio appartamento e il mio ragazzo. Ciò di cui non ero riuscito a sbarazzarmi erano la preoccupazione, il risentimento e la tendenza a criticare. In breve, ero semplicemente passato da un polo comportamentale all'altro e, di conseguenza, stavo ancora soffrendo.

Vedi anche Come lasciarsi andare e smettere di preoccuparsi di ciò che pensano gli altri usando la legge del distacco di Deepak Chopra

Cos'è il distacco?

Mi ci sono voluti alcuni anni per buttare via il bambino invece dell'acqua sporca per capire che il distacco non riguarda cose esterne. In effetti, come spesso accade con le grandi questioni della vita spirituale, il distacco implica un profondo paradosso. È vero che chi non ha molto disordine nella propria vita ha più tempo per la pratica interiore. Ma a lungo termine, liberarci dalla famiglia, dai beni, dall'attivismo politico, dalle amicizie e dalle attività professionali può effettivamente impoverire la nostra vita interiore. L'impegno con persone e luoghi, abilità e idee, denaro e beni è ciò che fonda la pratica interiore nella realtà. Senza queste relazioni esterne e la pressione che creano, è difficile imparare la compassione; per ridurre la rabbia, l'orgoglio e la durezza di cuore; per mettere in azione le intuizioni spirituali.

Quindi non possiamo usare il distacco come scusa per non affrontare questioni fondamentali come il sostentamento, il potere, l'autostima e le relazioni con altre persone. (Beh, possiamo, ma alla fine quei problemi sorgeranno e ci colpiranno in faccia, come un ingenuo insultato in un film degli anni '50). Né possiamo fare del distacco un sinonimo di indifferenza, o incuria, o passività. Invece, possiamo praticare il distacco come un'abilità, forse l' abilità essenziale per infondere nella nostra vita integrità e grazia.

La Bhagavad Gita, che è sicuramente il testo fondamentale sulla pratica del distacco, è meravigliosamente esplicita su questo punto. Krishna dice ad Arjuna che agire con distacco significa fare la cosa giusta per se stessa, perché deve essere fatta, senza preoccuparsi del successo o del fallimento. (TS Eliot parafrasò il consiglio di Krishna quando scrisse: "Per noi c'è solo il tentativo. Il resto non sono affari nostri.")

Allo stesso tempo, Krishna ricorda ripetutamente ad Arjuna di non evitare di fare del suo meglio nel ruolo che il suo destino richiede da lui. In un certo senso, la Bhagavad Gita è un lungo insegnamento su come agire con la massima grazia mentre si è sotto la massima pressione. La Gita in realtà affronta molte delle domande che abbiamo sul distacco, sottolineando, ad esempio, che in realtà non dovremmo rinunciare alle nostre famiglie o alla nostra capacità di godimento, ma alla nostra tendenza a identificarci con i nostri corpi e le personalità invece che con i puri. , Consapevolezza immortale.

Come praticare il distacco

Eppure la Bhagavad Gita non si occupa di tutte le nostre domande. Va bene così; il vero succo della vita interiore è scoprire, passo dopo passo, come trovare queste risposte da soli. Ad esempio, come ci innamoriamo e restiamo distaccati? Dove troviamo la motivazione per avviare un'impresa, scrivere un romanzo, superare gli studi di legge o lavorare al pronto soccorso di un ospedale cittadino a meno che non ci preoccupiamo profondamente del risultato di ciò che stiamo facendo? Qual è il rapporto tra desiderio e distacco? Qual è la differenza tra il vero distacco e l'indifferenza che deriva dal burnout?

E l'attivismo sociale? È possibile, ad esempio, lottare per la giustizia senza farsi prendere dalla rabbia o da un senso di ingiustizia? E poi c'è il rapporto tra distacco ed eccellenza. È quasi impossibile eccellere in qualsiasi cosa, inclusa la pratica spirituale, se non siamo preparati a buttarci al 100%. Possiamo farlo ed essere ancora distaccati?

Poi ci sono le questioni veramente intricate , le situazioni che sembrano letteralmente definite dall'attaccamento, come il nostro rapporto con i nostri figli o con il nostro corpo. Come lavoriamo con attaccamenti così viscerali che lasciarli andare è come lasciare andare la vita stessa?

Ho un amico il cui figlio di 18 anni ha abbandonato la scuola e ora vive per strada, scegliendo di non trovare un lavoro. La mia amica e il suo ex marito hanno fatto tutto il possibile per mantenere il figlio a scuola, inclusa la promessa di sostenerlo finanziariamente attraverso qualsiasi forma di formazione scolastica ha scelto. Quando nessuno dei loro sforzi ha funzionato, hanno agito su consiglio professionale e hanno ritirato il sostegno finanziario. Ora, quando vogliono vederlo, guidano sei ore a nord e vanno al parco dove si trova e lo cercano. Il loro figlio sembra a posto con l'intera situazione, ma si svegliano comunque nel cuore della notte, immaginandolo infreddolito e affamato o gravemente ferito, e si muovono quotidianamente attraverso diversi stadi di preoccupazione, paura e rabbia.

"Questa è la scelta che sta facendo sul modo in cui vuole vivere la sua vita", si dicono, attingendo agli insegnamenti spirituali che li hanno nutriti. "Fa parte del suo viaggio. Ha il suo karma." Ma come si fa a smettere di essere attaccati al benessere di tuo figlio? Puoi semplicemente tagliare il filo che ti lega a quel sentimento di preoccupazione e responsabilità coltivato a lungo? In periodi come questo - di solito periodi di perdita, poiché la perdita è notoriamente più difficile da staccare che il successo - affrontiamo la dura verità sulla pratica del distacco: il distacco è raramente qualcosa che otteniamo una volta per tutte. È un processo momento per momento, giorno per giorno per accettare la realtà così come si presenta, fare del nostro meglio per allineare le nostre azioni con ciò che pensiamo sia giusto e rinunciare al risultato.

In uno dei compleanni del figlio senzatetto, sua madre lo trovò, lo portò a cena e gli comprò dei vestiti nuovi. Non gli piacevano i pantaloni, così li lasciò e se ne andò con quelli vecchi. "Almeno l'ho visto. Almeno potevo dirgli che lo amavo", ha detto il mio amico in seguito. "Potrei ricordargli che ogni volta che vuole fare altre scelte, siamo qui per aiutarlo".

Ammiro il modo in cui questa donna tiene la complessità dei suoi sentimenti per suo figlio, facendo quello che può pur riconoscendo ciò che non ha il potere di fare, cercando un modo per trovare il meglio nella situazione senza sorvolare sulle sue difficoltà. Non c'è niente di pollyanna nel suo distacco; è difficile da vincere. La vita esige questo da tutti noi - tutti noi - prima o poi, perché se questo mondo è una scuola pensata per insegnarci ad amare, è anche una scuola per insegnarci come affrontare la perdita.

Vedi anche  Le donne Mudra devono staccarsi dal caos della vita

Le 5 fasi del distacco 

Quando le cose vanno bene per noi, quando ci sentiamo forti e positivi, quando siamo sani e pieni di ispirazione, quando siamo innamorati, è facile chiedersi perché i testi yogici si occupano così tanto del distacco. Quando ci troviamo di fronte a una perdita, dolore o fallimento, sembra molto più allettante: la nostra pratica nel distacco diventa un'ancora di salvezza che può portarci fuori dalla sofferenza acuta verso qualcosa di vicino alla pace.

Eppure non possiamo saltare al distacco. Ecco perché la Bhagavad Gita raccomanda di sviluppare i nostri muscoli di distacco lavorandoli giorno dopo giorno, iniziando dalle piccole cose. Il distacco richiede pratica e si rivela per fasi.

Fase uno: riconoscimento

Quando abbiamo a che fare con una grave perdita o un forte attaccamento, dobbiamo sempre iniziare riconoscendo e lavorando con i nostri sentimenti. Questi sentimenti sono gli aspetti più appiccicosi dell'attaccamento: il desiderio eccitato che proviamo quando vogliamo qualcosa, l'ansia che proviamo di perderla e il senso di disperazione che può sorgere quando non riusciamo a raggiungerla.

Riconoscere non significa solo riconoscere che vuoi qualcosa o che ti senti perso. Quando vuoi qualcosa, senti come lo vuoi: trova la sensazione di desiderio nel tuo corpo. Quando ti senti arrogante per una vittoria, sii con la parte di te che vuole batterti il ​​petto e dì: "Io, io, io!" Invece di respingere l'ansia e la paura di perdere ciò a cui tieni, lascia che salga e respira dentro. E quando stai sperimentando la disperazione della perdita effettiva, lasciala entrare. Lasciati piangere.

Fase due: autoindagine

Una volta che hai sentito i tuoi sentimenti, dovrai elaborarli attraverso l'autoindagine. Per fare questo, inizia sondando lo spazio dei sentimenti che il desiderio, il dolore o la disperazione portano nella tua coscienza, magari nominandolo a te stesso, ed espirando gradualmente il contenuto, la trama. (A volte aiuta a comunicare con lei per un po 'in anticipo, a prendersi cura della parte di te che le esigenze confortante. Ricordate a voi stessi che fare disporre di risorse, ricordare utile insegnamenti, prega per aiuto e la guida, o semplicemente dire, "posso essere guarito ", ad ogni espirazione.)

Per iniziare la parte del processo di autoindagine, mettiti in contatto con la tua testimonianza interiore. Quindi esplora l'energia nei sentimenti. Man mano che ti addentri in questa energia, la sua qualità nodosa e appiccicosa inizierà a dissolversi, per il momento. In qualsiasi processo per lavorare con i sentimenti, è importante trovare un modo per esplorare i tuoi sentimenti che ti consenta sia di essere presente con loro sia di stare un po 'lontano da loro.

Fase tre: elaborazione

Nella terza fase del distacco, inizi a diventare consapevole di ciò che è stato utile nel viaggio che hai appena intrapreso, nel compito o nella relazione o nella fase della vita con cui stai lavorando, indipendentemente da come è andato tutto. La madre che è tornata dopo il compleanno di suo figlio e ha pensato: "Almeno l'ho visto", stava sperimentando una versione di quel riconoscimento. Molti di noi raggiungono il terzo stadio del distacco quando ci rendiamo conto di aver effettivamente guadagnato qualcosa, anche se è solo una lezione su cosa non fare.

Un giovane scienziato che conosco ha trascorso due anni in uno studio di definizione della carriera e stava per fare una svolta quando un giorno ha preso un diario e ha scoperto che qualcun altro era arrivato lì prima di lui. Era devastato e ha perso il suo entusiasmo per il suo lavoro. "La mia mente continuava a pensare a pensieri senza speranza", mi disse. "Mi ritrovavo a pensare:" Sei solo sfortunato; gli dei della scienza non ti permetteranno mai di avere successo ". Non volevo nemmeno andare al laboratorio. "

Ha imparato a superare la sua disperazione usando una combinazione di tattiche: consapevolezza ("È solo un pensiero"), rispondendo ("Le cose andranno meglio!") E preghiera. Mi disse che sapeva che aveva iniziato a staccarsi (la parola che usava, in realtà, era guarire) quando si rese conto di quanto aveva imparato dalla ricerca che aveva fatto e di come sarebbe tornato utile in seguito.

Fase quattro: azione creativa

Lo scienziato avrà raggiunto il quarto stadio del distacco quando sarà in grado di iniziare qualcosa di nuovo con un vero entusiasmo per farlo, piuttosto che per la necessità di dimostrare qualcosa.

La perdita o il desiderio possono paralizzarci, così che ci troviamo senza la volontà di agire o altrimenti di agire in modi privi di significato e inefficaci. Uno dei motivi per cui dedichiamo tempo all'elaborazione è che quando agiamo, non siamo paralizzati dalla paura o spinti dal bisogno frenetico di fare qualcosa (qualsiasi cosa!) Per convincerci che abbiamo un certo grado di controllo. Nelle prime fasi della perdita, o nella morsa di un forte desiderio, a volte è meglio fare il minimo per la sopravvivenza di base. Man mano che avanzi nell'elaborazione, tuttavia, idee e piani inizieranno a ribollire dentro di te e proverai un reale interesse a realizzarli. Questo è il momento in cui puoi intraprendere un'azione creativa.

Fase cinque: libertà

Hai raggiunto questo stadio quando pensare alla tua perdita (o alla cosa che desideri) non interferisce con i tuoi normali sentimenti di benessere. Il desiderio, la paura e la disperazione sono profondamente radicati nella nostra psiche e sentiamo la loro attrazione ogni volta che esiste un residuo di attaccamento. Sappiamo che abbiamo iniziato a ottenere un vero distacco in una situazione in cui possiamo contemplare ciò che sta accadendo senza essere immediatamente accecati da questi sentimenti.

Il quinto stadio è uno stato di vera liberazione, che il saggio Abhinavagupta descrive come la sensazione di mettere giù un pesante fardello. Non è cosa da poco. Ogni volta che ci liberiamo da uno di quei sentimenti appiccicosi, sblocciamo un altro anello in quella che i testi yogici chiamano la catena della schiavitù.

Vedi anche  Alimenta il tuo spirito: ottieni la vera meditazione

Pratica il distacco come offerta

Che lo facciamo quotidianamente o come un modo per affrontare un grosso dosso sulla nostra strada, praticare il distacco è più facile se lo facciamo con un atteggiamento morbido. Ho un enorme rispetto per l'approccio del guerriero Zen alla vita interiore, quella in cui rinunci eroicamente alle tue debolezze e resisti alle cose difficili, forse usando il tuo senso dell'umorismo per darti il ​​potere di andare avanti. Ma quando provo a staccarmi in quel modo, sembra portare a una sorta di congelamento emotivo.

Quindi, invece, il modo in cui mi facilito verso il distacco è praticare l'offerta. Mi connetto alla Presenza interiore (i testi vedantici lo chiamano Essere / Consapevolezza / Beatitudine), e poi offro qualunque cosa stia facendo, qualunque cosa intenda o voglia, o qualunque cosa stia cercando di ottenere libero da. Questo è il metodo consacrato dal tempo esposto nella Bhagavad Gita: offri a Dio i frutti del tuo lavoro.

Ogni tradizione spirituale include una qualche forma di offerta (e una qualche forma di Dio), ma per la pratica del distacco, i due modi più potenti per offrire sono dedicare le tue azioni e voltare le tue paure, desideri, dubbi e ostacoli all'unica Coscienza . Offrire le nostre azioni ci aiuta ad addestrarci a fare le cose non per alcun guadagno particolare o scopo personale, ma semplicemente come un atto di lode o gratitudine, o come un modo per unire la nostra coscienza alla Coscienza più grande. Offrire i nostri desideri, paure e dubbi allenta la presa che hanno su di noi, ricordandoci di confidare nella Presenza, la fonte sia dei nostri desideri che della loro realizzazione.

Ecco come potrebbe essere la pratica dell'offerta.

In primo luogo, richiama alla mente il livello di realtà più ampio e benigno a cui puoi connetterti: che si tratti dell'umanità, di un particolare insegnante o di una forma divina, di un senso di unità o semplicemente del grande collettivo del mondo naturale: esseri umani, animali, piante. , la terra e l'aria, le stelle e i pianeti e lo spazio stesso. O semplicemente diventa consapevole del tuo stesso essere, della Presenza o energia che sembra più essenziale per la tua vita.

Dopo averlo fatto, ricorda l'azione che stai per compiere o il risultato che speri di ottenere. Fallo mentalmente un'offerta alla Presenza. Puoi dire qualcosa del tipo: "Lo offro alla fonte di tutto, chiedendo che venga realizzato nel miglior modo possibile". Se il tuo problema è un forte attaccamento o qualcosa che ti disturba su te stesso, sulla tua vita o su qualcun altro, ricordalo e offrilo. Potreste dire: "Possa esserci equilibrio e armonia in questa situazione", "Che le cose funzionino a beneficio di tutti" o "Che le cose funzionino secondo il bene supremo".

Se ci tieni profondamente a ciò che offri, il tuo desiderio di una relazione particolare o il tuo desiderio di benessere tuo o di qualcuno che ami, potresti notare che sei riluttante a lasciarlo andare. Se è così, offrilo di nuovo. Continua a offrirlo finché non senti un allentamento della tua identificazione con la tua speranza, paura, desiderio, rabbia o sentimento di ingiustizia. Ogni volta che senti la stretta dell'attaccamento, offrilo di nuovo.

Dopo aver fatto l'offerta, lasciati indugiare nello spazio dei sentimenti che hai creato dentro di te. La forza nutritiva della Presenza è l'unico potere che dissolve realmente le paure e gli attaccamenti. Più conosciamo quell'energia vasta e benigna, più ci rendiamo conto che è la fonte del nostro potere e del nostro amore. Ed è allora che il nostro distacco diventa qualcosa di più grande - non il distacco dal desiderio o dalla paura, ma la consapevolezza che ciò che siamo è così grande, può contenere tutti i nostri sentimenti più piccoli dentro di sé ed essere ancora completamente liberi.

Vedi anche  Life Happens: The Yoga Sutra's Take On Suffering

Circa il nostro autore

In qualità di editorialista di lunga data di Yoga Journal, Sally Kempton utilizza la filosofia Tantra, le tecniche di meditazione e i miti indù per far luce sulle sfide quotidiane e aiutare i lettori a vivere appieno il loro yoga. Oltre ai suoi libri di meditazione e ai suoi programmi audio, puoi trovare i suoi insegnamenti attraverso i suoi corsi online e ritiri di meditazione in tutto il mondo.

Raccomandato

Posa della sfida: posa completa del Signore dei pesci
I migliori set di tappetini da yoga
Hai bisogno di un buon allenamento? Queste 10 sequenze principali ti accenderanno