6 passaggi per smettere di spettegolare + Perché è importante

I pettegolezzi possono causare problemi nella tua vita interiore così come nella tua vita esteriore. Ecco come tenerlo a freno.

Il mullah Nasruddin, la famosa figura di imbroglione mediorientale, una volta - così narra la storia - fece un pellegrinaggio con un prete e uno yogi. In questo viaggio spirituale, furono ispirati a purificarsi attraverso la mutua confessione. Decisero di confessarsi l'un l'altro il loro errore etico più imbarazzante. "Ho avuto una relazione con il mio assistente", ha detto lo yogi. "Una volta ho rubato 10.000 rupie alla chiesa", ha detto il prete. Nasruddin rimase in silenzio. Alla fine, gli altri dissero: "Dai, Mullah, è il tuo turno!"

Nasruddin disse: "Non sapevo come dirtelo, santi fratelli. Ma il mio peggior peccato è che sono un pettegolezzo compulsivo!" Questa favola taglia dritto al cuore paludoso della natura umana. La maggior parte di noi, se siamo onesti con noi stessi, ammetterà che siamo stati su entrambi i lati della corsia dei pettegolezzi. Certamente l'ho fatto. Sono stato io a confidare un segreto imbarazzante a un amico fidato, solo per scoprire un mese dopo che era diventato virale. Sono stato anche, con mia vergogna, quello che non ha potuto resistere alla condivisione di un'informazione succosa, anche quando significava tradire una fiducia.

Il pettegolezzo è una delle nostre dipendenze più condivise e, spesso, più inconsce. Le persone raramente si considerano dipendenti dai pettegolezzi, anche quando riempiono gli spazi vuoti in una conversazione con storie di conoscenze reciproche. Qualcuno come Adrian, che lascerà un messaggio nella tua casella vocale con l'intera storia dietro il recente licenziamento di John - ora, è un pettegolezzo. E così è Susan, che considera tutto ciò che dici un gioco leale per il suo blog. Ma questo tipo di condivisione compulsiva è uguale al tuo desiderio naturale di parlare a tua sorella se il fidanzato dell'altra sorella è giusto per lei? O il piacere che provi nel tormentare i problemi coniugali di un personaggio pubblico?

Forse no. Tuttavia, se dovessi passare una giornata a notare come parli delle altre persone, potresti iniziare a riconoscere una qualità leggermente compulsiva nel tuo desiderio di condividere le notizie. Forse lo fai per essere divertente o per alleggerire l'atmosfera. Forse il tuo impulso è puramente sociale, un modo per legare con gli altri. Ma chiunque abbia provato a smettere di spettegolare di solito scopre che non è un'abitudine facile da rompere. E questo dovrebbe dirti qualcosa sul motivo per cui le grandi tradizioni yogiche e spirituali sono così basse. Qualsiasi vero viaggio yogico, qualsiasi viaggio verso la maturità spirituale, a un certo punto richiederà che impari a osservare la tua tendenza al pettegolezzo e poi a controllarla.

Naturalmente, solo un eremita impegnato può astenersi completamente dal parlare di altre persone. Dopo tutto, se non spettegolassimo, di cosa parleremmo? Ordine pubblico? Principi yogici? Ebbene, sì, ma sempre? Lo psicologo evoluzionista Robin Dunbar sostiene che l'istinto del pettegolezzo è fondamentalmente cablato in noi e che il linguaggio si è evoluto perché i primi umani avevano bisogno di parlare l'uno dell'altro per sopravvivere come gruppi sociali. Riferisce anche di aver condotto uno studio sulla socialità sul posto di lavoro in cui lui ei suoi colleghi hanno scoperto che il 65% della conversazione in ufficio riguardava persone che parlavano - hai indovinato - se stesse o qualcun altro. Il suo punto: non possiamo fare a meno di spettegolare. Ciò che rende problematico il gossip non è che lo facciamo, ma come e perché lo facciamo.Alcuni tipi di pettegolezzi aiutano a ingrassare le ruote dell'interazione umana e contribuiscono al piacere umano. Altri tipi di pettegolezzi sono più simili a cibo spazzatura per la mente. E poi ci sono i pettegolezzi sgradevoli, quelli che creano spaccature tra le persone, rovinano la reputazione e persino distruggono le comunità.

Allora, come facciamo a distinguere tra pettegolezzi buoni e pettegolezzi dannosi? Quando il pettegolezzo è utile, o almeno innocuo? E come possiamo impegnarci nel tipo innocuo senza oltrepassare il limite?

Vedi anche  Yoga per adolescenti: 3 insegnamenti yogici per combattere il bullismo

Pettegolezzi buoni: capire le sfumature del dramma umano

Il pettegolezzo ha tre importanti funzioni sociali. In primo luogo, facilita lo scambio informale di informazioni. Dunbar sottolinea che il pettegolezzo è indispensabile per il funzionamento delle istituzioni. In un'università o in uno studio di yoga, gli studenti valutano informalmente gli insegnanti. Quando cerchi di trovare un insegnante o di conoscere una nuova persona, chiedi in giro e scopri cosa dicono di lui le persone diverse. George è qualcuno con cui dovrei lavorare? Cosa ne pensavano i tal dei tali dell'incontro?

Il pettegolezzo è anche, nel bene e nel male, una forma di monitoraggio sociale. È un modo in cui la società mantiene i suoi membri in linea. Se una persona o un'istituzione si comporta in modo irregolare o non etico, le persone inizieranno a parlarne. Gli psicologi evoluzionisti descrivono questo come il bisogno sociale di controllare i "free riders", cioè coloro che contribuiscono meno di quanto prendono. L'idea è che la paura che si sparga una voce possa impedire alle persone, ad esempio, di abusare dei propri familiari o di sfruttare i propri dipendenti.

Ma il mio argomento preferito per l'utilità del pettegolezzo è che ci dà un'idea di altri esseri umani e ci aiuta a capire le sfumature del dramma umano. Dio ama le storie, dice un proverbio chassidico, e così anche noi. Quando parli di altre persone, lo fai spesso in parte per amore di un racconto e in parte con un genuino spirito di indagine, il desiderio di svelare il mistero di un'altra persona. Perché pensi che l'abbia detto? Cosa mi insegna il suo comportamento su cosa fare e cosa non fare? È solo il modo in cui parla con le persone o ha qualcosa contro di me?

Bocca cattiva: come identificare i pettegolezzi buoni e cattivi

Ma poi, ovviamente, oltrepassi il limite. La bella storia diventa troppo irresistibile, e ti ritrovi a offrire un dettaglio che sai che un amico non vorrebbe condividere, oa dire: "Sì, questo è ciò che amo di Ned, ma quest'altra cosa di lui non ti fa impazzire ? "

Quando sei dipendente dai pettegolezzi, anche i pettegolezzi innocui possono essere un pendio scivoloso. Hai mai riattaccato dopo una chiacchierata telefonica sentendoti sprecato, come se avessi perso tempo e energia? O ti sei sentito depresso dopo pranzo con un amico, rendendoti conto che trascorri il tuo tempo su bocconcini di notizie e speculazioni inutili, ma hai perso l'opportunità di connetterti in un modo più intimo? Hai mai passato un'ora a sezionare il personaggio di Jeff e poi ti sei sentito in colpa la prossima volta che l'hai visto? I cosiddetti pettegolezzi oziosi possono facilmente trasformarsi in critiche irriverenti, o sarcasmo, o una recitazione delle tue rimostranze contro la persona di cui stai parlando.

Un modo sicuro per sapere che sei nel regno dei pettegolezzi cattivi o compulsivi è dal suo retrogusto. Un buon pettegolezzo lascia un retrogusto amichevole. Ti senti più vicino alla persona di cui hai parlato, più connesso al mondo che ti circonda. Un buon pettegolezzo è piacevolmente informativo, come ritrovare vecchi amici. Non ti fa sentire di cattivo umore, arrabbiato o geloso.

Ho iniziato a considerare queste domande per la prima volta diversi anni fa, dopo una serie di conversazioni con la mia amica S. Stavamo facendo una passeggiata quando ha iniziato a condividere la sua insoddisfazione con un altro amico, che chiamerò Fran. Fran è una persona che ho sempre amato e rispettato. È generosa, intelligente e divertente e fa di tutto per aiutare gli altri. Naturalmente, come la maggior parte di noi, ha le sue debolezze, ma certamente nulla che diminuisca la sua attrattiva essenziale e la sua buona natura.

Io e S abbiamo iniziato a parlare di quanto ci piacesse Fran. Ma poi S ha detto che stava avendo difficoltà a lavorare con Fran, che ha trovato Fran incurante dei dettagli ed egoista riguardo alla condivisione. Mi sono reso conto che S stava usando la nostra conversazione in modo catartico, cercando di superare parte della sua rabbia nei confronti della sua amica. Quindi ho cercato di assumere una prospettiva più o meno oggettiva, difendendo Fran mentre facevo del mio meglio per "aiutare" S a lavorare attraverso i suoi sentimenti. Solo con il senno di poi mi è venuto in mente di suggerire a S di discutere di queste cose con Fran stessa, invece di parlarmi male di Fran. Per i prossimi mesi, è raro che lasci passare un pranzo o una passeggiata senza un commento sul nostro comune amico. Dopo un po 'ho smesso di difendere Fran. In effetti, per un po 'ho smesso di vederla così tanto. Invece di un'amica che adoravo, Fran era diventata una persona che non conoscevot abbastanza rispetto. Non perché avessi avuto qualche esperienza negativa con lei, ma perché mi ero lasciata prendere dai pettegolezzi negativi di qualcun altro. È stato allora che ho iniziato a considerare quanto profondamente le parole degli altri possano distorcere le nostre opinioni e persino i nostri sentimenti per un amico, un insegnante o un collega.

Vedi anche  la pratica consapevole in 4 fasi di Deepak Chopra per arricchire la tua vita

Fermare la diffusione: discorsi nocivi e come evitarlo

I circoli di yoga sono come le altre comunità: arene perfette per la raccolta di notizie. Come altre comunità, offrono infinite opportunità per diffondere voci. Un segreto piccante a volte farà iniziare una partita al telefono, in cui si accumulano lievi distorsioni, e quando la storia ha fatto il giro, spesso ha solo il minimo rapporto con la verità. Quindi, quando qualcuno ti dice che X è cattivo con le persone, o sta avendo dei crolli privati ​​in contrasto con la sua immagine pubblica, o sta gonfiando le sue credenziali, non sai mai se è esagerato o addirittura falso. E anche se la storia è vera, c'è la questione più profonda e altrettanto seria di quanto danno potresti causare diffondendola.

In alcune situazioni hai sicuramente la responsabilità di dire quello che sai di un'altra persona. Se Amanda sta uscendo con un ragazzo noto per il suo complesso di Don Juan, potrebbe apprezzare che tu le abbia trasmesso le informazioni, specialmente se la anteponi dicendo: "Ho sentito" o "Qualcuno mi ha detto che ..." invece di rivendicandolo come verità assoluta. Quando sai che la persona che Loren sta pensando di andare a lavorare per imbroglioni o abusi sui dipendenti, dovresti dirglielo. Ma molte storie, voci, opinioni e persino fatti non devono essere trasmessi ad altri.

Questo è il punto sottolineato nel precetto buddista Lojong "Non parlare male degli arti feriti degli altri". Nella tradizione ebraica esiste un divieto specifico di diffondere informazioni negative che sono vere.

Questo è il nocciolo della questione etica: la maggior parte di noi non ripeterà consapevolmente false informazioni su qualcun altro. Ma non abbiamo lo stesso divieto di ripetere qualcosa che sembra essere vero, anche se potrebbe causare danni profondi e inutili se venisse a mancare.

Il linguaggio dannoso, come definito nel buddismo e in altre tradizioni, è qualsiasi cosa che comunichi che potrebbe ferire gli altri inutilmente e inutilmente. È una categoria abbastanza ampia, dal momento che non dobbiamo nemmeno usare parole per commentare i passi falsi di qualcuno o le debolezze del personaggio. Il rollio degli occhi che dai alle spalle di Larry. Il tono sarcastico o condiscendente che usi per maledire con un debole elogio ("Jim è un ragazzo così figo" - detto in un tono che fa capire che Jim è esattamente l'opposto!).

Questo tipo di pettegolezzo è come un'ascia a tripla lama. Quando parli duramente di George, anche se quello che dici è più o meno vero, probabilmente influenzerai il modo in cui gli altri pensano di lui. Ma renderai anche difficile per le altre persone fidarsi di te. Come recita un proverbio spagnolo: "Chi chiacchiera con te spettegola anche su di te".

Il terzo aspetto del pettegolezzo negativo è quello che fa alla tua mente. Non vedo più S, in parte perché ho paura di quello che potrebbe dire di me, ma anche perché uscivo sempre dai nostri incontri sentendomi instabile.

I pettegolezzi negativi lasciano un retrogusto particolarmente sgradevole, sia che tu lo parli o lo senta. Quel retrogusto è l'effetto karmico interiore del pettegolezzo, ed è un'utile indicazione che le tue parole o il tuo tono hanno danneggiato in qualche modo il delicato tessuto della tua stessa coscienza. A livello sottile, non puoi dirigere la negatività verso qualcun altro senza che ti ferisca. Anche i cosiddetti pettegolezzi oziosi possono lasciare un residuo doloroso, soprattutto se sei sensibile alle sfumature del tuo stato interiore. Prova a leggere un intero numero di Us Weekly , quindi osserva lo stato emotivo nella tua mente. Non c'è una sottile agitazione, una sensazione di vago malcontento, un disturbo nel campo di forza della tua stessa coscienza?

Dai un calcio all'abitudine: rendi importanti le tue conversazioni

Forse sospetti di essere un po 'dipendente dai pettegolezzi. Se vuoi cambiare un'abitudine ai pettegolezzi, è una buona idea iniziare dando uno sguardo onesto a ciò che ne ottieni e quale motivazione si cela dietro il tuo impulso. Parte del brivido dei pettegolezzi, qualsiasi pettegolezzo, è semplicemente il piacere di conoscere un segreto. Con i pettegolezzi negativi, c'è un altro gancio: è confortante sentire che non sei l'unica persona che commette errori, subisce perdite, fallisce. In qualche modo, sapere che Jennifer Aniston è stata scaricata ti fa sentire un po 'meglio per la tua dolorosa rottura.

Parlare di altre persone può anche essere un modo per evitare di guardare qualcosa di difficile o doloroso in te stesso. Una donna in vacanza in famiglia si è ritrovata a lamentarsi dello stile genitoriale informale della cognata. Solo più tardi si rese conto che il modo in cui sua cognata trattava i bambini aveva sollevato le sue insicurezze riguardo alla genitorialità e che aveva usato i pettegolezzi come un modo per tenere a bada la sua insicurezza materna.

Non è sempre una cosa facile da ammettere, ma dietro la maggior parte dei pettegolezzi negativi, specialmente quando si tratta di amici, parenti o colleghi, c'è una qualche forma di gelosia. La parola tedesca schadenfreude descrive uno degli aspetti più oscuri della natura umana: la tendenza a provare anche il minimo grado di piacere nella sfortuna di un'altra persona. Il pettegolezzo è un modo per ottenere quella sensazione. Forse hai un momento di leggera soddisfazione nel sentire che un amico del college è stato lasciato dalla moglie o che un collega professionista è stato ignorato per una promozione. Quasi sempre, questa sensazione emerge quando l'altra persona è un pari e, quindi, un gancio per i problemi dei tuoi fratelli o per i tuoi sentimenti negativi proiettati su te stesso. In altre parole, quando c'è gelosia.

La maggior parte degli esseri umani ha una certa insicurezza riguardo alla quantità di abbondanza disponibile nel mondo. La maggior parte di noi tende anche a misurarsi con i propri coetanei. A volte, sentiamo persino che il successo di un'altra persona ci porta via qualcosa. È allora che potremmo ritrovarci a ricorrere al pettegolezzo come arma politica o sociale per neutralizzare i rivali, soprattutto se sentiamo che occupano spazio nel mondo che vorremmo avere noi stessi.

Forse la ragione più oscura dietro il pettegolezzo è il desiderio, per dirla apertamente, di pareggiare. Un amante ti lascia. Un insegnante ti allontana dalla lezione o ti critica più aspramente del solito. Hai litigato con un amico. Sei ferito o arrabbiato e non senti di poterlo chiarire parlando con la persona con cui sei arrabbiato. Quando condividi la storia, scarichi parte del dolore. Ovviamente, parlare con un amico del tuo crepacuore o della tua confusione può essere veramente catartico: uno dei motivi per cui hai bisogno di amici è avere qualcuno che ascolti quando sei in subbuglio emotivo!

Ma c'è una linea tra la condivisione catartica e il pettegolezzo vendicativo. Sai di averlo superato quando ti ritrovi a condividere solo la tua versione della storia. Esageri un po '. Dipingi il comportamento della persona come più ingiusto o crudele di quanto non fosse in realtà. Non riveli di aver fatto battute sottovoce nella classe dell'insegnante, o che hai passato anni a scaricare critiche sull'amico che non vuole più vederti, o che il tuo ex fidanzato "infedele" lo aveva chiarito quando hai iniziato a uscire con lui che non voleva impegnarsi per avere una relazione esclusiva.

Invece, imputi motivi disonesti o non etici all'altra persona, porti pettegolezzi che hai sentito da altri, teorizzi sulle loro possibili patologie. "È una narcisista clinica", dice qualcuno di un amico che ha rifiutato di diventare un amante. "Ha orribili problemi di confine", dice un uomo riguardo al suo ex compagno di insegnamento. Lo facciamo, consapevolmente o meno, con l'intenzione di convincere la persona con cui stiamo parlando a condividere la nostra rabbia e convalidare i nostri sentimenti.

Questo è un comportamento da settimo grado, ovviamente, ma non per negare la sua serietà. Questo è il tipo di pettegolezzo che dà inizio a faide, crea cunei nelle comunità spirituali e dissolve la reputazione. Un uomo che conosco sta ancora affrontando le conseguenze della rottura del suo matrimonio. Sua moglie non aveva voluto rompere. Quando ha insistito, ha mobilitato tutti i suoi amici e ha fatto circolare una lettera su Internet in cui lo accusava di infedeltà, di abusare dei suoi figli e di non aver accreditato le fonti del suo lavoro. In nessun punto della lettera ha menzionato i propri contributi al fallimento del matrimonio. Le storie sono state raccolte e diffuse attraverso blog, tweet e passaparola. Di conseguenza, molti degli studenti e degli amici dell'uomo non si fidano più di lui.

Tutti noi spettegoliamo. Ascoltiamo tutti i pettegolezzi. Ma è possibile, se sei disposto a esercitare la consapevolezza, iniziare a discriminare su come e quando lo fai. Come il vino o la cioccolata, che possono farti bene a dosi misurate, i pettegolezzi possono essere deliziosi, ma solo quando sei onesto con te stesso su ciò che dici e su quale potrebbe essere il suo effetto.

Ovviamente, non puoi interrompere tutte le conversazioni su altre persone e non devi farlo. Invece, puoi rendere le tue conversazioni più consapevoli, più disciplinate, più misurate. Puoi riflettere esattamente sul motivo per cui a volte ti senti obbligato a parlare male di un amico o a diffondere una voce che potrebbe causare danni. Puoi esaminare la sensazione di vuoto che spesso si nasconde dietro l'impulso di riempire gli spazi in una conversazione con i pettegolezzi. E puoi considerare se uno dei più grandi frutti della nostra pratica è la capacità di rimanere in silenzio, anche quando muori dalla voglia di condividere un succoso pettegolezzo o giustificare la tua insoddisfazione con un amico.

Vedi anche Semi di cambiamento: comprensione yogica del karma

6 passaggi per riprendersi da una dipendenza da pettegolezzi

Ecco alcuni suggerimenti di Sarah Wilkins per monitorare e controllare la tua tendenza a parlare negativamente degli altri.

1. Scegli un compagno di pettegolezzi.

Un insegnante spirituale suggerisce di limitare i pettegolezzi a una o due persone, forse al tuo migliore amico, coniuge o altro significativo. Se hai un compagno di pettegolezzi designato, è molto più facile esercitarti nella moderazione con le altre persone nella tua vita. Scegli qualcuno che sappia mantenere segreti e che ti sosterrà nel tuo desiderio di essere più consapevole di ciò che dici.

2. Cattura te stesso.

Impara a notare quando stai per fare un'osservazione sgarbata e fermati prima di farlo. Se uno scivola fuori, chiedi scusa.

3. Notare il retrogusto.

Diventa consapevole di come ci si sente dopo aver spettegolato. Sarà diverso per tutti, ma per me il retrogusto dei pettegolezzi sembra ansia (spalle strette, stomaco stretto) e quello che posso solo descrivere come una sensazione di preoccupazione, leggermente affondata che deriva dal sentire che avrei potuto dire qualcosa di cui mi pentirò . Nota dove senti la tensione nel tuo corpo la prossima volta che partecipi a una festa del gossip.

4. Dì solo di no.

Rifiuta gli inviti a separare gli altri. Prova a cambiare argomento quando un amico vuole fare una sessione di parole cattive. Chiedigli (con tatto) di parlare di qualcos'altro e di 'loro che stai cercando di liberarti dall'abitudine negativa dei pettegolezzi. Scoprirai che molte persone ti ringrazieranno davvero.

5. Non affrettarti a giudicare.

Quando qualcuno confida un'informazione pettegola su qualcun altro, mettila in discussione. Controlla la fonte. Non credere a qualcosa se non hai una prova chiara e il fatto che molte persone dicano qualcosa non costituisce una prova chiara.

6. Prova a gossip veloce di un giorno.

Decidi che per un giorno intero non parlerai di altre persone. Quindi, nota quando è particolarmente difficile. Osserva quali sentimenti ti spingono a condividere notizie su qualcuno oa ripetere qualcosa che hai sentito. Il tuo desiderio di spettegolare deriva da una sensazione di vuoto o noia? Viene da un desiderio di intimità con la persona con cui stai parlando? Cosa succede dentro di te quando neghi l'impulso? Come ti senti quando hai affrontato un'intera conversazione senza dire una volta, hai sentito?

Sally Kempton è un'insegnante di meditazione e filosofia yogica riconosciuta a livello internazionale e autrice di Meditation for the Heart of It.

Raccomandato

Hot Stuff: il libro Bikram Yoga di Bikram Choudhury
The Top Peanut Balance Balls
Fare amicizia con il corpo: trovare pace e sollievo dai disturbi autoimmuni attraverso lo yoga