Insegnare lo yoga: il lavoro più duro che tu abbia mai amato

Quindi pensi di voler diventare un insegnante di yoga? Continua a leggere per vedere se insegnare yoga è giusto per te.

Pensi, respira e sogni lo yoga. I tuoi compagni di yoga sono i tuoi migliori amici. Parli di yoga ogni volta che ne hai la possibilità. È la tua passione e metafora regnante; lo prescrivi per ogni malattia umana. Perché non insegnare? Dato che devi guadagnarti da vivere - pagare l'affitto e nutrire il gatto e forse anche mantenere una famiglia - vuoi fare qualcosa che ami. Qualcosa che ti accende la mattina e ti fa alzare dal letto e non attutisce il tuo spirito. Perché posso dirti che, avendo fatto dalle 9 alle 5 - tacchi alti, metropolitana intasata dai pendolari, due ascensori fino al 96 ° piano del World Trade Center - non vale la pena fare qualcosa che non ami.

Ma sei preparato per le prove dell'insegnamento dello yoga? Insegni la mattina presto del fine settimana e la sera tardi nei giorni feriali, nelle palestre per soli $ 35 a lezione, negli scantinati degli ospedali e negli uffici dove devi prima spostare scatole piene di rapporti annuali contro il muro per liberare il pavimento. Fai la contabilità, fai la fila e paga insegnanti supplenti ogni volta che lasci la città, e sei sfortunato se ti strappi il ginocchio e sei fuori sei settimane con un gesso che seppellisce la gamba sinistra. A gennaio, le lezioni sono piene di principianti, freschi di determinazione per il nuovo anno; a luglio le stesse classi sono vuote e sussulti perché non riesci a coprire l'affitto.

Non è facile ma come tutti sappiamo niente è facile. Come ogni altra professione, insegnare yoga richiede un particolare insieme di abilità, talento e motivazione.

Vedi anche Dovresti seguire una formazione per insegnanti per approfondire la tua pratica?

Hai le cose giuste da insegnare?

Mi sono laureata nel 1996 dopo tre anni in un programma di formazione per insegnanti e sono diventata un'insegnante di yoga a tempo pieno nel 1999. Insegno otto lezioni a settimana in studi di yoga, una in un centro benessere, un'altra in un ufficio e faccio volontariato. insegnare ogni due settimane in una prigione femminile federale. Insegnare yoga è il miglior lavoro che abbia mai avuto, ma ha richiesto buoni contatti, fortuna, tenacia e determinazione.

Come la maggior parte delle persone, non ho iniziato a praticare lo yoga con l'idea che avrei insegnato. Lo yoga come pratica è stata una sfida sufficiente. Vengo da una famiglia che valorizza l'intelletto, un figlio di immigrati giapponesi che usano il corpo per trasportare il cervello da un posto all'altro. Lo yoga era una porta per sperimentare il mio corpo in modi che avevo solo vagamente percepito prima, sia cinesteticamente che intuitivamente. I miei primi due anni di yoga sono stati un ottovolante emotivo, mentre affondavo tra sentimenti che a malapena capivo, precedentemente sepolti nel profondo del mio corpo. Sono caduto nell'insegnamento quando una mia compagna di classe del programma di studi avanzati del Piemonte Yoga Studio a Oakland, in California, mi ha chiesto di sostituire la sua lezione di yoga per sei settimane. Mi sono divertito molto a farlo,gli studenti della classe sembravano davvero grati - infatti mi hanno detto che ero un bravo insegnante - e questo è ciò che mi ha fatto pensare che forse ero incappato in qualcosa che volevo continuare a fare.

Ma insegnare non è stato facile. Per insegnare lo yoga, devi essere fedele alla tua comprensione della pratica. Ciò richiede maturità, onestà e fede. All'inizio ho ripetuto a pappagallo le istruzioni del mio insegnante. Man mano che insegnavo di più, diventavo più fiducioso e sviluppavo una voce tutta mia, conducendo lezioni con narrazioni e temi distinti, che variavano ampiamente nei toni: da feroce e focoso a fluido e gentile, intrecciato con filosofia e poesia. Anche adesso, tuttavia, soccombo agli attacchi di insicurezza. Vado incontro a cambiamenti nella mia pratica e nel mio pensiero che influenzano il mio insegnamento. Incessantemente, mi chiedo: come posso comunicare in modo più efficace ciò che capisco e vedo?

Per insegnare bene lo yoga, devi esserne appassionato come pratica personale. TKV Desikachar scrive in Health, Healing and Beyond: Yoga and the Living Tradition of Krishnamacharya, "Un insegnante di Yoga dovrebbe vivere una vita di Yoga, per praticare ciò che viene insegnato." E questo, dice, è impegnarsi in "pratica continua e studio personale". Insegnare lo yoga è una forma di tapas , una disciplina che richiede di vivere con tutta l'integrità e la compassione che riesci a raccogliere.

Vedi anche The YJ Interview: TKV Desikachar

L'amore per lo yoga e l'impegno nella pratica sono il primo prerequisito per qualsiasi insegnante di yoga. Tuttavia, il fatto che ami lo yoga non significa che dovresti insegnare. Un noto insegnante di yoga una volta disse a un piccolo gruppo di studenti di yoga (uno dei quali ero io) che la cosa peggiore che potresti fare alla tua pratica yoga era diventare un insegnante. Quella era una brutta notizia, dato che stavo già insegnando. Credo che intendesse dire che l'insegnamento può ostacolare, forse anche minare il tuo sviluppo come yogi. Richard Freeman, il noto insegnante di Ashtanga Yoga di Boulder, in Colorado, parla a queste preoccupazioni quando afferma che ricevere denaro e ottenere studenti devoti e status può portare all'inflazione del proprio ego. Questo, a sua volta "... può intralciare la tua pratica, che è il più grande strumento di insegnamento che hai.Per essere un buon insegnante devi insegnare dalla tua esperienza ".

Per fortuna, non devi essere illuminato, ancora. Desikachar scrive: "Come tutti gli individui, gli insegnanti di Yoga mostreranno ogni tipo immaginabile di personalità, temperamento e problemi umani. Vivono matrimoni falliti, sofferenza personale e stress". Insegno come una persona da questa parte del velo che parla a un'altra da questa parte del velo.

Un giorno, insegnavo in classe mentre ero ancora malconcio dagli effetti negativi di aver bevuto una pinta di gelato Haagen-Dazs a colazione il giorno prima. Abbiamo iniziato con calma. Mentre i miei studenti giacevano sul pavimento, percependo il loro respiro, ho raccontato loro dell'abbuffata: quanto fossi spinto dal desiderio, quanto noioso dopo averlo assecondato - e quanto fosse rassicurante, persino redentivo, praticare in seguito, in accordo con il mio corpo. esigenze. "Inizi da dove sei", ho concluso, "la pratica ti incontrerà lì." Nelle settimane successive, due studenti menzionarono separatamente quella storia; li rincuorava sapere che anch'io ero soggetto a una fame così impetuosa.

Se non pensi di dover essere un insegnante di yoga perché sei troppo vecchio, grasso, goffo o rigido, ripensaci. Quasi sempre, i migliori insegnanti sono quelli che hanno avuto più difficoltà di apprendimento. Hanno lottato con lo yoga e hanno la compassione e l'empatia che consentono loro di aiutare in modo più efficace anche gli altri che lottano. Raleigh Wills, un uomo d'affari e insegnante di yoga a Oakland, ha iniziato lo yoga all'età di 54 anni, dopo che gli è stata diagnosticata una grave condizione artritica. Uno dei momenti più straordinari del nostro programma di allenamento è stato quando Wills ha dimostrato una splendida Ardha Matsyendrasana, la torsione seduta, sostenuta in alto con coperte e blocchi. Nel suo corpo rigido, denso, ignifugo, si poteva vedere la torsione dispiegarsi, vertebra dopo vertebra. Ora oltre i 60 anni,Wills insegna e ispira le persone che altrimenti potrebbero non fare yoga perché sarebbero intimidite in una classe piena di giovani e flessibili.

Vedi anche 3 cose che ho imparato facendo la formazione per insegnanti con una ferita

Se temi di non essere in grado di insegnare perché la tua zona è piena zeppa di insegnanti, sviluppa un'area di specialità. La San Francisco Bay Area pullula di bravi insegnanti di yoga. Quando JoAnn Lyons decise di stabilirsi nella Bay Area, iniziò a dedicare volontariamente il suo tempo e le sue capacità per insegnare yoga a persone con paralisi cerebrale. Ora, quattro anni dopo, insegna quattro lezioni a settimana a persone con disabilità e sta formando insegnanti di yoga in tutto il paese per lavorare con i disabili. La sua decisione di lavorare con i disabili nasce da un genuino interesse e impegno e ha portato a un lavoro economicamente sostenibile.

Insegnando yoga, impari ad avere molti occhi e molte mani, tenendo una lezione come si potrebbe tenere un serpente giarrettiera vivo, sciolto ma sicuro, mentre scivola veloce tra le dita. Lavori su diversi livelli contemporaneamente: seguendo una sequenza, scandagliando un tema, concentrando gli studenti sull'asana a portata di mano, guardando per prevenire lesioni, istruendo le persone in modo specifico e adattando coloro che il tocco aiuta. Impari a vedere gli arti e le articolazioni attraverso i vestiti ea toccare in un modo che stimola e sostiene. La tua mente diventa più facile, mentre scivola dallo specifico ("gira il tuo piede sinistro dentro, Peggy!") Al globale (una citazione dallo Yoga Sutra). Diventi creativo, provando metodi diversi per favorire l'apprendimento. Il lunedì, inizi da basso a terra, per lasciarli cadere in uno spazio tranquillo e meditativo; martedì,lanci la lezione con la storia ei principi filosofici dello yoga. Provi degli ausili visivi: porto un modello di bacino per mostrare agli studenti dov'è l'articolazione sacroiliaca e come ruotano le ossa della coscia nelle cavità dell'anca. Dimostrare aiuta, perché molte persone vedono molto meglio di quanto sentono.

Se temi di non poter insegnare yoga perché sei timido, sappi che la timidezza rappresenta una sfida ma non è insormontabile. Anche essere solitari non è un vero problema, poiché puoi richiedere un po 'di tempo per la pratica solitaria. Ciò che è più difficile è se sei inaffidabile o disorganizzato, misantropico, sessista, egocentrico, emotivamente instabile, sprezzante, inosservato, inarticolato o incapace di ascoltare. La maggior parte delle persone studia yoga per acquisire conoscenze e strumenti per la cura di sé. Se si sentono offesi o insicuri nella tua classe, non tornano.

Ma l'insegnamento è una tapas, un fuoco che brucia le impurità. Può bruciare le tue impurità, in particolare nell'ambito delle relazioni con gli altri. Non puoi più rimanere cieco sul modo in cui i tuoi atteggiamenti impediscono l'apertura e la fiducia. Impari a vedere, prenderti cura e apprezzare i tuoi studenti come individui con difficoltà e domande non dissimili dai tuoi. L'insegnamento può aiutarti a diventare una persona migliore.

Vedi anche L'arte di insegnare lo yoga: 5 modi per auto-valutare le tue capacità di insegnamento

Perché relazionarsi con gli studenti è fondamentale

Uno degli aspetti migliori dell'insegnamento dello yoga è creare una comunità di praticanti di yoga che la pensano allo stesso modo. Mentre insegni, gli studenti si presentano e talvolta rimangono, frequentando una, due, anche tre o quattro lezioni a settimana. A poco a poco, sviluppi relazioni che diventano amicizie e durano anni.

Ma prima, devi diventare fermo dove prima eri morbido. Da un lato, devi essere aperto ai tuoi studenti, estremamente sensibile e premuroso; dall'altro, devi sviluppare e mantenere il senso dei confini. Insegnando yoga, lavori con un altro essere simile a te ma alla fine estraneo. Lui o lei incarnerà e porterà avanti la pratica dello yoga in un modo che sarà nettamente diverso dal tuo. E questo non dovrebbe essere motivo di offesa. Non insegni a farsi dare una pacca sulla spalla.

Per essere un buon insegnante di yoga, devi preoccuparti di due cose: lo studente e la pratica. È facile amare la pratica; questo non cambia. Ma a volte può essere difficile prendersi cura degli studenti: si presentano in una tale varietà di forme e atteggiamenti. C'è lo studente che subisce un infortunio dopo l'altro, ma viene comunque in classe, creando un buco nero di inerzia mentre si siede e osserva tutti gli altri. C'è lo studente che ti lancia una mezza dozzina di domande nella prima mezz'ora di lezione. C'è lo studente che si alza e se ne va nel bel mezzo della lezione e non torna più. La studentessa che sospira forte e si muove velocemente, con impazienza, presumibilmente perché annoiata. Lo studente che non riesce a collegare ciò che stai dicendo al suo corpo. Anche se sai che è inutile, ti ritrovi a ripetere la stessa cosa ancora e ancora,diventando più forte mentre vai.

Vedi anche L'arte di insegnare lo yoga: 5 cose che i tuoi studenti vorrebbero dirti

Ma questi studenti sono nuovi e col passare del tempo inevitabilmente migliorano o se ne vanno. Tim Thompson, direttore di Monkey Yoga Shala a Oakland, in California, una volta disse (con fede manifesta nell'economia di mercato) che un buon insegnante di yoga otterrà studenti e un cattivo insegnante no. Sebbene questa affermazione sia un po 'travolgente per i miei gusti, è vero che si può giudicare un insegnante di yoga dalla qualità dei suoi studenti: un buon insegnante di yoga ha buoni studenti, uno cattivo no. Ciò che rende uno studente "bravo", ovviamente, è altamente discutibile. Considero un bravo studente chi è dedicato e concentrato e lavora con intenti chiari e coerenti. Gli studenti che diventano problematici sono quelli che inavvertitamente "innescano" le tue reazioni. Nella tua mente, questi sono gli studenti che ti tradiscono studiando con il tuo rivale,che ti abbandonano andando avanti, che ti "disattendono" facendo meglio e non riconoscendo ciò che consideri la tua profonda influenza sul loro yoga.

Una relazione studente-insegnante può diventare una danza intricata e carica. Se sviluppi forti relazioni con i tuoi studenti, ci sarà quasi sicuramente uno studente attorno al quale una costellazione di emozioni - rabbia, gelosia, invidia, attrazione, paura - sorgerà a un certo punto durante la tua carriera. In qualità di insegnante, è tua responsabilità gestire i sentimenti che provi e non scaricarli sui tuoi studenti. Se non puoi farlo da solo, trovi supporto altrove. Questo non vuol dire che non puoi parlare agli studenti per far loro sapere in che modo le loro azioni ti stanno influenzando. Ma non aspettarti che i tuoi studenti si prendano cura di te. Quando puoi iniziare ad aspettarti e riceverlo da uno studente, lui o lei non è più tuo studente, ma è diventato un amico.

Vedi anche Servizio ispirato allo yoga: affinare le capacità per servire meglio e trattenere gli studenti

Gli insegnanti di yoga vivono bene?

Lo yoga è diventato popolare. In questa epoca di invecchiamento dei baby boomer e di overdrive professionale, lo yoga è uscito dallo studio per adattarsi alle vite americane. Le lezioni si tengono in ospedali, centri benessere e all'ora di pranzo in edifici aziendali. L'insegnamento dello yoga sembra certamente una scommessa sicura a lungo termine per quanto riguarda le occupazioni, proprio lì con la gerontologia e la terapia fisica.

Secondo Larry Payne, Ph.D., che ha appena prodotto un manuale chiamato The Business of Teaching Yoga, ci sono insegnanti di yoga a tempo pieno che guadagnano più di $ 100.000 all'anno. Alcuni eletti stanno guadagnando più di $ 200.000, afferma, sebbene la maggioranza lordi da $ 25.000 a $ 50.000. Ricorda, tuttavia, che questo è come il mercato azionario. Poiché le altre persone stanno bene, non significa ipso facto che lo farai. Non dovresti diventare un insegnante di yoga per i soldi.

Hai senza dubbio sentito il motto New Age: "Fai ciò che ami, i soldi seguiranno". A quella battuta scattante vorrei aggiungere un secondo più goffo: ama ciò che fai abbastanza per farlo bene; essere strategico e impegnato. Entra nell'insegnamento per il lungo raggio e per l'amore della pratica. Rodney Yee ha iniziato a insegnare a metà degli anni '80, pronto a servire i tavoli se necessario, purché potesse insegnare yoga. Un decennio e mezzo dopo, lui e sua moglie Donna Fone hanno una fiorente attività con dipendenti part-time, sotto l'egida del Piemonte Yoga Studio e dei video, ritiri e seminari di Yee. Il loro successo è quasi interamente dovuto al talento di Yee, all'acume organizzativo di Fone e alla loro stretta collaborazione.

Per essere un insegnante di yoga devi prima essere disposto a essere un lavoratore autonomo. Se hai persone a carico o debiti, il lavoro autonomo può sembrare troppo rischioso. Non scoraggiarti, ma procedi con più cautela. Mantieni il tuo lavoro quotidiano e inizia lentamente, con una o due lezioni. È utile essere organizzati e avere qualche esperienza lavorativa, ma puoi imparare facilmente i rudimenti della contabilità con un libro o un amico utile. Naturalmente ci sono molti programmi software di contabilità, ma io per primo utilizzo ancora lo stesso libro mastro con cui ho iniziato quattro anni fa. Inchiostro solo le mie entrate e le mie spese ogni giorno e lo totalizzo in aprile per il mio commercialista.

Vedi anche 4 modi per rimanere motivati ​​a far crescere la tua attività di yoga

Le persone che diventano insegnanti di yoga tendono ad essere un gruppo anticonformista. L'insegnamento dello yoga, per sua natura, pone al di fuori degli orari di lavoro e delle strutture occupazionali tradizionali. Un insegnante di yoga lavora in orari dispari: la mattina presto, l'ora di pranzo, la sera nei giorni feriali e i fine settimana. I luoghi variano: da studi di yoga a centri benessere, ospedali (docenti sia al personale che ai pazienti), uffici, centri comunitari e chiese. Alcune istituzioni potrebbero pagarti come dipendente, mentre altre ti tratteranno come un imprenditore indipendente. Tuttavia, sei quasi sempre responsabile dell'assicurazione sanitaria e della responsabilità civile, della contabilità e delle tasse trimestrali sul lavoro autonomo. E non hai una vacanza finché non credi di potertela permettere.

Esistono fondamentalmente due modi per ricevere il pagamento per l'insegnamento come contraente indipendente. Puoi essere pagato per la lezione (il metodo preferito dai centri benessere) o riscuotere le tasse di lezione dagli studenti e pagare l'affitto. Ognuno ha i suoi vantaggi. Se vieni pagato dalla classe, te ne vai con una certa somma di denaro (che va da $ 30 a $ 75 per classe nei centri benessere), anche se si presentano solo due persone. Se paghi l'affitto per la stanza, potresti guadagnare più di $ 100 in una classe con un'alta frequenza. D'altra parte, potrebbero esserci giorni in cui non puoi coprire l'affitto perché si è presentato solo uno studente.

I primi mesi e talvolta gli anni di insegnamento possono essere i più magri e scoraggianti. Potresti lanciarti in una luce romantica come bardo itinerante o tinker, mentre viaggi dall'ufficio al centro benessere allo studio di yoga, trascinando stuoie e cinghie e mattoni di schiuma nel bagagliaio, sottotitolando ovunque nello sforzo di costruire una solida base di casa e reddito . Col passare del tempo, potresti assicurarti alcune lezioni in prima serata in luoghi fiorenti. Potresti persino organizzare ritiri di yoga in incantevoli fughe rustiche, soddisfacendo la tua voglia di viaggiare e venendo pagato per questo. Con le tue classi pubbliche come testa di ponte, puoi creare un ampio elenco di studenti e un sistema contabile migliore. Allora potresti essere pronto per aprire il tuo studio.

Ma uno studio di yoga presenta i suoi mal di testa e le sue gioie e non è per tutti. Tra i lati positivi, con uno studio è possibile guadagnare di più se lo pianifichi bene. Puoi darti buoni posti di insegnamento e affittare ai tuoi coetanei. Puoi vendere oggetti di scena e libri, invitare insegnanti ospiti per seminari e sponsorizzare eventi del fine settimana. Se sei orientato alla comunità, potresti aver appena stabilito un nuovo posto per formare amicizie a lungo termine. Sul lato negativo, hai appena raddoppiato se non triplicato le tue responsabilità amministrative e fiscali. Diffidare di questo. Più lavori in ufficio, meno tempo hai per esercitarti e avere una vita.

Vedi anche 5 cose da fare e da non fare per il successo dell'insegnamento dello yoga

Insegnare lo yoga è la tua chiamata?

Se sei attaccato alla solitudine della pratica, non insegnare. Quando pratichi lo yoga, scendi in regni profondi e senza parole. È come fare immersioni subacquee. Nuoti silenziosamente nella luce verde filtrata, osservando bolle, pesci e sabbia che si increspano nell'oscurità.

Insegnare lo yoga è come introdurre gli altri allo splendore delle immersioni. Per prima cosa li costringi a provare una maschera e un boccaglio e sguazzare nelle secche con le pinne. Alla fine, fai alcune immersioni di gruppo di prova. Non è facile. L'acqua è agitata ei pesci fuggono. Alcuni del tuo gruppo sono nervosi, altri eccessivamente avventurosi. Imponi regole per mantenere il gruppo unito e al sicuro; sei impegnato e vigile. Col passare del tempo, ti preoccupi meno e giochi di più, insieme, ma è diverso. Anche quando esci a fare immersioni da solo, ti sorprendi a catalogare cose - pesci, coralli, alghe e correnti - mappando questo mondo per gli altri.

Insegnare lo yoga è una pratica a sé, distinta dalla pratica dello yoga. Il tuo obiettivo è trasmettere lo yoga nel modo più completo e chiaro possibile alle persone con te, che desiderano imparare, proprio ora, nelle loro imperfezioni, come tu sei nella tua. Quindi sviluppi i muscoli dell'insegnamento, cercando di ispirare e ascoltare. Impari a comunicare, facilitare e collaborare.

Vedi anche So You Graduated Yoga Teacher Training - E adesso?

Se sei sincero e aperto, l'insegnamento ti cucinerà: diventi un insegnante migliore man mano che lo fai di più. Probabilmente insegnerai un numero di lezioni inferiore alla media, ma è così che impari. L'insegnamento ti guarisce dal perfezionismo. Ormai, quando mi sento male per una lezione, mi lavo le mani e ricordo a me stesso che non è morto nessuno.

Se tutto il resto fallisce, ricordo quello che un insegnante anonimo disse una volta sulle pagine di questa rivista anni fa: "Insegno da 10 anni, e solo ora mi sento come se stessi davvero insegnando". Sono in questo per il lungo periodo.

Vedi anche Insegnare lo yoga è il tuo percorso? 8 qualità di insegnanti eccellenti

Raccomandato

Le migliori solette ad arco alto
"Pratica e tutto sta arrivando."
Kathryn Budig Challenge Pose: Ganda Bherundasana