Yoga riparatore 101: 7 consigli indispensabili per ottenere il massimo dalla tua pratica riparativa

Nel corso più recente di YJ, Restorative Yoga 101, Jillian Pransky, direttrice del corso di formazione per insegnanti di Yoga terapeutico riparatore per YogaWorks e autrice di Deep Listening, ti farà ripensare al riposo un respiro profondo alla volta. Questo programma di quattro settimane offre agli studenti uno sguardo approfondito a otto pose essenziali che ti aiuteranno a suscitare la risposta di rilassamento, semplici configurazioni di oggetti di scena che aiuteranno a incoraggiare il rilascio profondo mente-corpo e la guarigione, sequenze meditative guidate ed esercizi di respirazione, mente-corpo lezioni di allineamento e indagine personale. Desideroso di saperne di più? Iscriviti ora.

Che tu sia un principiante dello yoga riparatore o un professionista esperto, piccoli aggiustamenti possono aiutarti a ottenere più relax dalla tua pratica. Dalle prese più lunghe alla respirazione più profonda, dagli oggetti di scena alla preparazione, ecco 7 modi per ottenere il massimo dalla tua pratica di yoga riparatrice.

1. Il tempismo è tutto.

Una tipica lezione di Vinyasa può offrire una Savasana di 5–8 minuti. Di solito, proprio quando hai smesso di dimenarti, scivoli nella quiete. Lo yoga riparatore ti offre il tempo per adattarti, riadattare e riadattare di nuovo, il che ti aiuta a sistemarti e cadere. Il tempo è essenziale in questa pratica. Affinché il cervello riceva il messaggio che sei abbastanza sicuro da disattivare la tua risposta allo stress e attivare la tua risposta di rilassamento, si dice che il tuo corpo e la tua mente debbano essere a proprio agio e il tuo respiro pieno e profondo per circa 20 minuti . 

In genere, le pose riparatrici possono essere tenute ovunque da 5–20 minuti o più a lungo. Più ti eserciti, più facile sarà per te rimanere più a lungo nella posa. Il rovescio della medaglia, più frequentemente pratichi, più velocemente puoi sistemarti. Inoltre, la pratica ripetuta ti aiuta a ristabilire il rilassamento più rapidamente e facilmente nel tempo. 

2. Cresci fermo ma lascia fluire il tuo respiro.

Le pose riparatrici creano un buon allineamento per fare spazio al flusso libero del respiro. Man mano che impari a lasciare che il tuo corpo riposi veramente a terra ed essere sostenuto dai tuoi oggetti di scena, fai più spazio al respiro per fluire attraverso di te. La respirazione completa, profonda e naturale invia messaggi al cervello che sei al sicuro, il che approfondisce il rilassamento e promuove il potenziale di guarigione della pratica. Impara di più su come respirare nello yoga riparatore.

3. Per sentirti più spazioso, prepara il tuo spazio.

Il rilassamento aumenta quando l'area in cui pratichi è il più possibile priva di stress. La stanza dovrebbe essere pulita, calda e illuminata in modo soffuso. Prima di iniziare, sii consapevole di quali oggetti di scena hai bisogno per tutta la tua pratica. Tieni pronti tutti i tuoi oggetti di scena, ad esempio, coperte piegate e asciugamani arrotolati e disposti intorno al tuo tappetino in modo organizzato.

4. Mantenerlo semplice.

Mi piace pianificare ogni sequenza in modo da poter usare gli stessi oggetti di scena per ogni posa che faccio. Questo aiuta a promuovere il rilassamento, poiché non sono occupato a tirare, portare via o ripiegare. E ricorda che meno è meglio. Due posture ben costruite con il tempo di affondare sono più utili di una mezza dozzina di pose fatte velocemente o mal appoggiate.

5. Warm up.

Offro ai miei studenti (ea me stesso) un delicato riscaldamento di delicati movimenti ritmici prima di praticare pose riparatrici. Questo di solito include flussi lenti basati sul respiro come Cat-Cow e Easy Half Sun Salutations, così come Low Lunges, twist e apri dell'anca reclinati. Il riscaldamento crea un'opportunità per liberarsi di parte dell'irrequietezza del corpo e della mente in modo che sia più facile stabilirsi in un luogo di quiete. Aiuta anche a preparare i muscoli a rilasciare la tensione, consente una respirazione più profonda e fluida e attira l'attenzione sul tuo corpo. A volte gli studenti si divertono a ripetere alcuni movimenti di riscaldamento durante la transizione tra le pose. Assicurati solo che i tuoi movimenti non siano troppo stimolanti, in quanto ciò potrebbe impedirti di ambientarti.

6. Stai al caldo.

Assicurati che non ci siano correnti d'aria nel tuo spazio e tieni una coperta extra nelle vicinanze. Vestiti a strati. Considera l'idea di lasciare i calzini, poiché potresti sentirti più fresco man mano che avanzi nell'immobilità.

7. Usa la musica (o non farlo).

Personalmente, amo la musica, ma non sempre. A volte è perfetto, a volte si intromette. Inoltre, mentre alcuni studenti amano la musica, altri no. Se scegli di utilizzare la musica, assicurati che non sia invasiva. Non scegliere musica che richiede "ascolto". Lo yoga riparatore è un'esperienza meditativa che ti consente di muoverti verso l'interno, quindi non vuoi qualcosa che ti tira "verso l'esterno". Preferisco la musica strumentale o il canto.Quando ho bisogno di più grounding, uso suoni più caldi e bassi, come l'incredibile Garth Stevenson, e quando ho bisogno di più espansione, scelgo suoni più morbidi e alti come le voci angeliche di Wah!

Pronto per saperne di più? Iscriviti a Restorative Yoga 101: Journey Into Stillness With the Tools and Practice to Heal, Restore, and Rejuvenate.

Raccomandato

Ottimizzazione dei chakra del nuovo anno
Sii Uno con la Terra: Energia Elementale dei Chakra
Posa della sfida: Hanumanasana