Le radici antiche e moderne dello yoga

La pallida luce del sole invernale splendeva dalle alte finestre della biblioteca dell'Università di Cambridge su una copertina di un libro di pelle scura. Nella sala piena di studiosi silenziosi, l'ho aperta e ho sfogliato foto dopo foto di uomini e donne in posizioni familiari. Ecco Warrior Pose; c'era Downward Dog. In questa pagina l'equilibrio in piedi Utthita Padangusthasana; nelle pagine successive Headstand, Handstand, Supta Virasana e altro ancora, tutto ciò che potresti aspettarti di trovare in un manuale di yoga asana. Ma questo non era un libro di yoga. Era un testo che descriveva un sistema danese di esercizi dinamici dell'inizio del XX secolo chiamato ginnastica primitiva.Quella sera, in piedi di fronte ai miei studenti di yoga, ho riflettuto sulla mia scoperta. Cosa significava che molte delle pose che insegnavo erano identiche a quelle sviluppate da un insegnante di ginnastica scandinavo meno di un secolo fa? Questa ginnasta non era stata in India e non aveva mai ricevuto alcun insegnamento in asana. Eppure il suo sistema, con il suo formato a cinque conteggi, le sue "serrature" addominali e i suoi salti dinamici dentro e fuori da quelle posizioni così familiari, assomigliavano stranamente al sistema vinyasa yoga che conoscevo così bene.

Il tempo passava e la mia curiosità mi tormentava, portandomi a fare ulteriori ricerche. Ho imparato che il sistema danese era un ramo di una tradizione di ginnastica scandinava del XIX secolo che aveva rivoluzionato il modo in cui gli europei si esercitavano. Sistemi basati sul modello scandinavo sorsero in tutta Europa e divennero la base per l'allenamento fisico in eserciti, marine e molte scuole. Questi sistemi hanno anche trovato la loro strada in India. Negli anni '20, secondo un sondaggio condotto dall'YMCA indiano, la ginnastica primitiva era una delle forme di esercizio più popolari in tutto il subcontinente, seconda solo alla ginnastica svedese originale sviluppata da PH Ling. È stato allora che sono diventato seriamente confuso.

Vedi anche  10 Poses Younger Than Yoga Journal

Antico o moderno? Le origini dello yoga

Non era quello che mi avevano insegnato i miei insegnanti di yoga. Al contrario, lo yoga asana viene comunemente presentato come una pratica tramandata da migliaia di anni, originata dai Veda, i più antichi testi religiosi degli indù, e non come un ibrido tra tradizione indiana e ginnastica europea. Chiaramente c'era molto di più nella storia di quanto mi fosse stato detto. Le mie fondamenta sono state scosse, per non dire altro. Se non partecipavo a un'antica e venerabile tradizione, cosa stavo facendo esattamente? Ero l'erede di un'autentica pratica yoga o l'autore inconsapevole di una frode globale?

Ho passato i quattro anni successivi a fare ricerche febbrili nelle biblioteche di Inghilterra, Stati Uniti e India, alla ricerca di indizi su come è nato lo yoga che pratichiamo oggi. Ho sfogliato centinaia di manuali di yoga moderno e migliaia di pagine di riviste. Ho studiato le tradizioni "classiche" dello yoga, in particolare l'hatha yoga, da cui si diceva derivasse la mia pratica. Ho letto una serie di commenti sugli Yoga Sutra di Patanjali; le Upanishad e le successive "Yoga Upanishad"; testi di hatha yoga medievali come Goraksasataka, Hatha Yoga Pradipika e altri; e testi delle tradizioni tantriche, da cui erano nate le pratiche di hatha yoga meno complesse e meno esclusive.

Perlustrando questi testi primari, era ovvio per me che l'asana era raramente, se non mai, la caratteristica principale delle significative tradizioni yoga in India. Posture come quelle che conosciamo oggi spesso figurano tra le pratiche ausiliarie dei sistemi yoga (in particolare nell'hatha yoga), ma non erano la componente dominante. Erano subordinati ad altre pratiche come il Pranayama (espansione dell'energia vitale per mezzo del respiro), dharana (focalizzazione o posizionamento della facoltà mentale) e nada (suono) e non avevano la salute e la forma fisica come obiettivo principale. Non fino all'improvvisa esplosione di interesse per lo yoga posturale negli anni '20 e '30, prima in India e poi in Occidente.

Quando Asana migrò nel mondo occidentale 

Lo yoga iniziò a guadagnare popolarità in Occidente alla fine del 19 ° secolo. Ma era uno yoga profondamente influenzato dalle idee spirituali e religiose occidentali, che rappresentava per molti aspetti una rottura radicale rispetto ai lignaggi yoga di base dell'India. La prima ondata di "export yogi", guidata da Swami Vivekananda, ignorava ampiamente gli asana e tendeva a concentrarsi invece sul pranayama, la meditazione e il pensiero positivo. Il Vivekananda, istruito in inglese, arrivò sulle coste americane nel 1893 e ottenne un successo immediato presso l'alta società della costa orientale. Sebbene possa aver insegnato alcune posture, Vivekananda ha pubblicamente rifiutato l'hatha yoga in generale e l'asana in particolare. Coloro che sono venuti dall'India negli Stati Uniti sulla sua scia erano inclini a fare eco ai giudizi di Vivekananda sugli asana.Ciò era dovuto in parte a pregiudizi di lunga data sostenuti da indiani di alta casta come Vivekananda contro yogin, "fachiri" e mendicanti di bassa casta che eseguivano posture severe e rigorose per denaro, e in parte ai secoli di ostilità e scherno verso questi gruppi di colonialisti occidentali, giornalisti e studiosi. Fu solo negli anni '20 che una versione ripulita di asana iniziò a guadagnare importanza come caratteristica chiave dei moderni yoga basati sulla lingua inglese emergenti dall'India.Fu solo negli anni '20 che una versione ripulita di asana iniziò a guadagnare importanza come caratteristica chiave dei moderni yoga basati sulla lingua inglese emergenti dall'India.Fu solo negli anni '20 che una versione ripulita di asana iniziò a guadagnare importanza come caratteristica chiave dei moderni yoga basati sulla lingua inglese emergenti dall'India.

Questo ha chiarito alcune mie domande di vecchia data. A metà degli anni '90, armato di una copia di Light on Yoga di BKS Iyengar , avevo trascorso tre anni in India per lezioni di yoga asana e rimasi colpito da quanto fosse difficile trovarlo. Ho preso lezioni e seminari in tutta l'India da insegnanti noti e meno conosciuti, ma questi si rivolgevano principalmente ai pellegrini occidentali di yoga. L'India non era la patria dello yoga? Perché più indiani non facevano asana? E perché, non importa quanto guardassi, non riuscivo a trovare un tappetino da yoga?

Vedi anche  Then + Now: 40 Years of Yoga Gear

Costruire corpi forti

Mentre continuavo ad approfondire il recente passato dello yoga, i pezzi del puzzle si univano lentamente, rivelando una porzione sempre più grande dell'intera immagine. Nei primi decenni del XX secolo, l'India, come gran parte del resto del mondo, è stata presa da un fervore senza precedenti per la cultura fisica, strettamente legata alla lotta per l'indipendenza nazionale. Costruire corpi migliori, pensava la gente, avrebbe creato una nazione migliore e migliorato le possibilità di successo in caso di una lotta violenta contro i colonizzatori. Sorse un'ampia varietà di sistemi di esercizi che fondevano le tecniche occidentali con le pratiche tradizionali indiane di discipline come il wrestling. Spesso, il nome dato a questi regimi di rafforzamento era "yoga". Alcuni insegnanti, come Tiruka (alias K. Raghavendra Rao), hanno viaggiato per il paese travestiti da guru dello yoga,insegnare tecniche di rafforzamento e combattimento a potenziali rivoluzionari. L'obiettivo di Tiruka era quello di preparare il popolo per una rivolta contro gli inglesi e, travestendosi da asceta religioso, evitò l'occhio vigile delle autorità.

Altri insegnanti, come il riformista nazionalista della cultura fisica Manick Rao, mescolavano ginnastica europea ed esercizi di resistenza ai pesi con tecniche indiane rivisitate per il combattimento e la forza. Lo studente più famoso di Rao era Swami Kuvalayananda (1883-1966), il più influente insegnante di yoga dei suoi tempi. Durante gli anni '20, Kuvalayananda, insieme al suo rivale e gurubhai ("fratello guru") Sri Yogendra (1897-1989), mescolò asana e sistemi di cultura fisica indigena indiana con le più recenti tecniche europee di ginnastica e naturopatia.

Con l'aiuto del governo indiano, i loro insegnamenti si diffusero in lungo e in largo e le asana - riformulate come cultura fisica e terapia - acquisirono rapidamente una legittimità di cui non avevano goduto in precedenza nel revival yoga post-Vivekanandan. Sebbene Kuvalayananda e Yogendra siano in gran parte sconosciuti in Occidente, il loro lavoro è in gran parte il motivo per cui pratichiamo lo yoga nel modo in cui lo facciamo oggi.

Asana innovativa

L'altra figura altamente influente nello sviluppo della pratica moderna degli asana nell'India del XX secolo è stata, ovviamente, T. Krishnamacharya (1888-1989), che ha studiato all'istituto di Kuvalayananda all'inizio degli anni '30 e ha continuato ad insegnare alcuni dei più influenti insegnanti di yoga globali del 20 ° secolo, come BKS Iyengar, K. Pattabhi Jois, Indra Devi e TKV Desikachar. Krishnamacharya era immerso negli insegnamenti tradizionali dell'induismo, conseguendo lauree in tutti e sei i darshana(i sistemi filosofici dell'induismo ortodosso) e l'Ayurveda. Ma era anche ricettivo ai bisogni della sua giornata e non aveva paura di innovare, come dimostrano le nuove forme di pratica degli asana che sviluppò negli anni '30. Durante il suo incarico come insegnante di yoga sotto il grande modernizzatore e appassionato di cultura fisica Krishnarajendra Wodeyar, il maharajah di Mysore, Krishnamacharya formulò una pratica asana dinamica, destinata principalmente ai giovani dell'India, che era molto in linea con lo zeitgeist della cultura fisica. Era, come il sistema di Kuvalayananda, un matrimonio di hatha yoga, esercizi di wrestling e movimento ginnico occidentale moderno, e diverso da qualsiasi cosa vista prima nella tradizione dello yoga.

Questi esperimenti alla fine sono cresciuti in diversi stili contemporanei di pratica degli asana, in particolare quello che è noto oggi come Ashtanga vinyasa yoga. Sebbene questo stile di pratica rappresenti solo un breve periodo dell'ampia carriera di insegnante di Krishnamacharya (e non rende giustizia al suo enorme contributo alla terapia yoga), è stato molto influente nella creazione del vinyasa americano, basato sul flusso e sul Power Yoga. sistemi.

Allora dove mi ha lasciato? Sembrava chiaro che gli stili che praticavo fossero una tradizione relativamente moderna, con obiettivi, metodi e motivi diversi da quelli tradizionalmente attribuiti agli asana. Basta esaminare le traduzioni di testi come l'Hatha Tattva Kaumudi, il Gheranda Samhita o l'Hatha Ratnavali, per vedere che gran parte dello yoga che domina l'America e l'Europa oggi è cambiato quasi al di là del riconoscimento dalle pratiche medievali. Le strutture filosofiche ed esoteriche dell'hatha yoga premoderno e lo status delle asana come "sedi" per la meditazione e il pranayama, sono state messe da parte a favore di sistemi che mettono in primo piano il movimento ginnico, la salute e il fitness e le preoccupazioni spirituali dell'Occidente moderno. Questo ha reso lo yoga che stavo praticando non autentico?

Questa non è stata una domanda casuale per me. La mia routine quotidiana in quegli anni era quella di alzarmi prima dell'alba, praticare yoga per due ore e mezza e poi sedermi per un'intera giornata alla ricerca della storia e della filosofia dello yoga. Alla fine della giornata, insegnavo a un corso di yoga o ne frequentavo uno come studente. Tutta la mia vita ruotava intorno allo yoga.

Sono tornato in biblioteca. Ho scoperto che l'Occidente aveva sviluppato la propria tradizione di pratica della postura ginnica molto prima dell'arrivo dei pionieri delle asana indiane come BKS Iyengar. E queste erano tradizioni spirituali, spesso sviluppate da e per le donne, che utilizzavano postura, respiro e rilassamento per accedere a stati di consapevolezza intensi. Americani come Cajzoran Ali e Genevieve Stebbins, ed europei come Mollie Bagot Stack, nata a Dublino, furono gli eredi dell'inizio del XX secolo di queste tradizioni di "movimento armonico". I sistemi di yoga basati sulle asana appena arrivati ​​erano, naturalmente, spesso interpretati attraverso la lente di queste tradizioni ginniche occidentali preesistenti.

Non avevo dubbi sul fatto che molti praticanti di yoga oggi siano gli eredi delle tradizioni di ginnastica spirituale dei loro bisnonni molto più di quanto lo siano dell'hatha yoga medievale dall'India. E quei due contesti erano molto, molto diversi. Non è che le posture dello yoga moderno derivino dalla ginnastica occidentale (anche se a volte può essere così). Piuttosto, mentre le pratiche di yoga sincretiche si stavano sviluppando nel periodo moderno, sono state interpretate attraverso la lente, per esempio, del movimento armonico americano, della ginnastica danese o della cultura fisica più in generale. E questo ha cambiato profondamente il significato stesso dei movimenti stessi, creando una nuova tradizione di comprensione e pratica. Questa è la tradizione che molti di noi hanno ereditato.

Crisi di fede

Sebbene non abbia mai interrotto la mia pratica quotidiana degli asana durante questo periodo, stavo comprensibilmente vivendo qualcosa come una crisi di fede. Il terreno su cui sembrava poggiare la mia pratica - Patanjali, le Upanishad, i Veda - si stava sgretolando quando scoprii che la vera storia della "tradizione yoga" era molto diversa da quella che mi era stata insegnata. Se le affermazioni che molte moderne scuole di yoga stavano facendo sulle antiche radici delle loro pratiche non erano del tutto vere, allora erano fondamentalmente inautentiche?

Nel corso del tempo, tuttavia, mi è venuto in mente che chiedere se le tradizioni moderne degli asana fossero autentiche era probabilmente la domanda sbagliata. Sarebbe facile rifiutare la pratica posturale contemporanea come illegittima, sulla base del fatto che è infedele alle antiche tradizioni yoga. Ma questo non darebbe un peso sufficiente alla varietà di adattamenti pratici dello yoga nel corso dei millenni e al posto dello yoga moderno in relazione a quella immensa storia. Come categoria per pensare allo yoga, "l'autenticità" è insufficiente e dice molto di più sulle nostre insicurezze del 21 ° secolo di quanto non faccia sulla pratica dello yoga.

Una via d'uscita da questo falso dibattito, ragionai, era considerare certe pratiche moderne semplicemente come gli ultimi innesti sull'albero dello yoga. I nostri yoga hanno ovviamente radici nella tradizione indiana, ma questo è lontano dall'intera storia. Pensare allo yoga in questo modo, come un albero vasto e antico con molte radici e rami, non è un tradimento dell'autentica "tradizione", né incoraggia un'accettazione acritica di tutto ciò che si definisce "yoga", per quanto assurdo. Al contrario, questo tipo di pensiero può incoraggiarci a esaminare le nostre pratiche e credenze più da vicino, a vederle in relazione al nostro passato e alla nostra antica eredità. Può anche darci un po 'di chiarezza mentre navighiamo nel mercato contemporaneo a volte sconcertante dello yoga.

Imparare a conoscere l'eredità culturale e spirituale occidentale della nostra pratica ci mostra come portiamo le nostre comprensioni e incomprensioni, speranze e preoccupazioni alla nostra interpretazione della tradizione e come una miriade di influenze si uniscono per creare qualcosa di nuovo. Cambia anche la nostra prospettiva sulla nostra pratica, invitandoci a considerare veramente cosa stiamo facendo quando pratichiamo yoga, qual è il suo significato per noi. Come la pratica stessa, questa conoscenza può rivelarci sia il nostro condizionamento che la nostra vera identità.

Al di là della semplice storia fine a se stessa, conoscere il recente passato dello yoga ci offre una lente necessaria e potente per vedere il nostro rapporto con la tradizione, antica e moderna. Nella migliore delle ipotesi, la moderna borsa di studio yoga è un'espressione della virtù yogica più urgentemente necessaria oggi, viveka ("discernimento" o "giusto giudizio"). Comprendere la storia dello yoga e le radici antiche e aggrovigliate ci porta molto più vicini alla visione vera e chiara. Può anche aiutare a spostarci verso una fase più matura della pratica dello yoga per il 21 ° secolo.

Vedi anche La  storia dello yoga precedentemente non raccontata getta nuova luce

Mark Singleton ha conseguito un dottorato in divinità presso l'Università di Cambridge. È autore di Yoga Body: The Origins of Modern Posture Practice.

Raccomandato

Uno contro uno
"Posture": un nuovo documentario esplora il controverso mondo dello yoga competitivo
Anatomia 101: come sfruttare il vero potere del tuo respiro