Come conoscere lo yoga giusto per il tuo Dosha

Se la tua lezione di yoga non ti sembra del tutto giusta, potrebbe non essere lo yoga giusto per il tuo dosha. Impara come identificare il tuo e implementarlo nella tua routine.

Sto facendo la mia ennesima Chaturanga Dandasana al Dancing Shiva Studio di Los Angeles e sto sudando, molto. La stanza ha bellissimi pavimenti in legno di faggio scuro, la luce naturale è seducente e canti rilassanti suonano in sottofondo. Tuttavia, non mi piace niente di tutto ciò. L'aggravamento dell'acqua salata che mi scorre lungo il viso è precisamente il motivo per cui non seguo mai i miei amici, che con entusiasmo reclamizzano roteando verso il nulla su una cyclette. Questo è anche il motivo per cui generalmente non prendo lezioni di vinyasa yoga. Mi lasciano agitato e scontroso. Pensavo che la mia avversione per l'esercizio che induce il calore fosse un fallimento personale. Ma in questo momento, il termostato è alzato e mentre continuo a soffocare questo pomeriggio di agosto, la lampadina cliché si accende nella mia testa. Mi rendo conto che non solo sono suscettibile agli squilibri vata, ma che sto anche avendo moltogiorno pitta . Ciò significa che sono completamente rovinato perché sono in una lezione di yoga che stimola il kapha .

Se le parole "vata, pitta e kapha" non significano assolutamente nulla per te, allora capisco perfettamente da dove vieni. Anch'io una volta ignoravo che questi termini ayurvedici - che descrivono caratteristiche corporee archetipiche così come la loro tendenza verso specifici punti di forza, debolezza e squilibrio - avevano collegamenti diretti con la mia pratica yoga.

Vedi anche Quiz: Qual è il tuo Dosha?

Certamente, grazie a Deepak Chopra e al mio interesse per la medicina complementare, conoscevo in qualche modo i principi di base della medicina ayurvedica, ma non ho mai saputo che avesse legami profondi con lo yoga. In effetti, la maggior parte degli studiosi ayurvedici concorda sul fatto che non puoi davvero praticare l'uno senza l'altro.

"Sono state scienze sorelle sin dall'inizio nell'antica India", spiega David Frawley, esperto ayurvedico e autore di diversi libri sull'argomento. "Comprendono un intero sistema di sviluppo umano in cui lo yoga è la pratica più orientata spiritualmente e l'Ayurveda si occupa di terapia e trattamento per il corpo fisico e per la mente".

In Yoga for Your Body Type: An Ayurvedic Approach to Your Asana Practice, Frawley e la sua coautrice, Sandra Summerfield Kozak, approfondiscono questo punto: "L'interfaccia tra l'auto-guarigione e l'auto-realizzazione è l'unione tra yoga e Ayurveda".

Capire i dosha

Ayurveda significa "la saggezza della vita" in sanscrito e la scienza collega i ritmi degli elementi universali - terra, fuoco, aria, acqua e spazio - a costituzioni individuali chiamate dosha. I tre tipi di dosha sono vata, pitta e kapha, e mentre le persone hanno tutti alcuni di ciascuno, generalmente, una persona tende ad avere un'abbondanza di uno o una combinazione predominante di due.

I tipi Vata sono collegati all'aria e allo spazio, quindi sono simili al vento: secco, fresco e capace di movimenti e pensieri rapidi e imprevedibili. I Pitta sono allineati con il fuoco, influenzati dall'aria e agiscono con intensa determinazione. Infine, i kapha sono una combinazione di terra e acqua, si muovono lentamente e con grazia e tendono ad essere sia stabili che leali.

Queste costituzioni dosiche, note come prakruti, sono determinate al momento del concepimento, secondo l'Ayurveda. Ma i dosha sono come qualsiasi cosa nella vita; sono fluidi e influenzati dalle circostanze, dalle emozioni o persino dalle stagioni. Così in quel pomeriggio di agosto, quando Mas Vidal, il direttore di Dancing Shiva Studio, guidò la sua classe attraverso quella che chiama una lezione di "Veda Yoga", progettata per ridurre il kapha, stavo essenzialmente facendo l'esatto opposto di ciò di cui avevo effettivamente bisogno in quel momento .

Mi spiego: poiché sono principalmente una persona vata con un pizzico di pitta, sono meglio servito da una pratica lenta e radicata che raffredda il mio calore e mi riporta fuori dall'aria e torna alla terra. Poi c'è anche una circostanza esterna unica che ha ulteriormente aggravato il mio vata. Il giorno prima avevo lasciato New York alle 7 del mattino con un volo di ritorno a Los Angeles. Essendo già qualcuno che tende ad essere un po 'volubile, ero stato letteralmente in aria viaggiando a velocità sbalorditive, e inoltre, il caldo della giornata aveva aggravato la mia pitta, che ha alimentato la mia tendenza a spingermi troppo forte. Mentre Vidal incoraggiava i kapha a continuare a muoversi per produrre il calore che avrebbe dato loro lo slancio per controbilanciare la loro predisposizione all'inerzia, stavo librandomi nell'etere come un derviscio rotante spinto da una palla di fuoco.

Nessuna meraviglia che fossi arrabbiato. Mi sono sentito come il diavolo della Tasmania. Durante Savasana (Corpse Pose), ho iniziato a maledire Vidal, che in realtà è affascinante, gentile e compassionevole. Ma in quel momento non riuscivo a vederlo. Infatti, dopo la lezione, mentre guidavo per incontrare gli amici per cena, ho iniziato a provare i crampi allo stomaco che occasionalmente mi affliggono. Indovina cosa succede quando il tuo vata perde l'equilibrio? C'è una tendenza al gas e al mal di stomaco. E quando la tua pitta divampa? Genererà rabbia e irritabilità. Quando la gente del kapha esce di scena, le regole dell'inerzia, il letargo e la mancanza di motivazione impediscono loro di andare avanti.

Sono proprio queste connessioni tra i dosha, la fisiologia e la psicologia, che ispirano insegnanti come Mas Vidal a essere consapevoli di come gli asana influiscono sull'individuo e viceversa. Le lezioni di Dancing Shiva sono progettate specificamente per accogliere le tendenze dosiche.

"La chiave dell'Ayurveda è che ci insegna come affrontare la nostra pratica in un modo specifico", dice Vidal. "È diverso per ogni individuo, quindi raggiungeranno il loro equilibrio dosico in modi diversi". Vidal assiste i suoi studenti educandoli continuamente e aiutandoli a incorporare altre tecniche nella loro pratica yoga, come l'utilizzo dell'aromaterapia per ogni dosha. Alla fine della sua lezione di kapha, mentre tutti stanno riposando nel rilassamento finale, circola per la stanza con uno spruzzino e spruzza una nebbia di acqua profumata di eucalipto sui suoi studenti perché, spiega, "l'eucalipto energizza e apre i polmoni. I tipi Kapha spesso tendono a soffrire di asma e muco extra ". Per le pitte infuocate, uno spritz di lavanda calmante e rinfrescante fa il trucco, mentre le tini beneficiano di gelsomino e rosa.

Vedi anche Introduzione all'Ayurveda: I Tre Dosha

La connessione Yoga-Ayurveda

In tutti gli stati di New York, Sarah Tomlinson e Gandharva Sauls stanno anche esplorando il legame tra Ayurveda e yoga. Hanno fondato l'Ayurveda-Yoga Institute e basano il loro insegnamento sul lavoro del mentore di Sauls, Edward Tarabilda, che ha scritto il libro Ayurveda Revolutionized: Integrating Ancient and Modern Ayurveda.

Tarabilda, scomparsa nel 1999, ha sviluppato un sistema ayurvedico chiamato Astrologia degli otto campi della vita, che classifica i dosha e determina i pianeti che governano diverse aree della tua vita, come carriera, salute, percorso spirituale, creatività e relazioni e scopre come un tipo di corpo è sbilanciato. Come nell'astrologia tradizionale, Sauls crea un progetto di vita utilizzando la data, l'ora e il luogo di nascita di una persona e presenta le sue scoperte durante una consultazione privata.

Quindi la consulenza yogica inizia con Tomlinson. Un membro del primo gruppo di insegnanti formati da Jivamukti, Tomlinson ha gradualmente abbandonato la sua pratica Ashtanga dopo una consultazione con Sauls. Era 20 libbre più pesante e, nonostante la sua pratica aggressiva, non poteva perdere il peso extra. Quando Sauls le disse che aveva una tendenza agli squilibri vata, tagliò lo yoga vigoroso e atletico, iniziò ad aderire ad alcuni dei principi dietetici dell'Ayurveda e incorporò più piegamenti in avanti e posture rilassanti nella sua pratica yoga. I libbre quindi si sono staccati senza molto sforzo.

Tomlinson applica ciò che ha imparato dalla sua esperienza personale sia al suo insegnamento privato che a quello pubblico. Dopo aver sfogliato le carte e i manoscritti che Tarabilda ha lasciato, ha trovato una serie di 21 pose da lui raccomandate che non sono solo legate ai dosha ma anche ai pianeti e ai guna. I tre guna dell'Ayurveda sono gli stessi dei guna dello yoga. Sono un altro livello di archetipi che definiscono gli stati psicologici umani di base: sattva (equilibrio), rajas (aggressività) e anche tamas(inerzia). Ovviamente tutti aspirano al sattva, ma nella vita, come nella pratica dello yoga, dobbiamo incorporare gli altri due per essere interi. Quindi da qui crea una ricetta yogica che incorpora pranayama, asana e il canto occasionale. In definitiva, per Tomlinson, la chiave per raggiungere l'equilibrio dosico è l'approccio che adotti alla tua pratica.

Adattare le pose

Quando Tomlinson e io iniziamo a discutere del modo in cui dovrei incorporare Urdhva Dhanurasana (Posizione dell'arco rivolto verso l'alto) nella mia pratica, lei consiglia che dovrei farlo più volte, ma trattenerlo solo per alcuni respiri. "Mantenere il movimento compatto e farlo in fluida ripetizione è rilassante per vata", consiglia. "Per la persona kapha consiglio di mantenere la posizione per un massimo di 20 respiri, quindi diventa molto più energizzante. Se qualcuno con uno squilibrio più vata lo facesse, diventerebbe stordito e disorientato."

Quindi le rivelo quanto mi diverto a fare pose di equilibrio. "Questo ha perfettamente senso", dice. "Il bilanciamento è molto integrato, e questo è particolarmente vero per i vata. Queste pose particolari li fanno diventare consapevoli della parte superiore della testa fino alla base dei piedi. Li aiuta a diventare più radicati".

Le persone con diverse costituzioni dosiche prendono lezioni insieme tutto il tempo, ma secondo Frawley, gli studenti con conoscenze ayurvediche possono adattare una classe alle loro esigenze personali attraverso l'atteggiamento e l'intenzione. "Se tutti facessero il loro asana esattamente nello stesso modo, sarebbe come se tutti prendessero la stessa medicina", spiega. "I vata dovrebbero esercitarsi lentamente e deliberatamente. I kapha hanno bisogno di sfidare se stessi di più, e le pittas devono rilassarsi ed evitare il surriscaldamento", spiega anche. "Quello che fai nella tua pratica yoga è fondamentalmente solo una preparazione per il lavoro che fai sulla tua forza vitale. Secondo il principio ayurvedico, la connessione tra il nostro stato d'animo e la nostra postura fisica è la massima espressione della nostra energia psicologica."

Insegnare a dosha squilibri

Ciò solleva una sfida intrigante per gli insegnanti di yoga. Man mano che sempre più insegnanti diventano esperti nei legami dell'Ayurveda con lo yoga, iniziano a guardare i loro studenti in un modo diverso. Patricia Hansen insegna yoga da circa 35 anni e studia ayurveda con Vasant Lad dal 1983. Sebbene non insegni classi specifiche per dosha come Vidal, incorpora questa conoscenza nel suo stile di insegnamento. "È solo una consapevolezza in più che ho sviluppato", commenta Hansen. "Guardo il modo in cui gli studenti tengono i loro corpi e il modo in cui si avvicinano agli asana." E proprio come gli insegnanti potrebbero apportare modifiche stagionali non insegnando allo stesso modo in estate come fanno in inverno, le lezioni assumono personalità dosiche e richiedono un trattamento diverso.

"A volte entro nella stanza e scopro che tutti sono molto animati; si arrampicano sui muri", spiega. "Potrebbe essere agitazione vata o pitta. Quindi, subito, potrei provare a cantilenare e un po 'di lavoro mudra."

Molti insegnanti di yoga concorderanno che una pratica a tutto tondo è di natura tridosica e può adattarsi a qualsiasi costituzione o squilibrio. "Se si incorporano piegamenti in avanti e indietro, posizioni di torsione e in piedi, pranayama, canto e inversione, questa è la chiave", dice Hansen. "Comunque il vero punto più alto della classe dovrebbe essere Savasana. È lì che avviene la vera integrazione dosica. Inoltre, l'essenza di ogni pratica è l'atteggiamento dello studente".

Con tutto questo in mente, sono tornato a Dancing Shiva, questa volta per una lezione di bilanciamento dei vata. Mentre giaccio sul mio materassino in una lunga e profonda Savasana, mi sento abbastanza divino. Ma non fraintendetemi: ci sono momenti in cui desidero ardentemente una lezione di flusso intenso e sudato. Questi sono generalmente giorni in cui il mio kapha divampa. Quindi il tempo, come il mio dosha, deve essere quello giusto. Ma in questo momento Vidal mi ha appena spruzzato con acqua di rose, e le preoccupazioni della giornata evaporano come la nebbia aromatica che mi circonda.

Vedi anche Ayurveda tutto il giorno: rinnova la tua routine quotidiana

Raccomandato

Posa della sfida: cavalletta
5 modi per fai da te il tuo santuario yoga a casa
Come 31 giorni di meditazione in movimento hanno aiutato uno yogi a rallentare