5 lezioni che ho imparato durante un ritiro di un giorno

Come mamma di tre figli e ostetrica a tempo pieno, mi sento come se fossi costantemente in acqua, a malapena in grado di tenere la testa sopra il livello della superficie mentre mi destreggio tra carpool, attività dopo la scuola, due turni di 24 ore in un affollato ospedale di Philadelphia, trovare il tempo per entrare in contatto con mio marito, i miei amici, la mia famiglia e altro ancora. E, mentre riesco quasi tutti i giorni a svegliarmi alle 5 del mattino per fare una lezione di yoga, corsa o spinning prima che il resto della mia casa si svegli, il tempo che mi dedico è limitato, nella migliore delle ipotesi.

Ecco perché è da un po 'che non vedo l'ora di andare a un ritiro yoga e mi ritrovo a sognare ad occhi aperti una solida settimana di meditazione e pratica di asana ogni mattina, sonnellini a metà pomeriggio su un'amaca e notti trascorse a crogiolarsi su verdure organiche e stimolanti conversazioni a tavola. (Nessuna fionda di patate dolci di 3 anni con cui confrontarsi! Sognante!)

Eppure, sebbene fosse chiaro per me che avevo bisogno di una sorta di fuga che coinvolgesse più di una sessione di sudore mattutina o di bere un caffè con le mie amiche mamme, lasciare la famiglia e la vita lavorativa alle spalle non era nelle carte. Ecco perché il Rise Gatherings Day of Renewal Retreat, un evento di un giorno progettato specificamente per nutrire e responsabilizzare le donne, mi ha incuriosito. Potrei concedermi una fuga di un giorno  , ma avrebbe un impatto così grande? Si scopre che la risposta è un sonoro sì. Ecco cosa mi ha insegnato questo ritiro di una giornata e come mi ha ricollegato al vero scopo della mia pratica yoga a questo punto della mia vita.

Vedi anche  10 migliori ritiri di yoga per sole donne in tutto il mondo

Lezione n. 1: C'è un potere serio nel circondarti di donne che la pensano allo stesso modo.

1/5

Circa l'autore

Original text


Raccomandato

Posa della sfida: cavalletta
5 modi per fai da te il tuo santuario yoga a casa
Come 31 giorni di meditazione in movimento hanno aiutato uno yogi a rallentare