Incontra il tuo prossimo insegnante: Colleen Saidman Yee

"La cosa che mi piace di meno al mondo è dover prendere una decisione", dice la veterana insegnante di yoga Colleen Saidman Yee. "Ho paura di fare quello sbagliato, soffrire di rimpianti e dover pagare conseguenze spiacevoli." Tuttavia, attraverso gli asana, Saidman Yee ha creato un percorso verso la libertà da quella paura, un processo che implica l'attivazione della sua intuizione tramite posizioni yoga riparatrici. "Mi rendo conto che se rallento e uso queste pratiche sottili per trovare un profondo senso di rilassamento, molto di quello che cerco bolle in superficie", dice.

Qui, impara di più su Saidman Yee, sviluppa una migliore connessione con la tua intuizione e lavora attraverso la tua stessa indecisione. La sua sequenza delicata esclusiva serve per aiutarti a trovare la tua strada. Fornisce anche un'anteprima del suo nuovo seminario di Master Class Yoga Journal sullo yoga riparatore, che verrà lanciato online questo mese.

Nel 1984, la mia vicina di casa, che amava ogni sorta di cose "strane" come lo yoga, il diario e la meditazione, fece come sua missione portarmi alla lezione di yoga. Mi ha tormentato per mesi finché non ho accettato a malincuore. (Sono sicuro che ci fosse una sorta di scambio o corruzione, ma non ricordo esattamente cosa fosse.)

Ho pensato che avrei ridacchiato a tutte queste persone sciocche che credevano ci fosse qualcosa di misterioso e magico nello "stretching". Mi considero un pragmatico e ho sempre considerato lo yoga come un culto e l'attività fisica uno scherzo. Va bene, mi sbagliavo. La classe mi ha preso a calci in culo e mi ha umiliato. La sensazione e l'esperienza erano allo stesso tempo magiche e misteriose e, oserei dire?, Spirituali. I miei sensi erano lucidi, la mia mente era presente e provavo un travolgente senso di appagamento che non provavo da quando ero adolescente. Ricordo di essere uscito a Broadway a New York City, dove avevo camminato centinaia di volte, ma la chiarezza del colore, i suoni e gli odori erano molto più nitidi. È da questa chiarezza e rilassamento che le decisioni diventano meno drammatiche. Alla fine lo yoga è diventato la mia guida a casa mia.

Sono uno di sette figli e, crescendo, l'enfasi principale nella nostra casa era sull'istruzione. I miei fratelli e mia sorella hanno continuato a ottenere master e dottorati di ricerca, e la maggior parte lavora nel settore dell'istruzione. Ero sulla stessa traiettoria, uno studente A + al liceo, ma tutto è cambiato il 4 luglio 1974, con le gomme che stridono: sono stato investito da un'auto e ho subito un grave trauma cranico che mi ha lasciato incapace di ricordare o elaborare le informazioni come avevo fatto prima. Ho iniziato a usare droghe ed esercizio fisico per picchiare il mio corpo, perché le distrazioni di un forte dolore fisico erano molto meno intense di quanto lo fossero i miei sentimenti di inadeguatezza.

Quando ho iniziato lo yoga, avevo già smesso di drogarmi, ma l'angoscia che era stata l'impulso per iniziare a praticarli era ancora lì. Mentre continuavo a tornare in classe, lo yoga ha iniziato ad affrontare le mie frustrazioni più profonde. Richiedeva che rimanessi seduto con ciò da cui avevo trascorso il decennio precedente scappando e coprendo. Lo yoga mi ha portato ad amare il mio corpo e ad abbracciare le mie capacità, e credo che la pratica abbia letteralmente ricablato il mio cervello.

Ho ancora momenti in cui sento che non mi sommano, ma posso trovare dove è immagazzinato internamente e immergermi in quei luoghi con asana, meditazione e lavoro sul respiro, e guardarli perdere la presa su di me. Questa roba di yoga è abbastanza miracolosa.

L'insegnamento dello yoga non è mai stato un obiettivo e nemmeno una decisione. Ma nel 1997, quando ero a tre quarti del mio percorso di formazione per insegnanti al Jivamukti Yoga, ho informato Sharon [Gannon] e David [Life], che gestiscono lo studio, che non avevo intenzione di insegnare. Ho fornito loro un elenco di ragioni per le quali: non sono un insegnante nato, sono epilettico, sono stonato (il canto è una parte importante del loro lignaggio), sono pietrificato di parlare in pubblico e così via. Annuirono e ascoltarono, e non appena fui uscita dallo studio, Sharon mi chiamò dicendomi che l'avrei sostituita entro tre ore, che la classe era esaurita e che sarebbe stata una degli studenti . Ebbene, l'ho fatto, e ora qui sto ancora insegnando 20 anni dopo.

Sono sempre stato un grande fan di Savasana (Corpse Pose). Non penso di aver avuto un particolare momento aha che mi abbia fatto decidere di insegnare yoga riparatore, ma la mia storia d'amore con le pose riparatrici è cresciuta nel corso degli anni. È iniziato con l'insegnamento di una posa riparatrice alla fine delle mie lezioni nel mio studio, Yoga Shanti (a New York). Quindi, circa 10 anni fa,

Ho iniziato a insegnare intere classi dedicate alle pose riparatrici. Stanno alterando la mente e il sistema nervoso. Penso che la mia età abbia qualcosa a che fare con il mio amore per sostenere il corpo e cadere sempre più in profondità. Queste pose placano il chiacchiericcio mentale che non si ferma, trasmettendo ogni sorta di informazioni, storie e possibili risultati contrastanti. Quando ci mettiamo con cura in una posa riparatrice, il respiro diventa facile e il corpo si rilassa in modo che non resista. Il sistema nervoso si calma e diventa possibile un ascolto profondo. La chiarezza aumenta e la paura si dissolve.

Dobbiamo fare amicizia e ascoltare la saggezza del corpo. Con lo yoga ho sviluppato una passione per esplorare le emozioni e un metodo per liberare il mio corpo dalla schiavitù causata da anni di tentativi di proteggermi. Una reazione viscerale è una finestra sull'intuizione, ma molti di noi sono diventati sordi a ciò che il nostro istinto ci sta dicendo. A volte vogliamo negare la verità di una situazione perché non ci fidiamo di noi stessi, o vogliamo che qualcun altro prenda la decisione, o semplicemente non vogliamo affrontare lo sconvolgimento che potrebbe derivarne. O forse abbiamo letteralmente sentimenti negativi nei confronti della nostra pancia a causa di come la società ci ha detto che dovrebbero apparire, e quell'area del corpo è diventata dura, ignorata e chiusa. Comprendere e sentire visceralmente gli effetti delle pose riparatrici e del lavoro sul respiro è stato un punto di svolta per me.Ti metti in contatto con ciò che ti dice il tuo istinto e ti rendi conto che hai fatto del tuo meglio; smetti di picchiarti con aspiranti, bisognosi e potentissimi, perché questo è un inutile drenaggio di energia.

Ci sono così tante diverse configurazioni e pose riparatrici che possono beneficiare la maggior parte delle condizioni. Alcuni di essi devono essere eseguiti gradualmente. Ad esempio, se qualcuno è triste, non vorrei metterlo subito in un backbend riparatore perché energeticamente sarebbe come prendere un bicchiere dal congelatore e metterlo nel forno. Invece, li allevo in altre tre o quattro pose costruendo fino a quel backbend. Quando le mie figlie hanno crampi mestruali, le metto in Supta Baddha Konasana (Reclining Bound Angle Pose). Una posizione sdraiata di lato è buona per la nausea. Rotola su un fianco, metti delle coperte tra la parte inferiore delle gambe e una sotto la testa. Posiziona una candela, una fotografia o dei fiori nelle vicinanze da guardare. Puoi diventare molto immobile qui.Tenere gli occhi aperti e guardare un oggetto fermo aiuta ad alleviare la qualità di rotazione della nausea e fornisce l'orientamento. Una Savasana (posizione del cadavere) con pesi, come sacchi di sabbia, posizionati sul tuo corpo è utile quando ti senti senza terra. Non c'è fine ai benefici dello yoga riparatore. Ogni configurazione è progettata per un rilassamento e una respirazione ottimali che ti daranno conforto.

La mia speranza è che un giorno lo yoga sia al capezzale di ogni paziente ospedaliero e che ogni operatore sanitario lo utilizzi per la cura di sé. Dieci anni fa, ho iniziato il programma Urban Zen Integrative Therapy con Donna Karan e mio marito Rodney. Il nostro obiettivo è stato quello di rimettere la “cura” nell'assistenza sanitaria. È un programma per la cura di sé che offre anche formazione per operatori sanitari e insegnanti di yoga che desiderano aiutare il recupero dei pazienti attraverso lo yoga. L'Urban Zen Integrative Therapy ti insegna come applicare le tecniche yogiche quando ti prendi cura di te o dei tuoi pazienti. Non ha ispirato un rapido riscatto, ma abbiamo continuato a battere il marciapiede e ora le porte si stanno aprendo. La nostra speranza è che presto tutte le istituzioni come scuole, aziende, carceri, centri per abusi e centri di riabilitazione offrano lezioni di yoga.

Il nuovo programma di Master Class online di Yoga Journal porta la saggezza di insegnanti di fama mondiale nel tuo spazio di pratica domestica, offrendo l'accesso a workshop esclusivi con un maestro maestro diverso ogni sei settimane. Questo mese, Colleen Saidman Yee insegna una lezione di asana gentile e riparatrice per superare i blocchi stradali (come stanchezza, bassa autostima e ansia) per raggiungere il tuo vero potenziale. Se sei pronto per avere una nuova prospettiva e magari anche incontrare un mentore di yoga per tutta la vita, iscriviti all'abbonamento annuale di YJ.

Raccomandato

I body sono tornati: ecco come indossare la tendenza con sicurezza
3 passaggi per entrare nella svolta di Bharadvaja
Posa reclinabile da mano a alluce in 5 passaggi