Decolonizzare il corpo maschile nero attraverso lo yoga

Da ragazzo, specialmente un ragazzo di colore, il controllo del tuo corpo inizia non appena ti viene insegnato che  sei un ragazzo.

I ragazzi camminano in questo modo e le ragazze camminano in quel modo.

I ragazzi non possono cambiare i fianchi.

I ragazzi non possono voltare le spalle.

I ragazzi non possono muovere i loro corpi come fanno le ragazze.

Muovere il corpo del ragazzo nero libero dal peso rigido e opprimente dell'iper mascolinità è muoversi come una ragazza, il che, nella nostra società eteronormativa e misogina, significa muovere il proprio corpo in modo incoerente con quello di un uomo etero.

Gli uomini, così ci insegna il nostro mondo tossicamente mascolino, devono essenzialmente muoversi come creature fisicamente non sintonizzate i cui arti non si rilassano o si muovono con grazia. Grazie a Dio mi sono liberato da quella mentalità imprigionante dopo aver terminato la mia prima lezione di Vinyasa più di un anno fa. Per me, lo yoga non si limita a flettere i muscoli in posizioni inesplorate, è molto di più. Quando i miei piedi toccano il tappeto, è un atto di resistenza. Un atto di amarmi abbastanza da muovermi in un modo che fa sentire bene, non importa quanto sia in contrasto con norme di genere mal interpretate.

Vedi anche   Come lo yoga riparatore può aiutare a guarire le ferite razziali

Il potere dello yoga

Festeggio quella liberazione con il mio istruttore di yoga, James Roberts, più volte alla settimana negli And Yoga Studios di Brooklyn. E lo spazio di Yoga offre un ambiente liberatorio dove posso vivere e celebrare l'oscurità. Repliche dei ritratti di Basquiat fiancheggiano le pareti e l'R & B suona in silenzio mentre ci esercitiamo. Le lezioni di Robert di solito iniziavano alle 6:30 del mattino (prima degli ordini di rimanere a casa, ovviamente), relativamente presto per me che ero seduto su un blocco di yoga al centro della mia mente e del mio corpo. Ora, gli studenti si incontrano tramite le classi Zoom più tardi la mattina e la sera. Prima che COVID-19 devastasse il mondo e ci costringesse a restare in casa, ero agli And Yoga Studios da quattro a cinque volte a settimana. Almeno tre di quelle sessioni erano con James. Il suo tocco premuroso mise a fuoco le mie posizioni insicure, nella giusta direzione. Senza rendermene conto in questo momento,il suo tocco smantellò la falsa convinzione di essere cresciuto con che l'intimità maschile nera fosse dura e dura. La mascolinità tossica ha un modo per insegnarci che i movimenti come quelli che vediamo nello yoga sono femminili. Naturalmente, questo pensiero è ignorante e io lo sapevointellettualmente . Fisicamente , d'altra parte, ho dovuto crescere molto.

Se fai fatica a capire perché provo una tale liberazione, o un senso di libertà, praticando yoga con un uomo di colore, probabilmente non apprezzerai quanto sia pervasiva l'iper-mascolinità, specialmente quanto brutalmente sia controllato il corpo maschile nero. Gli uomini neri non dovrebbero toccarsi l'un l'altro con cura o intimità emotiva. Crescendo come un ragazzo di colore, ci viene insegnato che quando si tratta di interazioni con altri ragazzi, qualsiasi cosa oltre al gioco ruvido e aggressivo potrebbe essere interpretata come sessuale. I miei zii hanno giocato duro con me, quindi non sarei considerato "un punk" o "debole". Uno schiaffo sulla testa o un pugno al petto durante un gioco aggressivo era un modo amorevole per chiamare il mio corpo contro le strade ruvide e tumultuose di Detroit, dove sono cresciuto negli anni '80 e '90. Questi gesti servivano anche come protezione contro la supremazia bianca.I ragazzi neri che crescono a Detroit non potevano permettersi di esprimere un'intimità emotiva ed essere in sintonia con i nostri corpi in modi che potrebbero segnalarci come prede. I miei zii mi amavano nel modo migliore che sapevano. Ma fino a quando non ho calpestato il mio primo tappetino da yoga nel 2018, ho vissuto sotto il peso tremendo di un corpo e di una mente oppressi.

Vedi anche   31 Risorse per lo yoga e la cura di sé per gli yogi neri (soprattutto se i social media ti hanno sopraffatto)

Ci sono voluti quattro mesi per provare finalmente il corso di Robert quando ho iniziato a praticare agli And Yoga Studios, una scelta che ho fatto semplicemente a causa del mio programma. Fino ad allora, mi ero sentito a mio agio solo con donne (preferibilmente nere) che guidavano la mia pratica. Mentre il mio corpo cresceva lentamente in sintonia con i movimenti del Vinyasa, mi sentii a disagio quando un altro uomo mi impose le mani.

Liberazione fisica

Ero titubante che Robert, o qualsiasi uomo per quella materia, toccasse il mio corpo, perché non ero condizionato a credere che gli uomini potessero essere la fonte di guarigione e conforto. Ma ho iniziato a fidarmi di lui. Robert, giorno dopo giorno, mese dopo mese, e ora, dopo un anno, mi ha dimostrato che il tocco di un uomo può aiutare a liberare la mia mente e il mio corpo.

Vedi anche  A Heart-Opening Sequence to Embrace Vulnerability

Tuttavia, questa liberazione fisica non è iniziata con lo yoga. Ho dovuto liberare la mia mente dalla tossica mascolinità nera in terapia nel 2013, dopo che avevo programmato di togliermi la vita a causa di un trauma infantile irrisolto. Attraverso la terapia, sono stato in grado di scavare i ricordi dolorosi e le esperienze con la violenza dei miei anni pre-adolescenti crescendo in una casa in cui l'uso e lo spaccio di droga erano prevalenti. In terapia, ho imparato che vedere i miei zii picchiati per un centimetro delle loro vite e camminare per settimane davanti alle scale inondate di sangue a causa delle sue percosse da spacciatori rivali erano esperienze traumatiche, tra le altre violenze a cui ho assistito. In due anni, ho imparato che gli uomini potevano, infatti, piangere per il dolore che hanno provato e che era giusto che non potessi più "alzare l'uomo" e indurire la mia pelle per sopprimere i ricordi dei decenni passati.

Uomini, mi è stato insegnato, non mostrare emozioni. Ci occupiamo e basta, cosa che, ovviamente, non facciamo mai. Non entriamo in contatto con i nostri sentimenti. Mentalmente, la terapia mi ha aiutato a capirlo. Dopo due anni di terapia, stavo cercando un nuovo senso di liberazione e ho deciso di provare lo yoga. Ho iniziato con terapiste donne perché ho visto uomini neri privi della necessaria tenerezza per aiutarmi a superare il dolore che stavo vivendo. Ci è voluto un po 'di incoraggiamento dal mio terapeuta per fidarsi di uno psichiatra maschio.

Vedi anche   Meet the Next Generation of Yoga Changemakers

Quella sfiducia nei confronti degli uomini si è trasferita allo yoga dove mi ci sono voluti alcuni mesi per fidarmi degli uomini per guidare la mia pratica. Robert, senza nemmeno saperlo, è stato il primo uomo ad aiutarmi a liberare il mio corpo semplicemente guidandomi attraverso i flussi di Vinyasa.

Poiché ho imparato a fidarmi di lui, sono stato in grado di fidarmi del mio corpo per muoversi con la libertà e la grazia che non mi aspettavo di provare dopo aver iniziato la mia pratica più di un anno fa. Tre volte alla settimana, ho camminato 12 minuti per sentire le mani liberatorie di Robert muovere il mio corpo in nuove posizioni che mi preparano per la giornata a venire.

COVID-19 ha yogi dentro ora, ma sto ancora praticando yoga da solo e attraverso lo streaming. Il mio viaggio nello yoga è iniziato molto prima di incontrare Robert, ma sono grato per la sua guida molto involontaria nell'aiutare a liberare il mio corpo dalla mascolinità tossica che gli consente di muoversi più liberamente di quanto avesse mai fatto prima. 

Vedi anche  Questo programma di yoga consente ai ragazzi adolescenti di esprimere emozioni e attivarsi politicamente

Raccomandato

Come insegnare lo yoga per il core
Perché hai bisogno di una zuppa di pulizia quest'inverno
Il libro più venduto Yoga Anatomy viene aggiornato