Intervista a YJ: Richard Freeman

Quando incontrò il suo insegnante, K. Pattabhi Jois, Richard Freeman aveva praticato yoga per 19 anni, visitato diversi ashram in India e insegnato yoga alla famiglia reale iraniana. Meno di un anno dopo aver incontrato il fondatore dell'Ashtanga Yoga, Freeman è diventato il secondo occidentale certificato da Jois per insegnare Ashtanga. Oggi, Freeman vive con suo figlio, Gabriel, e sua moglie, Mary Taylor, a Boulder, in Colorado, dove gestiscono The Yoga Workshop.

Come ti sei imbattuto per la prima volta nello yoga? Quando avevo 18 anni, ho riletto Walden di Henry David Thoreau , che parla della Bhagavad Gita. Questo mi ha portato a [Ralph Waldo] Emerson e le Upanishad. La mia famiglia era a disagio per il fatto che stavo studiando anche filosofia occidentale, perché forse è la meno utile in termini di carriera. Quindi, senza la loro benedizione, ho intrapreso il percorso yogico al Chicago Zen Center. Successivamente ho studiato Iyengar Yoga, Sivananda Yoga, bhakti yoga, Tantra e diverse pratiche buddiste. È stato solo nel 1987 che ho scoperto l'Ashtanga Yoga e ho incontrato Pattabhi Jois.

Cosa ti ha fatto pensare "Sì! Quest'uomo è il mio insegnante"? Quando sono andato a uno dei suoi seminari nel Montana, potevo già fare bene la maggior parte delle asana. Tuttavia, il modo in cui li collegava internamente era interessante, perché ero in grado di entrare nella linea mediana del corpo e nei nadi [canali energetici]. Abbiamo avuto una forte connessione; è qui che i miei studi precedenti hanno davvero dato i loro frutti. Il suo inglese non è molto buono, quindi abbiamo parlato principalmente di asana in sanscrito.

Non era la prima volta che lavoravi con una barriera culturale. Quali sono state alcune delle sfide dell'insegnamento dello yoga in Iran? Un amico mi ha invitato a insegnare nel suo studio lì. Per quattro anni ho insegnato yoga all'imperatrice, ai principi e ad altri membri della famiglia reale. Erano per lo più musulmani con una forte concezione del Divino. Dovevo stare molto attento a non usare termini che suggerissero che stavo cercando di convertirli o parlare di idolatria e reincarnazione. Lavorando attraverso le culture, ho dovuto diventare onesto con me stesso su ciò che so veramente, cosa sono teorie o metafore e cosa è l'insegnamento e la pratica spirituale essenziale.

Allora cos'è l'essenziale? Meditazione. Sta concentrando la mente su qualsiasi schema o cosa che viene fuori. Questa pratica di consapevolezza è qualcosa che potresti fare come indù, cristiano, ebreo, musulmano o buddista. Mi piace il tempo tranquillo. Esco e contemplo gli insetti, il naso del mio cane, i conigli qui intorno o qualunque cosa si presenti. Tutto è connesso, quindi provo un affetto naturale per queste cose. Mia moglie è una chef e cucina la maggior parte, quindi faccio del lavare i piatti la mia meditazione. Faccio molta attenzione al mio respiro ea quello che sto facendo.

In che modo la paternità ha cambiato la tua pratica? È stato illuminante. Ho dovuto lasciare andare un po 'alcune pose e studi; come padre affronti momenti di crisi, che possono capitare in qualsiasi momento. La mia pratica è più interna ora - potrei avere il tempo anche solo per sedermi e fare un piccolo Pranayama. Tuttavia, non c'è nessun altro mezzo così potente come crescere un figlio con qualcuno che ti faccia impazzire o che apra il tuo cuore e la tua mente alla compassione verso te stesso e gli altri.

Raccomandato

Posa della sfida: cavalletta
5 modi per fai da te il tuo santuario yoga a casa
Come 31 giorni di meditazione in movimento hanno aiutato uno yogi a rallentare