A Room of One's OM: crea spazio per la pratica domestica

È presto. Il sole sta sorgendo e la casa è silenziosa. Mentre il resto della famiglia è ancora a letto, Julie Greenberg apre le porte francesi di quello che un tempo era il suo ufficio a casa ed entra in uno spazio tranquillo a lume di candela dove l'attende un tappetino da yoga rosso. Da sola, Greenberg si trova in cima alla sua stuoia, prende un respiro profondo, nota il debole profumo di incenso nell'aria intorno a lei e inizia la sua pratica mattutina di Ashtanga. "Qui ho sempre un posto dove andare e nessun programma a cui aderire, solo il mio", dice. "Il vuoto della stanza mi porta fuori dalla mia testa e mi mette nel mio corpo. Amo avere accesso alla mia pratica yoga 24 ore su 24, 7 giorni su 7".

Greenberg è tra un numero crescente di yogi che hanno creato uno spazio dedicato per praticare yoga e meditazione a casa. Alcuni hanno costruito un vero spazio studio; alcuni hanno convertito una camera da letto in più; e altri hanno creato un rilassante santuario nell'angolo di una stanza.

Indipendentemente dall'approccio, creare uno spazio fisico a casa per la pratica può avere un effetto profondo sulla tua vita. Con una sala yoga tutta tua, un'ora di pratica significa che puoi passare l'intera ora a praticare effettivamente. Non salterai lo yoga perché non c'è tempo per andare in studio o passare minuti preziosi a riorganizzare i mobili per avere spazio per dispiegare il tuo tappetino. Un'area yoga designata può anche aiutarti a coltivare la consapevolezza; mentre pratichi nello stesso punto giorno dopo giorno, inizierai a notare come la luce cambia nelle diverse stagioni, come si sente il tuo corpo in giorni diversi, come la tua mente accoglie lo stesso spazio con nuovi pensieri. Con questa nuova consapevolezza e privacy, potresti persino scoprire la libertà di evolverti e diventare il tuo miglior insegnante di yoga.

Fondamentalmente, dedicare spazio alla tua pratica è un modo per riconoscere il tuo impegno per lo yoga. Gli stai letteralmente facendo spazio nella tua vita. "Lo stai portando a casa", dice Gordon Johnson, un avvocato in pensione a Corte Madera, in California, che ha trasformato il suo soggiorno e la sala da pranzo in uno studio di yoga. "Una sala yoga supporta te e la tua pratica incondizionatamente. Ti dà l'opportunità di praticare ogni giorno: è un impegno per sviluppare la tua pratica."

Design a portata di mano

È stato solo quando una grossa perdita d'acqua ha danneggiato il suo ufficio a casa di Los Angeles che Greenberg ha iniziato a immaginare la sala yoga che ha oggi. "Una volta che abbiamo tolto tutto ed era vuoto, non si poteva tornare indietro", dice. Greenberg iniziò quindi a immaginare un bellissimo altare dove una volta si trovavano la scrivania e il computer, pavimenti in legno al posto della moquette, candele e specchi dove un tempo c'erano le forniture per ufficio e niente più. Semplice e caldo, elegante e tranquillo. "Rappresenta il nulla che stavo cercando", dice.

Non tutti hanno una stanza in più, ma, in realtà, qualsiasi spazio andrà bene. "Grande o piccolo non importa", dice Jagatjoti S. Khalsa, designer di sale yoga con sede a Los Angeles e autore di Altar Your Space. "Apprezza quello che hai, ea volte la tua casa ti offre un angolo o un'area di un'altra stanza".

Che tu stia lavorando con uno spazio leggermente più grande di un tappetino o con la stanza più ampia della tua casa, Khalsa suggerisce di chiarire la tua intenzione per l'area e di adottare un approccio giudizioso alla decorazione. Potresti mettere il tuo tappetino davanti a una finestra ombreggiata da un albero per ricordarti di rimanere in contatto con le stagioni e lasciare il resto dello spazio vuoto, privo di distrazioni. Oppure potresti creare un altare per ancorare i tuoi occhi e la tua mente e ammorbidire l'area con cuscini da meditazione, fiori freschi e una statua di una divinità. "Dai alla stanza tutti gli strumenti che ti serviranno per quello che vuoi farci", consiglia Khalsa, uno yogi Kundalini. "E progetta sempre per esprimere te stesso, non per impressionare gli altri."

I costi, ovviamente, varieranno notevolmente, a seconda che tu stia costruendo, rimodellando o ridecorando. È possibile spendere un minimo di niente, dice Khalsa, ripulendo i mobili e attrezzando l'area con oggetti di scena di base e qualcosa di rilassante da guardare mentre ti eserciti, come una stampa incorniciata o il tuo disegno o fotografia.

Casa aperta

L'approccio semplice era quello da cui Johnson ha iniziato. Non molto tempo dopo essere stato introdotto allo yoga e alla meditazione nel 1984, iniziò a invitare i suoi insegnanti e amici a praticare insieme a casa sua. Per un po ', l'insegnante di Yin Yoga Sarah Powers e la sua famiglia hanno vissuto a casa di Johnson in un cottage separato e, insieme ad altri insegnanti, hanno tenuto regolari lezioni di comunità nella sua casa, nota come Deer Run Zendo.

Un fine settimana del 1998, Johnson e Ty Powers, il marito di Sarah, rimossero i mobili del soggiorno, il che aprì molto più spazio per yogi e meditatori. (Prima di allora, avrebbero spostato i mobili alla periferia della stanza per liberare un'area in cui esercitarsi.) Poi sono andati il ​​tavolo da pranzo e le sedie. Successivamente i pesanti armadi che dividevano la sala da pranzo e il soggiorno furono abbattuti per creare uno studio di yoga di 800 piedi quadrati con vista sulla baia di San Francisco. I pavimenti in legno erano già a posto, così come l'accogliente caminetto e il focolare. L'unica cosa che restava da fare era sostituire i libri sugli scaffali incorporati con tappetini, cinghie, blocchi e coperte.

"Non abbiamo più una sala da pranzo o un soggiorno", dice Johnson. "Abbiamo due camere da letto, un bagno, una cucina e uno studio di yoga al centro di tutto. A volte usiamo tappetini e sedie da meditazione per sederci e mangiare." Alla fine, con l'aiuto di un amico, Johnson costruì un altare usando il legno recuperato dagli armadietti rimossi.

"Questa stanza, questa casa e tutti gli insegnanti che sono venuti qui hanno sostenuto la mia pratica incondizionatamente", dice Johnson. "E mi piace pensare di essere stato in grado di sostenerli. Questa stanza è una benedizione."

Spazio condiviso

Johnson non è il solo a promuovere una comunità creando uno spazio per la pratica abbastanza grande da ospitare yogi in visita. Sandy Lawrence è stata ispirata ad aprire Ubuntu, uno studio di yoga e un ristorante a Napa, in California, dal senso di connessione sviluppato tra amici e vicini che si sono uniti a lei per praticare nel suo vicino studio di yoga a casa. "Avevo una pratica quotidiana e volevo uno spazio che fosse dedicato a questo", dice l'insegnante di vinyasa yoga. "Ma è stato anche un luogo in cui posso condividere lo yoga con altre persone. Pratico con i miei vicini e mi dà l'opportunità di legarmi con loro. Anche quando sono lì a praticare da solo, sento quella comunità".

Lo studio privato è nato nel 2001 quando Lawrence ha costruito la sua casa. La casa principale è stata costruita utilizzando un processo che coinvolge pise, una miscela di terra, cemento e acqua, per creare muri spessi 18 pollici. Non è stato richiesto alcun cartongesso o vernice. Il terreno per la casa è stato scavato da una montagna nella proprietà, lasciando Lawrence una grotta appena formata dietro la sua casa. Non le ci volle molto per immaginare di installare pavimenti in bambù e porte bonificate fino a quando - voilà ! - ebbe il suo studio di yoga ecologico.

"Perché è una grotta", dice, "è come essere parte della terra. Puoi sentire il tuo respiro Ujjayi vibrare dal muro. Se hai una sala yoga, la userai, e la cosa bella è che tutto hai davvero bisogno di un pavimento. "

Stanza di respirazione

L'architetto Peter Sterios, uno yogi di lunga data e creatore dei materassini yoga Manduka, non aveva una grotta collinare con cui lavorare quando lui e sua moglie, Tawny, iniziarono a immaginare uno spazio dedicato alla pratica. Ristrutturando la sua casa a un piano a San Luis Obispo, in California, Sterios ha deciso di aggiungere un secondo livello che includesse una camera da letto principale di 380 piedi quadrati, di cui 160 piedi quadrati sarebbero stati dedicati allo yoga.

"Le asana e la pratica della meditazione fanno parte della nostra vita quotidiana tanto quanto lavarsi i denti", dice. "Era importante renderli comodi come andare al bagno principale e prendere uno spazzolino da denti."

Sterios ha progettato la camera da letto in modo che fosse un quadrato perfetto. Questo, spiega, conferisce al tetto una struttura piramidale e gli ha permesso di impiegare i principi della geometria sacra che usavano gli architetti dell'antica India, Egitto, Grecia e Roma. L'effetto, dice, aumenta il suo vigore durante la pratica domestica. Dall'area yoga interna, le porte francesi si aprono su un ponte di sequoia vecchia crescita che offre ulteriori 160 piedi quadrati di spazio per esercitazioni all'aperto. La sequoia è stata recuperata dal pavimento e dai rivestimenti murali di una casa che Sterios aveva ristrutturato per i clienti.

"Inizialmente c'erano dubbi sul fatto che la camera da letto avrebbe ingombrato energeticamente lo spazio dello studio", dice Sterios, quindi si è mantenuto alle basi: un letto, alcuni oggetti di scena e una cassettiera. "È il nostro santuario ... un posto dove riposare la notte quando dormiamo e spiritualmente durante il giorno quando pratichiamo o abbiamo bisogno di uno spazio per rilassarci."

Innovazione e rinnovamento

Avere un santuario yoga in casa era stato a lungo un sogno per Sterios, Lawrence e Johnson, che avevano dedicato anni alla pratica prima di trasformare le loro idee in realtà. Ma Mary Brent Wehrli aveva un approccio diverso. "Ho sempre pensato che lo yoga fosse spettacolare ma non ne ho mai avuto il tempo", ricorda. Ha preso seriamente la pratica solo quando si è ritirata. L'ex assistente sociale di 62 anni ha iniziato a prendere tre lezioni a settimana in uno studio locale. Più o meno nello stesso periodo, mentre ristrutturava la sua casa a Palm Springs, in California, Wehrli decise di costruire uno studio di yoga indipendente accanto al nuovo studio d'arte di suo marito.

Era stata intimidita dall'idea di fare yoga a casa, fino a quando il suo insegnante, Ron Splude di Urban Yoga, le ha ricordato: "Si chiama 'pratica' perché è qualcosa che pratichi e integri nella tua vita". Poco dopo l'edificio fu completato e Wehrli provò la sua sala yoga di 266 piedi quadrati, dove un muro di finestre offre una vista mozzafiato sul giardino. Quella vista, dice, fornisce ispirazione, proprio come farebbe un altare, per la sua pratica quotidiana. "Sono rimasto scioccato dal fatto che potevo esercitarmi da solo e godermi così tanto", dice Wehrli. "È molto potente." Ora è qualcosa a cui tornare a casa.

Sii efficiente dal punto di vista energetico

Mentre progetti il ​​tuo spazio per lo yoga, cerca di utilizzare la luce naturale e il flusso d'aria in modo da dipendere meno dall'elettricità. Quando Peter Sterios ha ristrutturato la sua camera da letto principale per includere uno spazio designato per la pratica dello yoga, ha insistito per installare lucernari ove possibile, in modo che durante il giorno non fosse necessaria l'illuminazione elettrica. Ha anche investito in finestre a doppio vetro a risparmio energetico. "Ho una bolletta del riscaldamento minuscola e non ho bisogno di aria condizionata", dice Sterios. Le grandi finestre sono anche un buon modo per portare la natura nella tua pratica. Basta non tenerli aperti tutto il giorno se vivi in ​​un'area con alti livelli di inquinanti atmosferici esterni. In tal caso, ti consigliamo di tenerli chiusi e investire in un buon sistema di filtraggio. Se stai costruendo da zero,considerare l'installazione di pavimenti con riscaldamento radiante e l'utilizzo di tecniche solari passive, come posizionare le finestre sul lato sud della stanza.

Vai senza sostanze chimiche

Quando allestisci il tuo rifugio per la pratica, cerca oggetti di scena in bambù, cotone organico e canapa e gomma naturale, come alternative agli oggetti di scena in PVC e altri materiali carichi di sostanze chimiche. Se stai dipingendo pareti o mobili, valuta la possibilità di utilizzare una vernice a basso contenuto di COV (composto organico volatile). Rinuncia ai tappeti sintetici e guarda i pavimenti in legno di recupero con un sigillante a base d'acqua anziché con il poliuretano a base di olio. Altre opzioni per il materiale sotto i piedi sono il sughero e il bambù, entrambe risorse altamente rinnovabili che sono ora prontamente disponibili. E se stai ristrutturando, prendi in considerazione la rimozione di eventuali muri con isolamento in ovatta, che (senza trattamento chimico) è noto per incoraggiare la formazione di muffe all'interno dei muri, specialmente nei climi umidi. Al suo posto, hai una gamma di opzioni dal denim riciclato all'isolamento in eco-schiuma,che fa un ottimo lavoro nel mantenere una temperatura ambiente confortevole.

Mantienilo piccolo

Se devi aggiungere per creare ampio spazio per uno spazio per lo yoga, mantienilo piccolo per risparmiare le risorse della Terra, nonché il tuo tempo e denaro. Trasformare lo spazio esistente è il modo migliore per creare un'area yoga o un angolo eco-friendly nella tua casa, quindi dai un'occhiata onesta in giro per vedere se puoi usare ciò che è già presente, o almeno inizia con quello. Se finisci per ripulire i mobili per fare spazio a un tappetino, ricicla o dai via tutto ciò che puoi per evitare di aggiungere alla discarica. Sii creativo nel riproporre: puoi tagliare le gambe su una vecchia consolle, ad esempio, e in pochi minuti avrai un altare per contenere candele e opere d'arte ispiratrici. Oppure lega le estremità di alcuni tappetini arrotolati che hanno visto giorni migliori e hai un nuovo sostegno.

Raccomandato

Affrontare la rabbia attraverso la comprensione e il controllo
Lo yoga del denaro: porta la saggezza dal tappeto alle tue finanze
Lo yoga mi ha trasformato dopo l'amputazione