Sequenza abile: pianifica una lezione di yoga per l'equilibrio dei chakra

YJ LIVE! il presentatore Rolf Gates ci guida attraverso le sfumature della progettazione di una sequenza yoga in sette parti che tocca ciascuno dei sette chakra.

Yoga Journal LIVE! il presentatore Rolf Gates ha originariamente basato la sua sequenza sull'apertura delle cinque linee del corpo in ordine (come presentato in Anatomy Trains di Tom Myer ), organizzando le sue lezioni in sette capitoli: (1) centratura, (2) riscaldamento, (3) in piedi pose, (4) pose di bilanciamento, (5) backbends e inversioni, (6) pose finali, (7) Savasana.

Con il passare del tempo e la formazione degli insegnanti di 200 ore di Gates, iniziò a fare i collegamenti tra i sette capitoli del suo sequenziamento ei sette chakra, rendendosi conto che le linee della fascia del corpo sono correlate ai meridiani, che sono correlati alle nadi e chakra.

"La realtà è che quasi ogni classe che funziona scorre lungo i chakra", spiega Gates, che ha insegnato la sequenza secondo i chakra negli ultimi 10 anni. “Non dovevo sapere nulla dei chakra per arrivare a una classe abile. Dovevo avere l'intenzione di una lezione abile, e mantenendo quell'intenzione sono arrivato ai chakra. "

Ora pensa al sequenziamento in termini di apertura delle linee di tessuto connettivo (la componente fisiologica) oltre che di facilitazione dei chakra (la componente energetica ed emotiva), organizzati negli stessi sette capitoli di prima. Esaminando i chakra e scomponendo ciò che rappresentano, Gates utilizza quindi il linguaggio, le posture e gli indizi per affrontare i chakra e offrire agli studenti un'esperienza più completa.

“Nel momento del cuore della lezione, apri il tuo cuore alla verità (quarto chakra). Nella sequenza di flessione all'indietro, ti arrendi ad esso (quinto chakra). Nelle pose finali, rifletti sulla verità (sesto chakra) e poi in Savasana diventi la verità (settimo chakra) ", spiega Gates.

Vedi anche  Sequencing Primer: 9 Ways to Plan a Yoga Class

Suggerimenti per la sequenza dei chakra di Rolf Gates

Sembra tutto abbastanza semplice? Ecco il trucco: una volta che un chakra è stato espresso in un capitolo della sequenza, Gates dice che le qualità del chakra dovrebbero essere incorporate nel resto della classe. In altre parole, continui a portare questi temi e qualità. Prendi il primo chakra per esempio: ci deve essere il radicamento all'inizio della lezione così come durante l'intera sequenza. Gates utilizza intenzionalmente Down Dog e Mountain Pose come momenti di ristabilimento.

Pertanto, in una lezione di 90 minuti stai incorporando la terra per tutti i 90 minuti, l'acqua per 85 minuti, il fuoco per 60 minuti, il cuore per 45 minuti, la gola per 30 minuti, la riflessione per 15 minuti e la realizzazione per 5-10 minuti. "Per avere successo in un backbend si porta la terra, si porta l'acqua, si porta il fuoco e si porta il cuore", dice Gates. "Per avere successo in Savasana è necessario l'intero pacchetto."

Parola di consiglio (la sequenza dei chakra non è per i neofiti.)

“Penso che il pezzo finale di questo sia una tremenda pazienza. Potresti prendere quello che ti ho dato e poi potresti passare tre anni, insegnando cinque giorni alla settimana per capirlo da solo. Se fai pressione su te stesso per provare a metterlo in atto la settimana successiva, provocherai molto dolore e sofferenza ”, afferma Gates.

Per i nuovi insegnanti, consiglia di iniziare scegliendo una cosa, che si tratti di sequenze, allineamenti o un gruppo di pose (qualsiasi aspetto della classe), e poi passare sei mesi a diventare davvero bravo a insegnare quell'unica cosa. Poi lavora alla prossima cosa e nel corso di alcuni anni diventerai abbastanza bravo a insegnare gli aspetti fisici della classe. Quindi vai più in profondità. Le connessioni tra i chakra e la sequenza di una classe abile diventeranno più evidenti nel tempo.

Sequenza di yoga in 7 capitoli per i 7 chakra

Primo capitolo: Centratura

1/7

Raccomandato

Posa della sfida: cavalletta
5 modi per fai da te il tuo santuario yoga a casa
Come 31 giorni di meditazione in movimento hanno aiutato uno yogi a rallentare