Seva Yoga: portare il potere della pratica in tutto il mondo

Attraverso il seva (servizio disinteressato), studenti di yoga dedicati portano il potere curativo della pratica a coloro che ne hanno bisogno in tutto il mondo. Inoltre, ti mostriamo quattro yoga e filantropie di servizio in cui puoi essere coinvolto oggi.

Yoga e servizio

"In sostanza, lo yoga è una pratica di servizio all'umanità", afferma Mark Lilly, fondatore di Street Yoga, un'organizzazione no profit che insegna yoga ai giovani a rischio e alle loro famiglie a Portland, Oregon. "Lo yoga è uno strumento di trasformazione. Con quel Sé trasformato, puoi presentarti agli altri ed essere al servizio."

Questa consapevolezza - che lo yoga è qualcosa di molto più potente di una routine di fitness o di una pausa da una vita frenetica - sta motivando centinaia di studenti di yoga a offrire il loro tempo e i loro talenti a chi ne ha bisogno. Negli ultimi anni, praticanti appassionati hanno avviato dozzine di organizzazioni per offrire aiuti umanitari, programmi di yoga e altro alle popolazioni bisognose in tutto il mondo. Si sono formati gruppi per raggiungere quasi tutti i tipi di popolazione a rischio, dagli scolari dei centri urbani alle donne maltrattate ai rifugiati.

"Le organizzazioni di servizi di yoga si sono moltiplicate notevolmente da quando ho fondato Street Yoga nel 2002", aggiunge Lilly, che è anche la coordinatrice dello Yoga Service Council, un'organizzazione ombrello che supporta progetti di servizi legati allo yoga negli Stati Uniti condividendo le migliori pratiche e fornendo un forum per la comunicazione. Fondato nel 2009, lo Yoga Service Council ha già raddoppiato il numero di organizzazioni partecipanti da 12 a più di 25. Lilly stima che ci siano 800 lezioni a settimana tra le organizzazioni membri del Nord America.

Vedi anche 4 vantaggi sostenuti dalla scienza di una pratica di gratitudine

Come restituire

Molti studenti orientati al servizio descrivono la loro motivazione in termini simili a quelli dell'insegnante internazionale di vinyasa yoga Seane Corn, il cui desiderio di servire gli altri ha continuato a crescere dalle sue prime incursioni nel servizio nel 1999, quando insegnava yoga a un gruppo di adolescenti prostitute. "Ho sentito una responsabilità di impegnarmi nella comunità che non avevo mai sentito prima", dice. "Ho sentito gratitudine per tutti i doni che lo yoga mi aveva dato e volevo ricambiare".

Corn scoprì presto che il servizio poteva essere molto più impegnativo di quanto avesse immaginato. La sua prima lezione di un'ora l'ha lasciata in lacrime: "Le ragazze erano provocatorie, arrabbiate e maleducate", dice. Era convinta di non poterli aiutare. Ma nelle settimane che seguirono, non solo il comportamento delle ragazze migliorò, ma anche Corn avvertì un cambiamento in se stessa. "Ho capito che quello che avevo appena incontrato erano parti di me che ancora non avevo riconosciuto e amato", dice. "Sono entrato in contatto con il bambino che era in me stesso e ho iniziato a guarire ciò che era rotto".

In effetti, se parli con chiunque sia impegnato in progetti di servizio come quelli presentati qui, imparerai che mentre i praticanti di yoga intendono i loro atti di servizio a beneficio degli altri, spesso realizzano grandi benefici da soli: trovarsi faccia a faccia con i propri paure, spingendo oltre i limiti, sperimentando la vera gioia.

Per il mais, il seva (servizio disinteressato) offre un'opportunità tangibile per praticare gli insegnamenti dello yoga. "L'idea che siamo tutti uno è un concetto facile a cui aggrapparsi quando non ci si trova di fronte a una vera sofferenza", dice. "Ma seva significa uscire dalla tua zona di comfort ed estenderti quando potresti normalmente ritirarti." Dice che anche il termine "servizio disinteressato" può essere un termine improprio, poiché seva è una pratica spirituale così preziosa. "Mi piacerebbe dire che tutto quello che faccio è altruista, ma non c'è stata una sola esperienza in cui non ho ottenuto più da esso spiritualmente di quanto avrei mai potuto dare".

Il mais è uno dei più grandi campioni di servizio del mondo dello yoga. Nel 2008, ha co-fondato Off the Mat e Into the World, un'organizzazione di base che raccoglie consapevolezza e fondi per cause internazionali. Il programma offre una Sfida globale Seva annuale, uno sforzo di raccolta fondi che ha raccolto più di 1 milione di dollari per le comunità bisognose. I partecipanti si impegnano a raccogliere $ 20.000 dalle loro comunità locali durante un anno solare. Se ci riescono, vengono ricompensati con un viaggio all'estero per lavorare come aiutanti umanitari insieme a Corn. Nel 2009, Off the Mat ha lavorato in Cambogia; nel 2010 i partecipanti si sono recati in Uganda. La sfida attuale è raccogliere fondi per aiutare le persone affette da AIDS in Sud Africa.

Off the Mat offre anche formazione alla leadership ai partecipanti ai suoi programmi. Molti iniziano i propri progetti di servizio in tutto il mondo. Ad esempio, un gruppo di partecipanti all'Uganda Seva Challenge, che ha lavorato a fianco dei rifugiati della guerra civile, ha avviato Seva Uganda per raccogliere fondi per borse di studio per i bambini rifugiati.

Beryl Bender Birch, uno dei primi americani ad insegnare l'Ashtanga Yoga circa 30 anni fa, è lieto che il servizio faccia parte della pratica di così tante persone oggi. Il creatore di Power Yoga ha sempre richiesto ai suoi insegnanti tirocinanti di impegnarsi in qualche forma di servizio. Nel 2007, ispirata dagli sforzi che i suoi studenti stavano facendo per servire, ha fondato la Give Back Yoga Foundation, che concede borse di studio per sostenere progetti seva all'interno della comunità yoga.

Bender Birch afferma che le pressanti crisi ambientali e sociali che vediamo intorno a noi sono un invito all'azione. Gli studenti di yoga, rafforzati dalla loro pratica, possono fare la differenza.

"Come praticanti di qualsiasi disciplina spirituale, siamo tenuti a diventare rivoluzionari spirituali", dice Bender Birch. "Abbiamo l'obbligo di condividere con il mondo i vantaggi della nostra pratica".

Vedi anche Yoga Around the World

Le origini di Seva

Il seva , o servizio disinteressato, è un concetto yogico tradizionale, afferma Douglas Brooks, studioso di Tantra e professore di religione all'Università di Rochester, sebbene non sia sempre stato associato al lavoro umanitario. La parola sanscrita seva deriva dalla radice siv , o sev (che significa servire o onorare). "Ha il significato sia di servire che di essere un'offerta, un omaggio", dice Brooks. "È dare o fare qualcosa per devozione."

La parola appare frequentemente nel grande poema epico indù Mahabharata, e lì ha il senso di onorare l'ashram, o il proprio guru o altra figura autoritaria. Nell'antica India, il seva non era considerato uno strumento per alleviare i problemi sociali, afferma Brooks. "Ma non c'è motivo per cui la comunità dello yoga non possa ridefinire e adattare questo vocabolario", spiega. "Se il motivo deriva da un principio spirituale di servire qualcosa di più grande di se stessi, allora potrebbe essere chiamato seva."

David Frawley, uno studioso di tradizioni indù e fondatore dell'American Institute of Vedic Studies, afferma che la comprensione contemporanea del seva come servizio per il bene della comunità più ampia risale a Gandhi e ad altri luminari dell'inizio del XX secolo.

Il servizio, dice, diventa una pratica spirituale quando viene svolto con l'intenzione di portare una coscienza superiore nel mondo. Frawley aggiunge che lo yoga è un supporto ideale per l'attivismo perché include la ricerca della pace interiore. "Quando facciamo il servizio esterno, dobbiamo avere l'intenzione di portare la pace nel mondo", dice. " Seva dovrebbe sempre essere collegato a shanti (che significa 'pace')."

Vedi anche Come lo yoga promuove la comunità reale e le relazioni in un mondo digitale

4 Filantropie del servizio yoga

Di seguito incontrerai alcuni pionieri del seva che hanno fatto di tutto per portare il loro yoga nel mondo. Sono speciali e stimolanti, e ce ne sono molti altri come loro, che condividono insegnamenti yogici in tutto il mondo.

Progetto Prigione di Parinaama

Atlacholoaya, Morelos, Messico

Missione: aiutare i detenuti a riprendersi dalla dipendenza e diventare mentalmente e fisicamente sani. I volontari del progetto danno lezioni settimanali in due prigioni (una per uomini e una per donne) nel Messico rurale. Forniscono anche formazione e supporto ai prigionieri rilasciati per lavorare come insegnanti di yoga nei centri della comunità locale.

Ispirazione: la fondatrice Ann Moxey dice di essersi ispirata alla sua pratica Anusara Yoga e al Prison Project di Swami Muktananda, che ha fondato nel 1979 per insegnare la meditazione ai prigionieri. "Ha detto loro: 'Vi porto la chiave della libertà'", dice Moxey. "Il mio obiettivo", continua, "è portare lo yoga alle persone che si trovano in una doppia prigione: quella fisica e quella della dipendenza".

Impatto: la maggior parte degli studenti che hanno partecipato al programma riferisce che lo yoga li ha aiutati a smettere di drogarsi mentre erano in prigione e che riduce i loro livelli di stress, migliora la loro salute e crea più stabilità emotiva, nonché una minore inclinazione alla violenza.

In evidenza: sebbene gli studenti spesso inizino le lezioni con un atteggiamento aggressivo, Moxey è sempre stupito dal modo in cui si ammorbidiscono e diventano più consapevoli. Dopo aver insegnato in prigione per sette anni, si sente ancora euforica ogni volta che va. "Ho avuto la prova che più dai, più ricevi - è un tale entusiasmo vedere questi ragazzi così coinvolti nello yoga", dice.

Sito web: annmoxey.blogs.com/yogaprisonproject (in spagnolo)

Vedi anche Fondatori della Holistic Life Foundation: Yoga for the Wellness of Children

Progetto Africa Yoga

Kenya: baraccopoli di Kibera di Nairobi e villaggi rurali

Missione: utilizzare i benefici trasformativi dello yoga per responsabilizzare le comunità vulnerabili in Kenya. Il progetto ha sede nella baraccopoli di Kibera di Nairobi, che ospita quasi 1 milione di persone, con scarso accesso all'acqua potabile o ai servizi igienici. La malattia è prevalente, mentre le scuole e le opportunità di lavoro sono scarse. Per molti giovani, la microcriminalità e le gang diventano mezzi di sopravvivenza. Africa Yoga Project offre lezioni di yoga gratuite e fornisce formazione per insegnanti e sostegno finanziario ai giovani che vogliono insegnare yoga nelle loro comunità.

Ispirazione: in precedenza un'insegnante di yoga a New York City, la co-fondatrice del progetto Africa Yoga Paige Elenson è andata a Nairobi per alcuni mesi nel 2006. Abituata a vedere uno studio in ogni angolo di New York, non ne trovava nessuno a Kibera, ma sapeva che le persone, stressate e malate a causa delle condizioni di vita affollate, avevano bisogno dello yoga. "C'era questa lacuna e volevo colmarla", dice. "Ho capito, se non io, allora chi? Con l'abbondanza che abbiamo nella comunità dello yoga, dobbiamo essere attivisti, condividendo lo yoga in luoghi che ne hanno fame".

Uno dei primi studenti che ha formato, Moses Mbajah, si è unito a lei come co-direttore dell'Africa Yoga Project dopo aver frequentato un corso di formazione per insegnanti del Barone Baptiste in Messico. Mbajah vuole addestrare altri giovani come lui a trasformare le proprie vite e partecipare al miglioramento delle loro comunità. "Lo yoga mi ha insegnato a prendere posizione per me stesso, la mia famiglia, il mio paese e il mio mondo", dice.

Impatto: nel 2009 l'Africa Yoga Project ha invitato Baptiste, un insegnante internazionale di Power Yoga, a tenere una formazione per insegnanti a Nairobi, e ora 43 giovani insegnanti guidano più di 100 lezioni a settimana, con circa 3.000 studenti ogni mese a Nairobi e nei villaggi vicini. Gli insegnanti offrono lezioni ai gruppi che desiderano aiutare, come scolari, donne imprenditrici e orfani. Molti riferiscono che lo yoga ha cambiato la loro vita e quella dei loro studenti; si sentono meno stressati, mangiano meglio e praticano una migliore igiene. Alcuni si sentono autorizzati a migliorare la propria vita, sia ottenendo un'istruzione superiore o avviando piccole imprese. Alcuni dicono di aver trovato una nuova banda a cui appartenere, una "banda di yoga".

In evidenza: nel 2008, subito dopo che la violenza ha colpito il paese in seguito a elezioni contestate, Elenson e Mbajah hanno insegnato yoga, insieme alle arti circensi, nei campi profughi. Hanno visto persone provenienti da tribù in guerra rilassarsi nella pratica dello yoga, offrendosi anche adattamenti reciproci e sorridendo in amicizia. "Lo scopo dello yoga è molto più grande dell'insegnamento delle asana", dice Elenson. "È servizio e connessione con il sé e gli altri. Lo yoga [può essere] un mezzo di trasformazione della comunità".

Sito web: africayogaproject.org

Vedi anche i 5 suggerimenti di Yoga Girl per coltivare uno spirito che cambia il mondo interiore

Project Air

Kigali, Ruanda

Missione: aiutare le donne e le ragazze sieropositive a guarire dal trauma della violenza sessuale subita durante il genocidio ruandese del 1994 e ad affrontare la loro malattia attraverso la pratica dell'Ashtanga Yoga. Centinaia di migliaia di donne e ragazze in Ruanda sono state violentate durante il conflitto e molte sono rimaste con una profonda depressione e cicatrici emotive. I sintomi più comuni sono insonnia, mancanza di appetito e attacchi di isteria che i tradizionali approcci occidentali alla salute mentale (come farmaci e terapia) non sempre aiutano. Il programma si estenderà alla Repubblica Democratica del Congo, dove lo stupro è utilizzato anche come strumento di guerra.

Ispirazione: "La mia ispirazione sono le donne a cui insegniamo", afferma la fondatrice di Project Air Deirdre Summerbell. "Non ci sono scuse per quello che è successo, né scuse per lasciarli marcire e non fare nulla. So personalmente quanto forte possa renderti questa forma di yoga, e il mio impulso è di trasmetterlo. Non è qualcosa che puoi tenere per te stesso. . "

Impatto: Project Air ha raggiunto centinaia di donne e ragazze sieropositive. Molte donne riferiscono di essere in grado di dormire tutta la notte per la prima volta da anni e di sentirsi di nuovo forti e speranzose. Una donna ha detto che lo yoga le ha permesso di piangere finalmente la perdita della sua famiglia nel genocidio e di iniziare a pensare al perdono.

In evidenza: Summerbell dice che guardare le donne entrare in classe convinte di essere troppo vecchie e troppo malate per lo yoga, e poi vederle improvvisamente iniziare a sorridere e muoversi attraverso i Saluti al Sole, è profondamente soddisfacente. Risveglia in loro la gioia viscerale di essere vivi, dice.

Sito web: project-air.org

Krama Yoga (un programma di NataRaj Yoga)

Phnom Penh, Cambogia

Missione: insegnare lo yoga e le abilità per la vita agli orfani, alle vittime della tratta sessuale degli adolescenti e ad altri bambini vulnerabili e per formare insegnanti di yoga cambogiani. Alcune comunità

a Phnom Penh soffre di povertà endemica e le condizioni per i bambini sono dure. Sebbene migliaia di organizzazioni umanitarie lavorino per aiutare i bambini lì, hanno un alto tasso di fallimento tra i giovani provenienti da contesti di povertà che cercano di ottenere un lavoro regolare. I bambini cresciuti senza genitori o in condizioni di abuso spesso mancano di abilità sociali di base e di fiducia. "Il grado di danno che deriva dalla povertà generazionale è vasto. C'è un senso di sé che non è mai stato sviluppato", dice Isabelle Skaburskis, spiegando che lo yoga offre strumenti per costruire quel senso di sé.

Ispirazione: Skaburskis gestiva NataRaj Yoga, uno studio a Phnom Penh, per una clientela prevalentemente ex-pat. Ha formato Yan Vannac e insieme hanno iniziato a insegnare yoga agli orfani e ad altri bambini vulnerabili. "Stavo pensando a come lo yoga potesse rimanere in Cambogia in modo sostenibile. Volevo coinvolgere più cambogiani", dice Skaburskis.

Impatto: gli insegnanti di Krama Yoga danno lezioni gratuite a 250 studenti ogni settimana. Più di 350 bambini a rischio hanno seguito almeno un corso. Il primo gruppo di insegnanti tirocinanti, un giovane e sei giovani donne, tutte ex vittime di traffico sessuale, è vicino alla laurea. Durante una recente formazione per insegnanti per studenti occidentali, i tirocinanti cambogiani di Skaburskis hanno assistito la classe. "Non erano affatto intimiditi, erano in cima al loro gioco", dice.

In evidenza: Skaburskis afferma che vedere i suoi giovani studenti, molti dei quali stanno guarendo dagli abusi, acquisire fiducia, consapevolezza del corpo ed empatia approfondisce la sua comprensione dello yoga. "Sono stati i miei migliori insegnanti", dice.

Sito web: yogacambodia.com

Vuoi essere coinvolto?

  • Give Back Yoga Foundation: hai una grande idea di seva? Richiedi un finanziamento per le start-up qui.
  • Street Yoga: impara a insegnare lo yoga ai giovani a rischio e ad altri bisognosi.
  • YogaActivist.org: cerca opportunità di servizio e connettiti con altri attivisti dello yoga in questa comunità online nazionale.
  • Karma Krew: trova un evento seva, o organizza il tuo, nella tua comunità locale con questa rete nazionale.
  • Off the Mat Into the World: partecipa a una sfida seva e impara come essere un leader.

Vedi anche Kerri Kelly: Finding Passion on the Mat

Raccomandato

Un saluto al sole che risveglia il nucleo per il supporto della parte bassa della schiena
Let It Fall Away: una sequenza stagionale per lasciarsi andare
Posizione della sfida: Bussola (Parivrtta Surya Yantrasana)