Una sequenza di Annie Carpenter, decostruita

La sequenza di yoga asana è sia una scienza che un'arte. È molto più che collegare insieme una serie di pose da costruire verso un obiettivo fisico; implica un'apertura all'esplorazione e alla ricerca e un impegno a vivere nel presente. Per questo motivo, non insegniamo le pose in SmartFLOW; insegniamo i principi del movimento che ci chiedono di cercare l'equilibrio in varie forme e sensazioni. Ogni principio di movimento descrive un continuum di movimento che ha un'espressione estrema a un'estremità (lo sforzo) e un mezzo intelligente per ritirarsi da quello sforzo (il ritorno al centro).

Ogni posa può essere vista come un'esplorazione di uno sforzo specifico e del suo ritorno, e l'arco di ogni sequenza nella sua interezza esplora anche lo stesso concetto di sforzo e ritorno. In questa sequenza, esploriamo la flessione dell'anca come nostro sforzo e l'estensione spinale come il suo ritorno. La mia convinzione è che il motivo principale per cui facciamo yoga asana sia per prenderci cura delle nostre spine. La colonna vertebrale ospita il sistema nervoso centrale ed è dove scorre la sushumna nadi , dove prana(energia vitale sottile) scorre. Ogni posa che pratichiamo è progettata per buttare via il corpo, in modo che impariamo a stabilizzare la colonna vertebrale e, a sua volta, a migliorare il flusso di prana. In questo caso, l'aumento della flessione dell'anca richiede che troviamo un'estensione spinale attiva per mantenere la colonna vertebrale nella sua forma naturale e ottimale. In altre parole: riesci a trovare un piccolo piegamento all'indietro nella piega in avanti?

Vedi anche  Questo è il modo in cui i piani di movimento possono aiutarti a identificare gli squilibri nel tuo corpo

Nelle prime pose, la flessione dell'anca viene esplorata in relazione alla colonna vertebrale. E mentre alcune delle pose di punta potrebbero non essere accessibili a tutti, la progressione verso la vera flessione dell'anca è un lavoro essenziale che tutti possono fare. Qualsiasi sequenza SmartFLOW includerà anche alcuni movimenti e pose amati e ben noti. Verso l'inizio di una sequenza, queste pose lavorano per riscaldare tutto il tuo corpo e aiutarti a cadere in uno stato di ricettività e meraviglia. Verso la fine di una sequenza, includiamo movimenti più lenti e manteniamo le posizioni per periodi di tempo più lunghi per spostarci dall'attivazione al rilassamento, dallo sforzo al ritorno al centro, in modo che possiamo sentirci completamente pronti per una profonda Savasana (Posizione del cadavere) .

Apertura rituale

1/30

Circa l'autore

Annie Carpenter è la creatrice con sede a San Francisco del metodo yoga SmartFLOW. Scopri di più su anniecarpenter.com. 

Raccomandato

I body sono tornati: ecco come indossare la tendenza con sicurezza
3 passaggi per entrare nella svolta di Bharadvaja
Posa reclinabile da mano a alluce in 5 passaggi