Guerrieri sul ghiaccio

Dopo sei mesi di oscurità durante un inverno in fondo al mondo, sono sbalordito dalla bellezza dell'alba sull'Antartide. La luce dorata si riversa all'orizzonte, riscaldando la cabina del trattore che uso per pulire le strade innevate sul Mare di Ross ghiacciato. Quando ho impiegato 10 ore a rotolare su cumuli accidentati, corro alla Chapel of the Snows per la lezione di yoga di Annie Lowery.

Il sole tramonta dietro la sagoma frastagliata delle Royal Society Mountains mentre entro nel caldo edificio di legno. Lascio il mio ingombrante parka rosso emesso dal governo all'ingresso e mi unisco ai miei compagni studenti, tra cui vegetariani che corrono in maratona e fumatori di sigarette che bevono whisky. Ci riuniamo qui per compensare gli effetti del lavoro su lunghi turni, sei giorni alla settimana, nel continente più freddo, ventoso e secco della terra.

Tutti, dai caricatori di carichi e addetti alle forniture ai biologi marini e agli operatori di bulldozer, fanno affidamento sull'autodisciplina e sulla calma per far fronte al freddo solitario dell'Antartide. "Lo yoga è un enorme antistress, che è esattamente ciò di cui abbiamo bisogno quaggiù nel cuore dell'inverno", dice Phil Spindler, originario del Minnesota che lavora nel rifornimento di laboratorio. Non sta scherzando. Le temperature qui possono scendere fino a 100 gradi sotto lo zero. Qualche anno fa, prima dell'avvento delle lezioni di yoga, qualcuno scattò e colpì il suo supervisore in testa con un martello. Nella vecchia base sovietica si parlava di un alterco che coinvolgeva un'ascia.

Lo yoga allevia anche i nostri problemi fisici. Pratichiamo i piegamenti all'indietro e i cani con la testa in giù per ringiovanire i nostri corpi dopo lunghe ore in veicoli angusti che sbattono sul ghiaccio marino. La respirazione profonda abbassa la nostra pressione sanguigna e ci aiuta a mantenere la nostra serenità in questa fragile comunità il cui numero scende a 250 in inverno e aumenta a 1.200 in estate.

"Con lo yoga, mi ritrovo", dice il capo panettiere Johannes Busch, di Denver. "Lo yoga crea un tempio di pace per me."

Le sessioni passano da pose più facili il lunedì ad asana più avanzate alla fine della settimana; venerdì andremo da Downward Dog ad affondi senza istruzioni e persino a praticare inversioni come Headstand, Shoulderstand e Plough.

Con il passare dell'inverno, diventa sempre più difficile rimanere motivati ​​e arrivare alla cappella. "La mia pratica vacilla un po '", ammette Lowery, che lavora nel reparto forniture della stazione e serve come insegnante volontario. Le condizioni dell'Antartide sono in netto contrasto con i due mesi che ha trascorso praticando sei ore al giorno presso l'Istituto Iyengar di Pune, in India.

Tuttavia, lo yoga vale lo sforzo per la pace e la forza d'animo che offre durante i mesi di oscurità. Ora che il sole è tornato, è beatitudine nella cappella, dove la luce brilla attraverso i vetri colorati blu e oro. Non vedo l'ora che arrivi la prossima lezione, ma prima devo finire un altro turno di 10 ore sul ghiaccio.

Raccomandato

Affrontare la rabbia attraverso la comprensione e il controllo
Lo yoga del denaro: porta la saggezza dal tappeto alle tue finanze
Lo yoga mi ha trasformato dopo l'amputazione