Conosci il tuo tipo di stress e come bilanciarlo

Considera questo scenario: Anne, Janeen e Stuart arrivano in ufficio una mattina e trovano il loro capo in attesa, con le fasce rosa in mano. I profitti sono in calo, dice. Con effetto immediato, l'azienda deve ridimensionarsi. Dice loro di raccogliere le loro cose, augura loro buona fortuna e li accompagna alla porta. La notizia è una terribile sorpresa per tutti e tre, ma nei giorni che seguono ognuno reagisce in modo decisamente diverso.

Anne si sente ansiosa; la sua preoccupazione la distrae dal fare qualsiasi cosa durante il giorno e l'insonnia la tiene sveglia la notte. Janeen viene consumata dalla rabbia e incolpa il suo capo, i colleghi e i clienti. Man mano che il suo risentimento aumenta, aumenta anche la sua pressione sanguigna. Stuart si rassegna alla notizia, sentendosi impotente a cambiarla. Resta a casa a fare spuntini davanti alla TV. Il suo letargo lo lascia con sentimenti di depressione e alla fine porta ad aumento di peso e problemi respiratori aggravati.

In Occidente, di solito non ci soffermiamo sulle distinzioni tra le nostre reazioni allo stress: tendiamo a concentrarci su soluzioni generali di coping applicabili a tutti, come un bagno caldo, una lunga passeggiata o una giornata in spiaggia. Ma nell'antico sistema di guarigione indiano dell'Ayurveda, la riduzione dello stress dipende da una complessa comprensione di ogni persona. Dal momento che non esistono due persone che affrontano le battute d'arresto allo stesso modo, ognuno richiede una diversa strategia per alleviare lo stress: ciò che potrebbe funzionare per Anne potrebbe aggravare Stuart, e ciò che potrebbe funzionare per Janeen potrebbe rivelarsi inefficace per Anne. L'Ayurveda fornisce soluzioni specifiche per lo stile di vita, dietetiche, erboristiche e yogiche per ogni individuo che possono non solo alleviare la tensione ma anche aiutare a costruire una base per una serenità duratura.

Ayurveda ha spiegato

La scienza sorella dello yoga dell'Ayurveda è un sistema di guarigione che integra la fisiologia di base, la disposizione emotiva e la prospettiva spirituale, quindi presenta tutti e tre nel contesto dell'universo stesso. Risalente a 5000 anni fa, agli antichi testi sanscriti dei Veda, la teoria ayurvedica prende in considerazione quasi ogni possibile influenza dello stress, dai cambiamenti stagionali e planetari che influenzano il nostro benessere alle sottili impurità corporee che possono precipitare la malattia. Fa anche luce sui modelli di pensiero e sulle tendenze fisiche che rendono lo stress un ostacolo costante o un non problema, a seconda di quanto bene comprendiamo noi stessi. Comprendere un sistema così esauriente può sembrare scoraggiante per coloro che non ne hanno fatto lo studio della loro vita. Ma quando si tratta di gestire lo stress,I concetti ayurvedici possono essere ridotti a un'idea di base: ricondurre lo stress alle sue radici, quindi trovare modi duraturi per cambiare i modelli che lo causano.

Parliamo spesso di stress in termini di situazioni in cui ci troviamo: ingorghi, scadenze incombenti, licenziamento. Ma l'Ayurveda sostiene che lo stress ha effettivamente origine nella mente. "Fondamentalmente parlando", dice Nimai Nitai Das, un medico ayurvedico di Boston, "lo stress è un disturbo del rajas". Rajas rappresenta la passione o l'attività non diretta; è una delle tre qualità universali, o guna (le altre due sono sattva , o purezza, e tamas , o inerzia). Secondo i testi ayurvedici, troppo rajas si manifesta nella mente come attaccamento, brama e desiderio - per loro natura, questi impulsi non possono essere soddisfatti e quindi creano una disposizione psicologica negativa.

Sebbene le persone eccessivamente stressate possano avere in comune un eccesso di raja, il modo in cui rispondono alla condizione dipende dalla loro costituzione mente-corpo individuale. Ogni principio ayurvedico - vata (aria), pitta (fuoco) e kapha (terra) - esiste in tutti noi a vari livelli come dosha, con di solito uno, a volte due e, in casi più rari, tutti e tre predominanti per creare il nostro costituzione.

Il nostro dosha predominante dà forma a chi siamo, a che aspetto abbiamo e come pensiamo; influenza tutto, dalle nostre scelte di carriera e cibi preferiti allo stile di yoga che preferiamo. Per l'autocomprensione, è fondamentale identificare la nostra costituzione intrinseca e quali dosha predominano. (Fai il nostro Dosha Quiz qui.) Ma ai fini della gestione dello stress, il nostro squilibrio dosico può rivelarsi ancora più rivelatore. In altre parole, non è tanto il dosha che modella maggiormente la nostra costituzione, ma piuttosto quale è fuori posto.

Quando mettiamo in atto il nostro eccesso di rajas, lo stress che ne deriva si manifesta nel corpo come uno squilibrio vata, pitta o kapha, a seconda della persona. Ad esempio, una persona può avere una forte costituzione kapha, essere radicata, saggia, stabile e compassionevole. Ma nel peggiore dei casi, potrebbe mostrare un classico squilibrio pitta, essendo irritabile, giudicante e irascibile.

Emendamenti costituzionali

Allora come facciamo a sapere quando abbiamo uno squilibrio? Gli esperti consigliano vivamente di visitare un medico ayurvedico che effettuerà una valutazione basata sulla diagnosi del polso, sulla valutazione della lingua e sulla tua storia personale. Poiché l'Ayurveda ha molte sottigliezze, è difficile per un laico fare un'autovalutazione; cercare di ridurre lo stress utilizzando una diagnosi errata potrebbe peggiorare le cose.

Detto questo, gli squilibri dosici hanno alcuni sintomi mentali e fisici generali, che spesso possiamo riconoscere in noi stessi. Di seguito sono riportate alcune reazioni allo stress comuni e soluzioni per ogni squilibrio dosico. Considerali un punto di partenza per la tua autoindagine.

Vata squilibrio

Al loro meglio: pensatori rapidi e altamente creativi

Fuori equilibrio: incline a distrazioni, ansia, preoccupazione, perdita di peso, digrignamento dei denti, insonnia e costipazione

Friendly Foods: riscaldare cibi come riso, grano, noci e latticini; evitare cibi crudi come insalate e cibi secchi e ariosi come i popcorn

Erbe e profumi curativi: zenzero, cannella e cardamomo

Yoga consigliato: pratica lenta e meditativa, tra cui Tadasana (Posizione della montagna), Vrkasana (Posizione dell'albero), Balasana (Posizione del bambino), Paschimottanasana (Piegamento in avanti seduto) e Halasana (Posizione dell'aratro); Concentrati sulla respirazione Ujjayi per radicare la mente

Altri suggerimenti: aggiungi musica soft o un nastro di meditazione guidata alla tua pratica di meditazione; Massaggiare l'olio caldo sul corpo prima della doccia e sulla pianta dei piedi prima di andare a letto

Pitta squilibrio

Al loro meglio: concentrati, motivati ​​e orientati agli obiettivi; naturalmente vigile, intelligente e perseverante

Fuori equilibrio: attacchi di rabbia, esplosioni, critiche, emicranie, ulcere, pelle infiammata e mani e piedi brucianti

Cibi amichevoli: cibi rinfrescanti come cetrioli, meloni e datteri; evitare cibi piccanti e astringenti, come peperoncino, ravanelli, pomodori, mirtilli rossi e pompelmi

Erbe e profumi curativi: gelsomino, lavanda e rosa

Yoga consigliato: Hatha delicato, Vinyasa delicato, Ricostituente o Iyengar Yoga; includere colpi di scena e pieghe in avanti da seduti come Baddha Konasana (Bound Angle Pose), Janu Sirasana (Head-to-Knee Pose) e Paschimottanasana (Seated Forward Bend); Evita lo yoga nelle ore di punta della giornata

Altri suggerimenti: Raffreddarsi respirando con le narici (inspirare attraverso il canale freddo / luna / acqua a sinistra con la narice destra coperta ed espirare attraverso il canale caldo / sole / fuoco a destra con la narice sinistra coperta)

Kapha squilibrio

Al loro meglio: leale, radicato e paziente; il senso interiore di stabilità e appagamento si manifesta come compassione e calore verso gli altri

Fuori equilibrio: testardo, letargico, possessivo, depresso, incline all'eccesso di cibo e resistente al cambiamento

Friendly Foods: carciofi, melanzane, broccoli, ciliegie, mirtilli rossi e pere; evitare dolci e noci; monitorare attentamente la quantità di cibo

Erbe e profumi curativi: rosmarino e incenso

Yoga consigliato: produzione di calore, movimento vigoroso inclusi saluti al sole, piegamenti all'indietro e inversioni; praticare pose per l'apertura del torace, come Dhanurasana (Bow Pose) e Ustrasana (Camel Pose), e pose per l'apertura del cuore, come Matsyasana (Fish Pose) per contrastare la depressione.

Altri suggerimenti: le tecniche di Pranayama possono essere utili, come Kapalabhati (Shining Skull Breath) e la respirazione guidata dalla narice destra (respirando attraverso la narice destra ed espirando attraverso la sinistra); Il canto può aiutare a combattere il letargo

Se abbiamo uno squilibrio di vata, pitta o kapha influenza notevolmente il percorso che tracciamo per affrontare lo stress generale. Gli aggiustamenti che funzionano per un dosha potrebbero lasciare gli altri più aggravati di prima. Qualunque sia il passo che intraprendiamo, i nostri sforzi verso l'equilibrio rappresentano un processo in evoluzione piuttosto che un obiettivo statico, che cambia proprio insieme alle fluttuazioni dosiche in noi stessi e nel nostro ambiente.

Raccomandato

I body sono tornati: ecco come indossare la tendenza con sicurezza
3 passaggi per entrare nella svolta di Bharadvaja
Posa reclinabile da mano a alluce in 5 passaggi