Sollievo dal linfedema attraverso lo yoga

Quando Kim Golding di Fremont, in California, ha sviluppato gonfiore al braccio diversi mesi dopo la mastectomia, non è stata completamente sorpresa. Il suo medico l'aveva avvertita che l'intervento chirurgico avrebbe aumentato la probabilità di linfedema, un accumulo a volte doloroso di liquido nei tessuti molli. Ma ciò che l'ha sorpresa è stato il rimedio: oltre a una tecnica di massaggio nota come drenaggio linfatico manuale, il terapista di Golding ha raccomandato lo yoga.

Il sistema linfatico è la rete del corpo di vasi e nodi che fa circolare la linfa, un fluido trasparente ricco di globuli bianchi che costituisce una parte importante del sistema immunitario del corpo e aiuta a rimuovere le tossine. Il sistema pompa il fluido attraverso il corpo più volte al minuto, con l'assistenza dei muscoli. "Quando il sistema linfatico funziona al meglio, è come un fiume che scorre libero, senza rocce o deviazioni", afferma Jane Verdurmen Peart, istruttrice di yoga presso lo Stanford Cancer Supportive Care Program, parte dello Stanford University Medical Center di Palo Alto , California.

Ma quando i linfonodi vengono rimossi o danneggiati, a seguito di interventi chirurgici, traumi o infezioni, il flusso viene interrotto e si accumula il liquido in eccesso. Questo liquido stagnante non solo fa gonfiare i tessuti, ma riduce anche la quantità di ossigeno disponibile per il sistema linfatico, interferendo con la guarigione della ferita e aumentando il rischio di infezione. Se non trattato adeguatamente, il linfedema può provocare invalidità permanente. Molto spesso il gonfiore si verifica nelle braccia o nelle gambe, ma occasionalmente si trova in altre parti del corpo.

Lasciare il flusso linfatico

Favorendo il rilassamento, una pratica yoga può ridurre l'incidenza del linfedema. "Dal momento che il sistema linfatico è sfidato ogni volta che il corpo o la mente sono stressati", dice Peart, "raggiungere uno stato di rilassamento più profondo ha un impatto positivo sul sistema". Inoltre, dice, praticare lo yoga fa sì che il fluido continui a pompare attraverso il corpo, piuttosto che ad accumularsi.

Lisa Gilbourne, una sopravvissuta al cancro da sette anni e co-direttrice dello studio del Bikram Yoga College of India a Jacksonville, in Florida, ha appreso in prima persona i benefici dello yoga. Dopo che le è stato diagnosticato un cancro all'età di 27 anni e dopo aver ricevuto cure, è tornata a un lavoro al dettaglio che l'ha tenuta in piedi tutto il giorno. Ben presto sviluppò un linfedema alle gambe, che peggiorò fino a diventare un'infezione e un dolore insopportabile. Passare a un lavoro d'ufficio non ha risolto il problema, ma lo yoga ha portato un sollievo quasi immediato. "Il linfedema non è qualcosa che puoi curare, devi gestirlo", dice Gilbourne. "Fare yoga ogni giorno aiuta ad annullare gli effetti dello stare seduti e in piedi per lunghi periodi di tempo".

Se stai pensando di iniziare una pratica yoga per prevenire il linfedema o per curarlo, è una buona idea lavorare con un terapista di linfedema certificato. (Se ti è già stata diagnosticata la condizione, indossa sempre una benda o un indumento compressivo durante qualsiasi forma di esercizio.) E assicurati di prenderlo con calma, consiglia Michelle Robinson, fondatrice e direttrice dello yoga di MindBodyZone a Fremont, in California. "Pose semplici come piegarsi in avanti, movimenti laterali e respirazione dolce aiuteranno a stimolare il flusso linfatico".

Se i muscoli delle gambe iniziano a far male, solleva immediatamente i piedi o le gambe, dice Robinson. "La cosa più importante è ascoltare il proprio corpo e non sovrastimolare o stancare i muscoli", avverte. "Esagerare può causare un accumulo di liquido, che è esattamente ciò che stai cercando di evitare."

Per ulteriori informazioni, visitare www.lymphnet.org.

Raccomandato

Posa della sfida: cavalletta
5 modi per fai da te il tuo santuario yoga a casa
Come 31 giorni di meditazione in movimento hanno aiutato uno yogi a rallentare