Coltiva Ahimsa (non dannoso) sul tappeto

Incorpora ahimsa (non dannoso) nella tua pratica yoga con un asana, un mantra e un mudra per aiutare a mettere a fuoco i modi sottili e non così sottili che lo yama si svolge nella tua vita.

Ahimsa si traduce in "non nuocere" o "non violenza" e ci guida a vivere in un modo che coltiva un senso di pace con noi stessi e con il mondo che ci circonda. Per incorporare ahimsa nella tua vita e pratica, inizia con la posa, mudra (gesto della mano e delle dita) e mantra (un'espressione sacra ripetuta continuamente) di seguito. Fai questa pratica da solo, aggiungi più pose con la sequenza video di 10 minuti di accompagnamento o collega tutti gli yama e i niyama insieme, una posa come una volta, formando una sequenza.

Vedi anche "Ahimsa significa che non posso mangiare carne?"

Ahimsa Yoga pratica

Mantieni la posa, con il suo mudra, per 3-5 respiri, cantando consapevolmente, ad alta voce o internamente, il mantra che lo accompagna.

Asana: Virabhadrasana I (Warrior I Pose)

Da Adho Mukha Svanasana (Posizione del cane rivolto verso il basso), porta il piede destro verso la mano destra. Abbassa il tallone posteriore con un angolo di 30 gradi e radica entrambi i piedi mentre sollevi la parte superiore del corpo dalla gamba destra. Impila le spalle sui fianchi e guarda in avanti. 

Mudra: Padma (Lotus Mudra)

Unisci le mani al tuo cuore con le dita divaricate, nel gesto di Padma (Lotus) Mudra. Traete ispirazione dalla purezza e dalla perseveranza del fiore di loto che fluttua sopra le acque fangose ​​del desiderio, della paura e dell'attaccamento, i sentimenti che ci fanno scagliare contro gli altri o noi stessi.

Meditazione: Warrior Energy

Quando senti il ​​tuo corpo fisico che si allinea, medita sull'omonimo della posa: Virabhadrasana (Warrior Pose I). Vira significa "eroe" o "guerriero" e bhadra significa "con grande virtù". Applica il concetto di non nuocere con la forza e la grazia di un guerriero. Sintonizza la tua energia guerriera con le virtù della pace e del non danneggiare te stesso, gli altri e l'ambiente.

Mantra:  Lokah samastah sukhino bhavantu

Chant Lokah samastah sukhino bhavantu (“Possano gli esseri in tutti i regni sperimentare lo stato di agio”) per tre round.

Guarda il video

Per legare tutto insieme o per approfondire il tuo lavoro sull'ahimsa , prova questa  pacifica pratica di 10 minuti con Coral Brown .

Fatene una sequenza

Per collegare queste pratiche yama e niyama in un'unica sequenza, pratica Warrior I (Ahimsa), Crescent Lunge (Satya) e Warrior III (Asteya) sul lato destro prima di muoverti a sinistra.

PROSSIMA PRATICA YAMA  Satya (veridicità)

TORNA A  Vivi il tuo yoga: scopri Yama + Niyama

Raccomandato

Master Class con Kathryn Budig: Firefly (Tittibhasana)
The Yoga Journal Makeovers Parte II: Tales of Transformation
Wake Up and Flow: una playlist di yoga di 60 minuti per uccidere il giorno