Domande e risposte: posso praticare i saluti al sole la sera?

La mia pratica notturna dovrebbe consistere solo in pose riparatrici, o va bene fare i saluti al sole la sera?

- Nikola Descampe, Bangkok, Thailandia

Una pratica notturna ci aiuta a rallentare, concentrarci su di noi e passare dal giorno alla notte. Svolgere e rilasciare la muscolatura attraverso le asana può alleviare l'accumulo di tensione e la compressione che la gravità porta. I dischi della colonna vertebrale vengono reidratati attraverso lo stiramento e la torsione intenzionali di varie asana. Una pratica serale potrebbe consistere in Pranayama o pose riparatrici. Potrebbe anche includere un flusso di postura molto silenzioso e intuitivo in cui il respiro ti guida e ti ispira a muoverti secondo il "linguaggio del corpo". Ad esempio, puoi lasciare che il respiro ti aiuti a definire la sensazione di una spalla contratta e poi, proprio come fai in un tratto mattutino spontaneo sdraiato sul letto, esplora vari movimenti che ti fanno sentire bene e influenzano la zona della spalla, rilasciando infine la rigidità.Queste mosse possono essere asana classiche o semplicemente movimenti innati.

I Saluti al Sole, bellissime sequenze di Vinyasa che possono essere eseguite da soli o come complemento di una pratica più ampia, sono anche pose appropriate da fare prima di andare a letto. Anche se sono spesso usati per energizzare e riscaldare il corpo, possono essere praticati in un modo che rilassa e ricarica il corpo invece di aumentare l'energia.

Il saluto al sole a 12 posizioni (Surya Namaskar C), è una meravigliosa sequenza di flusso serale. Pratica i Saluti al Sole con Anjaneyasana (Crescent Moon Pose), tornando indietro in Plank e poi Asthanga Pranam (Arco a otto punte o Knees-Chest-Chin) e salendo in Bhujangasana (Cobra). L'oscillazione flessuosa dell'arco posteriore che si apre, la sensazione della cascata di guidare il tuo respiro in Uttanasana, il tratto lento ed elegante negli affondi e il movimento serpeggiante in Bhujangasana possono essere goduti con un movimento languido. Questa serie di Saluti al Sole, accoppiata con alcuni lunghi e delicati colpi di scena in avanti, e una mezza o completa Sarvangasana (Spalla), può essere un meraviglioso repertorio di fine giornata o prima di andare a dormire.

Quindi la mia risposta è sì, va bene praticare i Saluti al Sole la sera. Il risultato della nostra pratica si basa su come viene affrontato; la bellezza dello yoga sta nella sua malleabilità.

Tracey Rich è un direttore della White Lotus Foundation a Santa Barbara, in California. Visita www.whitelotus.org.

Raccomandato

Rilassati con una sequenza serale rilassante
I migliori rulli in schiuma
Risveglia il tuo potenziale di cambiamento: i 5 Klesha