My Other Yoga: The Class di Taryn Toomey

L'elettricità che ho sentito attraversare il mio corpo alla fine della seconda canzone mi ha fatto sapere che avevo fatto la scelta giusta venendo a questo corso.

Avevo resistito a provare The Class di Taryn Toomey sulla base delle recensioni che avevo letto: Una "lezione di fitness catartica" che crea una "esperienza viscerale" e "ti emoziona". La gente ha anche detto che è "incredibilmente curativo".

Con una storia di traumi che ho costantemente lavorato per superare per oltre 20 anni, ero a dir poco intimidito.

Vedi anche 7 pose per rilasciare il trauma nel corpo

Poi, una mattina, mi sono svegliato con la sensazione che ho avuto bisogno di provare la classe da TT. In effetti, sembrava urgente. Quindi, quando ho controllato il programma di Los Angeles e ho visto che c'era una lezione a Hollywood, ho fatto il viaggio di un'ora da casa mia a Santa Monica allo studio di yoga Wanderlust, dove sono stato accolto dall'insegnante fondatrice, Natalie Kuhn.

Non ero sicuro di cosa aspettarmi. Ero nervoso e un po 'spaventato. Non per la parte fitness; Sono stato un atleta per tutta la vita e sono anche un insegnante di yoga. So come allinearmi e prendermi cura del mio corpo. Ero nervoso per l'altra parte. La parte catartica, viscerale, emotiva.

Il momento che mi ha ispirato a frequentare la lezione di Taryn Toomey

Sono una madre di tre figli e il mio figlio di mezzo soffre di molteplici disturbi dell'elaborazione sensoriale e dell'integrazione. Quando le informazioni entrano nel suo cervello, spesso si perdono o si confondono. Comprensibilmente, questo è scoraggiante e frustrante per lei, e il risultato è una rabbia esplosiva, che può durare per ore e ore. Negli ultimi cinque anni in cui ciò è accaduto, i suoi scoppi si sono intensificati nonostante io e mio marito cercassimo risposte e aiuto da innumerevoli praticanti.

Solo un paio di giorni prima di provare The Class by TT, uno dei medici di mia figlia ha chiesto se potevamo filmare uno dei suoi "capricci". Nella mia esperienza di questi episodi, sono sempre presente al 100% con lei. Dico le cose giuste; Mi connetto con lei; Faccio tutto il possibile per soddisfare le sue esigenze. Ma quando ho visto il video registrato da mio marito per il dottore, ho notato che non ero affatto lì con lei. In effetti, ero dissociato, un'abilità che avevo imparato nella mia giovinezza piena di traumi.

Quando le cose diventavano rumorose e violente nella mia casa d'infanzia, lasciavo il mio corpo. E quando ho visto quel video, mi sono reso conto che stavo facendo la stessa cosa con mio figlio di 7 anni. In quel momento, ho capito che avevo bisogno di imparare a rimanere nel mio corpo, in modo da poter rimanere presente con mia figlia e connettermi veramente con lei quando ha più bisogno di me. Avevo bisogno di imparare come stare con lei quando volevo che tutto finisse, o volevo solo andarmene da lì.

Come la classe di TT mi ha insegnato la vera incarnazione

Natalie ha iniziato la lezione facendoci sapere che ci saremmo sentiti a disagio. Davvero scomodo. Ma lei ha spiegato la differenza tra il disagio dannoso - il tipo che ti farà male - e il disagio che è il risultato del tuo cervello dicendo: Questo è difficile, ed ecco come farlo smettere . (Questo è il tipo di disagio che ti fa fermare il jumping jack, metti giù la gamba, riposa prima che l'esercizio sia finito, ottieni il succo.)

Durante quella prima canzone di classe, abbiamo eseguito un numero straziante di squat e salti di squat. Immediatamente, il mio dialogo interiore ha preso il via. Oh, non avevo abbastanza caffè per questo . Più avanti in quella prima canzone, poiché è durata molto più a lungo di quanto volessi, ho iniziato a farsi prendere dal panico, a dubitare della mia forza, della mia salute e delle mie capacità. Natalie ci ha spinto ad abbandonare il discorso di panico (era come se fosse totalmente nella mia testa) e ad entrare nel nostro respiro.

Il collegamento al mio respiro mi era familiare grazie alla mia pratica yoga. Che avrei potuto fare. Quando è iniziata la seconda canzone, e siamo stati spinti con grazia in infiniti jumping jack, lo stesso panico ha iniziato a farsi strada di nuovo. Questa volta, Natalie ci ha chiesto "di iniziare a notare i sentimenti che emergono nel momento in cui le cose si fanno davvero impegnative". In quel momento, mi sono reso conto che nella mia mente, ero nel parcheggio, nella mia macchina, per tornare a casa. Stavo facendo la cosa esatta avevo bisogno di non fare. Peggio ancora, stavo mentalmente lasciando il mio corpo e non sentivo assolutamente nulla. In quel momento ho capito che questo era esattamente il lavoro di cui avevo bisogno. E alla fine della seconda canzone, mi sono sentito come una bellissima miscela di euforia, pace, resa e liberazione. La mia anima cantava.

Quella prima lezione risale a poco più di un anno fa e ho continuato a praticare questa pratica. Per me, questo lavoro è stato un profondo risveglio di me stesso. Ho affrontato e guarito più demoni nel profondo della mia umanità durante lo scorso anno di quanti ne avessi fatto in più di 20 anni di terapia.

Sono uno studente di yoga da più di 25 anni e la mia pratica yoga mi ha dato il dono di sapere come rimanere presente sul mio tappetino. Ho sempre studiato con insegnanti focalizzati sull'allineamento, come Annie Carpenter e Natasha Rizopoulos. E c'è assolutamente un posto per questo. Eppure quello che sto imparando in The Class by TT è che trascorrendo tutti quegli anni concentrandomi esclusivamente sugli indizi di allineamento sul mio tappetino da yoga, in realtà stavo distraendomi dal sentimento .

Vedi anche 7 miti sull'allineamento dello yoga

In The Class by TT, con il cuore che batteva all'impazzata, il sudore che scorreva da ogni centimetro del mio corpo, il respiro compromesso e tutto in me che gridava USCIRE DI QUI , ho imparato come rimanere nel mio corpo e come placare il pensiero negativo schemi che sfidano le mie capacità di esserci davvero, sia che si tratti di una serie di esercizi o dell'angoscia che accompagna guardare mia figlia arrabbiarsi che mi sta spingendo al massimo.

La bellezza dell'impermanenza è che niente dura per sempre. Questa pratica mi ha aiutato a vedere che c'è una medicina potente nel restare presente con il bene, il male e l'indifferente. E quando mi presento, mi mostro davvero, posso assorbire le lezioni che il mio corpo e la mia anima stanno cercando di insegnarmi in modo da poter vivere questa bella vita in modo più completo.

Raccomandato

Posa della sfida: cavalletta
5 modi per fai da te il tuo santuario yoga a casa
Come 31 giorni di meditazione in movimento hanno aiutato uno yogi a rallentare