7 modi per fare yoga riparatore quando viaggi senza oggetti di scena

Se mai senti il ​​bisogno di una pratica yoga calmante e riparatrice, è quando sei in viaggio. Gli aeroporti e le stazioni ferroviarie sono pieni di persone che si precipitano verso la loro destinazione finale. Le file per la sicurezza e le concessioni sembrano estendersi all'infinito, e se ti lanci in un dipendente di una compagnia aerea o un autista di autobus particolarmente burbero, dimenticalo: i tuoi livelli di stress saliranno alle stelle.

L'opposto del tipo di risposta allo stress che il viaggio spesso induce è quello che viene chiamato "riposa e digerisci", dove il sangue ritorna dagli arti (dove stava pompando nel caso avessimo bisogno di correre o fuggire) agli organi digestivi e riproduttivi. La frequenza cardiaca e la respirazione rallentano e il sistema immunitario può entrare in azione se necessario.

Uno degli stili di yoga che si ritiene attivi questa risposta di riposo e digestione, noto anche come sistema nervoso parasimpatico, è lo yoga riparatore. Questo stile di yoga è caratterizzato dal fatto che il corpo è completamente supportato da oggetti di scena esterni, come blocchi, cuscini, coperte, sedie e sacchi di sabbia. A causa della sua natura delicata, viene utilizzato in molti contesti terapeutici, ad esempio con pazienti affetti da cancro o persone che soffrono molto. Poiché il corpo è sostenuto, i professionisti sono in grado di mantenere le posizioni per periodi più lunghi. Possiamo anche cadere più facilmente nella risposta di rilassamento quando siamo in posture passive rispetto a forme più attive.

Vedi anche  9 trucchi di viaggio per aiutarti a trovare più Zen (davvero!) Sul tuo prossimo volo

Ma chiamiamo il pane al pane: mentre lo yoga ristoratore è un potente antidoto allo stress da viaggio, non molti di noi stanno mettendo cuscini e coperte da yoga negli scompartimenti sopraelevati di un aereo o di un treno pieno. Quindi, come possiamo ancora beneficiare dello yoga riparatore mentre siamo in viaggio?

Se hai un tappetino, alcuni asciugamani e un muro, hai tutto ciò di cui hai bisogno. Ecco una pratica di restauro in 7 pose che puoi fare senza oggetti di scena:

Calzolai reclinati (Supta Baddha Konasana), variazione

1/7

Circa l'autore

Sarah Ezrin è un'insegnante di yoga a San Francisco. Ulteriori informazioni su sarahezrinyoga.com.

Raccomandato

Posa della sfida: cavalletta
5 modi per fai da te il tuo santuario yoga a casa
Come 31 giorni di meditazione in movimento hanno aiutato uno yogi a rallentare