Andare lontano

Quando senti la parola "resistenza", cosa ti viene in mente? Completare una maratona e rimanere a malapena senza fiato? La tua capacità di eseguire infinite serie di distensioni su panca? O forse solo essere in grado di finire una lezione di spinning senza sentirsi completamente spazzati via? Clayton Horton, direttore del Greenpath Yoga Studio di San Francisco ed ex triatleta e nuotatore competitivo, afferma che la resistenza è semplicemente "la capacità di perseverare", sia che si svolga un'attività aerobica che anaerobica. Molti sforzi atletici sono una combinazione di esercizi sia aerobici che anaerobici. Prova a pensare ai sistemi energetici del tuo corpo in termini di un continuum temporale, afferma Robert F. Zoeller, Ph.D., assistente professore di fisiologia dell'esercizio presso la Florida Atlantic University. "Le attività puramente anaerobiche durano meno di un minuto, come lo sprint,la maggior parte dei tipi di sollevamento pesi, lancio di una palla da baseball o picchi di pallavolo ", dice.

"Tuttavia, poiché la durata aumenta oltre diversi minuti, il contributo del metabolismo anaerobico diminuisce mentre aumenta quello del metabolismo aerobico". Qualcosa che richiede dai quattro ai cinque minuti per essere completato, come correre il miglio o nuotare in uno stile libero di 400 metri, si basa su entrambi i sistemi energetici. Le attività che vengono sostenute per più di 20 minuti sono generalmente considerate aerobiche, sebbene ci siano delle eccezioni. Ad esempio, la pallacanestro richiede resistenza aerobica, rapidi scoppi di velocità e la capacità di saltare, che è anaerobica. Maggiore è la tua resistenza aerobica e anaerobica, migliore sarà la tua capacità di sostenere l'esercizio per un periodo di tempo prolungato. Migliorare la tua resistenza può rendere più efficienti i tuoi sistemi cardiovascolare e respiratorio e diminuire sia la frequenza cardiaca a riposo che i livelli di stress;può anche aumentare il metabolismo, aiutarti a mantenere una postura sana, ridurre l'affaticamento e prevenire lesioni e problemi alla schiena.

Lo yoga può aiutare a migliorare la tua resistenza perché può aumentare la resistenza a diversi livelli - fisico, fisiologico e mentale - a seconda delle tue esigenze specifiche. Ad esempio, una delle chiavi per la resistenza è utilizzare meglio l'assunzione di ossigeno. Il corpo fa affidamento sull'ossigeno per produrre energia durante l'esercizio, quindi una persona con una buona resistenza ha una maggiore capacità di fornire ossigeno ai muscoli che lavorano che utilizzano questo ossigeno durante l'esercizio. Questo è uno dei motivi principali per cui una persona inadatta si affatica molto prima di qualcuno in forma migliore, ed è anche il motivo per cui un atleta a volte può superare la concorrenza di pari talento.

Dean Karnazes, un regolare concorrente di ultra-maratone in luoghi fisicamente impegnativi come il Polo Sud e la Death Valley, ritiene che la sua pratica yoga, in particolare l'aspetto della respirazione, gli consenta di utilizzare l'ossigeno in modo più efficiente e, in definitiva, di migliorare le sue prestazioni complessive. "La mia sensazione è che lo yoga ti aiuti a utilizzare meglio il tuo apporto di ossigeno, erogandolo o trasferendolo a tutte le cellule che ne hanno bisogno per il metabolismo", dice.

Più specificamente, Horton spiega che lo yoga migliora il sistema respiratorio creando più spazio per il suo funzionamento. "È difficile fare un bel respiro quando il tuo corpo non te lo permette", spiega. Horton paragona il corpo a un contenitore in cui cerchiamo di creare più spazio. "Se la gabbia toracica, il diaframma o la colonna vertebrale sono rigidi, la capacità polmonare è ridotta dalle costrizioni e dai limiti fisici", dice. "La respirazione yoga allunga il nostro corpo attraverso profonde inspirazioni ed espirazioni, come se ci ingrandissimo dall'interno verso l'esterno e quindi facendo più spazio nel contenitore interno per un respiro migliore.

"Essere consapevoli del respiro permette al nostro corpo di respirare meglio", dice Horton. "Il respiro cosciente ti insegna a prestare attenzione alla qualità del tuo respiro e impari ad osservare e forse anche a manipolare il tuo respiro durante le attività fisiche." Per migliorare la resistenza attraverso una respirazione migliore, Horton suggerisce asana che migliorano sia la gamma di movimento che la capacità polmonare aprendo il torace e la gabbia toracica. Questi includono Urdhva Dhanurasana (posa dell'arco rivolto verso l'alto), Ustrasana (posa del cammello), Urdhva Mukha Svanasana (posa del cane rivolto verso l'alto), così come Eka Pada Rajakapotasana (posa del piccione con una gamba sola).

Tuttavia, la resistenza non riguarda solo la respirazione migliore. Sviluppare i muscoli in modo che siano più forti e elastici in modo che non si affaticino rapidamente è altrettanto importante. Quando si tratta di utilizzare lo yoga per migliorare la resistenza muscolare, Horton consiglia di concentrarsi su tutte le asana che promuovono un allungamento dei muscoli del corpo, come Parsvakonasana (Side Angle Pose), oltre a stabilizzare e rafforzare le posizioni che sviluppano la forza del core, come Navasana (posa della barca).

Inoltre Horton ritiene che lo yoga migliori la propria resistenza aiutando gli atleti a rilassarsi, preservare l'energia e concentrarsi meglio, specialmente in circostanze impegnative. "Lo yoga ti dà la forza mentale per stare fermo e concentrarti nel bel mezzo di una posa difficile o mentre i tuoi muscoli stanno bruciando", spiega. "Con lo yoga impari la capacità di osservare gli schemi di tensione nel corpo che tolgono all'efficienza.

"È importante che gli atleti non siano distratti. Lo yoga può aiutarti a sederti ed essere il testimone o ad osservare ed essere

un po 'più chiaro e prendere decisioni migliori, come essere in grado di mantenere il ritmo durante una corsa di 10 km o un allenamento lungo ".

Nancy Coulter-Parker è Group Director of Retail Media e Group Editorial Director presso New Hope Natural Media e collabora regolarmente con Yoga Journal .

Raccomandato

Posa della sfida: cavalletta
5 modi per fai da te il tuo santuario yoga a casa
Come 31 giorni di meditazione in movimento hanno aiutato uno yogi a rallentare