Etichetta dello yoga: 5 regole che devi sapere

Corri alla lezione di yoga con due minuti di anticipo (dimenticati di fare la doccia prima, non succederà), schiaffeggi il tappetino davanti alla stanza affollata, parcheggi il cellulare accanto a te in modo da non perdere un messaggio e lanciati in una sessione di pranayama ad alto volume mentre tutti gli altri aspettano in silenzio l'insegnante. Ti suona, anche un po '? Sembra che la tua etichetta dello yoga non sia allineata. Per saperne di più sulle "regole" che dovremmo seguire in studio (e perché), abbiamo chiesto alla docente formatrice Coral Brown le questioni più comuni che emergono durante le lezioni di yoga e come si relazionano alla filosofia dello yoga.

Vedi anche Do You Go Commando in Yoga Pants?

Etichetta dello yoga: 5 regole da conoscere (e seguire)

1. Sii consapevole di dove ti collochi nello studio (e non essere avido).

Quando arrivi alla lezione di yoga, c'è un'etichetta in cui ti metti nella stanza ... e sfidare te stesso a uscire dalla tua zona di comfort può anche migliorare la tua pratica, dice Brown. "Penso che si giri davanti, dietro o al centro ... dove vuoi metterti nella stanza e qual è la tua motivazione per trovarti in un determinato luogo? La motivazione / desiderio dietro l'azione ci dà indicazioni su dove il lavoro è ", spiega. "Sei attaccato a quel punto perché è lì che vai sempre? Quindi, dovresti praticare il non attaccamento ( vairagya ). Se vedi altri studenti entrare e ti allarghi e impili i blocchi in modo che nessuno prenda il posto accanto a te (così non ti sentirai affollato), dovresti praticare la non avidità ( aparigraha). Se vuoi essere in prima linea per vedere l'insegnante e non vuoi essere distratto da nessuno dietro di te, questo va di pari passo con [il miglioramento] della tua drishti , o concentrazione. "

Il tuo dosha ayurvedico ha anche un ruolo nella posizione della tua zona di comfort nello studio di yoga, aggiunge Brown. "Se sei in prima linea per metterti in mostra e 'dimostrare le tue mosse', in Ayurveda lo descriveremmo come un pitta iperattivo, tipo di cosa A. Pitta è fantastico e ci aiuta a rimanere motivati, ma quando è sbilanciato, si manifesta in qualità negative di competitività, esibizionismo o ego iperattivo ( ahamkara ). La lezione qui è di andare dietro o al centro per lavorarci. Spesso chiedo anche a questi studenti di posizionare i loro drishti verso il basso —Alcuni di noi hanno bisogno del nostro sguardo verso l'alto con l'intento di aumentare l'autostima, ma quelli con pitta iperattiva potrebbero aver bisogno di guardare in basso per guardarsi dentro. "

Al contrario, se ti metti sempre in fondo alla stanza, potresti dover fare un passo avanti per smettere di nasconderti e di avere paura, spiega Brown. "Sai cosa stai facendo [in classe] e devi smetterla di confrontarti con gli altri. Salendo, ti muovi nello studio di te stesso, testimoniando te stesso invece di voltare le spalle e nascondersi. Alcuni di questi studenti potrebbero avere il qualità più pesanti del kapha nel non voler essere più dinamici. Kapha piace stare a proprio agio. Devono sfidare se stessi e possederlo un po 'di più. Lo scopo dello yoga e ciò che pratichiamo negli asana è essere sull'orlo del disagio, quindi puoi lenire quel vantaggio e sapere come farlo in tempo reale nel mondo reale ".

2. Sii rispettoso quando prendi le modifiche.

Modificare una posa va benissimo, tranne quando non lo è, dice Brown. "Incoraggio gli studenti a trovare il proprio miglioramento o modifica di una posa. Va anche bene prendere una licenza yogica creativa, ad esempio, per sostituire il cane rivolto verso l'alto con il Cobra. Ciò NON significa andare in verticale o fare una svolta seduti mentre noi sei in Warrior II ", spiega. "È una cattiva etichetta: lo yoga è una pratica collettiva e dinamica, e tu sei un individuo all'interno del collettivo. Le tue vibrazioni e le tue azioni hanno un impatto sulle persone intorno a te e devi essere responsabile del modo in cui la tua energia influisce sullo spazio Richiede tapas (autodisciplina) essere responsabile delle tue azioni all'interno del tuo ambiente - un altro strumento da praticare sul tappeto e da portare con te nel mondo. "Lo stesso vale quando devi lasciare la lezione presto: assicurati di far sapere all'insegnante e posizionati vicino al fondo della stanza, aggiunge Brown. "Si tratta di essere rispettosi dell'ambiente, dell'insegnante e delle persone intorno a te".

3. Fai la doccia prima della lezione (e usa un asciugamano).

Quando vieni alla lezione di yoga, vuoi essere il più pulito possibile per mostrare rispetto per la pratica e per i tuoi compagni studenti, ci ricorda Brown. "La parola sanscrita saucha si riferisce alla purezza e alla pulizia. Qui, si applica al semplice atto di lavarsi i piedi prima di salire sul materassino, tenendo conto degli odori del corpo e del profumo in eccesso, nonché del sudore in eccesso. Dovremmo sudare yoga, ma proprio come quando starnutisci ti copri la bocca, non vuoi spruzzare sudore per tutta la stanza. Prova a mettere un asciugamano sul tappetino e usane un altro per il viso e le mani ", raccomanda.

4. Respira, ma non troppo forte.

Se sembri che hai bisogno di "prendere una stanza", potresti respirare solo un po 'troppo forte in classe, dice Brown. "Invito le persone a scardinare molto la mascella, a causa di tutta la tensione che tratteniamo nella mascella, e ad espirare attraverso la bocca, ma alcune persone sembrano diventare calde e pesanti, il che distrae", spiega. "Incoraggio gli studenti a esprimersi, ma con la consapevolezza degli altri. Si tratta di rispettare il sangha collettivo , o comunità." La stessa regola si applica anche quando srotoli il tappetino (non è necessario fare molto rumore come se stessi girando un foglio). "Quando srotoli il tappetino e ha uno scatto drammatico, pensa a brahmacharya, che di solito è pensato come celibato, ma in un senso più ampio significa non sprecare le tue energie in pensieri / azioni non importanti. In altre parole, significa non esaurire la tua energia e esaurirti essendo rumoroso ed eccessivamente attivo ".

5. Non controllare il tuo telefono in classe (davvero).

Sembra un ovvio "non farlo", ma alcuni studenti controllano i loro telefoni cellulari durante la lezione di yoga, dice Brown. "Alcuni studenti appoggeranno i loro telefoni cellulari vicino al tappetino. Altri registreranno la lezione senza chiedere, il che è un furto ( asteya ). Va bene dire a un insegnante che sei di guardia al lavoro se hai bisogno del tuo telefono accanto a te , ma a volte si tratta di rompere un samskara,  o un'abitudine, e semplicemente staccare la spina. Se stai Shazaming la canzone che l'insegnante sta suonando, non sei totalmente presente, non stai praticando la consapevolezza e stai dirottando la tua pratica. Prendi un po 'di tecnologia in fretta. "

Vedi anche Le 10 regole di aggiustamenti pratici per insegnanti di yoga

Raccomandato

Posa della sfida: cavalletta
5 modi per fai da te il tuo santuario yoga a casa
Come 31 giorni di meditazione in movimento hanno aiutato uno yogi a rallentare