Yoga + arrampicata su roccia: trova il tuo vantaggio nell'arrampicata attraverso lo yoga

Una scalatrice esperta vince la sua paura di cadere attraverso lo yoga.

"Roxanna? Ci sei? Rox?" Io urlo. Le parole si spezzano e si dissolvono a due piedi dalla mia bocca mentre il vento impetuoso del Nevada le spinge via prima che abbiano la possibilità di raggiungere le orecchie della mia guida di arrampicata.

Strizza gli occhi verso la formazione rocciosa sopra di me, cercando segni di Roxanna. La corda che ci collega ha smesso di risalire rapidamente quello che sembra secoli prima, ma non ho ricevuto alcun segnale da Roxanna che ha raggiunto la cima della via.

Riporto lo sguardo al sistema di ancoraggio in cui sono ritagliato, ricordando per l'ennesima volta che sono perfettamente al sicuro. Anche dopo anni di arrampicata, le soste appese mi innervosiscono; affidare la propria vita a pochi pezzi di metallo non è cosa da poco. Roxanna e io avevamo avviato la classica di due tiri di Red Rock, il Great Red Book, nel tardo pomeriggio, sperando di imboccare un'altra via prima che la notte ci riportasse al nostro campeggio. Un'ora dopo, a 130 piedi sopra il fondovalle, guardo malinconicamente figure in miniatura con lo zaino che si dirigono verso il parcheggio attraverso un paesaggio ultraterreno: un arazzo di sabbia, massi e cactus anneriti, segnato da un incendio del 2005.

"Sii presente nel momento", ricordo a me stesso, ricordando i consigli dei miei istruttori di yoga. Getto un'ultima occhiata agli alpinisti in ritirata prima di guardare di nuovo in cerca di Roxanna. Non c'è alcun segno della sua figura minuta, solo nuvole scure che soffiavano nel cielo. Sento il ruggito di una tempesta nel deserto che si avvicina echeggiare nelle mie orecchie.

"Io sono presenti nel momento," dico ad alta voce. E sono molto solo in esso.

Mi ero iscritta al weekend di arrampicata e yoga dei Wild Women Workshops a Red Rock, Nevada, sperando di migliorare la mia "testa di arrampicata". Scalatore di diversi anni e molti viaggi, non ho ancora superato la paura paralizzante che deriva dall'esposizione, non importa quanto facile o difficile sia la via. Alcuni giorni anche le vie più facili mi lasciavano in preda al terrore e rabbrividiscono; più di alcune di queste esperienze erano finite in lacrime. Un amico mi ha consigliato di provare i seminari sulle donne selvagge incentrati sulla riflessione. Avendo provato lo yoga in modo informale alcune volte, non sono rimasto molto colpito da quello che consideravo il suo ritmo lento e l'apparente mancanza di scopo. Per me uno sport richiedeva punti, movimento, un obiettivo - come la cima di una salita - per essere appagante. Sono diventato impaziente con le pose di lunga data e la mancanza di regole dello yoga,preferendo attività più tradizionali a carica di endorfine. Anche se non ero convinto che lo yoga potesse migliorare la mia arrampicata, nient'altro aveva funzionato, quindi mi sono iscritto.

Vedi anche  6 pose per farti diventare una stella dell'arrampicata su roccia

Fu così che arrivai come un curioso scettico a quella che sarebbe stata la mia casa per tre giorni: un campeggio appena oltre il bagliore della Strip di Las Vegas. Due donne alte e abbronzate si sedettero al tavolo da picnic, preparando una colazione a base di dolci, frutta e altre prelibatezze. Heather Sullivan, 33 anni, e Jen Brown, 30, si sono presentate come le signore dei laboratori delle donne selvagge. Heather sarebbe la nostra istruttrice di yoga, Jen il nostro supporto generale. Una volta che l'istruttrice di arrampicata Roxanna Brock e il cliente April Gafni si sono uniti a noi, ci siamo diretti verso le colline.

Una vivace escursione di 30 minuti ci ha portato in una zona pianeggiante tra la cima delle rocce, il trespolo perfetto per una sessione di yoga mattutina. Quando ci siamo trasferiti nel nostro primo Down Dog, mi sono meravigliato di quanto mi sia piaciuto di più lo yoga una volta che le pareti dello studio sono state rimosse. Fuori, la pratica sembrava molto più naturale.

"Assicurati di respirare, Kasey," istruì Heather mentre lottavo per l'equilibrio in Tree Pose. Inspirai profondamente e il mio piede sinistro tremante si stabilizzò. Incredulo che un atto così semplice avesse effettivamente funzionato, guardai in basso, dimenticai il mio respiro e subito caddi. Ridacchiai tra me e me mentre riprendevo la posa, annotando la lezione: una messa a fuoco errata porta alla caduta.

Vedi anche  Perfect Pairing: Yoga + Climbing

Mentre procedevamo nella seduta, ho prestato maggiore attenzione al mio respiro, o meglio, alla mia mancanza. Quando ero tassato, spesso abbandonavo il ritmo costante dei miei polmoni, optando invece di trattenere il respiro fino a quando la parte difficile non era finita. Il più delle volte, non riuscivo a trattenere il respiro abbastanza a lungo e cadevo dalla posa. La luce è spuntata: senza dubbio la stessa cosa è successa quando stavo scalando, solo che in genere ero troppo spaventata per notare il mio respiro irregolare.

Ci siamo trasferiti in Savasana e Heather ci ha detto di "essere presenti nel momento". Per sentire la luce del sole (appena presente) sui nostri volti, per sentire ogni contorno della roccia sotto la nostra schiena. John Gill, il padre del boulder americano, spesso chiamava l'arrampicata "meditazione in movimento" e mentre giacevo in cima alla scultura di arenaria, sentendone la sabbia fine sotto le mie dita aperte, iniziai a capire il confronto.

Qualche istante dopo, abbiamo scambiato i nostri tappetini da yoga con attrezzatura da arrampicata e ci siamo messi a correre sulla pietra di fronte a noi. La sessione di yoga di un'ora mi ha riscaldato i muscoli e mi ha dato il tempo di sprofondare in uno spazio confortevole per la testa, cosa che raramente avevo fatto mentre mi arrampicavo all'aperto. Ho passato il pomeriggio muovendomi con calma e dolcezza su per la roccia; nei tratti difficili, quando ho sentito le mie mani iniziare a stringere troppo, ho ricordato il consiglio di Heather: "Respira". Sorprendentemente, ogni volta che riconoscevo il mio respiro, il mio corpo si rilassava e la via si apriva. In cima a una via facile ma esposta, ho pensato a come una cosa così semplice come respirare potesse migliorare la mia esperienza di arrampicata così immensamente.

Di ritorno alla sosta sospesa sul Great Red Book, quel momento allegro è stato oscurato dal battito dei denti e dalle mani fredde. Apro la bocca per gridare di nuovo a Roxanna quando sento uno strattone sulla corda. E un altro. E un altro. Sì! Roxanna è al sicuro, e presto sarò a metà della salita e più vicino al calore di un falò in attesa. Sto già arrostendo marshmallow nella mia mente quando mi rendo conto di aver scalato diversi metri di pietra e sto affrontando il punto cruciale.

Vedi anche  altre 6 posizioni yoga per gli scalatori

Alla mia destra corre una fessura comoda, anche se un po 'strapiombante: tutto quello che devo fare è mettere le mani e le braccia dentro e camminare con i piedi sulla faccia a sinistra. Ma mentre sollevo il piede sinistro per posizionarlo su una stretta sporgenza, intravisto il fondovalle centinaia di piedi più in basso, e improvvisamente la paura fin troppo familiare è tornata. Tutto ciò su cui posso concentrarmi è l'arioso nulla dell'esposizione. Non importa il fatto che sono su una corda alta e totalmente al sicuro: i miei istinti primordiali cancellano il pensiero razionale e mi spingono a correre verso l'alto con un solo pensiero: "Sbrigati! Sbrigati!" il mio cervello urla. "Se aspetti, cadrai!" Artiglio e graffio la parete rocciosa con tutta l'eleganza di un ippopotamo con i tacchi alti, afferrando tutto ciò che assomiglia a una presa, desiderando di essere già in cima.

E poi sto cadendo.

Rimbalzo sull'estremità della corda con un'espirazione udibile, il respiro trattenuto mentre cercavo di arrampicarmi sulla roccia in una frenesia di paura.

"Respira," sento dire Heather. "Essere presenti." Chiudo gli occhi e mi riorganizzo, concedendomi cinque lunghi respiri calmi prima di riaprirli. Quindi ricomincio. Mentre alzo di nuovo il piede per trovare la presa sulla più piccola delle sporgenze, concentro la mia attenzione sui dettagli della roccia di fronte a me, vedendo la gomma della mia scarpa mordere i bordi levigati dell'arenaria. Inalare. In piedi. Espira. La mia mano destra si alza e scopre una presa incisa. Inalare. Il mio piede destro trova presa all'interno della fessura. Espira. Passo dopo passo guardo le mie mani ei miei piedi svelare il percorso, diventando quasi una terza parte delle mie stesse appendici. Poi, la voce di Roxanna suona dolcemente, a pochi passi di distanza.

"Bel lavoro", mi dice. "Sei proprio lì."

Alzo lo sguardo per la prima volta in pochi minuti e mi rendo conto di essere a soli sei piedi dalla cima. Mi fermo e fisso la pietra che ho appena scalato, poi la oltrepasso fino alle lunghe ombre che si allargano sul fondovalle che si oscura. I primi pennacchi di fumo del falò iniziano a fluttuare verso l'alto, mescolandosi all'odore di muffa e metallo di un temporale in arrivo.

"Stai bene?" Chiede Roxanna.

"Sì," dico, gli occhi incollati all'orizzonte. "Mi sto solo prendendo un momento."

Vedi anche  11 apri polpacci e avambraccio per Acroyoga, arrampicata e altro

Raccomandato

Rilassati con una sequenza serale rilassante
I migliori rulli in schiuma
Risveglia il tuo potenziale di cambiamento: i 5 Klesha