Jessamyn Stanley su Moving Beyond Body Positivity

Jessamyn Stanley vorrebbe che smetteste di chiamarla yogi, per favore e grazie. L'insegnante di yoga di 31 anni della Carolina del Nord, che una volta si è pisciata senza vergogna nei pantaloni a Savasana invece di lasciare la stanza mentre insegnava in una lezione di hot-yoga a Londra, ha lottato con una celebrità mite da quando le persone hanno iniziato a riconoscerla in Whole Foods e l'aeroporto e il DMV ea volte semplicemente camminando per strada.

"Non sei quell'insegnante di yoga della pubblicità dei tamponi?" hanno iniziato a chiedere dopo aver recitato in una pubblicità di U by Kotex Fitness per i cuscinetti mestruali. "Ehi, non sei quello yogi di Instagram?" A volte può sembrare implacabile. E mentre è vero che l'account Instagram di Stanley (con 400.000 follower e in aumento) è popolato da foto di lei, spesso in mutande, che pratica posizioni yoga difficili, dice che la fama e altre forme di caramelle dell'ego che alimentano i social media sono molto in disaccordo. con lo stile di vita yogico che sta cercando di vivere. Quindi tutti si rilasseranno e le lasceranno vivere?

Vedi anche Jessamyn Stanley diventa reale sulla motivazione + paura con i principianti

Piaccia o no, Stanley ha attirato un'enorme quantità di attenzione in quelli che sembrano pochi anni. Dal 2015 è stata riconosciuta da innumerevoli organi di stampa come Forbes , Bon Appétit e USA Today e l'anno scorso è diventata la portavoce dello yoga per il New York Time s. Il suo podcast, Jessamyn Explains It All , sta registrando la sua seconda stagione e sta per lanciare una serie Web, in cui affronterà questioni tabù e politicizzate come la legalizzazione della marijuana e le carenze della monogamia. (Il suo primo ospite sarà l'insegnante di yoga e collega sostenitrice della positività corporea Dana Falsetti.)

Stanley crede che le persone prestino attenzione perché non sono abituate a vedere una donna grassa di colore affrontare asana difficili, lo spazio dello yoga americano è, nelle sue parole, "profondamente radicato nella supremazia bianca". Non è censurata nelle sue critiche allo yoga moderno in Occidente e alle forme di oppressione e vergogna del corpo che chiama "standard di bellezza patriarcali centrati sui bianchi". Si definisce grassa costantemente - nei suoi post su Instagram ("È strano essere il ragazzo grasso che i ragazzi magri vogliono conoscere / fare amicizia", ​​ha scritto in agosto); nel suo libro del 2017, Every Body Yoga; e nella conversazione, come mezzo per riprendere la proprietà di un termine generalmente riservato per svergognare coloro che descrive. A tal fine, è una crociata della visibilità di una donna, smantellando le aspettative su come appare un corpo yoga e incoraggiando più persone che generalmente non si vedono riflesse nello spazio yoga a venire avanti.

Vedi anche  5 modi in cui puoi usare la tua pratica yoga per migliorare l'immagine del tuo corpo

Stanley ha aperto il suo account Instagram non per diventare il bambino poster dello yoga grasso, ma per sollecitare un feedback su una pratica domestica che aveva iniziato nel 2012. Come tanti praticanti di yoga, dice di non essersi mai sentita veramente a suo agio in una lezione di yoga pubblica, spremendo se stessa nell'angolo più lontano sul retro della stanza desiderando essere invisibile, l'esatto contrario di ciò che rappresenta oggi. Ma allora, era insicura e un po 'persa, avendo abbandonato la scuola di specializzazione presso la University of North Carolina School of the Arts, quindi iniziò una pratica yoga dalla sicurezza del suo soggiorno. Ha utilizzato l'indice delle pose di Yoga Journal e le lezioni online di Kathryn Budig e Amy Ippoliti, documentando i suoi progressi online. “Ma la risposta che stavo ricevendo dalle persone non era un gran feedback sulla mia pratica, erano più persone che dicevano, 'Oh, mio ​​Dio.Non sapevo che le persone grasse potessero fare yoga ", dice. “E io ero tipo, 'Perché pensi che le persone grasse non possano fare yoga? Le persone grasse fanno ogni genere di cosetutto il tempo . "In quel momento si rese conto della sua opportunità unica di trasmettere una vera pratica yoga," cicatrici e tutto il resto ", dice.

Quando ha frequentato un corso di formazione per insegnanti di yoga (YTT) di 200 ore ad Asheville, nella Carolina del Nord, nel marzo 2015, aveva accumulato un considerevole seguito online e l'interesse della stampa. Nel gennaio di quell'anno, People pubblicò una storia sulla "autoproclamata fat femme" che, con 29.000 follower, era diventata una "star dello yoga su Instagram". Nel pezzo, ha discusso il suo piano per raccogliere i soldi di cui aveva bisogno per partecipare a YTT in seguito. "C'è ovviamente bisogno di questo", ha detto in quel momento. "Le persone hanno sete di qualcuno che assomigli a loro, o almeno che non assomiglia a tutti gli altri, per mostrare loro cosa fare."

Ma una mattina di ottobre a Durham, dove vive con il suo partner e tre gatti, mentre ci sediamo l'uno di fronte all'altro a mangiare churros e sorseggiare latte macchiato, mi dice che non ha mai aspirato a diventare un'insegnante di yoga. "Così tante persone mi chiedevano di farlo", ricorda. "Ma non capivo perché dovevo essere io a insegnare." Invece, aveva risposto in modo ponderato ai suoi fan ricercando e suggerendo insegnanti approvati da Jessamyn nelle loro aree. Fu solo quando suo padre, che aveva disapprovato la sua incursione nello yoga "dall'inizio", le offrì di aiutarla a finanziare la sua formazione che iniziò a prendere sul serio l'insegnamento. "I miei genitori non hanno 3.000 dollari in giro", dice Stanley. "Per essere così enfatico, mi sono reso conto che c'erano forze più grandi in gioco".

Stanley dice che la sua vita potrebbe essere nettamente divisa in pre e post YTT. "Durante YTT ho avuto una serie di esperienze che mi hanno aperto l'anima", dice. "Sono stato in grado di vedere così tante cose che mi stavo nascondendo e ho capito che il modo per insegnare alle persone sarebbe stato quello di vivere autenticamente questa pratica e di fare luce, per quanto possibile, sugli spazi che sono brutti e oscuro e complicato, e rifletterlo alla gente. Per me, questo dovrebbe essere l'insegnamento. Piuttosto che essere una scelta di carriera, è una missione. Un invito all'azione. Qualcosa per guidare lo scopo nella vita. Quando ho lasciato la formazione ho pensato, "OK, ora è il momento di raggiungere le persone che mi hanno chiesto di raggiungerli".

Vedi anche  Come un insegnante di yoga ha recuperato la sua immagine corporea sana di fronte alla vergogna

E lei lo fa. Stanley trascorre quasi tutti i fine settimana in viaggio insegnando a corsi in regioni in cui è stata invitata da studenti affamati per il suo marchio di onestà spontanea e stile di pratica sfacciato. "Ha decisamente un approccio senza prigionieri che ammiro profondamente di lei", dice yogalebrity a pieno titolo Kathryn Budig. "Penso che stiamo entrando in una fase in cui le persone vogliono meno banalità e più onestà, e lei trasmette qualsiasi messaggio che vuole dare senza fronzoli, completamente puro".

L'obiettivo finale di Stanley è quello di rendere accessibili a chiunque le desideri classi più diverse dal corpo e a coloro che non si rendono ancora conto che tutti abbiamo bisogno di loro se vogliamo veramente abbracciare ciò che è lo yoga. La sua nuova app di yoga, The Under Belly, verrà lanciata all'inizio di quest'anno, contribuendo a rendere le sue lezioni disponibili a chiunque abbia uno smartphone o un computer. Stanley si rende conto che questo da solo richiede una certa quantità di privilegi, ma dice che sta facendo del suo meglio. Ha anche dei conti da pagare.

Nel nostro ultimo giorno insieme, le chiedo di alcuni dei tatuaggi che adornano le sue braccia come spartiti. Uno di questi è il motto di stato della Carolina del Nord, Esse quam videri, latino per essere, piuttosto che sembrare . "Non si tratta di come sono le cose o di essere una posa yoga", dice Sage Rountree, comproprietaria della Carolina Yoga Company, dove Stanley una volta aveva una residenza di insegnamento. "Si concentra più sull'essere reale che sul cercare di proiettare l'immagine di essere reale."

Ed è proprio per questo che Stanley vorrebbe che tutti smettessero di chiamarla yogi. I veri yogi, dice, vivono in uno stato di perpetuo distacco - dai beni materiali, dalla preoccupazione, dal giudizio. "Sarebbe oltraggioso e stravagante dire che ho trovato un modo per affrontare e liberare l'attaccamento in questo modo", dice. Ma ehi, ci sta lavorando. 

Vedi anche I  social media distruggono l'immagine del tuo corpo?

Circa l'autore

Original text


Raccomandato

Lo yoga è pericoloso per le donne?
3 pose preparatorie per l'equilibrio dell'avambraccio (Pincha Mayurasana)
Solleva il tuo spirito con questi oli essenziali equilibranti Dosha