Domande e risposte con la fondatrice di Strala Tara Stiles

Tara Stiles ha fatto molta strada dai campi di grano dell'Illinois della sua giovinezza. Con un totale di 221.000 follower su Facebook, Twitter e Instagram, 22 milioni di visualizzazioni dei suoi video di tutorial sullo yoga sul suo canale YouTube, un'amicizia con Deepak Chopra e una collaborazione con la Clinton Foundation Alliance for a Healthier Generation (sì, lei è incontrato Bill!), ha preso d'assalto la scena dello yoga. Il suo stile di insegnamento arioso smentisce le sue lunghe ore di duro lavoro e dedizione alla sua pratica e alle sue attività. È anche un punto dolente tra alcuni yogi più tradizionali: persino il New York Times l'ha soprannominata "Yoga ribelle". Yoga Journal ha incontrato lo spirito libero saggio quest'estate.

Diario di yoga:Come sei stato introdotto allo yoga?

Tara Stiles: I miei genitori erano hippy straight-edge. Non stavano facendo yoga di per sé, ma stavano facendo tutte le cose dello stile di vita yoga. Hanno costruito la loro casa, avevamo una fattoria biologica ed erano consapevoli di prendersi cura di tutti e di essere brave persone. Penso che sia stata una grande influenza. Successivamente, ho fatto danza classica ed è stato esposto allo yoga in un programma di danza del conservatorio a Chicago. Il mio insegnante era davvero preso da Paramahansa Yogananda.

Vedi anche Perché Paramahansa Yogananda era un uomo prima del suo tempo

YJ:Dove ti sei allenato alla fine?

TS:  Circa un anno dopo essermi trasferito a New York, nel 2000, sono entrato nella classe di Amy Ippoliti alla Crunch Gym. Pensavo che fosse una persona fantastica e simpatica [e] all'epoca insegnava le cose di John Friend. Ha finito per chiedermi di fare il suo allenamento e ho pensato che sarebbe stato un ottimo modo per fare amicizia! Da allora è andata avanti e non è più coinvolta con Anusara.

YJ:Cosa ti ha fatto decidere per la prima volta di iniziare a insegnare?

TS: Un grande punto di svolta è stato quando ho capito che avrei potuto trasformare il mio interesse nella mia vita. Ho modellato per una rivista sulla salute e mi hanno offerto $ 250 al mese per scrivere sullo yoga, che all'epoca sembrava molto! L'ho visto come un ottimo inizio. Nel 2006, ho iniziato a fare video su YouTube che sono diventati popolari rapidamente, e così ho aperto un piccolo studio nel mio appartamento ea casa del mio ragazzo nel Flatiron District a Manhattan. Le cose si sono ampliate, ma quel lavoro di scrittura da $ 250 è stato simbolico ed eccitante per me.

YJ:Hai descritto il tuo stile di yoga come aiutare le persone a "fare di più con meno sforzo". Questo spiega la tua filosofia di movimento dello yoga?

TS:  Gli atleti al top del loro gioco parlano sempre di come trovano la propria strada e di come si muovono ed esplorano nei loro corpi. Non si limitano a eseguire i cinque passaggi di questo o i tre passaggi di quello, o a spirale questo o risucchio quello. Non stanno abbracciando alcun muscolo nelle ossa quando corrono una maratona. Stanno semplicemente correndo la maratona. Questo è il nostro approccio: diamo alle persone modi e opzioni per esplorare e diciamo: "Se per te non funziona, trova un altro modo". E poi, le persone stanno facendo cose davvero avanzate molto facilmente e non sanno nemmeno di essere avanzate. 

YJ: L'allineamento viene de-enfatizzato quando insegni in questo modo orientato al movimento?

TS:  Niente affatto. Ho sempre pensato che l'allineamento avvenga dall'interno verso l'esterno. Quindi avere persone che si fanno strada nei movimenti e nelle posizioni mette effettivamente tutti nell'allineamento che funziona per loro. Ovviamente, ci assicuriamo di mantenere le persone al sicuro, ma la mia principale enfasi è sulla facilità e sul rilassamento, invece di mettere il tuo corpo in forme esterne dall'esterno all'interno.

YJ: In questi giorni, sempre più insegnanti stanno rimuovendo i nomi sanscriti per gli asana. Come sei arrivato a questa decisione?

TS: Ilo considerava un fattore limitante. I medici non parlano in latino, quindi perché usare una lingua che non comunica chiaramente cosa sta succedendo? All'inizio era una specie di semi-inconscio. Invece di dire Utkatasana o Chair Pose, direi: "Affonda i fianchi, inspira profondamente, solleva le braccia e poi espira" e poi passa a qualcos'altro. Ho visto persone scoprire cose nuove in ogni posa quando smettevano di assumere la stessa posizione triangolare che avevano assunto il giorno prima.

YJ: Alcuni direbbero che stai perdendo il punto rimuovendo le basi culturali e filosofiche dell'asana che insegni. Come rispondi a questo?

TS: Itipo di non importa. Non sto cercando di convertire il mondo, né sono critico nei confronti dei percorsi degli altri. La filosofia è dentro; non è qualcosa che si legge e si memorizza e si ottiene giusto o sbagliato. Il valore che offro è condurre le persone nella loro esperienza diretta e quel processo è personale, che è l'essenza della filosofia yoga per me. Alla fine della giornata, non stiamo solo cercando di connetterci ed essere gentili gli uni con gli altri?

YJ:Il tuo muro di Polaroid allo studio Strala di New York City sembra parlare di questo legame.

TS:  L'intera atmosfera dello studio riguarda il divertimento. È un po 'come Saluti senza alcol. Un giorno ho messo una macchina fotografica sulla scrivania e le persone hanno iniziato a scattarsi delle polaroid a vicenda; abbiamo iniziato a metterli sul muro nell'area di ingresso dello studio. Non ci sono Shiva Nataraja o statue di Buddha. È tutto aperto, pulito e spazioso, così le persone possono avere la propria esperienza ogni volta.

YJ: Quanti studi di Strala Yoga ci sono?

TS:  Due. L'originale a New York, e abbiamo appena aperto il nostro secondo, a Seattle. Entro la fine del 2014, abbiamo in programma di aprire e gestire studi partner a Toronto, Parigi e possibilmente a Chicago. Collaboriamo anche con alcune catene di palestre: Sports Club LA a Boston, New York, DC, Miami e San Francisco e Club Med Gym a Parigi. E abbiamo una nuova partnership con il gruppo W Hotels per produrre fantastici video di yoga in camera da riprodurre nei loro hotel in tutto il mondo: yoga per il jet lag, una sferzata di energia e altro ancora. Sto organizzando ritiri quest'anno a Vieques, Verbier, Bali e alle Maldive come parte del lancio. Sono eventi a tutto campo: lezioni con un DJ, un menu speciale di cibo. Così divertente!

YJ: Perché chiami i tuoi insegnanti di Strala guide?

TS:  Se stai scalando una montagna, le guide sono essenziali e sanno come tenerti al sicuro. Salite insieme. E non ci sono studenti a Strala. Li chiamiamo semplicemente guide e persone. Toglie la pressione. Insegniamo alle nostre guide come condurre una classe, in modo molto semplice, efficace e potente, e come non spegnere nessuno nella stanza. Lo manteniamo aperto e premuroso, semplice e chiaro. Ora ci sono poco meno di 1.000 guide Strala in una dozzina di paesi. Siamo nuovi, ma stiamo crescendo abbastanza velocemente.

YJ: Hai esortato le persone a non nascondersi dietro i loro corpi. Cosa intendi con questo?

TS: Iparlare molto di facilità, sentirsi a proprio agio e liberi, essere veramente intuitivi e conoscere se stessi. Questo non ha nulla a che fare con l'essere o il voler essere di una certa taglia o tipo. Sta togliendo l'ansia dal fisico ed essere esattamente nel fisico allo stesso tempo. Prendersi cura di se stessi è la cosa numero uno. Smettila di preoccuparti di come appare. Che importa? Se ti senti bene, avrai un bell'aspetto. Irradierete luce, che è l'intera idea di Strala [che significa irradiare luce, in svedese]. 

YJ: La musica sembra davvero importante per la filosofia dell'insegnamento di Strala.

TS: La musica è grande per noi. Tutte le lezioni di Strala vengono insegnate alla musica e abbiamo una playlist del mese su Spotify. La nostra selezione musicale è basata su determinati temi dalla comunità, ma le guide sono libere di creare le proprie playlist.

YJ: Puoi darci un'idea della tua pratica?

TS: Tengo un tappetino fuori nel mio soggiorno e ci salgo sopra la mattina prima di andare a condurre una lezione. Circa 10 minuti di movimento fanno il trucco per me. Ogni giorno è diverso - a volte più energico, a volte più facile da aprire - a seconda di come si sente il mio corpo. Ho anche due coperte impilate nel mio soggiorno che mi ricordano di sedermi e meditare. Di solito ci arrivo per almeno 5 o 10 minuti, ma onestamente, non succede tutti i giorni. Tuttavia, noto un'enorme differenza quando medito regolarmente; Mi sento più spazioso, calmo e tranquillo.

YJ: Hai un talento per costruire comunità. Qual è il tuo segreto?

TS: Mi è sempre piaciuta l'idea della condivisione e della connessione, ei social media sono stati uno strumento per questo. È abbastanza naturale per me condividere ciò che è interessante per me e ciò che penso possa essere utile per gli altri. È divertente e non l'ho mai visto come un obbligo. Penso che le persone si sentano frustrate e esauste quando tentano di utilizzare i social media come strumento di promozione più che come connessione personale.

YJ:Hai lavorato con Deepak Chopra su DVD e un'app. Come lo hai incontrato?

TS: Ho ricevuto un'e-mail in cui mi chiedevo se volevo tenere una lezione di yoga a un evento in cui Deepak stava parlando. Ho detto: "Sì!" Quindi gli ho twittato e abbiamo avviato una conversazione all'evento. Ha portato a collaborare all'app Authentic Yoga e mi ha chiesto di insegnargli yoga. Ero tipo, 'Dai, non hai bisogno che nessuno ti insegni yoga! È ridicolo.' Ma voleva che lo guidassi attraverso quello che insegno, quindi l'ho fatto. Siamo amici.

YJ: Hai un nuovo libro, Make Your Own Rules Diet, in uscita a novembre. Come applichi la pratica dello yoga a un'alimentazione sana?

TS:  Dalla mia esperienza, quando pratichi in modo disinvolto, ti senti molto meglio. E quando ti senti bene, tutte queste fantastiche cose chimiche accadono per ricablare il tuo cervello per aiutarti a metterti in contatto con come ti senti quando mangi certe cose. Quindi inizi a desiderare cibi più sani che ti fanno sentire meglio invece di cibi trasformati.

YJ: Parli regolarmente dell'uso dell'intuizione per costruire un business e una vita sana. In che modo l'intuizione influisce sulla tua vita e sui processi decisionali?

TS:  Per me è stato qualcosa di così forte, come un grande segno per andare in questo modo o quello. È diventato radicato dopo anni di meditazione e di uscire con amici e mentori stimolanti. Voglio assicurarmi che ciò che sto facendo abbia un valore significativo e la mia intuizione mi aiuta ad accedere a tale intenzione. Se mai mi sento come se stessi prendendo una decisione basata esclusivamente sulle finanze o sulla paura, di solito è la decisione sbagliata. È una voce dentro che so avere ragione. Mi prendo il tempo per ascoltare e poi so di essere sulla strada giusta e di prendere la decisione giusta.

YJ: Qualche consiglio per migliorare la fiducia nel proprio intuito?

TS: Ipenso che stia facendo regolarmente qualcosa di meditativo che nutre davvero quella parte di te, e tutti sanno intuitivamente cosa significa per loro. Per alcune persone si tratta di giardinaggio, per alcuni è seduto per cinque minuti al mattino e respira, per alcuni va a lezione di yoga religiosamente. Qualsiasi pratica che sintonizzi le distrazioni della tua mente e delle cose esterne ti permetterà di tornare a quella voce interiore. Quando lo fai, le cose di solito iniziano a sistemarsi.

INOLTRE: Tara Stiles ci mostra come prepararci per le seguenti pose:

Preparati per gli spaccati

Preparati per la verticale

Preparati per Flying Crow

Original text


Raccomandato

Lo yoga è pericoloso per le donne?
3 pose preparatorie per l'equilibrio dell'avambraccio (Pincha Mayurasana)
Solleva il tuo spirito con questi oli essenziali equilibranti Dosha