Il suono di Om

I mantra, i canti sacri, sono disponibili in tutte le forme e dimensioni. Possono essere composti da frasi, singole parole o anche singole sillabe; possono essere perfettamente intelligibili o completamente mistificanti (almeno per chi non lo sapesse).

I mantra di una sola sillaba, noti come mantra bija (seme), sono i più facili da ricordare e recitare; sono anche i più potenti. Si ritiene che, proprio come un minuscolo seme contiene un albero maestoso, ogni bija contenga grandi quantità di saggezza spirituale e forza creativa. Uno dei più antichi e conosciuti di questi semi è om.

Om è spesso chiamato pranava, letteralmente "canticchiando", una parola che deriva da pranu, "riverberare" e, infine, dalla radice nu, "lodare o comandare" ma anche "suonare o gridare". È l'espressione udibile del fondamento trascendentale e senza attributi della realtà.

Om è il "seme primordiale" dell'universo - questo mondo intero, dice un antico testo, "non è altro che om " . È anche considerato il mantra radice da cui emergono tutti gli altri mantra e incapsula l'essenza dei molti migliaia di versi dei testi più sacri dell'induismo, i Veda. Secondo la Katha Upanishad (2.15), om è la "parola che tutti i Veda provano".

In quanto tale, om è il seme meditativo per eccellenza. Patanjali, che ha scritto lo Yoga Sutra ed è considerato il padre dello yoga classico, ha insegnato che quando recitiamo questa sacra sillaba e contemporaneamente ne contempliamo il significato, la nostra coscienza diventa "concentrata e preparata per la meditazione. In un commento sullo Yoga Sutra, l'antico saggio Vyasa notò che attraverso il canto om, "l'anima suprema è rivelata". Allo stesso modo, lo studioso tibetano Lama Govinda scrisse che om esprime e conduce all '"esperienza dell'infinito dentro di noi". , cantare om può essere il modo più semplice per toccare il Divino dentro di te.

Gli yogi spesso meditano sulle quattro "misure", o parti, di om. Se comunemente farro om, il mantra realtà consiste di tre lettere, a, u, e m. (In Sanscrito, ogni volta che una iniziale a è seguita da a u, si fondono in un lungo suono o .) Ciascuna di queste tre parti ha numerose associazioni metafisiche, che servono a loro volta come semi meditativi. Ad esempio, a (pronunciato "ah") rappresenta il nostro stato di veglia, che è anche la coscienza soggettiva del mondo esterno; u (pronunciato "ooh") è lo stato di sogno, o la coscienza del nostro mondo interiore di pensieri, sogni, ricordi e così via; e m è lo stato senza sogni del sonno profondo e l'esperienza dell'unità ultima.

Contemplando il significato di ciascuna di queste lettere mentre le cantiamo, siamo guidati attraverso i tre stati della nostra coscienza ordinaria alla quarta parte del mantra, l' anusvara (dopo-suono): om. La vibrazione si dissolve lentamente nel silenzio, simbolo dello stato di coscienza trascendente, identificato con Brahman (l'Assoluto). Questo silenzio è la corona del mantra; è descritto nella Maitri Upanishad come "tranquillo, silenzioso, senza paura, senza dolore, beato, soddisfatto, risoluto, inamovibile, immortale, incrollabile, duraturo".

Raccomandato

10 cose che solo Pitta capiranno
Triphala: tonico per la pancia dell'Ayurveda
Talking Shop con David Swenson