Buona cattura: come trovare il pesce ecologico più sano

Mangiare pesce può essere salutare per te e per l'ambiente, se scegli consapevolmente.

Mangiare dall'oceano è complicato. Da un lato, dobbiamo affrontare le precauzioni per la salute associate ai frutti di mare. Le tossine come il metilmercurio proveniente da impianti a carbone e i policlorodifenili (PCB) provenienti da una varietà di processi industriali sono entrati nella catena alimentare marina. I livelli di metilmercurio in alcuni frutti di mare e pesci di grandi dimensioni come il pesce spada, molte specie di squali e tonno obeso, pinna gialla e tonno rosso superano regolarmente il limite di sicurezza per il mercurio dell'Agenzia per la protezione ambientale di 0,3 parti per milione di oltre il 2o percento. Sia il mercurio che i PCB hanno dimostrato di causare danni al sistema nervoso e possono danneggiare la salute del cuore se consumati a livelli elevati.

Vedi anche 3 ricette per una zuppa di carne senza carne nelle serate fredde

Insieme a queste notizie preoccupanti, abbiamo sentito che l'oceano è stato "sovrasfruttato", il che significa che stiamo catturando più pesci di quelli che possono essere sostituiti attraverso la riproduzione naturale. Anche coloro che scelgono i frutti di mare d'allevamento anziché quelli selvatici nel tentativo di preservare l'approvvigionamento dell'oceano possono trovarsi in un dilemma ambientale. Ad esempio, per coltivare un solo salmone d'allevamento da 10 libbre, un allevatore deve nutrire quel pesce per più di 15 libbre di pesce selvatico perché i pesci d'allevamento non sono disponibili come mangime. La piscicoltura, in altre parole, potrebbe comportare una netta perdita di pesce selvatico.

Ma la storia del pesce non è del tutto disastrosa. Il pesce è ricco di acidi grassi omega-3 che salvano il cuore e costruiscono il cervello. Rispetto ad altre carni come il manzo, i frutti di mare possono avere un'impronta di carbonio inferiore. E non tutti i frutti di mare sono in pericolo. Man mano che esplori le opzioni all'interno della categoria frutti di mare, puoi scegliere consapevolmente di ridurre al minimo l'impatto sull'ambiente. Ecco sette selezioni di pesce che fanno bene sia a te che al pianeta.

1. Salmone Sockeye dell'Alaska

Ricorda, ci vogliono 1,5 libbre di salmone selvatico per far crescere una libbra di salmone d'allevamento. In generale, quindi, il salmone selvaggio dell'Alaska è una scelta migliore del salmone d'allevamento se stai cercando di preservare le popolazioni di pesci selvatici. Ma non solo un salmone selvatico qualsiasi: più di un terzo di quelli raccolti nelle acque dell'Alaska iniziano la loro vita in un incubatoio. Questa pratica, iniziata negli anni '70, aveva lo scopo di aumentare artificialmente i raccolti. Ma alcuni biologi temono che i pesci d'incubazione manchino delle caratteristiche genetiche che i pesci selvatici hanno acquisito nel tempo per adattarsi alle loro acque. Pertanto, pompare così tanti pesci da incubatoio in fiumi e torrenti dove sono liberi di deporre le uova può minacciare la sopravvivenza a lungo termine delle popolazioni selvatiche.

La tua scelta migliore: salmone selvatico dell'Alaska, che è il meno integrato dagli incubatoi. Come bonus, sockeye ha alcuni dei più alti livelli di omega-3 e livelli più bassi di mercurio e PCB tra il salmone. Sebbene la sockeye sia stata sovrasfruttata in passato, è ora in atto una gestione eccellente, garantendo che un numero adeguato di riproduttori rimanga in acqua per il prossimo anno e arruolando banchi di pesce in tutto lo stato per il monitoraggio, come dimostrato da oltre un decennio di alti rendimenti ai fiumi dell'Alaska. I biologi prevedono che la corsa 2o15 a Bristol Bay (la più grande pesca di sockeye selvaggia della nazione) sarà la più grande degli ultimi 15 anni. In tutto, sono previsti 52 milioni di sockeye, in aumento da un minimo inferiore a 200 milioni nel 2000.

Vedi anche  Alexandria Crow's Salmon al Forno Salad

2. Pesce gatto allevato in fattoria

Se ogni persona al mondo mangiasse le due porzioni di pesce a settimana consigliate dalla maggior parte dei medici, l'oceano selvaggio avrebbe bisogno di produrre tre volte la sua produzione attuale. Il trucco, quindi, è trovare specie di pesci d'allevamento che non richiedono pesci selvatici per crescere. I pesci gatto allevati negli Stati Uniti sono nutriti principalmente con mais e soia, una dieta simile all'alimentazione del bestiame. Ma poiché i pesci gatto (e in effetti quasi tutti i pesci) sono a sangue freddo e non devono spendere tanta energia per resistere alla gravità come le creature terrestri, possono elaborare il mangime in modo molto più efficiente. In altre parole, è necessario molto meno mangime per far crescere un pesce gatto americano che per far crescere una mucca americana. E poiché i bovini emettono metano, un importante gas serra, come parte del loro processo digestivo, i pesci finiscono per avere un'impronta di carbonio molto inferiore rispetto alle mucche, rendendo il pesce una buona scelta di proteine.

3. Vongole, cozze e ostriche d'allevamento

Vongole, cozze e ostriche non richiedono pesce come mangime. In effetti, crescono paffuti e dolci rendendo l'acqua un luogo più sano per la vita dei pesci. Ecco come funziona il sistema: per anni, l'azoto in eccesso proveniente dai fertilizzanti e dagli impianti di trattamento delle acque reflue si è diffuso nell'ambiente marino. L'azoto agisce come un fertilizzante e fa fiorire le alghe nell'oceano. Quando i batteri mangiano alghe morte, consumano ossigeno, che può creare zone morte povere di ossigeno dove i pesci non possono sopravvivere.

È qui che entrano in gioco vongole, cozze e ostriche. Mangiano le alghe e le rimuovono dall'acqua prima che possano danneggiare gli ecosistemi costieri. E poiché le alghe hanno alti livelli di acidi grassi omega-3 salutari per il cuore, i filtri che mangiano le alghe possono anche contenere livelli molto alti dei nutrienti raccomandati. Le cozze, ad esempio, contengono omega-3 a livelli equivalenti al tonno in scatola, senza le preoccupazioni legate al mercurio di alcuni tipi di tonno. Inoltre, poiché i filtri alimentatori mangiano in fondo alla rete alimentare, gli inquinanti organici, che si accumulano più in alto si sale nella catena alimentare, raramente sono un problema.

È meglio scegliere vongole, cozze e ostriche d'allevamento per non sottrarre filtri-alimentatori selvatici dal sistema acquatico. La maggior parte dell'allevamento di vongole, cozze e ostriche viene effettuata nelle acque oceaniche, quindi aiuta a pulire l'ambiente consentendo al tempo stesso di essere sostenibile.

Vedi anche  Come diventare vegano in modo sano (e gustoso)

4. Sablefish o Black Cod

Dall'approvazione del Sustainable Fisheries Act del 1996, la pesca eccessiva è stata attivamente contrastata e più di tre dozzine di specie ittiche americane sono state riportate a livelli sostenibili. Una delle principali storie di successo della ricostruzione è stata il pesce zibellino americano, noto anche come "merluzzo nero". Sebbene i pesci zibellino abbiano livelli moderati di mercurio (da o.o9 a o.29 parti per milione), secondo il Natural Resources Defense Council, i livelli sono generalmente inferiori a quelli di pesci di dimensioni simili. Inoltre, sono ricchi di omega-3 e sono gestiti secondo rigidi sistemi di quote.

5. Branzino

Tra le altre storie di successo nella ricostruzione dei pesci ci sono stati due pesci, entrambi chiamati "branzino": il branzino nero sulla costa orientale e il branzino bianco sull'ovest. "Branzino" è più un nome commerciale che una designazione tassonomica, e il branzino bianco della costa occidentale e quello nero della costa orientale sono biologicamente molto diversi. Come il pesce zibellino, la spigola è stata seriamente sovrasfruttata negli anni '70 e '80, e poi le popolazioni sono state ricostruite nel 2000. Entrambi questi pesci sono abitanti vicino alla costa, quindi vengono spesso catturati da piccoli pescatori americani con barche da giorno e commercializzati direttamente ai consumatori attraverso un nuovo tipo di sistema di distribuzione di frutti di mare chiamato pesca sostenuta dalla comunità o CSF. Come i sistemi agricoli sostenuti dalla comunità, i CSF eliminano i molti intermediari tra produttore e consumatore. In un sistema CSF, i pescatori vendono in anticipo le quote delle loro catture,permettendo loro di prepararsi all'inizio di una stagione.

Supportare i pescatori locali ha anche chiari vantaggi ambientali ed economici: attualmente, circa il 90% dei frutti di mare che gli americani mangiano viene importato, viaggiando in media quasi 5.500 miglia per raggiungere i nostri piatti, secondo un recente studio pubblicato su Fisheries Research. Ma il pesce catturato con CSF, d'altra parte, viaggia a meno di 5o miglia da barca a piatto.

Vedi anche Mangia a modo tuo: i benefici del cibo che stimolano l'umore

6. Gamberi Pacific Spot o Gamberetti Rosa dell'Oregon

I gamberetti sono i frutti di mare più popolari in America. Mangiamo circa 4 libbre di gamberetti a persona all'anno, quasi quanto l'assunzione combinata dei due frutti di mare successivi (salmone e tonno). Quasi il 90% dei gamberetti che mangiamo viene importato, il che ha causato problemi in tutto il mondo perché centinaia di migliaia di acri di foresta di mangrovie nel sud-est asiatico e in America Latina sono stati livellati per far posto agli allevamenti di gamberetti. Anche i gamberetti selvatici importati sono problematici, poiché di solito vengono trascinati in reti a maglie fini che possono provocare più libbre di "catture accessorie" uccise accidentalmente rispetto ai gamberetti presi di mira. (I tassi di pesca dei gamberetti variavano da 2 a 1o libbre di catture accessorie per ogni libbra di gamberetti sbarcati.) Le catture multiple vengono abitualmente scaricate fuori bordo come rifiuti.Anche la pesca a strascico di gamberi stranieri e poi la spedizione nei mercati americani brucia un bel po 'di combustibili fossili: nel peggiore dei casi, la pesca con reti da traino di gamberetti utilizza 4, ooo litri di carburante per ogni tonnellata metrica sbarcata.

L'opzione migliore, quindi, sono i gamberi spot americani e canadesi del Pacifico. Questi crostacei lunghi 5-8 pollici vengono catturati in trappole, il che riduce al minimo le catture accessorie. Inoltre, vengono raccolti dopo la deposizione delle uova e appena prima che muoiano per cause naturali. I gamberi spot sono costosi, circa il doppio del prezzo dei gamberetti di base standard, quindi un'alternativa più economica sono i gamberi rosa dell'Oregon, che sono più piccoli e più dolci, catturati dalla pesca a strascico a mezz'acqua con catture accessorie minime e disponibili in scatola da aziende come Wild Planet e freschi, in particolare sulla costa occidentale.

7. Sardine e aringhe

Le sardine sulla costa occidentale e l'aringa atlantica sulla costa orientale sono una cattura molto più facile e quindi meno gravosa per l'ambiente. Poiché le sardine e le reti da aringa vengono tirate in acque libere senza attrito sul fondo, questi "piccoli pelagici" richiedono meno di un decimo del carburante per essere catturati rispetto ai frutti di mare a strascico come la passera di mare e la sogliola. Le sardine e le aringhe sono anche ricche di omega-3 e povere di tossine ambientali. Ma c'è un intoppo: la maggior parte delle sardine e delle aringhe americane sono utilizzate come esche per aragoste e tonno o come mangime per il salmone, mentre le sardine e le aringhe disponibili per il consumo umano provengono generalmente da altri paesi. Ma se chiediamo ai nostri pescivendoli locali di fornire sardine e aringhe pescate in America, il mercato probabilmente risponderà alle nostre richieste.

SCOPRI DI PIÙ 20 frutti di mare da aggiungere (o evitare) nella tua dieta  e 3 semplici strategie di acquisto di pesce

Paul Greenberg (@ 4fishgreenberg) è l'autore di Four Fish, vincitore del James Beard Foundation Award . Il suo ultimo è American Catch .

Raccomandato

Calmare una tiroide iperattiva
2015 Natural Beauty Awards
Grandi cappelli alla pescatora per le donne