Q&A: Come posso sentirmi a mio agio in Supta Baddha Konasana?

Quando mi arrendo alla posa Supta Baddha Konasana, sento un meraviglioso rilascio nella parte interna delle cosce e le mie gambe vogliono sprofondare nel pavimento. Ma mentre lo fanno, le articolazioni esterne dei fianchi urlano e devo sollevare le gambe. Sembra quasi che i miei femori non siano allineati nelle orbite dei fianchi e l'osso stia spingendo contro l'osso. Cosa causa questo e cosa posso fare in modo che i miei fianchi si sentano più a loro agio?

—Leigh Scott

La risposta di Lisa Walford:

Sei molto astuto, Leigh! Mentre questa posa può sembrare deliziosa ed è una panacea per molti problemi, quando il corpo non è adeguatamente supportato può essere di cattivo gusto. Se i tuoi fianchi sono tesi o molto allentati, la testa del femore (grande trocantere) premerà rispettivamente verso la parte posteriore o anteriore del bacino. Inoltre, se i fianchi sono tesi, le tibie esterne possono piegarsi verso il pavimento e distorcere l'allineamento del ginocchio. La buona notizia è che con qualche coperta in più, la meravigliosa liberazione che assapori può essere tua ogni giorno.

Supta Baddha Konasana supportato libera l'energia congestionata negli organi addominali e quindi incoraggia un buon flusso pranico, salute e vitalità al tratto digestivo e agli organi di eliminazione. Sollevando la colonna vertebrale con coperte o cuscini, la gabbia toracica si espande delicatamente. Questo incoraggia uno stato di riposo per i polmoni e il cuore. Può essere un cocktail meraviglioso per le donne incinte o per chiunque onori quel tranquillo passaggio dal giorno al tramonto, un momento per lasciar andare gli eventi della giornata e sistemarsi dentro.

Poiché spesso rimaniamo in questa posizione per un periodo di tempo prolungato, qualsiasi contorsione nelle articolazioni flagellerà il tessuto connettivo con una pressione eccessiva. Per prima cosa esegui la posa senza oggetti di scena per supporto. Se le ginocchia sono molto più alte dei fianchi, le anche sono tese e dovresti sostenere sia la coscia che le tibie. I blocchi sono aiuti inappropriati in questo caso perché immobilizzano le gambe. Tuttavia, le coperte consentono al peso delle ossa di rilasciare gradualmente verso il pavimento man mano che tendini e legamenti si ammorbidiscono.

Posiziona una coperta piegata in modo uniforme perpendicolare al tuo femore abbastanza in alto sotto la gamba da supportare completamente l'esterno della coscia e lo stinco. Sostieni entrambe le gambe, anche se il tuo disagio è solo su un lato: se sostieni solo un lato puoi torcere il corpo e disturbare l'articolazione sacroiliaca o la parte bassa della schiena. Questa configurazione funziona anche se i tuoi fianchi sono iper-mobili; cioè, se le tue ginocchia toccano il pavimento e provi dolore alle cavità dell'anca.

Se sono le ginocchia a disturbarti, spesso lo stinco esterno pesa pesantemente verso il pavimento e affonda il ginocchio interno verso il ginocchio esterno. In questo caso, sostieni lo stinco con una coperta arrotolata per sollevare il peso cadente dal ginocchio.

Una volta che le gambe sono adeguatamente sostenute, l'inguine interno si ammorbidirà e si allargherà mentre l'interno coscia si allungherà verso le ginocchia. Rilassati profondamente e completamente. Ammorbidisci gli occhi verso le orbite, le guance verso l'incavo della bocca, l'incavo della gola verso il cuore. Siate certi che con il supporto adeguato, il vostro corpo migrerà naturalmente verso la salute, la compostezza e la vitalità.

Lisa Walford è un'istruttrice di Iyengar Yoga di livello intermedio e insegna da più di vent'anni. È una delle direttrici del Teacher Training Program presso Yoga Works, a Los Angeles. Ha fatto parte della facoltà delle Convenzioni Nazionali Iyengar Yoga del 1990 e del 1993 e studia regolarmente con gli Iyengar.

Raccomandato

Come insegnare lo yoga per il core
Perché hai bisogno di una zuppa di pulizia quest'inverno
Il libro più venduto Yoga Anatomy viene aggiornato