Vibrazione definitiva: il potere del Bhakti Yoga e del Kirtan

Guida con il tuo cuore e abbraccia l'universo con il bhakti yoga e il canto del kirtan.

Molti di noi pensano allo yoga come a un insieme di esercizi per migliorare la propria bellezza fisica e resistenza, con una breve meditazione occasionale per i suoi effetti calmanti. Ma questa è solo una piccola parte dell'immagine. E il cuore? Che dire del grande e talvolta tempestoso mare di emozioni umane?

Migliaia di anni fa, i rishi, o veggenti, dell'India ci hanno dato i sistemi dello yoga per portarci a uno stato di armonia, pace e, in definitiva, unione con il Divino. Questi antichi yogi erano ben consapevoli dei molteplici strati - fisico, mentale, emotivo - che compongono l'animale umano, e crearono pratiche per portare luce all'intero essere. Riconoscevano le emozioni come vitali e sacre e le vedevano, non come un ostacolo, ma come una grande energia che poteva portarci alla liberazione. E ci hanno dato il bhakti yoga, lo yoga della devozione, per canalizzare quell'energia e usarla come un ponte per riportarci alla nostra fonte.

L'essenza del bhakti yoga è la resa, l'offerta di un Sé individuale al grande oceano della pura coscienza. Il bhakti yoga ci porta in un regno in cui le qualità di discernimento dell'intelletto sono impotenti vicino al vasto oceano del sentimento. Bhakti parla di una relazione con l'universo che è così ampio da abbracciare ogni colore dello spettro emotivo. Quindi nel bhakti yoga guidiamo con i nostri cuori. Cantiamo, balliamo, suoniamo, scriviamo poesie, cuciniamo, dipingiamo, facciamo l'amore, tutto come parte del nostro dialogo con il Divino.

Vedi anche Chanting 101: 6 cose da sapere se non "prendi" il kirtan

Il kirtan, la pratica di cantare i nomi o mantra degli dei e delle dee, è forse la tecnica più importante nel bhakti yoga. Sebbene la pratica stessa sia semplice, il processo interno che stimola è vasto e misterioso. Esternamente, stiamo solo cantando canzoni ripetitive con semplici melodie e poche parole sanscrite. Cerchiamo di mettere da parte le nostre menti analitiche e cantare dal cuore. Cerchiamo di incanalare qualunque emozione stiamo provando nella canzone.

Poi accade la magia: i muri costruiti molto tempo fa crollano. Le ferite che non sapevamo esistessero iniziano a guarire. Le emozioni a lungo sommerse vengono a galla. Mentre cantiamo, ci immergiamo in un fiume infinito di preghiera che scorre sin dalla nascita dei primi esseri umani. E in qualche modo, senza sforzo, entriamo in uno stato meditativo che crea un rifugio sicuro in cui il fiore del cuore si dispiega.

Una volta in un campo di kirtan, una donna mi disse che aveva problemi a cantare per questo dio blu e quella dea a quattro braccia. Lei e io abbiamo parlato per un po 'di come sia la pratica curativa del kirtan, di quanto possa essere espansiva e gioiosa. E ho capito che i pensieri e la comprensione sono insignificanti rispetto all'esperienza del cuore. A volte, mentre canto, sento la presenza di Radha e Krishna, o Shiva, o Hanuman, e altre volte le mie canzoni mi portano nel profondo del mio cuore, il mare dell'amore che è la mia anima. E a volte non sento affatto niente di spirituale.

Ma sai cosa? Non mi importa più di tanto. Capisco che la mia mente è un meccanismo limitato e che il regno miracoloso dello spirito può essere compreso solo dallo spirito interiore. Le credenze hanno un certo valore. Ma per me il cuore è molto più importante: come posso dire la verità? Come posso essere un buon padre e un buon marito? Come posso mantenere il mio cuore aperto?

Vedi anche  Sounds Divine: Kirtan e Pop Crossover

Le vibrazioni profonde del Bhakti Yoga e del Kirtan

"Chi ascolta la musica sente subito la sua solitudine popolata", ha scritto il poeta Robert Browning. E chiunque sia mai stato sollevato da un brano preferito quando si sente triste sa esattamente cosa intendeva.

Per migliaia di anni, le persone hanno usato il suono e la vibrazione, inclusa la musica, per rilassarsi, accedere a stati di coscienza più profondi e curare i loro corpi. Pratiche come il canto e il tamburo, o l'uso di campane tibetane e gong cinesi di meditazione, sono solo alcuni esempi. Nel nada yoga, lo yoga del suono, la voce umana e gli strumenti classici indiani sono usati come percorso per l'auto-realizzazione, aprendo i canali spirituali e armonizzando il corpo fisico. "L'obiettivo finale del nada yoga è l'auto-realizzazione attraverso la connessione con l'anahata naada, il suono interiore non colpito, o il suono del nostro vero Essere", dice Shanti Shivani, insegnante di nada yoga, cantante e guaritrice del suono.

Che si tratti di cantare un mantra o di cantare insieme al tuo CD preferito, il suono e la musica hanno il potere di cambiare il tuo umore e forse anche la tua salute. La ricerca suggerisce che la musica può avere effetti benefici sulla salute, che vanno dalla riduzione del dolore cronico al miglioramento del recupero delle vittime di ictus. "Le antiche tradizioni dicono tutte che siamo solidi, siamo frequenze", dice Shivani. "Gli scienziati occidentali stanno scoprendo che l'antica conoscenza è corretta".

Vedi anche  YJ Interview: Krishna Das Talks Chanting + Kirtan

Raccomandato

Lo yoga è pericoloso per le donne?
3 pose preparatorie per l'equilibrio dell'avambraccio (Pincha Mayurasana)
Solleva il tuo spirito con questi oli essenziali equilibranti Dosha