Yoga Rx per demenza, morbo di Alzheimer e perdita di memoria

Al padre di Michael Trainer, John, è stata diagnosticata la demenza nel 2012, poco dopo aver terminato la chemioterapia per il cancro alla prostata. "Il cancro era curabile, ma la demenza sembrava una diagnosi devastante", dice Michael. Dopo aver lasciato il lavoro per trascorrere del tempo con suo padre, Michael ha viaggiato con lui per la prima volta in Sud Africa per creare nuovi ricordi. Poi, rimanendo a casa con lui, Michael divorava ogni libro e studio che riusciva a trovare sul morbo di Alzheimer, disperato per aiutare suo padre a conservare quei ricordi il più a lungo possibile. Ha considerato tutto: "Quali medici vedere, quali integratori prendere, come cambiare la sua dieta", dice Michael.

Asana e meditazione facevano già parte della routine quotidiana di Michael. Aveva studiato entrambi, insieme all'Ayurveda, quando aveva una borsa di studio Fulbright in Sri Lanka nel 1996. Sulla base della sua esperienza con lo yoga e di ciò che stava imparando sul declino cognitivo e sulla riparazione, pensava che queste pratiche potessero aiutare suo padre. Ma suo padre, un tipo di uomo “carne e patate”, aveva 75 anni e aveva le sue abitudini. "È stata una sfida implementare nuovi comportamenti, soprattutto in mezzo al declino cognitivo", dice Michael. "Ho dovuto imparare ad arrendermi." Ma suo padre amava la musica classica e Michael arrivò a pensarla come meditazione. “Ho iniziato a vedere che serviva come un'ancora nella sua mente, come un mantra; aveva il potere di riportarlo in un posto tranquillo. " Seduto fianco a fianco su un divanetto bianco nel soleggiato soggiorno dei suoi genitori,Michael e suo padre ora trascorrono ore in silenzio ascoltando la stazione di musica classica locale. Respirano insieme, lentamente, e Michael può vedere suo padre rilassarsi - chiudendo gli occhi, inclinando la testa all'indietro e di tanto in tanto allungando la mano verso il braccio di Michael.

Vedi anche  The Challenge of Caregiving

Il declino cognitivo di John fu lento, a cominciare da una sottile dimenticanza - i nomi delle persone, dove aveva messo le chiavi - e l'esaurimento, unito al sonno agitato. E ora, otto anni dopo, "sta navigando molto più lontano dalla riva", dice Michael. “Non condividiamo più parole, ma troviamo casa insieme in un tocco amorevole o in un sorriso. Posso vedere e sentire che la musica lo mette a suo agio. Gli dà gioia. "

La connessione mente-corpo 

Il morbo di Alzheimer e altre forme di demenza possono iniziare diversi decenni prima di una diagnosi ufficiale, quindi ora è il momento, secondo gli esperti, di ottimizzare la tua vita per una migliore salute del cervello. I benefici ti aiuteranno a sentirti con i piedi per terra e pronto a tutto, a qualsiasi età. E lo yoga può aiutare (ovviamente). Sappiamo da tempo che praticare asana, meditazione, mantra e consapevolezza può migliorare la salute e la felicità. Ora, gli scienziati stanno scoprendo come queste pratiche possono aiutare a prevenire la perdita di memoria e ritardare l'insorgenza di disturbi cognitivi più gravi e spaventosi che spesso derivano dall'invecchiamento.

Vedi anche I benefici dello yoga e della meditazione per l'Alzheimer e la demenza  

Per più di un decennio, Helen Lavretsky, PhD, professore di psichiatria e ricercatrice presso l'Università della California, Los Angeles, ha gestito alcuni degli studi più lunghi sugli interventi mente-corpo per la depressione e il declino cognitivo negli anziani. Giorno dopo giorno, un flusso costante di persone si riversa nel suo ufficio. Loro sono spaventati. Si sentono paralizzati e incapaci di far fronte mentre i loro cari scivolano via o, peggio, affrontano l'oblio, perdendo regolarmente traccia di dove hanno parcheggiato o dovendo leggere le parole una dozzina di volte per comprenderle. Nel corso della sua carriera di psichiatra geriatrica, Lavretsky ha lavorato con centinaia di pazienti affetti da demenza e con i loro caregiver stressati e depressi. Nel 2008 ha iniziato a studiare come la meditazione, lo yoga e altre pratiche di movimento dolce, come il tai chi e il qi gong,influenzano sia l'umore che la memoria. “Abbiamo scoperto che queste pratiche di movimento aiutano a migliorare l'umore, la resilienza e la cognizione; ridurre l'infiammazione; e influiscono positivamente sulla salute del cervello ", dice. In uno studio del 2016 pubblicato suJournal of Alzheimer's Disease , Lavrestky e i suoi colleghi hanno scoperto che i partecipanti (adulti di età superiore ai 55 anni e con lieve deterioramento cognitivo, un fattore di rischio per demenza e Alzheimer) che hanno praticato yoga per un periodo di 12 settimane hanno sperimentato miglioramenti dell'umore e della memoria visiva e verbale fino a sei mesi. Attraverso le scansioni cerebrali, è stata in grado di identificare una maggiore connettività neurale nelle reti in modalità predefinita (DMN) del loro cervello, dove vengono prese decisioni complesse; emergono consapevolezza, concentrazione ed empatia; e le memorie vengono archiviate. Lavretsky dice che questi cambiamenti si verificano quando pratichiamo movimenti non familiari. Quando apprendiamo nuove abilità, creiamo nuovi percorsi neurali, migliorando la neuroplasticità o la capacità del cervello di ricostruirsi, dice.

Vedi anche  I benefici della meditazione sul grande cervello

Il nostro cervello brillantemente complesso è composto da miliardi di neuroni che formano trilioni di connessioni tra loro. Queste connessioni creano reti elettriche e chimiche che danno forma alle nostre esperienze e ci aiutano a imparare ed evolvere. Se smettiamo di fare cose che costruiscono e rafforzano queste connessioni, il nostro cervello si atrofizzerà e perderà plasticità, e inizieremo a perdere i ricordi e la nostra capacità di funzionare nel mondo. "La creazione di nuovi percorsi neurali è un modo per recuperare e migliorare la capacità cognitiva, compresa la velocità di elaborazione e la memoria, che può diminuire con l'invecchiamento o con malattie cerebrali come l'Alzheimer o il Parkinson", afferma Lavretsky. Inoltre, le pratiche spirituali, come la meditazione, migliorano anche la capacità di autoregolazione durante lo stress, il che significa che la tua mente e il tuo corpo imparano a non reagire immediatamente ai fattori di stress. Invece puoi prendere fiatoconcentrati e rispondi in modo più sano. Le pratiche meditative possono anche modificare l'attività neurale e la connettività nella DMN.

"Le preferenze individuali per il relax possono avere un ruolo in ciò che funziona per recuperare frammenti dei loro vecchi sé e ricordi." —Helen Lavretsky, PhD

E per quanto riguarda ciò che sta accadendo nella mente di John Trainer mentre ascolta musica classica complessa, potrebbe esserci una connessione con la meditazione. Studi incentrati sulla musica e sulla salute del cervello hanno dimostrato che ascoltare le tue canzoni preferite migliora anche la connettività tra le parti del tuo DMN e rafforza le connessioni tra le sezioni del tuo cervello responsabili dell'udito e della memoria. Jonathan Burdette, MD, lavora al Laboratory for Complex Brain Networks presso la Wake Forest School of Medicine e studia gli effetti che la musica ha sul cervello. Le sue ricerche hanno dimostrato che ascoltare i tuoi brani preferiti, Mahler o Eminem, illumina il tuo DMN. Altri studi hanno dimostrato che cantare, praticare mantra e ascoltare musica può aiutare a sviluppare nuovi percorsi neurali. Sebbene la ricerca non sia stata accumulata su come la musica e la meditazione possano confrontare,o se la musica come oggetto di attenzione durante la meditazione è la stessa di altri punti focali, come il tuo respiro, dice Burdette, "non sarebbe sorprendente se ci fosse una sovrapposizione tra loro: la musica è un enorme codificatore di ricordi". E forse non abbiamo bisogno di tutta la scienza per entrare; le osservazioni sono potenti. “Ho visto persone affette da Alzheimer, che non parlano da anni, ascoltare una canzone della loro adolescenza e tornare in vita, cantando e ballando”, dice Burdette. Ci sono anche organizzazioni non profit, come Music & Memory, che portano la musica alle persone in vita assistita per aiutarle a riconnettersi a se stesse e al mondo. "Le preferenze individuali per il relax possono avere un ruolo in ciò che funziona per le persone in termini di recupero di ricordi e frammenti del loro vecchio io", aggiunge Lavretsky.

Vedi anche una playlist di meditazione di 30 minuti progettata per aiutarti a immergerti profondamente

Con l'avanzare dell'età, continuiamo a formare connessioni neurali, ma la velocità di elaborazione del cervello rallenta, causando quei "momenti da senior", come quando entri in una stanza e dimentichi perché sei lì o non ricordi il nome di qualcuno. Ma qualcosa di più grave accade nella mente delle persone con Alzheimer. I normali processi vanno in tilt e alla fine viene prodotta una sovrabbondanza di un peptide chiamato beta-amiloide, danneggiando le sinapsi sane e creando buchi nel cervello, letteralmente e figurativamente. Ne consegue la perdita di memoria, capacità decisionali e linguaggio.

Sfortunatamente, questo scenario sta diventando sempre più comune. Circa 75 milioni, o il 25%, degli americani portano una copia della variante del gene ApoE4, un fattore di rischio genetico per l'Alzheimer, e 5,8 milioni di persone negli Stati Uniti stanno già convivendo con la malattia, un numero che dovrebbe crescere fino a 14 milioni entro il 2050.

Placche e grovigli si trovano nel cervello dei malati di Alzheimer. Le placche sono gruppi di frammenti proteici che si formano quando la beta-amiloide si aggrega. I grovigli si creano quando una proteina all'interno delle cellule nervose collassa in fili attorcigliati e non può più fare il suo lavoro, essenzialmente uccidendo le cellule cerebrali. Il ricercatore Dale Bredesen, MD, autore del libro bestseller del New York Times The End of Alzheimer’s, ritiene che la risposta amiloide fuori controllo rilevata nel cervello dei malati di Alzheimer sia molto spesso una reazione all'infiammazione, ai livelli subottimali di nutrienti e ormoni, alla resistenza all'insulina e all'esposizione tossica a muffe o batteri (prova l'estrazione ayurvedica dell'olio per impedire ad alcuni batteri nocivi di migrare dalla bocca alla mente) o alle sostanze chimiche (pensate allo scarico di gas dalle candele di paraffina), fattori che possiamo mitigare con i cambiamenti della dieta e dello stile di vita. “Puoi pensare a targhe e grovigli come bollette non pagate. Puoi rimuoverli, ma se non risolvi la causa, continuerai a rifiutare ", afferma Bredesen.

Vedi anche  Medicina Ayurvedica

Bredesen e altri esperti affermano che ci sono quattro aree chiave che dovresti ottimizzare ora, in modo da poter rimanere acuto con l'avanzare dell'età ed evitare deterioramenti cognitivi più gravi più avanti nella vita: sonno, livelli di stress, esercizio (fisico e mentale) e dieta . E le pratiche yogiche possono aiutare in quasi tutte queste aree. Ecco il tuo piano in quattro parti per la massima salute del cervello.

Gestisci lo stress

Lo stress cronico è davvero dannoso per te, come sai, e la ricerca mostra che è potenzialmente nocivo per il tuo cervello. Alti livelli di cortisolo, l'ormone dello stress, spesso una risposta all'infiammazione, sono associati all'atrofia cerebrale. "È fondamentale trovare un modo per bilanciare il sistema nervoso, e un modo è attraverso lo yoga, la meditazione e il rilassamento", afferma Bredesen, che si riferisce all'Alzheimer come a una malattia del 21 ° secolo che richiede un approccio total-body e combinazione di medicina orientale e occidentale per il trattamento. L'enfasi sui pericoli dell'infiammazione cronica non può essere sopravvalutata. È stato collegato a malattie cardiache, diabete e malattie autoimmuni e in uno studio pubblicato nel numero di agosto 2018 di Neurobiology of Aging, i ricercatori hanno monitorato più di 12.000 persone tra i 40, i 50 e i 60 anni e hanno scoperto che quelli con alti livelli di infiammazione avevano più problemi di memoria più avanti nella vita.

Vedi anche  Migliora la tua memoria riducendo lo stress

C'è anche una forte correlazione tra lo stress acuto, come la tua risposta a una morte improvvisa in famiglia, e l'insorgenza di Alzheimer, afferma Henry Emmons, MD, autore di Staying Sharp: 9 Keys for a Youthful Brain through Modern Science and Ancient Wisdom . Ma le pratiche e i movimenti meditativi possono aiutare a smorzare lo stress, dice. Lo yoga riparatore, ad esempio, può bilanciare il sistema nervoso autonomo, interrompendo la risposta di lotta o fuga e riportando il corpo alla modalità di riposo e recupero.

Dormi profondamente

La cosa più importante che possiamo fare per il nostro cervello mentre invecchiamo è dormire, dice Emmons. Il sonno profondo, in particolare, influisce sull'apprendimento e sulla memoria: quando ci siamo dentro, le sostanze chimiche trasferiscono i ricordi per l'archiviazione a lungo termine nel cervello. Uno studio pubblicato su Science diversi anni fa ha fatto luce su come il nostro cervello elimina i prodotti di scarto, come la beta-amiloide, attraverso una serie di canali (chiamati sistema glicinfatico) mentre dormiamo. Il processo che va in tilt nel cervello dei malati di Alzheimer non consente il normale smaltimento dei rifiuti, quindi qualsiasi aiuto extra potrebbe fare molto. "Durante il sonno profondo, quando il cervello è tranquillo e le cellule cerebrali si restringono letteralmente, i canali dei rifiuti si aprono, consentendo ai sottoprodotti metabolici e alle tossine di defluire dal cervello", spiega Emmons. Più,la ricerca suggerisce che il sonno profondo può anche aiutare a ridurre gli ormoni dello stress e migliorare il metabolismo del glucosio, entrambi fattori che influiscono sui livelli di infiammazione.

Vedi anche  7 sequenze per dormire meglio

Lo yoga può aiutarti a ottenere Z migliori e praticare asana durante il giorno favorisce un sonno migliore di notte. Emmons suggerisce anche di fare pause regolari per fare alcuni giri di quello che chiama respiro calmante: inspira contando tre o quattro, fai una breve pausa, quindi espira contando cinque o sei. Questo esercizio aiuta a disattivare la risposta allo stress del corpo e promuove il sonno ininterrotto, dice Emmons.

Muovi il corpo e la mente

L'esercizio fisico ha una miriade di benefici per potenziare il cervello. Le attività che aumentano la frequenza cardiaca aiutano a sbarazzarsi degli ormoni dello stress e aiutano a sviluppare una risposta di rilassamento più resiliente, che puoi chiamare nella maggior parte delle situazioni per calmarti (e che può aiutarti a riconoscere che 18.000 email nella tua casella non è la stessa cosa che essere perseguitati da un leone), dice Emmons. L'esercizio migliora anche la sensibilità all'insulina (uno dei 25 fattori che contribuiscono all'Alzheimer, secondo Bredesen) e aumenta il fattore neurotrofico derivato dal cervello (BDNF), una proteina che controlla la crescita di nuovi neuroni.

La corsa e il tennis sono fantastici, ma anche gli asana possono fare il trucco. Gli studi di Lavretsky sullo yoga hanno dimostrato che una lezione di Kundalini Yoga di 60 minuti una volta alla settimana, che coinvolge movimento, canto e meditazione, accompagnata da una pratica quotidiana di una meditazione Kirtan Kriya di 12 minuti, può migliorare la connettività nella rete di modalità predefinita del cervello .

Prova tu stesso il Kirtan Kriya. 

Perché Kundalini? Bene, Lavretsky è un insegnante di lunga data della pratica ed è più facile da eseguire rispetto a hatha o vinyasa, dice, perché può essere fatto principalmente da una posizione seduta. La sessantacinquenne Sylvia Mendoza, una dei soggetti di Lavretsky, ha iniziato il protocollo di Kundalini Yoga sentendosi come se non potesse organizzare i suoi pensieri come faceva una volta. Le era stato diagnosticato un lieve deterioramento cognitivo ed aveva paura di parlare di fronte alle persone, temendo di non essere in grado di ricordare le parole o di perdere il filo del discorso. Dopo aver praticato Kundalini per 12 settimane, dice di sentirsi più se stessa. "Sono passata dall'avere le biglie in testa alla capacità di organizzare i miei pensieri in file: ho ripreso la prospettiva", dice. Quattro mesi dopo aver partecipato allo studio di Lavretsky, pratica ancora il Kundalini Yoga quasi ogni giorno."Continuerò per il resto della mia vita", dice. "Lo yoga mi ha dato fiducia e pace."

Vedi anche Pose per il tuo cervello

Il passo successivo nel lavoro in corso di Lavretsky è includere campioni di dimensioni più grandi studiando fino a 100 donne a rischio di Alzheimer che praticano per un anno intero, per vedere se i risultati migliorano mese dopo mese.

Vedi anche uno  studio recente mostra come lo yoga può proteggere il cervello dall'età

Studi su studi hanno dimostrato che la meditazione da sola (essenzialmente un allenamento per il cervello) può aumentare la connettività nelle parti del cervello responsabili del processo decisionale e della memoria. In uno studio del 2011, riportato sulla rivista Psychiatry Research , un team di neuroscienziati dell'Università di Harvard ha osservato, attraverso scansioni cerebrali, che solo 27 minuti di meditazione al giorno per otto settimane hanno mantenuto il cervello dei cinquantenni molto più giovane. Le loro menti avevano tanta materia grigia quanto il cervello dei venticinquenni.

Le pratiche mente-corpo che combinano meditazione e movimento possono essere le più utili, dice Lavretsky. In uno studio del 2016 pubblicato in Current Behavioral Neuroscience Reports , Lavretsky e i suoi colleghi ricercatori hanno riferito che sia le pratiche meditative basate sulla consapevolezza che si concentrano sulla consapevolezza del momento presente, come vipassana e Zen, sia i movimenti meditativi, come lo yoga, possono aiutare a migliorare l'attenzione e memoria. La differenza è che le pratiche yoga reclutano parti del cervello coinvolte nel linguaggio, nella funzione motoria e nella capacità di prendere decisioni complesse.

Vedi anche  15 benefici per la salute anti-età dello yoga che ti faranno desiderare di iniziare a praticare ora

In effetti, la routine Kundalini di Lavretsky era in realtà più efficace nella costruzione di reti neurali rispetto ad alcuni degli strumenti standard di addestramento della memoria utilizzati dai professionisti medici. Il protocollo utilizzato da Lavretsky nel suo studio è stato sviluppato presso l'UCLA e utilizza strategie mnemoniche per migliorare la memoria e il richiamo. E ora potresti chiederti di quegli strumenti di formazione della memoria online per i quali hai visto annunci. La giuria non è ancora in grado di stabilire se app come Lumosity ed Elevate siano davvero efficaci nel migliorare l'agilità mentale. Uno studio del 2017 su Neuropsychology Review ha confrontato 18 app e ha scoperto che solo due, BrainHQ di Mahncke e CogniFit, sono state studiate in studi clinici e hanno scoperto che aiutano gli utenti a elaborare i pensieri più rapidamente e migliorare la memoria visiva in situazioni del mondo reale.

Mangia bene

L'ottimizzazione della dieta è un'altra importante difesa nella lotta contro la demenza. Bredesen consiglia pasti cheto-simili ricchi di piante, ricchi di grassi sani e poveri di carboidrati e zuccheri. Pensa a verdure colorate, ricche di fibre e disintossicanti, come cavoli rossi e cavoli; frutti a basso indice glicemico come le bacche; e grassi da noci, semi e oli di oliva e trigliceridi a catena media (MCT). E incoraggia il digiuno da 12 a 16 ore tra la cena e la colazione del giorno successivo. L'obiettivo è stabilizzare i livelli di insulina a riposo e ridurre l'infiammazione (ricorda, i livelli elevati sono fattori di rischio per l'Alzheimer).

Diversi esperti indicano i modi in cui le pratiche alimentari ayurvediche si allineano con i moderni protocolli di stile di vita per ritardare il declino cognitivo. Trovare l'armonia tra i tuoi dosha , o energie primarie - vata (aria e spazio), kapha (acqua e terra) e pitta (fuoco e acqua) - può aiutare a rallentare l'invecchiamento, inclusa la perdita di memoria ... o almeno così dice la teoria. Il digiuno intermittente e una dieta a basso contenuto di zuccheri e ricca di piante che richiede abbondanti grassi e oli sani fanno tutti parte del mangiare ayurvedico.

4 ricette per mangiare intellettuale

Julie Morris, chef e autrice di bestseller di Smart Plants: Power Foods & Natural Nootropics for Optimized Thinking, Focus & Memory, afferma che la chiave per aumentare la potenza del cervello si riduce a una semplice linea guida, simile a ciò che Dale Bredesen, MD, consiglia: A la dieta che supporta un cervello sano include alcuni grassi, alcune proteine, meno zuccheri e più piante. "Quindi cospargere di nootropi naturali", suggerisce. “Derivato dalle parole greche noos , che significa mente, e tropos, che significa trasformato o cambiato, i nootropi sono davvero sostanze che cambiano la mente e migliorano la cognizione che possono migliorare il modo in cui pensi, senti e funzioni. " Dice che li considera i supercibi del mondo della cognizione. I nootropi naturali, come cacao, matcha, funghi reishi, bacche di goji, ashwagandha e curcuma, non solo mantengono e proteggono la funzione neurologica, ma la ricerca mostra che possono anche migliorare le tue prestazioni mentali. Qui, quattro ricette ricche di grassi sani, antinfiammatori e nootropici per mantenere il cervello acceso su tutti i cilindri.

Diventa intelligente su cosa c'è nel piatto e nella tua tazza. Prova queste ricette salutari per il cervello. 

Questo Goji Latte dorato antinfiammatorio è l'elisir domenicale perfetto per la cura di sé

1/4

La soluzione supplementare

La composizione della dieta è fondamentale, ma ci sono anche tutti i tipi di integratori commercializzati per la salute del cervello. Navigare su cosa comprare può essere complicato e confuso come la scienza del cervello stessa. Emmons prescrive generalmente vitamine del gruppo B attivate, acidi grassi omega-3, treonato di magnesio e antiossidanti come il coenzima Q10 (CoQ10), insieme ad alcuni prodotti a base di erbe che sono stati sostenuti dalla scienza per il miglioramento della memoria e della cognizione, come il ginkgo, la vinpocetina, e l'uperzina A. Raccomanda anche di assumere la fosfatidilserina (PS), che svolge un ruolo nella creazione delle membrane delle cellule nervose.

Vedi anche Prova queste erbe consapevoli per combattere l'oblio

C'è anche L-serina, un integratore di tendenza utilizzato per la protezione contro il declino cognitivo. Un amminoacido naturale, la sostanza ha mostrato risultati promettenti per ridurre l'infiammazione e potenzialmente aiutare coloro che sono esposti alla neurotossina L-BMAA, che può accadere mangiando frutti di mare contaminati. "Ma ci sono poche prove che sia utile per l'Alzheimer", dice Emmons. E le persone con declino cognitivo che hanno fattori che contribuiscono, come la resistenza all'insulina o l'esposizione a vari agenti patogeni e tossine diversi dalla L-BMAA, probabilmente non vedranno alcun effetto con la L-serina, afferma Bredeson, aggiungendo che gli studi in corso con L-serina dovrebbe aiutarci a saperne di più.

Sul fronte ayurvedico, la ricerca di Bredesen e del suo collega Rammohan Rao, PhD, presso il Buck Institute for Research on Aging suggerisce che le erbe ayurvediche comuni, come ashwagandha, curcuma, brahmi (noto anche come bacopa) e centella asiatica, possono avere il potenziale per migliorare la concentrazione, invertire la dimenticanza e ridurre l'infiammazione.

4 erbe che stimolano il cervello da acquistare ora

ORA Ashwagandha

1/4

Vedi anche  Una dieta basata sui principi ayurvedici

Parti ora

Prima inizi a fare scelte di vita protettive per il cervello, meglio è. L'Alzheimer si sviluppa essenzialmente in quattro fasi. Nelle fasi iniziali, quasi tutte le persone rispondono agli interventi sullo stile di vita, mentre quelle nelle fasi avanzate mostrano solo risposte occasionali, afferma Bredesen. Il primo stadio è asintomatico, ma una scansione cerebrale può mostrare anomalie. Questo potrebbe andare avanti per circa 10 anni, dice Bredesen. Nella seconda fase, inizia il deterioramento cognitivo soggettivo: i pazienti sanno che le cose non vanno bene, ma i marcatori per la beta-amiloide non vengono ancora visualizzati nei test di laboratorio. Questo può durare per più di un decennio, dice. La terza fase, che può durare diversi anni, è un lieve deterioramento cognitivo. I test di laboratorio mostrano un deterioramento cognitivo, ma la cura di sé e l'indipendenza non ne soffrono. "La maggior parte delle persone con MCI può migliorare, ma non sempre", afferma Bredesen."Ogni anno qualcuno ha MCI, ha una probabilità dal 5 al 10% di sviluppare l'Alzheimer in piena regola, la quarta fase." Questo crossover inizia quando i pazienti iniziano ad avere problemi a prendersi cura di se stessi. Nel tentativo di anticipare il problema, Bredesen consiglia di verificare la presenza di potenziali marcatori a rischio, tra cui ApoE, non appena si compiono 45 anni (le sue raccomandazioni per le analisi del sangue, e come interpretarle e agire su di esse, possono essere trovate su micognoscopia .com). Con la prevenzione in mente, "la chiave è scegliere una pratica che ti piace e aderire ad essa", dice Lavretsky. "Prima inizi a imparare come affrontare lo stress, più ritardi le malattie legate all'invecchiamento", dice."Questo crossover inizia quando i pazienti iniziano ad avere difficoltà a prendersi cura di se stessi. Nel tentativo di anticipare il problema, Bredesen consiglia di verificare la presenza di potenziali marcatori a rischio, tra cui ApoE, non appena si compiono 45 anni (le sue raccomandazioni per le analisi del sangue e come interpretarle e agire su di esse, possono essere trovate su micognoscopia .com). Con la prevenzione in mente, "la chiave è scegliere una pratica che ti piace e aderire ad essa", dice Lavretsky. "Prima inizi a imparare come affrontare lo stress, più ritardi le malattie legate all'invecchiamento", dice."Questo crossover inizia quando i pazienti iniziano ad avere problemi a prendersi cura di se stessi. Nel tentativo di anticipare il problema, Bredesen consiglia di verificare la presenza di potenziali marcatori a rischio, tra cui ApoE, non appena si compiono 45 anni (le sue raccomandazioni per le analisi del sangue, e come interpretarle e agire su di esse, possono essere trovate su micognoscopia .com). Con la prevenzione in mente, "la chiave è scegliere una pratica che ti piace e aderire ad essa", dice Lavretsky. "Prima inizi a imparare come affrontare lo stress, più ritardi le malattie legate all'invecchiamento", dice."La chiave è scegliere una pratica che ti piace e aderire ad essa", dice Lavretsky. "Prima inizi a imparare come affrontare lo stress, più ritardi le malattie legate all'invecchiamento", dice."La chiave è scegliere una pratica che ti piace e aderire ad essa", dice Lavretsky. "Prima inizi a imparare come affrontare lo stress, più ritardi le malattie legate all'invecchiamento", dice.

Vedi anche  Mind over Matter

Michael Trainer si sta attenendo alla sua pratica di meditazione. “Vedere il declino di mio padre mi ha cambiato. È stato un catalizzatore per me vedere come mi avvicino alla vita ", dice. "Ho smesso di lavorare così tante 12-14 ore al giorno e pratico meditazione e yoga ogni giorno, oltre a mangiare e dormire bene, perché sono tamponi e parte integrante della mia difesa della demenza."

In effetti, ha fatto un ulteriore passo avanti e ora attira l'attenzione globale sulla salute del cervello attraverso la sua piattaforma digitale Peak Mind, dove puoi iscriverti a pratiche di meditazione e consapevolezza. Nel 2015, ha co-ospitato un evento Peak Mind con il Dalai Lama, per l'ottantesimo compleanno di Sua Santità, per "rendere orgoglioso mio padre", dice. Ma quando si è presentata l'occasione costellata di stelle, Trainer dice che suo padre non ha più riconosciuto il Dalai Lama. “All'improvviso, ho capito che volevo solo stare con mio padre; è diventato meno grandi gesti e più semplici momenti di qualità con lui ".

Raccomandato

Tantra Rising
Le migliori pillole di cannella
3 modi per migliorare la posa del ceppo di fuoco