I 3 consigli dello chef Nanditha Ram per la cucina ayurvedica

L'autunno ci fa desiderare cibi caldi e bilanciati dal vata, quindi ci ha fatto venire fame parlare con Nanditha Ram, una chef, yogi e scrittrice nata in India e in Nuova Zelanda che incorpora i principi ayurvedici nel cibo che serve nel suo nuovo organico Ristorante indiano, Manna. Di seguito, la 42enne rivela i suoi 3 migliori consigli di cucina ayurvedica e condivide con Paneer la sua ricetta "appetitosa" per il curry di anacardi.

Vedi anche  Ringiovanire con una pulizia ayurvedica anticaduta di 4 giorni

Yoga Journal: come ti sei interessato all'Ayurveda?

Nanditha Ram: Il mio interesse per l'Ayurveda ha le sue radici nello yoga. Lo yoga è stato un amore per tutta la vita (Ram ha insegnato yoga a fasi alterne da quando ha completato un programma di formazione per insegnanti nell'hatha yoga classico nel 1998) e la gestione dello stile di vita yogico è sempre stata un punto di interesse. È qui che avviene il crossover con l'Ayurveda, in quello spazio in cui combiniamo gli strumenti yogici con una dieta salutare, ed è proprio lì che ho iniziato a esplorare la cucina ayurvedica e la combinazione di cibi. Ora è diventato parte integrante del modo in cui lavoro con il cibo e certamente rende Manna unica.

YJ: Come ti sei formato per diventare uno chef?

NR: Non ho una formazione formale nelle arti culinarie. Tuttavia, sono cresciuto in una famiglia circondata da cuochi fenomenali e amanti del cibo. Crescendo, non ho mai cucinato molto; Ho solo visto mia madre cucinare. La cucina era un luogo in cui i miei sensi avrebbero preso vita. Era anche abbastanza comune vedere grandi vasi di erbe cuocere a fuoco lento per ore prima di ridursi a una potente pasta medicinale chiamata lehiyam. Mi sedevo sulla panchina e guardavo, chiacchierando incessantemente con la mamma di tutto e di niente. Ascoltava bene e io osservavo bene. Questo era una specie di spazio di condivisione. Ed è così che ho imparato a cucinare, lasciando che l'occhio diriga le informazioni nel mio sangue e nelle mie ossa. E quando fu il momento giusto, l'innatezza dell'abilità iniziò a esprimersi.

YJ: Perché hai deciso di lanciare il tuo nuovo ristorante?

NR:La nostra attività è un ristorante indiano biologico da asporto chiamato Manna (che significa nutrimento dal cielo) a Takaka, Golden Bay, South Island, in Nuova Zelanda. Abbiamo lanciato nel bel mezzo dell'estate neozelandese nel febbraio 2016. Scherziamo sempre tra di noi (la famiglia) che tutti e tre i nostri figli sono nati a febbraio: nostra figlia, Anahata (13), nostro figlio Arjuna (9), e Manna, che ora ha quasi 8 mesi. Parlavamo da molto tempo di avviare un ristorante. Quando ci siamo trasferiti a Golden Bay, ci siamo resi conto che non c'era molta diversità, anche nel cibo. Il posto è assolutamente incredibile con molti ristoranti e caffè, ma non uno indiano in vista! Quella era un'opportunità, combinata con un vero amore per la creazione di cibi deliziosi e nutrienti. Fu un incontro di tante energie e Manna,nasce il primo ristorante indiano biologico in Nuova Zelanda.

YJ: Come incorpori la saggezza ayurvedica nella tua cucina?

NR: Sono sempre stato un appassionato innovatore per quanto riguarda il cibo. Amo le nuove espressioni del vecchio. Vale a dire, mantieni la saggezza in ciò che è autentico e testato nel tempo, ma sii libero di innovare all'interno di quel quadro. In quel contesto, la cucina ayurvedica e l'idea che la lingua sia una porta per una coscienza superiore mi ha intrigato a lungo. Manna assume spesso l'avatar di un parco giochi o di un laboratorio in cui sperimento vari tipi di combinazioni di cibo per vedere cosa si trova bene nel mio intestino e così via. Credo nella cucina con tutti i miei sensi. Cucinare è un'esperienza per il corpo e per l'anima. C'è una grande quantità di intuizioni coinvolte nella cucina. Devi sentirlo, annusarlo, assaggiarlo, odiarlo, amarlo e migliorarlo! In questo processo, trovo spesso l'ispirazione per creare prodotti come burro chiarificato, sottaceti di vario genere (limone, verdure miste, peperoncino),tè alla curcuma e chai masala, per citarne solo alcuni. Faccio tutti i masala (miscele di spezie) per la mia cucina da Manna, e sono anche prodotti sul nostro scaffale. Il ghee, come sappiamo, è un alimento altamente medicinale se combinato correttamente e mangiato in quantità moderate. Ha anche la capacità di esercitare le proprietà medicinali delle erbe o delle spezie con cui è infuso. L'elenco dei prodotti in lavorazione [alla Manna] è piuttosto lungo, ma per il momento siamo concentrati sul confezionamento di salse al curry biologiche per un comodo utilizzo domestico e crediamo onestamente che un buon prodotto alimentare inizi con un'invocazione a tutto ciò è puro in questo universo! Questo è un approccio ayurvedico alla cucina come qualsiasi altra cosa.come sappiamo, è un alimento altamente medicinale se combinato correttamente e consumato in quantità moderate. Ha anche la capacità di portare avanti le proprietà medicinali delle erbe o delle spezie con cui è infuso. L'elenco dei prodotti in lavorazione [alla Manna] è piuttosto lungo, ma per il momento siamo concentrati sul confezionamento di salse al curry biologiche per un comodo utilizzo domestico, e onestamente crediamo che un buon prodotto alimentare inizi con un'invocazione a tutto ciò è puro in questo universo! Questo è un approccio ayurvedico alla cucina come qualsiasi altra cosa.come sappiamo, è un alimento altamente medicinale se combinato correttamente e consumato in quantità moderate. Ha anche la capacità di esercitare le proprietà medicinali delle erbe o delle spezie con cui è infuso. L'elenco dei prodotti in lavorazione [alla Manna] è piuttosto lungo, ma per il momento siamo concentrati sul confezionamento di salse al curry biologiche per un comodo utilizzo domestico e crediamo onestamente che un buon prodotto alimentare inizi con un'invocazione a tutto ciò è puro in questo universo! Questo è un approccio ayurvedico alla cucina come qualsiasi altra cosa.siamo concentrati sul confezionamento di salse al curry biologiche per un comodo utilizzo domestico e crediamo onestamente che un buon prodotto alimentare inizi con un'invocazione a tutto ciò che è puro in questo universo! Questo è un approccio ayurvedico alla cucina come qualsiasi altra cosa.siamo concentrati sul confezionamento di salse al curry biologiche per un comodo utilizzo domestico e crediamo onestamente che un buon prodotto alimentare inizi con un'invocazione a tutto ciò che è puro in questo universo! Questo è un approccio ayurvedico alla cucina come qualsiasi altra cosa.

YJ: Quali sono i principali vantaggi del mangiare secondo la saggezza ayurvedica e, più specificamente, secondo il tuo dosha?

NR: Il concetto di costituzione ( prakriti ) è il cuore dell'Ayurveda. L'Ayurveda classifica gli esseri umani in tipi di corpo basati sull'elemento predominante - fuoco, acqua o aria, e [spiega] i principi dinamici che governano il corpo, la mente e la coscienza. Questo è ciò che conosciamo come dosha. Ci sono tre dosha: vata, pitta e kapha. Vata rappresenta l'aria e lo spazio. Pitta rappresenta il fuoco e l'acqua. Kapha rappresenta l'acqua e la terra.

Ogni essere umano ha una combinazione di questi tre. Queste combinazioni, stabilite al momento del concepimento, diventano la base della prakriti. E poi c'è l'attuale stato di salute o vikruti, che si riflette in aspetti come dieta, stile di vita, emozioni, età e ambiente. Una dieta ayurvedica viene spesso prescritta come mezzo per colmare il divario tra prakriti e vikruti, al fine di ristabilire l'equilibrio e riportare il corpo alla neutralità. In sostanza, il cibo è medicina, anche per lo spirito. Mangiare secondo il proprio tipo di corpo e costituzione ripristina l'equilibrio tra i tre elementi (fuoco, acqua e aria) e mantiene l'individuo sano nel corpo, nella mente e nello spirito.

Rispondi al nostro quiz: qual è il tuo Dosha?

YJ: Quali sono i tuoi 3 migliori consigli per cucinare e mangiare ispirati all'Ayurveda?

NR:

2. Mangia stagionalmente.

3. Tenere il fuoco digestivo, o agni, ben alimentato, poiché ciò migliorerà sempre la qualità della digestione. L'apparato digerente è la sede dell'immunità e della buona salute. In generale, i cibi freddi possono sedare il fuoco digestivo e rendere la digestione lenta. Ad esempio, l'acqua fredda o il succo freddo prima o durante la cena non sono una grande idea. D'altra parte, agni ama il succo di zenzero e limone con un rametto di coriandolo, un pizzico di sale nero e un goccio di miele: questo è un ottimo modo per attivare le ghiandole salivari, che a loro volta generano enzimi che assorbono il cibo dal corpo liscio e facile.

Vedi anche Beat Bloating: 5 trucchi ayurvedici quotidiani per una migliore digestione

YJ: Ci sono cibi ayurvedici che dovremmo mangiare quando il clima si fa più freddo?

NR: L' autunno è una stagione vata. Potremmo mangiare cibi che bilanciano il vata (frutta fresca come banane, albicocche, ciliegie, fichi freschi e datteri, papaia, mango, arance, pesche e verdure cotte come asparagi, finocchi, gombo, olive nere e zucca) per diventare tutt'uno con il tempo. La regola pratica per mangiare durante la stagione di vata è cibo caldo cotto a base di burro chiarificato. La stagione di Vata è fresca, secca e ventosa, quindi mangiare cibi caldi e grassi può essere eccellente per calmare la Vata. Ad esempio, un semplice mung dal kitchari con burro chiarificato è il piatto perfetto per l'autunno, poiché lenisce vata e può essere apprezzato da ogni tipo di corpo. Il curry di anacardi con paneer (formaggio indiano fatto in casa) e riso basmati è un altro delizioso piatto preferito, preparato con una deliziosa combinazione di spezie. Puoi sostituire il paneer con verdure o carne a tua scelta.

Original text


Nanditha Ram's Cashew Curry with Paneer

PER 4 PERSONE

Ingredienti:

Cipolla, 1 di media grandezza

Aglio, 2-4 chiodi di garofano

Zenzero, 1 pezzetto piccolo

Semi di cumino, 1 cucchiaino

Semi di coriandolo, mezzo cucchiaino

Pepe nero in grani, 1 cucchiaino, schiacciato o intero

Peperoncini rossi secchi, 2 (puoi schiacciarli e condirli con le spezie o tenerli interi)

Garam masala, 2 cucchiaini

Sale qb

Anacardi pre-ammollati in acqua tiepida e macinati in un latte di consistenza cremosa e liscia, 1 misurino

Pomodori, 4 grandi, tritati

Ghee o olio di girasole, 1 cucchiaino

Paneer, 100-150 grammi a persona, ovvero circa 8-10 cubetti di media grandezza

1. Scaldare l'olio in una padella.

2. Aggiungere le spezie (cumino, coriandolo, pepe nero in grani, peperoncini rossi essiccati), cipolla, zenzero e aglio. Rosolare fino a renderlo trasparente.

3. Mescolare il garam masala e il sale.

4. Aggiungere i pomodori tritati.

5. Incorporare mezza tazza d'acqua.

6. Lasciar bollire la salsa di pomodoro.

7. Aggiungere il paneer e il latte di anacardi cremoso e liscio che è stato macinato e tenuto da parte. Lascia sobbollire per un paio di minuti. In alternativa, rosola il paneer in un cucchiaino di burro chiarificato fino a quando i bordi non diventano di colore, quindi aggiungi al mix bollente di anacardi e pomodori. Servire con riso basmati fumante, infuso con zafferano o cardamomo.

Vedi anche  6 sapori ayurvedici per insalate soddisfacenti

IL NOSTRO ESPERTO

Nanditha Ram è una chef e una scrittrice. Il suo blog di yoga è stato recentemente inserito in un libro, attualmente intitolato On the Wings of Awareness: Yoga for Everyday Mindfulness , e la sua prima raccolta di racconti sarà presto pubblicata.

Raccomandato

Le migliori solette ad arco alto
"Pratica e tutto sta arrivando."
Kathryn Budig Challenge Pose: Ganda Bherundasana