Intervista a Max Strom

Quando Max Strom compì 19 anni, aveva studiato la maggior parte delle principali religioni, praticato la meditazione e intrapreso il qi gong. Per i successivi 16 anni, ha suonato in un gruppo rock e ha scritto sceneggiature prima di scoprire lo yoga nel 1990. Strom, che ha iniziato a Yoga Works, si è formato con Dina Kingsberg, Eddie Modestini e Gabrielle Giubilaro. Negli ultimi anni ha insegnato la sua miscela che apre il cuore di Iyengar, Ashtanga e qi gong al Maha Yoga di Brentwood, in California. A febbraio, Strom, insieme al suo partner Saul David Ray, ha aperto Sacred Movement: Center for Yoga and Healing a Venice, California, dove insegneranno insieme a Shiva Rea, Erich Schiffmann e altri.

YJ : Ci sono così tanti studi a LA. Perché aprirne un altro?

MS : Avevamo davvero bisogno di un altro studio dedicato allo yoga come pratica sacra. Ci sono molte persone che praticano da tre, quattro o cinque anni che sono interessate a qualcosa di più della ginnastica asana. Vogliono sapere degli yama e dei niyama, come cambiare il modo in cui ci comportiamo e ci relazioniamo l'un l'altro, la compassione e il dire la verità. Queste sono pratiche piuttosto rivoluzionarie.

YJ : Credi che ci sia una "rivoluzione" adesso?

MS : Non è più il 1991. All'inizio degli anni '90, le scuole di yoga erano molto attente a non spaventare gli studenti con alcun tipo di spiritualità. Ricordo di aver visto una statua di Shiva, chiedendomi se il posto fosse potenzialmente un culto. Ora abbiamo Madonna che canta in sanscrito e persone che indossano camicie con Krishna sopra. Abbiamo Krishna Das che gira il paese e la spiritualità orientale e mediorientale - Rumi - viene assorbita e digerita da masse di americani adulti.

YJ : O è questa mercificazione?

MS : Corporate America sta cercando di capitalizzarlo, ma penso che sia un movimento culturale molto sincero che sta avvenendo in modo molto organico, non solo commerciale. Penso che sopravviverà.

YJ : Perché hai lasciato il mondo del cinema?

MS : Una volta che la pratica ha preso piede in me, era chiaro che non ero più felice nel mondo del cinema. Lo yoga mi ha fatto sentire in pace e mi ha permesso di riscoprire il mio percorso nella vita. Ho iniziato a lasciare l'industria cinematografica e ho iniziato a insegnare gratuitamente. Si è appena evoluto. Non pensavo che insegnare sarebbe stata la mia strada; Non pensavo di avere molto da offrire. Quando ha iniziato ad andare bene per me, mi sono sentito come se fossi caduto all'indietro sul mio cammino: la mia vita si è schiantata e ho fatto rotolare la macchina, sono stato sbalzato attraverso il parabrezza e sul mio cammino. È stato sconcertante. Mi sono ridotto le spese generali e mi sono trasferito in una yurta a Topanga.

YJ : Sei appena tornato dall'India?

MS : India e Nepal. Sono passato da città santa a città santa. Non sono andato a studiare con Jois o Iyengar. Ho incontrato alcuni santi e trovarmi in presenza di queste persone ha semplicemente riacceso la mia fede in quello che sto facendo della mia vita. Ho meditato con un monaco tibetano e mi sono seduto con una donna senza gambe. Con loro ho ottenuto di più rispetto alla maggior parte dei seminari di asana che ho seguito.

YJ : Quali sono alcune delle sfide dell'insegnamento agli insegnanti?

MS : Al momento, tutti vogliono diventare insegnanti di yoga, quindi a volte le persone che hanno praticato a malapena un anno vogliono seguire una formazione per insegnanti. È difficile essere diplomatici. Inoltre, gli insegnanti di yoga dovrebbero riunirsi di più, sapendo che alla fine stiamo facendo tutti la stessa cosa. Se ci dividiamo tra noi, non stiamo praticando l'unione. Se non possiamo unirci, come possiamo aspettarci che Israele e Palestina si uniscano?

YJ : Come trasmetti l'essenza dello yoga agli studenti?

MS : Chiedo loro continuamente: "Perché lo fai?" per vedere se le loro intenzioni sembrano pure e chiare. Mi riferisco costantemente ai precetti di ahimsa e satya. Abbiamo a che fare con esseri umani ed è più importante come li trattiamo che dove mettiamo i loro piedi. Il modo principale in cui insegniamo è attraverso l'esempio. C'è una citazione che uso dal sufi Hazrat Inayat Khan: "È più importante chi sei di quello che dici".

Raccomandato

Posa della sfida: cavalletta
5 modi per fai da te il tuo santuario yoga a casa
Come 31 giorni di meditazione in movimento hanno aiutato uno yogi a rallentare