Insegnare il Dharma

Quando l'anima scende in un corpo, ha una ragione per farlo. È questo scopo - questa missione dello spirito - che è il nostro dharma individuale e unico, sia esso grandioso o umile.

Il nostro dharma personale può essere scoperto rispondendo alle domande: "Perché sono qui? Qual è lo scopo della mia vita?" Uno dei più grandi santi mai vissuti in India, Ramakrishna, era noto per incoraggiare i suoi supplici a rispondere a queste domande. Ogni volta che qualcuno lo visitava, chiedeva: "Chi sei?" Facendo questa domanda, fu in grado di sapere se i suoi visitatori avevano identificato il loro dharma.

La scoperta del nostro dharma è il passo più importante della nostra vita. Se non facciamo questo passo, i nostri sforzi non sono diretti verso la fine della nostra anima. Anche se lavoriamo tremendamente duramente nella vita, finiamo con l'essere insoddisfatti, salendo la scala del successo solo per scoprire che era appoggiato al muro sbagliato. Riduciamo la nostra libertà se non abbiamo uno scopo chiaro. Come possiamo impegnarci con tutto il cuore nella vita se non abbiamo una direzione in cui andare?

È importante tenere presente che ogni fase della vita può avere un diverso dharma. Il dharma del bambino può essere quello di allattare, il dharma dell'adolescente di studiare e il dharma dell'adulto può essere quello di raggiungere il suo destino spirituale. Inoltre, una data fase può contenere non un dharma ma molti. Puoi essere contemporaneamente un insegnante di yoga, un genitore e un attivista per un governo sano.

Come insegnanti, possiamo trarre il massimo vantaggio dai nostri studenti aiutando ciascuno a scoprire e realizzare il proprio dharma individuale. In questo articolo, suggerisco vari modi per incoraggiare gli studenti a rivelare e vivere la loro missione di vita.

Forse l'approccio più diretto è quello di incoraggiare i tuoi studenti a chiedersi regolarmente: "Perché sono qui? Qual è il mio scopo? Qual è il motivo della mia esistenza? Perché il mio spirito ha scelto questo corpo e cosa vuole sperimentare? "

Durante i primi mesi di domande del genere, i tuoi studenti potrebbero essere sommersi da un fiume di risposte. Le risposte più vere emergono lentamente col passare del tempo, proprio come fanno in quasi tutti i processi decisionali. Nella ricerca di una casa, potresti vederne una, poi un'altra e pensare: "No, non voglio questo o quello" - ma devi vederli per capire che non li vuoi. Allo stesso modo, nel processo di scoperta del loro dharma, i tuoi studenti potrebbero dover esplorare molte opzioni finché, alla fine, non avranno la sensazione forte e incrollabile: "Questo è il mio percorso. Questo è qualcosa che devo fare".

Durante la lezione, ci sono altre domande che puoi sollevare per aiutare la ricerca del tuo studente. Chiedi: "Se avessi tutto il tempo, i soldi e l'energia che desideri, cosa faresti?" Un altro approccio è: "Se stessi morendo, cosa vorresti aver fatto che non stai facendo ora? Perché non lo stai facendo? Stai aspettando che accada qualcosa di catastrofico prima di iniziare ad ascoltare il tuo cuore?"

Ci sono altri modi per assistere i tuoi studenti in questo importante processo di scoperta di sé. Inizia ogni lezione con un momento tranquillo, permettendo ai loro corpi e alle loro menti di calmarsi. Questo dà loro una rara possibilità di diventare introspettivi e ricettivi a fonti più profonde. All'inizio della lezione, chiedo spesso ai miei studenti di spostare la loro energia mentale nel centro del cuore in modo che possano guardarsi dentro, cercare il vero scopo della loro pratica e sforzarsi di riscoprire l'intenzione dietro ogni azione che intraprendono. Questo li aiuta a entrare lentamente ma inesorabilmente in contatto con lo spirito interiore.

Durante la lezione, ricorda ai tuoi studenti di spostare la loro energia pelvica verso il centro del cuore, usando il leggero sollevamento del Mula Bandha e la forte ascesa della cavità dell'addome. Questo li aiuta a usare la pratica degli asana per stimolare il centro del cuore fino a quando finalmente, in Savasana (Corpse Pose), possono andare in profondità nei loro cuori e guardarsi dentro per scoprire le loro ragioni interiori per vivere, agire e praticare. Il centro del cuore è il luogo in cui vive lo spirito e ha la sua connessione più profonda nel corpo fisico. Insegnare agli studenti a entrare nel centro del cuore durante la lezione e a stabilirsi lì alla fine della lezione li aiuta a scoprire il loro spirito e quindi, nel tempo, il loro dharma.

Insegna ai tuoi studenti che asana non deve essere praticato per amore di asana, ma per amore del dharma. A chi importa se riesci ad aprire l'inguine o no? È meraviglioso che esista il potenziale per aprire l'inguine e che aprirlo ci faccia stare più alti, ma dove si colloca questo nel quadro generale? In che modo la pratica degli asana aiuta il mandato dell'anima? La nostra pratica degli asana deve servire al nostro scopo e non solo a se stessa. Quando pratichiamo più di quanto richiede il nostro dharma, nutriamo solo l'ego. Se il mio dharma è essere un artista eccezionale, praticare asana per 18 ore è per il mio ego e non mi serve. D'altra parte, quando pratichiamo per realizzare il nostro dharma, la nostra pratica è intrisa di passione - non è più uno sforzo costante per placare l'ego del corpo, ma un desiderio che ci chiama ad essere più pienamente noi stessi.

Man mano che sviluppi relazioni a lungo termine con i tuoi studenti, ricorda i loro bisogni particolari e, durante la lezione, dai suggerimenti e modifiche che sono unici per loro. Questo li aiuterà a collegare la loro pratica con la loro missione personale. Ad esempio, se sai che il dharma di uno studente è quello di essere un pianista di grande talento, insegnagli i perfezionamenti nell'uso delle sue mani. Insegnagli come proteggere i polsi e le dita, mostrandogli le pose migliori per il loro rilascio ed evitando quelle che potrebbero creare tensione.

Se vogliamo essere insegnanti di yoga a tutto tondo, se vogliamo servire i nostri studenti con il dono dello yoga, se vogliamo aiutare ogni studente a ricevere pienamente le benedizioni che lo yoga ha da offrire, non possiamo semplicemente insegnare asana. La nostra responsabilità è più grande della semplice conoscenza delle azioni delle pose. La nostra responsabilità è coltivare gli esseri umani. Gli asana sono solo un'esca. Le persone vengono da noi per mettersi in forma e noi diamo loro un processo evolutivo. Uno studente sente il vero impatto dello yoga quando la pratica cambia tutta la sua vita, non solo il suo corpo. Un modo olistico di insegnare integra tutte le otto parti dello yoga e spinge lo studente a esplorare, scoprire e poi vivere il proprio dharma.

Il percorso dello yoga è il percorso per rivelare il dharma e consentirci di viverlo. Il nostro lavoro come insegnanti è assistere questo processo. In tal modo, aiutiamo i nostri studenti a realizzare la loro unicità, ad agire in base alle loro passioni e, mentre continuano a camminare sul sentiero, a scoprire lo scopo della loro anima.

Questo articolo è tratto da un libro di prossima uscita intitolato Teaching the Yama and Niyama di Aadil Palkhivala.

Raccomandato

Piegamento in avanti dalla testa al ginocchio
13 ritiri di yoga che puoi effettivamente permetterti nel 2018
8 passaggi per padroneggiare e perfezionare la posa dell'albero