In che modo lo yoga è come i grati morti?

Di Dave Romanelli

Il mese scorso ho avuto l'onore di tenere un nuovo seminario, "The Grateful Dead Yoga Hour", alla Yoga Journal Conference a San Francisco. ( Guarda il video che riassume l'esperienza. )

Negli ultimi 7 anni ho girato gli Stati Uniti per condividere i miei seminari su Yoga e cioccolato, Yoga e vino e Yoga per buongustai. Queste lezioni sono molto divertenti. Ma continuavo a pensare che volevo fare ancora di più per catturare quel delizioso senso di vivere il momento che si trova in questo tipo di esperienze sensoriali. E l'unica cosa che so che suscita più sensazioni in me del cioccolato, del vino e dello yoga è ... The Grateful Dead!

Quando ho iniziato a fare yoga nel 1996, un anno dopo la morte di Jerry Garcia, ho notato subito le somiglianze tra le comunità. Negli studi di yoga a Phoenix, avremmo concerti di kirtan e feste potluck in cui le persone portavano burritos vegetariani e distribuivano deliziosi abbracci. Hmmmm, qualcosa in queste feste di yoga mi sembrava familiare dall'atmosfera amorevole del parcheggio che avevo sperimentato durante e intorno ai concerti di Dead.

Le somiglianze non finiscono con gli abbracci e i burritos grassi.

Come lo yoga e la sua industria circostante, i Morti ei suoi seguaci furono spesso fraintesi e persino licenziati. Ma questo non era semplicemente uno spettacolo di musica hippie. La stessa The Dead divenne un'azienda autosufficiente che promuoveva le idee della comunità (impiegava dozzine di membri della "famiglia" di lunga data, creando un'intera industria artigianale) e l'eco-responsabilità (il suo motto "non lasciare altro che impronte" era il precursore di eco-valori dei festival moderni). E ha funzionato. Al culmine della sua popolarità tra il 1990 e il 1995, il LA Times ha riferito che i Grateful Dead hanno incassato più di 225 milioni di dollari in biglietti per concerti in Nord America.

Per coloro che amavano i Grateful Dead, non si trattava di affari, ovviamente, ma dei suoni scintillanti provenienti dalla chitarra di Jerry Garcia, l'atmosfera carnevalesca, la comunità, l'esperienza del parcheggio, il profumo del divertimento e, naturalmente, quei burritos grassi vegetariani bollenti. Alla fine dell'estate scorsa, quando ho proposto per la prima volta al team della Yoga Journal Conference l'idea di tenere un corso che abbini musica e ricordi dei Grateful Dead con lo yoga, ho inviato un messaggio chiedendo agli yogi di tutta la nazione i loro pensieri e ricordi. Tra le risposte ho sentito descrizioni come "comunità", "connesso", "mi dà speranza", "mi fa sorridere", "una festa sensoriale". The Dead ha evocato emozioni, connessioni e una passione che colpisce il cuore e l'anima.

Allo stesso modo gli yogi possono apprezzare l'industria dello yoga (le conferenze, le riviste, la possibilità di acquistare fantastici vestiti da yoga con motti che riflettono i nostri valori e ci permettono di muoverci comodamente durante le asana), ma noi facciamo la pratica per come ci centra e crea consapevolezza dei nostri corpi, per l'ispirazione e l'amicizia che proviamo con i nostri insegnanti e compagni di classe, per il meraviglioso senso di comunità che sperimentiamo facendo parte di un movimento più ampio e aggiungendo le nostre voci all'Om collettivo che inviamo nell'universo.

Ma soprattutto, credo che la somiglianza più potente tra lo yoga e i Grateful Dead sia il messaggio intrinseco da vivere nel momento.

Mentre è così facile guardare indietro a un'epoca d'oro nel nostro passato (per alcuni, potrebbero essere i giorni in cui andavamo agli spettacoli di Dead) come i migliori giorni e momenti della nostra vita, la verità è:

ORA è sempre il momento migliore della vita. Nonostante sia gloria o dolore, questo momento è il momento MIGLIORE perché è l'unico momento.

O come cantava Jerry Garcia in "Ramble on Rose":

" L'erba non è più verde

Il vino non è più dolce

Su entrambi i lati della collina. "

Dal 2004, David Romanelli ha viaggiato per il mondo condividendo le sue esperienze di Yoga for Foodies, Yoga + Chocolate e Yoga + Wine. Il lavoro di David è stato pubblicato su Food & Wine, The New York Times, Newsweek e Oprah Magazine; e il suo libro Yeah Dave's Guide to Livin the Moment ha raggiunto il primo posto nella lista dei bestseller di Amazon Self-Help. Dai un'occhiata al suo sito web: www.yeahdave.com e seguilo su Facebook, Twitter e Pinterest.

Raccomandato

Le migliori bande di bottino
I migliori integratori CLA
7 passaggi per sfidare la gravità e l'equilibrio in verticale