Insegnare l'essenza dello yoga

Hari Om Tat Sat.

Questo è il primo di una serie di articoli sulla filosofia e spiritualità nello yoga che presenteranno le conoscenze e le pratiche che i praticanti e gli insegnanti di yoga possono utilizzare per incarnare l'essenza dello yoga. Gli articoli hanno lo scopo di aiutarti a promuovere il tuo sviluppo interiore e quindi a supportare meglio gli altri esseri. Man mano che questa serie di articoli progredisce, imparerai concetti e tecniche che ti aiuteranno a diventare allineato con l'intelligenza luminosa al tuo centro.

Lo yoga ci permette di accendere la parte luminosa, intuitiva e creativa di noi stessi. Questa parte rende la nostra vita un viaggio gioioso, appagante e di successo. Senza di essa, viviamo in un mondo noioso di ignoranza e monotonia, alla ricerca di risposte al di fuori di noi stessi. Connettendoci alle parti luminose di noi stessi, scopriamo e sperimentiamo la verità che tutto ciò di cui abbiamo bisogno di sapere è dentro. Questa è l'esperienza beata che lo yoga può dare. Trasforma radicalmente le nostre vite.

Se desideriamo connetterci alla parte profonda, intuitiva, luminosa e creativa di noi, dobbiamo considerare cosa sia realmente lo yoga. Prima di poter insegnare il vero yoga, dobbiamo riflettere sulla nostra comprensione di esso. Prenditi un momento per scrivere le tue definizioni e la tua comprensione dello yoga: i tuoi pensieri su ciò che lo yoga significa per te. Quindi chiediti cosa intendi trasmettere ai tuoi studenti. È semplicemente flessibilità o c'è di più? Man mano che acquisisci maggiore chiarezza sulle tue definizioni di yoga, sarai in grado di trasmettere l'essenza dello yoga più abilmente ai tuoi studenti.

Cos'è lo Yoga?

Esistono molte definizioni di yoga.

1. Yoga significa "unione" o "connessione". In sanscrito, la parola "yoga" è usata per indicare qualsiasi forma di connessione, ad esempio tra due pianeti in un oroscopo. In senso filosofico, tuttavia, lo yoga significa la connessione cosciente del piccolo sé egoico con il Sé maggiore. La connessione cosciente a qualcosa ci permette di sentire e sperimentare quella cosa, persona o esperienza. Gli esseri umani cercano la connessione perché alla fine è appagante. Non essere connesso significa essere disconnesso e la disconnessione è la fonte del nostro più grande dolore. Porta alla solitudine e all'alienazione.

2. Lo yoga è una scienza, cioè è un insieme di tecniche che ci portano a connetterci consapevolmente con noi stessi e con la vita. È anche l'effettiva esperienza di connessione che risulta dalla pratica delle tecniche. Ci sono molti percorsi yogici tradizionali che facilitano la connessione alla verità più alta e risvegliano la nostra coscienza. Questi sistemi, come tantra, mantra, laya, kundalini, bhakti, jnana, karma yoga e così via, ci forniscono gli strumenti per ottenere una conoscenza superiore e l'esperienza della connessione. Sono adatti a diversi tipi di personalità. Consentono a ciascuno di noi di accedere alla nostra verità e di arrivare a quella verità con i nostri mezzi, attraverso il nostro percorso scelto. È molto importante come insegnanti di yoga essere totalmente rispettosi di ogni percorso.

3. Il grande saggio Patanjali, nel sistema del Raja Yoga, ha dato una delle migliori definizioni di yoga. Disse: "Lo yoga è il blocco (nirodha) delle modificazioni mentali (chitta vritti) in modo che il veggente (drashta) si identifichi nuovamente con il Sé (superiore)". Il sistema di Patanjali è diventato l'epitome della filosofia dello yoga classico ed è una delle sei o sette filosofie principali dell'India. È una definizione molto formale che esprime uno scopo ultimo nello yoga. Sebbene poche persone raggiungano mai la reidentificazione totale con il Sé, il viaggio verso questo stato è di per sé molto appagante. In effetti, il sistema di yoga di Patanjali è la base della psicologia dello yoga: il processo di trasformazione della mente limitata, ottusa e ignorante in una forza auto-fulgida e potentemente creativa per una vita superiore.

4. La definizione di yoga nei testi Hatha Yoga è l'unione di prana (la forza verso l'alto) e apana (la forza verso il basso) nel manipura chakra (al centro dell'ombelico). L'Hatha Yoga ci insegna a padroneggiare la forza vitale del prana. Imparando a sentire e manipolare la forza vitale, accediamo alla fonte del nostro essere. Se prana e apana possono essere uniti nel manipura chakra, possiamo risvegliare un'energia molto potente che porta al raggiungimento del Raja Yoga, l'auto-realizzazione. Il capitolo 1, verso 41 dell'Hatha Yoga Pradipika afferma: "Quando la perfezione è raggiungibile tramite Siddhasana (una potente postura meditativa), a che serve praticare altri asana? Quando il flusso di prana è stabilizzato, il respiro si interrompe spontaneamente (kevala kumbhaka ) e uno stato senza mente (unmani) sorge spontaneamente. "

5. La definizione di yoga nel Kundalini Yoga è l'unione di ida (la corrente mentale) e pingala (la corrente pranica) nell'ajna chakra (il terzo occhio). Lo yoga mira a unificare la dualità in noi collegando corpo e mente. Questo porta all'esperienza del Sé assoluto, trascendente e superiore.

6.La mia definizione preferita di yoga è che sia un metodo che ci permette di svegliarci su chi siamo veramente e su cosa sia la vita. Tutto ciò che ci permette di essere più consapevoli di noi stessi e di sentirci connessi a noi stessi e alla vita è una forma di yoga. Potrebbe derivare da una tazza di tè, come si fa in Giappone nelle cerimonie formali del tè. Oppure potrebbe essere il senso di connessione che deriva dal fare qualcosa che ti piace come lo sport o il giardinaggio. Tutto ciò che facciamo può diventare yoga se è fatto con consapevolezza. La consapevolezza è la chiave. La consapevolezza ci permette di sentire e sperimentare la connessione. Senza consapevolezza potremmo essere connessi e nemmeno saperlo. Quindi, quando insegniamo yoga, se stiamo enfatizzando la consapevolezza piuttosto che solo la tecnica, stiamo supportando la crescita dello studente sia all'interno che all'esterno della classe.

Oltre Asana

Dobbiamo essere consapevoli che lo yoga non è solo una serie di esercizi per la salute. Le sole asana non sono yoga. Sono solo forme con le quali possiamo insegnare i principi dello yoga: una vita superiore in unione con noi stessi e la vita. Le asana ci danno la salute agendo sugli organi del corpo fisico e aprendo così i canali per il flusso del prana per stabilizzare il sistema nervoso e la mente. Asana pone le basi per uno yoga più elevato. Tuttavia, ci sono molti grandi yogi che non praticano mai gli asana. Prendono strade completamente diverse per la loro scoperta di sé. Possono semplicemente seguire il sentiero del mantra o del Vedanta (indagine su chi siamo).

Ricordo che da giovane dottore incontrai un giovane paralizzato dal collo in giù. Stava morendo di una malattia chiamata distrofia muscolare. Anche se soffriva, irradiava una calma e una saggezza sorprendenti. Il suo coraggio di fronte a grandi difficoltà è stato fonte di ispirazione. In effetti, molti medici e pazienti andavano a trovarlo per sentirsi meglio. Non mi ha mai insegnato asana ma è stato uno dei miei più grandi insegnanti di yoga.

Yoga vivente

Queste definizioni di yoga presentano il suo scopo ultimo. La maggior parte di noi impiega molte vite per raggiungere completamente gli ultimi stadi del vero yoga. Tuttavia, dobbiamo mantenere questi obiettivi nei nostri cuori, poiché più ci conosciamo, più scopriamo il miracolo che siamo. Naturalmente, dobbiamo prima rimuovere i vecchi schemi di pensiero e di comportamento che intralciano questa scoperta.

Lo yoga è una scienza di auto-trasformazione, di accelerare la nostra evoluzione naturale. Ed è un viaggio che richiede tempo. Come insegnanti, dobbiamo ricordare e comunicare che lo yoga è una scienza incredibilmente ampia e ricca di auto-sviluppo e auto-esplorazione; che l'esistenza umana è un processo incredibilmente meraviglioso, fantastico e occasionalmente terrificante; e che ci sono strumenti che possono permetterci di affrontare la vita con più coraggio, consapevolezza, abilità e maggiore consapevolezza.

La chiave dello yoga è la consapevolezza: scoprire l'intelligenza luminosa che giace dentro di noi. Quando troviamo e coltiviamo questo aspetto di noi stessi, creiamo la nostra salute, felicità e pace che possiamo poi, a nostra volta, trasmettere agli altri.

Il dottor Swami Shankardev Saraswati è un eminente insegnante di yoga, autore, medico e terapista dello yoga. Dopo aver incontrato il suo Guru, Swami Satyananda Saraswati nel 1974 in India, ha vissuto con lui per 10 anni e ora insegna yoga, meditazione e tantra per più di 30 anni. Swami Shankardev è un Acharya (autorità) nel lignaggio Satyananda e insegna in tutto il mondo, inclusi Australia, India, Stati Uniti ed Europa. Le tecniche di yoga e meditazione sono alla base della sua pratica di yoga terapia, medicina, ayurvedica e psicoterapia da oltre 30 anni. È una guida compassionevole e illuminante, dedita ad alleviare la sofferenza dei suoi simili.

Raccomandato

10 cose che Burning Man ha insegnato a questo Yogini sulla vita
Fatto a mano
Recupero da lesioni al tendine del tendine del ginocchio superiore