Lo Yoga dell'Equilibrio

Per tutta la vita sentiamo l'importanza di avere una "dieta equilibrata". Tuttavia, se vista attraverso gli occhi yogici, questa concezione popolare (come la maggior parte) si rivela, anche nei suoi giorni migliori, solo una mezza verità. Ciò di cui abbiamo bisogno non è una dieta equilibrata ma una dieta equilibrante . Abbiamo bisogno di una dieta che ci bilancia , non se stessa.

Allo stesso modo, la nostra pratica personale di asana non dovrebbe essere bilanciata ma dovrebbe bilanciarci e le nostre lezioni di asana dovrebbero bilanciare i nostri studenti. Poiché la maggior parte dei nostri studenti si trova in diversi stati di squilibrio, le nostre classi, se correttamente concepite, appariranno spesso squilibrate per l'osservatore inesperto.

La salute e lo yoga servono per trovare l'equilibrio. Sforzo e riposo. Eliminazione e assimilazione. Yang e yin. Giorno e notte. L'azione estrema porta alla morte e così anche l'inazione estrema. Trovare l'equilibrio porta alla salute.

Conosco molti insegnanti che credono di aver fallito come insegnanti se, alla fine della lezione, i loro studenti non sono inzuppati di sudore ed esausti. Tuttavia, il nostro obiettivo non dovrebbe essere quello di esaurire ulteriormente i nostri studenti, ma di renderli completi.

È una lotta lavorare contro le nozioni che già esistono nella nostra società. Ci viene insegnato a lavorare sodo e ignorare le richieste del corpo per il riposo, sostituendo il caffè e la stimolazione al pisolino o all'ora extra di sonno che altrimenti ci ripristinerebbe. Per questo motivo, i nostri studenti di solito vengono in classe in diversi stati di esaurimento. L'esecuzione di un'intera pratica di movimento intenso fa sì che un sistema nervoso esausto si esaurisca completamente. Ovviamente, spostare uno studente in modo energico è importante poiché la maggior parte delle persone non si muove abbastanza nella loro vita quotidiana di sedute su sedie tutto il giorno, doloranti e cronicamente rigide. Tuttavia, dobbiamo trovare un equilibrio nel nostro insegnamento e assicurarci che lo studente si senta il più completo possibile - piuttosto che il più esausto possibile - quando lascia la lezione. In tempi di stress come questi, forse 'È tempo di lezioni che enfatizzano maggiormente le pose riparatrici.

Gli insegnanti mi chiedono sempre se entrambi i lati di una posa debbano essere tenuti per lo stesso periodo di tempo. Non solo la pratica nel suo insieme deve essere equilibrante, ma anche ogni posa deve essere equilibrante. Di solito uno studente è più rigido da una parte che dall'altra e rimanere per un uguale periodo di tempo da entrambe le parti non bilancia lo studente. Chiedere allo studente di dire un paio di respiri extra sul lato in cui sono più rigidi e il loro corpo tornerà lentamente in equilibrio.

Alcuni studenti possono eseguire magnifici piegamenti all'indietro ma difficilmente possono iniziare un piegamento in avanti. Come insegnanti di yoga, riconosciamo facilmente che questo squilibrio non è salutare. Tuttavia, anche altri squilibri meno riconoscibili possono essere malsani: squilibri nella costituzione dello studente. Poiché la condizione di uno studente è intrinsecamente unilaterale, dobbiamo aiutarlo a usare gli asana per bilanciare la sua condizione.

Uno studente la cui natura fisica è kapha (letargico, pigro, sovrappeso, leale, stabile, amorevole) nel sistema aryuvedico deve generalmente praticare più vigorosamente per bilanciare la sua condizione ( dosha ). La natura del kapha è come un elefante che non si muove velocemente ma può lavorare tutto il giorno. Le persone con una condizione prevalentemente kapha tendono ad avere la pressione sanguigna bassa. Per kapha, la pratica dovrebbe generalmente comportare più salti e più movimento e spostarsi attraverso le pose senza tenerle troppo a lungo. La pratica dovrebbe includere piegamenti all'indietro, inversioni e bilanciamento delle braccia e de-enfatizzare le prese lunghe nelle pose eccetto i restauri e Savasana.

Uno studente che è pitta (caldo, arrabbiato, focoso, orientato all'obiettivo, concentrato e un grande realizzatore) è un ghepardo simile che può correre estremamente veloce ma non può sostenere il ritmo a lungo. Una persona del genere ha generalmente bisogno di una pratica più calmante. Lavora questi studenti brevemente e vigorosamente per rilasciare quell'energia pitta repressa e poi chiedi loro di mantenere le loro posizioni più a lungo. Incoraggia una concentrazione più interna e meno salti. Esegui piegamenti all'indietro morbidi, prese brevi in ​​Sirsasana e prese lunghe in Sarvangasana. Generalmente, un pitta ha la pressione alta, quindi Sirsasana e gli backbends non sono così utili come per la persona kapha . I piegamenti in avanti sono particolarmente adatti per il pittatipi. Chiedi a questi studenti di rimanere a lungo in restaurativi e Savasana, preferibilmente con una borsa per gli occhi e forse anche con blocchi intorno alla testa per trattenere l'energia ignea del cervello.

Uno studente con una condizione vatta (arioso, sfocato, volubile, creativo, esuberante e carismatico) è come un uccello, che vola sempre nel cielo. Un tale studente ha bisogno di una pratica radicale per portarlo con i piedi per terra. Le pose in piedi sono l'ideale. Gli studenti Vatta dovrebbero mantenere le pose per molto tempo. Poiché uno studente di vatta ama saltare da una posa all'altra, cerca di bilanciare questa condizione praticando con movimenti meno dinamici. Concentrati sul radicamento in tutte le pose, specialmente nelle pose in piedi e nelle inversioni. Anche i piegamenti all'indietro sono buoni, anche se i vatta tendono ad avere le vertigini eseguendoli.

Ora ci avviciniamo alla domanda che probabilmente vi state già ponendo. In un formato di classe, come possiamo rivolgerci contemporaneamente a persone diverse con costituzioni e condizioni diverse? Non è facile. In effetti, questo magico atto di equilibrio è il segno distintivo di un grande insegnante. Nelle classi in cui ci sono dozzine di studenti, è, nella migliore delle ipotesi, difficile e, nel peggiore dei casi, impossibile insegnare a ogni singolo studente secondo le sue condizioni. Inoltre, tutti gli studenti devono mantenere le pose per lo stesso periodo di tempo su ciascun lato. Tuttavia, quando impari a conoscere le condizioni degli studenti, puoi avvicinarli uno alla volta e insegnare loro come individualizzare la loro pratica usando le modalità del respiro, dell'intenzione e del metodo.

In termini di respiro, a uno studente con una condizione di kapha dovrebbe essere chiesto di respirare più velocemente mentre a uno studente con una condizione di pitta dovrebbe essere chiesto di respirare più lentamente. Uno studente vata dovrebbe concentrarsi sulle esalazioni, spostando la propria energia verso il basso e radicandosi nella terra.

L' intenzione dello studente kapha dovrebbe essere quella di concentrarsi sul sollevamento dell'energia del bacino verso l'alto, creando più fuoco nel corpo. L' intenzione dello studente pitta dovrebbe essere quella di raffreddare il sistema nervoso, facendo pose con un sollevamento meno potente e un maggiore senso di allargamento per facilitare l'elemento acqua. L' intenzione dello studente vata dovrebbe essere quella di creare un movimento verso il basso in tutte le pose, un'azione radicale.

Allo stesso modo, le tre diverse condizioni possono essere bilanciate da tre diversi metodi di pratica. Ad esempio, in posizione eretta, insegna allo studente Kapha a sollevare l'energia degli archi sulle gambe interne e sull'asse centrale. Il metodo dello studente pitta consiste nell'espandere il centro del cuore nelle mani e allargare il bacino. Il metodo per lo studente vata è piantare i talloni e le punte dei piedi nel terreno per radicarsi.

Attraverso questi metodi, uno studente alla volta, possiamo creare una pratica appropriata usando respiro, intenzione e metodo, anche se tutti in classe sembrano fare le stesse pose allo stesso tempo.

È un principio cosmico che viviamo in uno squilibrio o agiamo per creare equilibrio. Anche se possiamo sentirci a nostro agio nello squilibrio (che spesso percepiamo come equilibrio), non possiamo crescere in tale stato. È facendo brillare la luce su ciò che non siamo - il nostro contrario - che illuminiamo la strada per il progresso.

Riconosciuto come uno dei migliori insegnanti di yoga al mondo, Aadil Palkhivala ha iniziato a studiare yoga all'età di sette anni con BKS Iyengar e tre anni dopo è stato introdotto allo yoga di Sri Aurobindo. Ha ricevuto il certificato di insegnante di yoga avanzato all'età di 22 anni ed è il fondatore e direttore di centri yoga di fama internazionale a Bellevue, Washington. Aadil è anche un naturopata certificato a livello federale, un medico ayurvedico certificato in scienze della salute, un ipnoterapeuta clinico, un terapista del corpo svedese e Shiatsu certificato, un avvocato e un oratore pubblico sponsorizzato a livello internazionale sulla connessione mente-corpo-energia.

Original text


Raccomandato

Affrontare la rabbia attraverso la comprensione e il controllo
Lo yoga del denaro: porta la saggezza dal tappeto alle tue finanze
Lo yoga mi ha trasformato dopo l'amputazione