Energia Kundalini: perché risvegliamo il serpente nella pratica dello yoga

Quindi cosa c'entra un'antica parabola sui serpenti e sui mariti pigri con la tua pratica yoga? Ecco perché "risvegliamo il serpente" in Kundalini.

In Occidente, spesso pensiamo al principio maschile come attivo e creativo, mentre il femminile è passivo e ricettivo. Ma nell'hatha yoga, questi sono invertiti: la dea Shakti (letteralmente "potere") crea e nutre il mondo, mentre il suo sposo, il dio Shiva (il "buon auspicio") è il suo silenzioso pubblico.

Shakti e Shiva sono le stelle di una vecchia parabola che incarna la pratica e l'obiettivo dell'hatha yoga. In breve: in una grotta ai piedi del mitico Monte Meru, l'asse dell'universo indù, la dea riposa dopo aver creato il mondo. È raffigurata come un serpente addormentato ferito tre volte e mezzo (a volte otto) intorno a se stessa, e quindi chiamata kundalini, o "arrotolata". Quando è il momento giusto, si sveglia e sale faticosamente alla vetta di Meru, dove si riunisce con lo Shiva in attesa.

Vedi anche  Awakening Shakti: An Interview with Sally Kempton

Cosa hanno a che fare i serpenti, le montagne e i mariti inutili con lo yoga? Ognuno di noi è un composto di energie Shiva / Shakti. Anche se li chiamiamo distinti, sono in realtà complementi inseparabili, come i poli nord e sud di un magnete. Quando sono in equilibrio, le nostre vite sono armoniose e gioiose; ma quando uno è al di sopra del suo compagno, soffriamo di sentimenti strazianti di frammentazione, alienazione e perdita.

La scalata di Shakti e il ricongiungimento finale con Shiva rappresentano, nel contesto della nostra pratica, il graduale risveglio e la realizzazione del nostro Sé autentico. Nel nostro caso, la kundalini è alla base della nostra spina dorsale, "addormentata" al nostro potenziale infinito ma avvolta come una molla sotto pressione, desiderosa di riprendere vita. Meru è paragonato alla nostra colonna vertebrale, l '"asse" del nostro corpo, un universo in miniatura. A sua volta, la nostra spina dorsale è un'immagine della "scala" della coscienza, che inizia dal fondo della spina dorsale, dove nidifica la kundalini, e si estende fino alla dimora trascendente di Shiva, al vertice dell'autoconoscenza.

Molti testi tradizionali fanno sembrare la conquista spirituale di Meru simile alla scalata dell'Everest e scoraggiano tutti, tranne i più dediti, dal tentare la scalata. Ma tutti noi abbiamo, nel profondo del nostro cuore, il desiderio di essere interi e, come sinceri praticanti di yoga, tutta l'attrezzatura alpinistica di cui avremmo mai bisogno. Se non riusciamo a marciare fino in cima, almeno possiamo risalire dal campo base.

Vedi anche  Goddess Power: Invoke Shakti in Your Life

Richard Rosen, che insegna a Oakland e Berkeley, in California, scrive per Yoga Journal dagli anni '70 .

Raccomandato

3 straordinarie storie di guarigione attraverso lo yoga
Flessibilità di lavoro in una delle pose più antiche dello yoga
Una pratica yoga a casa per costruire una schiena forte