Chiedi all'esperto: che cos'è la corretta respirazione yoga?

Qual è la corretta respirazione yoga?

—Marion del New England

Leggi la risposta di Natasha Rizopoulos:

Cara Marion,

Il tipo di respiro generalmente praticato nella maggior parte delle lezioni di hatha yoga è chiamato respirazione Ujjayi, che si traduce vagamente come respirazione di "vittoria". Questo non vuol dire che la qualità del respiro dovrebbe essere aggressiva, ma piuttosto che c'è una stabilità, risonanza e profondità in essa.

Per trovare la tua strada in questa forma di respirazione, inizia chiudendo gli occhi e osservando il tuo respiro nel suo stato naturale. Sintonizzati sul ritmo, sul ritmo e sul suono. Confronta la lunghezza delle tue inspirazioni con la lunghezza delle tue espirazioni. Nota la posizione del respiro. Concentrarsi sul respiro in questo modo è uno degli strumenti più basilari e importanti dello yoga, perché è osservando il respiro che entriamo nel momento presente, ed è questo modello di osservazione, che collega mente e corpo, che vogliamo ricreare in tutta la nostra pratica.

Dopo aver preso nota dei dettagli del tuo respiro naturale, inizia a fare sottili aggiustamenti. Inizia facendo corrispondere la lunghezza delle tue inspirazioni alla lunghezza delle tue espirazioni. Una volta che il respiro è uniforme, allunga e approfondisci leggermente il respiro, non fino al punto in cui si sente forzato o teso, ma quanto basta in modo che ci sia consapevolezza al riguardo. Continua a inspirare ed espirare attraverso il naso, quindi sposta la tua intenzione. Immagina che invece di respirare attraverso le narici, stai invece respirando attraverso il punto molle proprio tra le clavicole, alla base della gola. Nota come questo cambiamento di intenzione cambia il suono e la qualità del tuo respiro. È meno nasale, più gola e ha un suono più vuoto. Il respiro di Ujjayi è a volte paragonato al suono del mare in una conchiglia o alle fusa di un gatto contento.Il respiro dovrebbe essere udibile per te, ma non per chiunque si trovi a più di un paio di piedi da te. A volte le persone creano un respiro che suona come quello di Darth Vader, pensando che più forte sia meglio, ma in realtà il respiro dovrebbe avere una qualità calmante e calmante.

Praticare la respirazione Ujjayi è un modo per imbrigliare la mente, usando il respiro come veicolo per distogliere la nostra attenzione dai nostri normali schemi di pensiero e ri-focalizzarla sui dettagli fisici della pratica. Il respiro ha una funzione anche a livello fisico, poiché quando iniziamo a muoverci di più e la pratica diventa più rigorosa, diventa più difficile mantenere un respiro costante, uniforme. La tendenza è quella di iniziare a respirare attraverso la bocca e il respiro diventa più superficiale e irregolare. Mantenere un respiro Ujjayi regolare è un lavoro duro e quindi ha un effetto molto positivo sui polmoni e sul cuore. Il respiro diventerà naturalmente più profondo e veloce con uno sforzo maggiore, ma quando diventa impossibile continuare a respirare attraverso il naso e quando la qualità del respiro diventa compromessa,di solito è un segno di indietreggiare e riposare finché non puoi riprendere con un respiro Ujjayi regolare.

Il pranayama è una forma abbastanza avanzata di controllo del respiro che di solito viene praticata separatamente dalla pratica degli asana, sotto la stretta guida e supervisione di un insegnante. Negli otto rami dello yoga di Patanjali, asana è il quarto ramo e pranayama il quinto. Molte persone considerano questo ordine come un'indicazione che si dovrebbe avere una discreta esperienza di asana prima di intraprendere il pranayama, quindi consiglierei di concentrare la tua attenzione sulla respirazione Ujjayi, poiché questo elemento del respiro è più appropriato e rilevante per i principianti .

Raccomandato

Ottimizzazione dei chakra del nuovo anno
Sii Uno con la Terra: Energia Elementale dei Chakra
Posa della sfida: Hanumanasana