Sollievo per la stanchezza cronica attraverso lo yoga

Richard S. Dunlap è l'ultima persona che ti aspetteresti di ammalarti. "Ero un giovane eroe a prova di bomba", dice Dunlap, un architetto che vive a Sausalito, in California. All'età di 23 anni, faceva skateboard e snowboard professionalmente, andava in bicicletta avidamente e praticava yoga per almeno un'ora al giorno. "Ero una persona molto attiva e molto motivata", dice. "In effetti, ero appena uscito da un periodo meraviglioso della mia vita. Stavo facendo un lavoro professionale nei film e avevo viaggiato per il mondo". Poi, all'improvviso, Dunlap, che ora ha 35 anni, è precipitato.

Ellen Klein, una neomamma che vive a Sea Cliff, New York, racconta una storia simile. Dieci anni fa, all'età di 27 anni, Klein ha vissuto una vita dinamica e senza limiti a New York City. Klein, che gestiva un negozio di abbigliamento nel quartiere Soho di Manhattan, si è impegnata in ogni aspetto della sua vita. "Lavoravo duramente, mi allenavo duramente, uscivo duramente: tutto lo stile di vita di New York", dice Klein. "Ho sempre fatto molto e ho sempre cercato di adattarmi troppo alla giornata". Poi, anche lui all'improvviso, è caduta.

La forza dello schianto, sia per Dunlap che per Klein, proveniva da diverse direzioni. Dunlap è stato colpito da vertigini inspiegabili, fastidio addominale, brividi, sudorazione notturna, febbre e nausea. Klein è stato vittima di un'imboscata da mal di testa, dolori muscolari e attacchi di panico.

E poi c'era la fatica, una fatica devastante. Con poco preavviso, sia Dunlap che Klein si catapultarono in un mondo di stanchezza e letargia travolgenti. "Ho passato 10 mesi buoni a non fare nulla", dice Klein. "Anche alzarsi dal letto e andare in bagno era un problema." Lo stesso valeva per Dunlap. "Sono passato dall'essere Superman all'essere a letto. È stato schiacciante."

Sebbene i loro sintomi differissero in qualche modo, Dunlap e Klein avevano due cose in comune: a entrambi fu diagnosticata, alla fine, la sindrome da stanchezza cronica. E ognuno ha scoperto, dopo aver provato numerose terapie convenzionali e alternative, che ciò che ha alleviato in modo significativo la loro fatica, rafforzato il loro spirito, portato loro pace e, infine, ripristinato la loro salute era lo yoga.

La sindrome del mistero

Non augureresti la sindrome da stanchezza cronica (CFS) al tuo peggior nemico. Le persone con CFS soffrono, prima di tutto, di una profonda stanchezza che nessuna quantità di sonno può alleviare. Hanno anche un numero qualsiasi di altri sintomi, tra cui debolezza, dolore muscolare, compromissione della memoria o concentrazione mentale, insonnia e stanchezza post-sforzo che possono durare più di 24 ore, secondo i Centers for Disease Control (CDC) degli Stati Uniti. In alcuni casi, la CFS può durare anni.

Oltre ad essere debilitante, la CFS può essere un disturbo frustrante da diagnosticare. Una decina di anni fa, quando i medici sapevano poco della CFS, anche solo ottenere una diagnosi poteva essere di per sé un esercizio di aggravamento. Alcuni medici considererebbero i sintomi psicosomatici o il risultato della depressione.

"In generale, ciò che è stato insinuato era che non ero fisicamente malato, ma mentalmente malato", dice Dunlap. "Sono stato accusato di essere un falsario. Sì, ero depresso, ma non stavo male perché ero depresso. Ero depresso perché ero malato".

Oggi, i medici sanno di più sulla CFS, sebbene la diagnosi continui a essere una scienza inesatta. Fondamentalmente, i medici concludono che un paziente ha la CFS dopo aver escluso tutte le altre possibilità, come una tiroide ipoattiva, disturbi del sonno, malattie mentali, mononucleosi cronica, disturbi alimentari, cancro, malattie autoimmuni, disturbi ormonali e altri disturbi.

"La stanchezza cronica è una diagnosi di esclusione, perché ci sono molti altri problemi medici che hanno sintomi simili ad essa", dice Arthur Hartz, MD, Ph.D., ricercatore CFS e professore di medicina di famiglia presso l'Iowa College of Medicine di Iowa City. "Non ci sono test, e questa è una grave carenza. Senza un test, ci sarà sempre un dibattito sul fatto che la condizione sia qualcosa di più di un problema psicologico".

Dopo che i medici hanno escluso tutto il resto, fanno una diagnosi di CFS se, secondo le linee guida del CDC, un paziente ha entrambe le seguenti condizioni:

Grave stanchezza cronica che dura sei mesi o più.

Quattro o più dei seguenti sintomi: sostanziale compromissione della memoria o della concentrazione a breve termine; gola infiammata; linfonodi teneri; dolore muscolare; dolore multi-articolare senza gonfiore o arrossamento; mal di testa di un nuovo tipo, schema o gravità; sonno non ristoratore; e malessere che dura più di 24 ore dopo lo sforzo.

Si dice che coloro che hanno meno di quattro sintomi ma soddisfano tutti gli altri criteri abbiano affaticamento cronico, piuttosto che sindrome da stanchezza cronica. Quella parola può sembrare solo una sottile differenza, ma per chi soffre di CFS è importante; secondo Hartz, molti pazienti credono che l'establishment medico li prenda più seriamente se viene diagnosticata la sindrome piuttosto che la stanchezza cronica.

Spesso la CFS inizia come un'influenza di routine o un'altra malattia infettiva. La differenza è che indugia. "Invece di andare via tra una o due settimane", dice Hartz, "non sembra mai migliorare".

Sebbene chiunque possa contrarre la CFS, - si ritiene che circa 836.000 americani ce l'abbia - - le donne hanno il doppio delle probabilità di ottenerla rispetto agli uomini, secondo un recente studio pubblicato su Archives of Internal Medicine (1999; 159: 2129-2137). Colpisce più comunemente tra le persone di età compresa tra i 30 ei 60 anni e, più specificamente, tra i 40 ei 49 anni.

I medici si trovano su un terreno altrettanto instabile quando si tratta di cure. Poiché non sanno cosa causa la CFS - la lista delle possibilità include virus, disfunzioni immunologiche, disturbi del sistema nervoso centrale, un tipo di bassa pressione sanguigna, carenza nutrizionale, fattori ambientali e stress emotivo - trattano la CFS affrontando i sintomi , piuttosto che la causa della malattia.

Supponiamo che i sintomi di un paziente siano dolore muscolare, disturbi del sonno notturno, depressione e mal di testa. Il medico probabilmente prescriverà rilassanti muscolari, sonniferi, antidepressivi e rimedi per il mal di testa e consiglierà anche di incontrare un fisioterapista, un massaggiatore e uno psichiatra. E il medico probabilmente consiglierà al paziente di iniziare a incorporare piccole quantità di attività durante la giornata, iniziando con un minimo di cinque minuti di camminata lenta al giorno e aumentando da lì. È un processo lento e arduo.

Alcune ricerche sorprendenti

Molti dei pazienti CFS trattati da Hartz e altri medici si sentono scoraggiati dal fatto che la scienza medica non possa fare di più per loro. Provano farmaci su prescrizione a manciata, con risultati contrastanti. Tendono anche a sperimentare una miriade di trattamenti sanitari alternativi. (Dunlap, ad esempio, ha utilizzato massaggi e medicina tradizionale cinese, comprese erbe e agopuntura, per aiutare il suo recupero.) Per alcuni pazienti, farmaci e psicoterapia aiutano; per altri sono meno efficaci. Lo stesso vale per le terapie alternative: a volte sono utili ea volte no.

Alla ricerca di dati scientifici solidi su cosa funziona e cosa no, Hartz e la sua associata Suzanne Bentler hanno avviato uno studio quattro anni fa. Hanno chiesto a circa 150 pazienti con stanchezza cronica di elencare tutti gli interventi che stavano usando per la loro fatica, dall'alternativa al convenzionale, inclusa l'attività fisica e i farmaci. Circa due anni dopo, i ricercatori contattarono nuovamente i soggetti dello studio e chiesero come stavano andando e se la loro CFS fosse migliorata. Quando i ricercatori hanno recentemente compilato i loro dati, hanno trovato alcuni risultati inaspettati: lo yoga sembrava aiutare i pazienti con CFS più di ogni altra cosa. Hartz era scioccato.

"Lo yoga era una delle poche cose che prediceva il miglioramento", dice Hartz. "Le persone che facevano yoga si sentivano meglio di quelle che provavano altre cose". Ciò che rende questa scoperta ancora più sorprendente è il fatto che Hartz e il suo team non avevano la minima idea che lo yoga sarebbe stato così benefico. "Non so quasi nulla di yoga", dice Hartz. "Questa scoperta è venuta all'improvviso. Non la stavamo cercando."

Hartz avverte che questi risultati sono preliminari e sono necessari ulteriori studi per verificare i risultati; infatti, il suo team non ha nemmeno finito di analizzare completamente i dati dello studio. E se lo yoga è davvero così utile come suggerisce lo studio, Hartz non saprà senza ulteriori ricerche se i pazienti CFS traggono beneficio dalla delicata attività fisica dello yoga, dalla componente meditativa o da qualche altro fattore. Anche con tutti questi avvertimenti, tuttavia, la ricerca di Hartz offre ai malati di CFS un'entusiasmante possibilità per trattare efficacemente la loro malattia.

Naturalmente, Dunlap e Klein sanno da anni ciò che Hartz e il suo team hanno scoperto nei loro laboratori di ricerca: che lo yoga aiuta i malati di CFS a guarire. In effetti, dicono che lo yoga ha quasi salvato le loro vite.

Fuori nelle trincee

Dopo essersi ammalato, il mondo di Dunlap è capovolto. Ha perso 20 libbre e ha avuto problemi a pensare chiaramente. È diventato difficile per lui mantenersi. La sua malattia ha messo a dura prova una relazione romantica che alla fine è finita. I suoi amici hanno offerto poco sostegno perché non capivano cosa c'era che non andava in lui. Si sentì abbandonato dalla comunità medica e sprofondò nella depressione.

"Era come se la persona che ero stato fosse morta. Ecco come ci si sentiva: non potevo più essere quella persona. Il mio corpo non lo avrebbe fatto", dice Dunlap. "E 'stato davvero un po' infernale. Ero in uno stato fragile ed essere un uomo giovane, un tempo sano e virile, era dura. Era brutale."

Anche la CFS è stata brutale per Klein, sebbene in modi diversi. Dopo essere stata malata per due mesi, Klein è stata costretta a lasciare il suo lavoro come gestore di un negozio di abbigliamento. Ha trascorso 10 mesi a letto, senza lavoro e passando di medico in dottore, in cerca di aiuto. Ingoiò beta-bloccanti, antinfiammatori, farmaci anti-ansia e antidolorifici. Oltre alla CFS, ha sviluppato la fibromialgia, un disturbo caratterizzato da dolore doloroso e rigidità nei legamenti, muscoli e tendini. Dopo un anno, si è costretta a tornare a lavorare e ha accettato un lavoro come acquirente in una grande catena di grandi magazzini. Ma anche allora ha continuato a soffrire mentre metteva ogni grammo di forza nel suo lavoro. "Vivrei due vite: andrei a lavorare e lavorerei sodo, e poi sono tornato a casa e non ho fatto altro". Quando i problemi finanziari colpiscono la catena,è stata una delle prime a essere lasciata andare. "Erano su di me", dice Klein. "In realtà ero malato a casa quando mi hanno licenziato ed è stato un tale sollievo".

Fu a questo punto più basso - quando Dunlap e Klein sentirono di non poter sopportare più - che si dedicarono allo yoga. Per Dunlap, è stato un ritorno a una disciplina che aveva amato e praticato per sei anni prima di ammalarsi. Durante l'anno prima che la CFS colpisse, Dunlap si era impegnato in un corso di studio serio sullo yoga: praticava con entusiasmo ogni giorno. Ma quando si è ammalato, ha lasciato lo yoga per sei mesi. Sebbene amasse lo yoga, si sentiva così stanco, depresso e demotivato che non riusciva nemmeno a risvegliare il desiderio di praticare. Alla fine, però, ci tornò.

Iniziò con la meditazione, la scrittura di un diario e asana delicate - piegamenti in avanti sul pavimento, divaricate a cavalcioni, allungamenti delle anche, posa del ponte e Savasana. Praticava mezz'ora al giorno, una miseria rispetto alla sua precedente pratica forte. Ma per Dunlap, ha fatto un'enorme differenza nel modo in cui si sentiva.

"All'epoca era davvero importante per me sentire di poter investire il mio spirito in qualcosa che avrebbe prodotto un rendimento positivo", afferma Dunlap. "Questo è ciò che ho ottenuto dallo yoga. Ho imparato come - attraverso un monitoraggio molto intuitivo e sensibile del mio respiro, dei miei schemi di energia e dei miei schemi di pensiero - per portarmi in uno stato che era rilassato e che accettava quello che mi stava succedendo. Ha anche portato conforto al mio corpo, che è stato così ben accolto. Questo è ciò che mi ha fatto tornare ad esso ogni giorno. "

Di tutte le asana provate da Dunlap, le più confortanti erano le inversioni. "L'inversione è stata solo una panacea per me", dice. Quando era troppo debole per fare la posizione sulle spalle, lo praticava con il supporto della sedia. "A volte mi dedicavo al Pranayama generale in quella posizione. A volte cadevo anche in un sonno profondo, che era beato. Alla fine tutto il mio sistema si rilassava abbastanza da poter entrare in un sonno fisico profondo."

Quando Hartz ha sentito parlare del successo di Dunlap con le inversioni, è rimasto affascinato. Secondo Hartz, dal 60 al 70 per cento dei pazienti CFS hanno ipotensione posturale mediata neurologicamente, il che significa che la loro pressione sanguigna scende quando sono in piedi. I medici normalmente trattano questa condizione con farmaci che aumentano il volume del sangue, ma Hartz afferma che le inversioni sono un trattamento non farmacologico intrigante. Non è una sorpresa per Dunlap. "Questo è esattamente quello che ci dice la tradizione, che queste sono le pose più importanti. La mia esperienza lo ha verificato."

Dunlap ha praticato yoga delicatamente per sei mesi e poi ha trascorso un anno tornando ai suoi precedenti livelli di forza. A poco a poco, ha riacquistato la sua salute. Oggi pratica yoga quotidianamente, insegna presso The Yoga Studio of Mill Valley a Mill Valley, California, e sta scrivendo una tesi di master sull'architettura sacra.

Per Klein, lo yoga è stata un'esperienza completamente nuova. Dopo essere stata licenziata, si è dedicata a stare meglio. Ha acquisito un po 'di forza nella terapia fisica, ma è stato solo quando ha iniziato lo yoga - sua sorella lo aveva praticato un po' e ha suggerito a Klein di provarlo - che ha iniziato davvero a migliorare. Una lezione per principianti la lasciava esausta, quindi si iscriveva a lezioni private due volte a settimana.

Klein iniziò lentamente. Il suo istruttore ha iniziato con il respiro e poi è passato a pose gentili. "A volte, se stavo avendo una brutta giornata, la mia pratica era semplicemente sdraiata a letto a respirare o fare pose sdraiata sulla schiena", dice Klein. "Ma ho fatto qualcosa ogni giorno. Ho iniziato a migliorare lentamente. Ho adorato lo yoga - l'ho fatto ogni giorno, non importa quanto mi sentissi schifoso, anche se restavo sdraiato sul pavimento per cinque minuti, usando una cinghia per allungare il mio tendine del ginocchio, o sdraiarsi su un cuscino e respirare. "

Guardando indietro, Klein si rende conto che la respirazione, la meditazione e la consapevolezza del corpo erano le parti più cruciali del suo processo di guarigione. "Ho camminato in giro per anni totalmente ignara del mio corpo", dice. "Andavo in palestra e mi allenavo per cercare di rimettermi in forma e ottenere addominali stretti e tutto il resto, ma non ero consapevole del corpo in cui vivevo". Nel corso del tempo, è guarita e, uno per uno, Klein ha smesso di prendere i suoi farmaci. Dopo un anno era di nuovo pronta a lavorare.

Questa volta, però, non è tornata alla vendita al dettaglio. "Ogni volta che mi sedevo a meditare, mi veniva sempre da pensare che volevo insegnare yoga", dice Klein, "e io dicevo: 'Questo è pazzesco!' Anche se stavo migliorando, non ero forte ". Ma i suoi insegnanti di yoga hanno visto la sua debolezza fisica e l'hanno addestrata a istruire gli altri. Da allora insegna.

Perché lo yoga funziona?

Gli scienziati non sanno perché lo yoga aiuta le persone con CFS, ma gli istruttori di yoga credono di sì. Citano i seguenti motivi.

LO YOGA AIUTA SENZA FARE MALE. La ricerca mostra che un leggero esercizio fisico può aiutare le persone con CFS a recuperare le forze. Le posizioni delicate e riparatrici dello yoga aumentano la circolazione e il flusso di ossigeno, chiavi per la guarigione, senza irritare il corpo. (L'aumento della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna e la creazione di più acido lattico in forme più rigorose di esercizio possono innescare un peggioramento dei sintomi.) "Il corpo risponde alla dolcezza", afferma Jenni Fox, insegnante di yoga a Santa Cruz, California, e co- proprietario di Yoga-Nia Adventures. "L'importante è lasciare spazio all'energia per fluire all'interno del corpo e aprire il cuore. Puoi fare tutte le pose riparatrici 'giuste', ma se le vedi come un modo per 'aggiustare' il corpo piuttosto che come un modo per portarti a uno stato di accettazione compassionevole, è difficile ricevere la guarigione che lo yoga può portare ".

EQUILIBRI YOGA. Spesso, le persone con stanchezza cronica non sono in contatto con i loro ritmi umani naturali. Si sono mossi troppo velocemente, hanno fatto troppo e i loro corpi sono caduti. Lo yoga li aiuta a trovare un ritmo più lento e naturale. "Si tratta di convincere queste persone ad ascoltare se stesse", afferma Charles Matkin, co-direttore di Mind Body Therapies presso Haelth, un centro di salute complementare a New York City. "Si tratta di formare la disciplina, la disciplina della pace che circonda qualcosa con cui ti senti fuori controllo. Piuttosto che una disciplina di sempre di più, può essere la disciplina di sempre meno, una pratica quotidiana non ossessiva."

LO YOGA ENERGIZZA. "Una persona con CFS lotta con l'energia esaurita e lo yoga aiuta a ripristinare l'energia al corpo affaticato, permettendo alle cellule, ai sensi e ai nervi di calmarsi", dice Fox. Alcune pose utili includono quanto segue:

Le flessioni in avanti leniscono il sistema nervoso consentendo all'energia di fluire alla colonna vertebrale mentre aumentano il flusso di sangue e ossigeno al cuore e alla testa.

Un Adho Mukha Svanasana (cane rivolto verso il basso) supportato favorisce il flusso sanguigno alla testa, al collo e al cuore.

Uttanasana (Standing Forward Bend) calma il sistema nervoso, aumenta gradualmente il flusso sanguigno al cervello e libera i muscoli respiratori del collo dalla tensione.

Stare sdraiati sui sostegni incrociati può aiutare a stimolare il sistema nervoso in modo silenzioso e aumentare la circolazione alle surrenali, alla tiroide e ai reni, che sono un magazzino di energia.

POTERI DI YOGA. Gli istruttori concordano sul fatto che dà potere ai malati di CFS in un modo che nient'altro può: "Coloro che soffrono migliorano quando sono attivamente coinvolti", dice Fox.

LO YOGA INSEGNA LA CALMA. "Patanjali dice che se riusciamo a stare seduti in silenzio con i nostri corpi per un po ', cresciamo nella nostra capacità di essere", dice Fox. "Penso che per le persone che hanno la CFS, possa essere un dono imparare a rimanere in un posto per un periodo di tempo più lungo. La vita scorre sempre attraverso di noi, anche quando non ci stiamo muovendo verso l'esterno. Essere fermi è un l'opportunità di ascoltare le tante cose belle che il corpo ha da dire che non abbiamo ascoltato ".

Dodici anni dopo essere stato aggredito dalla CFS, Dunlap si sente meglio e non è guidato in modo ossessivo come una volta. Continua ad avere alcuni sintomi della CFS, inclusa un'intensa sensibilità al freddo e ad alcuni cibi, ma il cambiamento più grande è quello che Dunlap è diventato spiritualmente.

"Mi guardo indietro e penso, mio ​​Dio, se dovessi riviverlo di nuovo, non credo che potrei o farei", dice. "Ma c'è questa sensazione che una certa grazia sia accaduta, una certa saggezza si sia aperta, e posso vedere il mondo attraverso occhi che non sono contaminati dall'egoismo, dal narcisismo e da questa grande sensazione impenetrabile di immortalità."

Per quanto riguarda Klein, la vita è bella. Continua a insegnare yoga, ma forse il cambiamento più grande nella sua vita è che, grazie allo yoga, ha imparato a rallentare e vivere in modo sano. "Prima, non ero in contatto con me stesso o il mio corpo", dice Klein. "Non avevo affatto abitudini sane: fumavo e bevevo. Ora mi sento molto più sano. Attribuisco davvero il miglioramento allo yoga. Non penso che sarei migliorato senza di esso."

Alice Lesch Kelly è una scrittrice freelance che vive in Massachusetts.

Raccomandato

I body sono tornati: ecco come indossare la tendenza con sicurezza
3 passaggi per entrare nella svolta di Bharadvaja
Posa reclinabile da mano a alluce in 5 passaggi