Intervista a YJ: Patricia Walden

Cresciuta a Newton, Massachusetts, negli anni '60, Patricia Walden era sempre alla ricerca di qualcosa di più. Quel "qualcosa in più" si è rivelato essere praticare yoga, studiare con il venerato maestro BKS Iyengar e insegnare lezioni a livello internazionale. Sulla strada per trovare la sua pratica, ha vissuto le conseguenze dell'estate dell'amore a San Francisco, ha usato l'eroina di tanto in tanto per alcuni anni ed è sopravvissuta a due matrimoni interrotti. Oggi, un Walden molto più pacifico è tornato in Massachusetts ed è considerato uno degli insegnanti di yoga più stimati al mondo.

Come ti ha influenzato crescere negli anni '60? La generazione beatnik stava accadendo. Bob Dylan non era ancora diventato elettrico e Joan Baez era popolare. Queste anime gemelle sono diventate i miei modelli di comportamento. Ho fatto l'autostop ai loro concerti nel 1966 e nel 1967. È stato magico.

Come sei arrivato a San Francisco? Prima di andare in California, vivevo in una comune con scrittori. L'LSD mi ha aperto la porta. Ho letto di San Francisco, Allen Ginsberg e di un modo di vivere liberamente. Sono andato a San Francisco con un cuore totalmente aperto. Pensavo di trovare l'oro: l'illuminazione, una comunità. Non è andata così. Quando sono arrivato, l'era hippie era diventata oscura: la gente faceva uso di droghe pesanti come le metanfetamine. Per alcuni anni ho sparato all'eroina. Sono fortunato di essere vivo.

Come hai trovato lo yoga? Ho incontrato qualcuno che insegnava e la prima posa che ho imparato è stata la posizione sulle spalle. Ho sentito il vuoto. Quando ho fatto la posa, mi sono sentito completo, presente, nutrito. Quei 10 minuti sono stati un punto di svolta.

Come hai conosciuto il signor Iyengar? Era una bella giornata di sole di maggio del 1976 a Wellesley, Massachusetts, durante il suo secondo tour negli Stati Uniti. Salì sul palco vestito tutto di bianco. A quei tempi, gli insegnanti sedevano davanti alla stanza e non aggiustavano le persone. Iyengar girò intorno, ci guardò intensamente e ci aggiustò. La sua energia è entrata nelle mie stesse cellule. Alcune persone erano spaventate, dicendo: "È cattivo". Mi sono sentito visto e ho pensato: "Ho aspettato per tutta la vita un'esperienza come questa". Il febbraio successivo sono andato a Pune, in India, e ho fatto il mio primo corso intensivo con lui. Ci sono andato ogni anno da allora.

Quando hai preso sul serio l'insegnamento? Il mio secondo matrimonio non aveva funzionato e la mia pratica non era soddisfacente. Avevo vissuto in una villa, poi mi sono trasferito in un minuscolo appartamento. Ho passato molto tempo da solo. Sono stato devastato per un po '. Ma poi la mia pratica è decollata nel 1982.

Come ti sei sentito riguardo al tuo primo video, Yoga for Beginners ? Sono un introverso, quindi inizialmente ho detto di no. Ma mi sono convinto. Il sottotitolo era La migliore lezione che potrai mai prendere è ora in video . Ero imbarazzato. Il mio insegnante era un maestro, non io! Preferisco condurre un ritiro, ma fare video è un certo tipo di soddisfazione. Le persone che li acquistano potrebbero non trovare lo yoga altrimenti.

Hai bambini? Avevo un figlio e lo diedi in adozione a San Francisco. Ho fatto quasi tutto quello che volevo fare nella mia vita, ma l'unica cosa che non ho fatto è trovare mio figlio.

Raccomandato

10 cose che Burning Man ha insegnato a questo Yogini sulla vita
Fatto a mano
Recupero da lesioni al tendine del tendine del ginocchio superiore