I cinque stati d'animo

I saggi cercarono di comprendere la mente identificando i suoi vari stati e attività, osserva TKV Desikachar, che cita queste cinque categorie descritte dal saggio Vyasa nel suo commento allo Yoga Sutra di Patanjali. Probabilmente tutti abbiamo sperimentato ciascuno di questi stati in momenti diversi e tendiamo a fluttuare tra di loro. Ciò che ci consente di trascorrere più della nostra vita negli stati d'animo più desiderabili è l'intera pratica dello yoga, inclusi asana, Pranayama, meditazione e condotta etica.

Ksipta

In questo stato mentale più basso, una persona è molto agitata e incapace di pensare, ascoltare o tacere. "È come una scimmia che salta su e giù", dice Desikachar. "Lanciagli un diamante, e non sa cosa sia."

Mudha

In questo stato, nessuna informazione sembra raggiungere il cervello. La mente è ottusa e svogliata. Una persona potrebbe avere in mano la sua chiave ma ancora chiedere: "Dov'è la chiave?"

Viksipta

Qui la mente riceve le informazioni ma sembra incapace di elaborarle. La mente oscilla confusa, con un chiacchiericcio interiore del tipo "Voglio fare tutto, ma non posso fare tutto. Dovrei fare questo o quello?"

Ekagra

In questo stato, la mente è rilassata ma non assonnata. La persona è pronta a concentrarsi e prestare attenzione, che è un prerequisito per la meditazione. Una buona lezione di yoga può portare la mente in questo stato di attenzione rilassata.

Nirodha

Qui la mente non è distratta da pensieri casuali ma è completamente assorbita dall'oggetto di focalizzazione. Questo può accadere durante la meditazione o quando una persona è completamente impegnata in qualcosa.

Vedi anche  40 parole sanscrite comuni che ogni yogi dovrebbe conoscere 

Raccomandato

Posa della sfida: cavalletta
5 modi per fai da te il tuo santuario yoga a casa
Come 31 giorni di meditazione in movimento hanno aiutato uno yogi a rallentare